Sto caricando...

Alejandro Jodorowsky
The Holy Mountain

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ci sarebbe molto da dire parlando di questo film. Sicuramente è un capolavoro del genere grottesco, anche se col passare dei minuti il film diventa meno "distopico" e si fa mano a mano più comprensibile e si manifesta un qualcosa di estremamente realistico. Prima di ciò, c'è la fantastica scena in cui è rappresentata la conquista del Messico da parte degli Spagnoli attraverso un combattimento di iguane travestite (geniale). Durante il film vi è una velata critica alla società del XX e XXI secolo che passa dalla profanazione e della replicabilità dell'immagine di Gesù Cristo (Christs for sale), la critica verso la Chiesa che ormai ha perso i suoi valori spirituali (durante le scene delle donne in chiesa scena oppure durante quella del prete a letto in cui vi è anche una citazione a "La pietà" di Michelangelo oltre alle infinite altre al simbolismo delle varie religioni), il tentativo di diventare Gesù e quindi di diventare un Dio o sentirsi tale quando Horacio Salinas (il ladro) mangia il manichino del figlio di Dio, l'accentuazione dell'inutilità del denaro (quando l'Alchimista dice: "Non sei che merda, puoi cambiare te stesso in oro"), la denuncia di una polizia violenta, che però viene tutelata e difesa in quanto viene insabbiato tutto... (tra l'altro tema molto attuale vista l'uccisione recente di George Floyd o del G8 di Genova del luglio 2001 da cui è stato tratto anche un film) , fino a passare (più avanti nella pellicola) con la parodia e satira degli altri 8 eletti: industriali e uomini politici più potenti della Terra (seppur provengano dai vari pianeti del sistema solare) e dei loro vizi: come la lussuria e la vanità di Fon (proveniente da Venere, dea della bellezza), un Don Giovanni che attrae tutte le donne. Inoltre durante la presentazione di Fon, il regista, Alejandro Jodorowsky, inserisce l'abusata critica alla società che al posto di essere, appare (la scena delle maschere). Delle altre caratteristiche intrinseche ai rimanenti eletti sono la malvagità, la crudeltà, il sadismo e l'incitamento all'odio e alla guerra di Isla (proveninete da Marte, dio della Guerra) e di Sel (che all'inzio sembra una simpatica clown salvo poi dimostrarsi un insensibile generale) che incarna i mass media, che fanno il lavaggio del cervello a tutti, sin da bambini. Per poi passare a Klen, un presunto artista tossicodipendente che è un po' l'incarnazione di tutti coloro che si credono artisti ma in realtà non lo sono (bellissima la scena in cui dei modelli con il di dietro colorato si siedono sulle tele come per dire che l'arte di Klen è fatta col culo) la cui "arte" è carica di erotismo (a dir poco inquietante la scena con la macchina erotica). Berg, invece, è il simbolo dell'economia che governa il mondo, l'emblema è la scena in cui lo stesso Berg, consigliere economico del presidente afferma che bisogna sterminare 4 milioni di persone nei successivi 5 anni e il presidente prende il telefono e esegue gli ordini (possibile citazione a "A modest proposal" di Jonathan Swift in cui il narattore del pamphlet satirico, propone al governo inglese di uccidere i bambini e mangiarli vista la scarsità di cibo e per diminuire la sovrappopolazione). Axon, è la rappresentazione della violenza ed è una critica ai poliziotti e ai militari che pur di seguire un codice a tutti i costi, diventano violenti. Ultimo ma non meno importante Lut, l'architetto che ha la folle idea di far vivere la popolazione in delle bare, come se fossero cucce per cani, che fungano da casa per risparmiare denaro sulle costruzioni edili. Dopo la presentazione dei personaggi sussegue anche l'abbandono delle cose materiali, dei vizi, delle paure e del loro io di questi ultimi e l'inizio di un cammino fatto di sacrificio. Infine un'ultima cosa su cui soffermarsi è il Pantheon Bar, una sorta di paese dei balocchi (simbolo della nostra odierna società in cui non si sa più che cosa sia vero e cosa no) in cui è radunato ogni sorta di fanfarone: dal cartomante, allo spacciatore, all'imbroglione. Ricapitolando i temi principali sono l'abbandono, la spiritualità, l'immortalità, l'amore e la vita. Geniale il finale che, mostrando che si trattava solo di un film, dà il messaggio che ciò che hanno fatto gli eletti lo può fare ognuno di noi nella vita reale.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Tredici)

IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Dopo la leggo decentemente che mi ora sono più fritto del normale e non capirei proprio nulla... però sembra buona.
Ma lui è quello del Topo??!!

