Down by Law
Yellow Rat Bastard

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Altra band che conosciamo in quattro gatti; ed infatti nemmeno una mezza parola sul sito riguardo i Down By Law.

Eppure il leader Dave Smalley è uno di quei personaggi cardine di tutta la scena Hardcore melodica americana iniziata neglia anni ottanta.

Ha suonato anche nei Dag Nasty; e non serve dire altro sull'importanza di questa seminale band.

Singolo di tre brani "Yellow Rat Bastard" che ho acquistato nel Maggio del 1993 quando vidi la band in concerto in quel minuscolo tempio sonoro che è stato, ma che è ancora, il Bloom di Mezzago.

Distribuito dall'etichetta romana "Helter Skelter Records" e venduto a pochissime migliaia di Lire (!!!)...

Si erge la title track come miglior canzone del lotto: una vera e propria fiondata Punk - Hardcore che sembra scritta nel 1981 da tanto dinamica ed offensiva. Suonata con tanta di quella energia che va ad unirsi ad una tecnica strumentale da paura che nemmeno mi aspettavo dai "tranquilli" e melodici Down By Law. Brano che contiene, a metà circa del suo incessante incedere, un fraseggio di chitarra dalle tinte Noise da rammentare addirittura i maestri del rumore Helmet.

Non sono da meno i restanti due pezzi, suonati con un ardore molto più controllato; Dave e compagni ci vogliono ricordare che sono una leggenda dell'Hardcore melodico epitaffiano e temono ben pochi confronti in merito. Lo dimostrano a modo loro con l'opener "Punky Brewster" e con "Revolver" cover di un'altra band da antologia: i Mission Of Burma.

Adesso va meglio; non sono più nei guai (con la legge)...Punkrockacademyfightsong...

Ad Maiora.

Questa DeRecensione di Yellow Rat Bastard è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/down-by-law/yellow-rat-bastard/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Undici)

sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Facciamo cinque gatti. Dai. In effetti oggi-come-oggi di loro non mi ricordo (pressoché) nulla: rammento che all'epoca li ascoltavo e mi sembravano decisamente tra i più dignitosi del DeGenere. Mi sovviene che all'interno della mitologica rivista mensile "Dynamo" (o forse nella precedente "Blast!") di Paolo Piccini erano ultra-consideratissimi. Piccolo (trascurabile) rèfuso in terz'ultima righa: Mission Of BurMa. Aiò! Piesse: Ottima DePagina. Ma-che-te-lo-dico-a-fare.
BËL (02)
BRÜ (00)

De...Marga...: Hanno scritto almeno un paio di dischi molto buoni, se non ottimi: l'esordio omonimo del 1991 e "Punkrockacademyfightsong" del 1994. Quel bel tiro quasi sempre orecchiabile e controllato e dal vivo spaccano il giusto.
Pinhead
Opera: | Recensione: |
Ma pure sei. Ma di loro non ho niente. Però ho i Dag Nasty.
BËL (02)
BRÜ (00)

De...Marga...: Che non è poco, riguardo i Dag Nasty!! Ascoltati il loro disco del 1994 dal chilometrico titolo che è una bella fucilata di ben diciannove brani.
Pinhead: Sarà fatto, il genere lo gradisco assai.
De...Marga...: Deduco dal tuo gradire che aumentano a dismisura le band che hai conosciuto sul sito grazzzie al sottoscritto!! Ho anche l'autografo di Dave Smalley, un bel po' sbiadito visto gli anni passati.
De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «Come mi ha fatto notare sfascia Burma si scrive così...AZZ...». Vedi la vecchia versione link rotto
BËL (00)
BRÜ (00)

Almotasim
Opera: | Recensione: |
Finalmente tu e l'uomo delle nevi (Genital Grinder) vi state dedicando a musica seria. Bene. Bravo. Bis. BBB.
BËL (03)
BRÜ (00)

De...Marga...: Ho paura che Genital stia meditando per agire su un paio di uscite discografiche piuttosto crude e bastarde (With the Dead e Cannibal Corpse).
Almotasim : Voci di corridoio? No e' solo tanfo che esce dal bagno.
Harlan
Opera: | Recensione: |
Mi sto lentamente ascoltando un po' di album da te recensiti, per cominciare diciamo, e devo dire che gli Hellacopters mi hanno convinto più di loro, ma vedremo :-)
BËL (02)
BRÜ (00)