Donne nude, scene scabrose??!!


Caspasian: L'inizio quando rapa quelle due...
IlConte: Ahahahahahahah
Ispira
joe strummer
joe strummer
Opera:
Recensione:
Benvenuto!


IlConte: Forse hai trovato un compare...

Ma una bella gnocca che parli di film... no eh??!!
diverso: Grazie joe strummer
diverso: purtroppo sono maschio
ALFAMA
ALFAMA
Opera:
Recensione:
ecco perchè a volte mi pento di non aver ripreso un nuovo lettore, alche per queste pagine lette per ora a metà.


diverso: Non ho capito molto bene, ma grazie lo stesso
ALFAMA: non ho il mezzo per vedere il film, sempre che nella mia ignoranza non ho capito che parli di uno scritto ma non credo
diverso: Se cerchi su internet lo trovi, se vuoi te lo invio
ALFAMA: allora lo cerco da me. Mille grazie ugualmente
sfascia carrozze: ConFratello @[diverso] , perdoni la noia, lei lì è nuvo fiammante e potrebbe non saperlo, ma se puote, cerchi di evitare di porre in evidenza linchi lincheggianti di (in)dubbia provenienza.
E' vero che a volte (spesso) lo si fà [l'ho fatto anch'io e spesso] e non se ne accorge niente-di-nessuno.
Però @[G] non vuolerebbe passare dei Guai, ergo finire in Galera per così poco.
Ammenoché non sia certo che qualcun_ gli porti regolarmente le aranc(i)e, con limetta per le unghie dentro, per sfamarsi.
G: Esattamente!
Stanlio: Sfamarsi con limette per unghie non fa niente bene tanto per cominciare alla trachea... lo sapeva anche Papillon ehm, se volete Vi linko il link del film a colori e senza sottotitoli... XD
Stanlio: *di "Papillon" quello con il Dustin Hoffman & il Steve Mc Queen...
sfascia carrozze: Linchi pure.
Poi saluti tutti, mi raccomando.
Che non vorrei ci restassero male che se ne è andato senza commiatarsi.
Stanlio: Ehm, noto con sommo dispiacere che pure un certo sensoviumor se n'è andato a sfasciarsi... e intanto per non saper né leggere né scrivere a tvtti Vi saluto che non sissa mai non sissa!
lector
lector
Opera:
Recensione:
Benvenuto.
Bel biglietto da visita, partire con Jodorowsky!


diverso: Grazie mille, semplicemente sono partito con questo film perché l'ho visto ieri per la prima volta haha
lector: Allora guardati anche "El Topo"
diverso: Grazie mille per il consiglio, lo guarderò!
Caspasian
Caspasian
Opera:
Recensione:
Negli anni '80 lo cercavamo disperatamente insieme ad un mio amico e abbiamo trovato una copia in betamax in un negozio, ce la siamo fatta doppiare in VHS pagando. Colorato, "divertente", girato in Messico e si vede. Lady Gaga gli fa pure una canzone a Alejandro, avranno avuto una relazione? Fatto sta che al minuto 5:00 del video la cantante indossa delle scarpe "simili" a quelle che indossava Jodorowsky nel film. Diciamo che io non avrei "legato" con una Lady che è stata iniziata ad un'adorazione cornuta da una "certa" Abramovich... Vade retro!


Caspasian: Mettiamoci pure 'sto pezzo per riequilibrarsi sul "paradisiaco":
Sleep - Holy Mountain
Farnaby: Gurdjieff---Jodorowsky---Abramovic- --Gurdjieff. E in mezzo Lady Gaga… ci sta...
algol
algol
Opera:
Recensione:
Scolastico


sfascia carrozze: Sì.
Ma con o senza plexiglas?
macmaranza: Lo Sfascia è assurto a mito, nel mio personale immaginario collettivo.
diverso: Beh vado ancora a scuola, forse è per quello
algol: Allora è quello.
Oh, benvenuto. Non desistere.
Evita, se riesci, di postare scritti mediocri. Specie se ne sei perfettamente consapevole.
Che qua è pieno di cattivoni stronzissimi come me che non te ne faranno passare una liscia.
Questa non era malaccio invece per essere la prima.
sfascia carrozze: I "cattivoni stronzissimi" sono quelli più buoni.
Così per saperlo.
algol: Ecco.
Almeno ti dicono schiettamente come stanno le cose.
Che poi nessuno ha la Verità in tasca eh.
Tranne me e chi lo nega sarà bannato
#forse
sfascia carrozze: Io non ho neppure le tasche.
Penzi un po'.
G
G Alto Papàvero
Opera:
Recensione:
Benvenuto! Ma mi sono fermato al 'Prima di ciò, c'è ' un cacofonia insostenibile per un vecchio maestrino come me.


sfascia carrozze: Per qvanto mi rigvarda mi sembra di intraleggerVi un discreto qvanto apprezzabile tentativo di sfasciamento della madrae linguae.
Dopo di ciò c'è da dire ché è cosa da non sottostimare.
macmaranza
macmaranza
Opera:
Recensione:
Dopo aver letto tutto ciò che me lo vedo a fare, il film?


sfascia carrozze: Io per non sbagliare non vado mai oltre la prima righa.
Sembro stupido.
E invece.
diverso: Prima guardati i film e poi le recensioni
sfascia carrozze: Non fa una piega.
macmaranza: Già.
G: Dai almeno una pieghetta per favore!
sfascia carrozze: Sì, ma con moderata moderazione.
NeKro
NeKro
Opera:
Recensione:
È uno di quei film che vorrei vedere.
È uno di quei film di cui gli "alternativi" parlano (parlano spesso senza averlo visto).
È uno di quei film che non ho mai visto per intero per paura di sentirmi troppo scemo non capendo i messaggi sottostanti.
Prima o poi ci (ri)proverò.


Eneathedevil
Eneathedevil Divèrs
Opera:
Recensione:
Ma alla fine l'unico ad averlo visto, insieme al recensore, sono io? Beh, perlomeno lo spoiler finale nella sinossi non mi addolora. Jodo, come Buñuel e molti altri mostri sacri del mondo della celluloide è così: prendere o lasciare. Spesso geniale ma anche ostinato nel voler scioccare a tutti i costi. Questo film ne è l'esatto manifesto.

Recensione abbastanza succosa ma senza capoversi. I capoversi sono segno di ordine e disciplina e curano la podagra e la febbre da fieno. Più capoversi e meno "di dietro" per tutti.


IlConte: Ahahahahahahah
Più capoversi per tutti
Per il “di dietro” consiglio molta cautela, savansadir
macmaranza: "I capoversi sono segno di ordine e disciplina e curano la podagra e la febbre da fieno". Adoro DeBaser! Anche se non so cosa sia la podagra. Yuk!
123asterisco: Enea, io l'ho visto più di una volta. Ma per me Jodoro non è un J'adore, bensì una insopportabilità sopraffina. Simbolismi ostentati, cazzate imbellettate.
Desolè.
Eneathedevil: Quindi confermi l'assunto! O lo si prende o lo si lascia! E voi avete rotto male!
Stanlio
Stanlio
Opera:
Recensione:
A Jodorowsky il sesso ha dato alla capoccia (come a me e a tanti/e altri/e d'altronde), del film ho visto solo qualche spezzone ma mi venga un accidenti se mi ricordo un solo fottigramma... e niente, anzi no benvenuto e buona la prima, mandane a bizzeffe!


diverso: Hahaha grazie
aleradio
aleradio
Opera:
Recensione:
Benvenutissimo e tutti i pompini del caso perché è il 2020 e la montagna sacra non l'ha di nuovo visto nessuno. Arrivederci al 2030 con la recensione dell'inesplorato Stalker!


proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
FRICCHETTONATA DEFINITIVA. Divertente, colorato, psichedelico, bonariamente impegnato


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di The Holy Mountain è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link