Johnny b.: Hellacopters meraviglioso l'album d'esordio ma un po` tutta la loro discografia di alto livello.
De...Marga...: Gli Hellacopters, visto il loro sound orientato verso un deciso Hard Rock, sono più vicini ai tuoi gusti musicali Harlan.
seagullinthesky
Opera: | Recensione: |
Minchia i Down by Law! Me li beccai in una compilation di un magazine punk di inizio 2000 (tipo 2002/2003), il nome del giornale non lo ricordo ma la compila da qualche parte ce l'ho ancora! Era roba potentissima tipo leighton koizumi, the mummies, rocket from the tombs (con una cover allucinante di sonic reducer dei Dead Boys), Crash Box e Ray Daytona and the qualcosa. Vabbe sti Down by Law erano presenti con sta song che era un tributo agli AC/DC in tutto e per tutto. Il testo era fatto dai titoli delle loro canzoni e pure la musica... faccio prima a postarla, era una ficata, c'era il riff di thunderstruck dopo un ritornello che mi stendeva sempre. E il rit era tipo "I wanna beeeeee in aiciiiiii diiiccciiii for those about to rooocck we saaaaaluute youuuuuuu". Ora la cerco, forse mi sono esaltato per niente.
BËL (01)
BRÜ (00)

seagullinthesky
Opera: | Recensione: |
No raga non è vero, l'ho trovata, il rit fa proprio così. Madò, gli stacchi di batteria e di chitarra. Capolavoro epocale generazionale.

BËL (00)
BRÜ (00)

Taurus
Opera: | Recensione: |
Ho ascoltato qualcosa dei Dag Nasty, niente di loro. Ma sono hc melodico tipo Bad Religion no? Interessante comunque!
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Sono molto vicini ai Bad Religion; ascoltati l'esordio omonimo dei Down by Law e te ne convincerai anche tu, almeno lo spero!!
Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Allora facciamo sette. Dag Nasty Can I Say con Brian Baker bassista che poi ho anche seguito nel progetto Junkyard con due album Street Metal. Bella dritta genere che ancora continua a rallegrare le mie giornate.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Mai avrei pensato di arrivare a ben sette conoscitori della band sul sito; anche se quattro (gatti) li ho citati io soltanto.
Galensorg
Opera: | Recensione: |
E invece siamo ben otto gatti! Da ricordare pure un altro gruppo storico di Smalley, cioè i DYS, antecedente alle sue vicende con i Dag Nasty.
Mancavano sul sito, grande zio DeMa!
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Arriveremo a metà di mille allora, ne sono ormai certo!! Ottima la citazione dei DYS Galen.
sfascia carrozze: Purtroppo sul DeBasio vi sono delle DeFalle ENORMI. DioG_à. Ma finché molti (troppi?) persevereranno a scrivere sul nuovo dei Drim Fiatar non se esce. Anzichènnò. Anzi, adesso, che ci penzo: ma il nuovo è già uscito?
De...Marga...: Non so nulla sul nuovo dei Dream Theater; però ti posso dire che ho appena da pochi minuti scoperto che i Sinister, dovresti conoscere gli olandesi mi auguro, hanno pubblicato un nuovo lavoro che spacca letteralmente. Vatti a leggere la recensione su "True Metal". Ed ho appena postato un loro barbaro brano di un EP che ho recensito pure.
sfascia carrozze: Accidempoli! Purtroppo li conosco da almeno un abbondantissimo quarto di secolo. E devo anche ammettere che non è che mi sfagiuolassero come tanti (troppi) altri. Mi sembravano troppo "Thrash canonico" in un periodo nel quale si andava verso il Death più oltranzista. Ora (a distanza di seimila milioni di quarti d'ora) ritento l'ascolto. Magari nel frattempo son migliorati. O son peggiorato io. Ecco.
sfascia carrozze: Uhm.. ho auscultato il DeFrammento Sinistro in CassaPanca: mi sa che non sono (troppo) peggiorato. Non mi entusiasmavano allora e non lo fanno neppure oggi. Certo: non posso dire di essere comunque migliorato. Ca va sans dire.
IlConte
Opera: | Recensione: |
Dove ci sono bastardi e Demarga sempre cinque.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Soprattutto bastardi visto la mia (nostra) veneranda età!!

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: