Sto caricando...

Down
Nola

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Down, ovvero: il Phil Anselmo che non ti aspetti.
New Orleans è la tana della stretta alleanza sancita sulle sponde del Mississippi, terra di bluesmen, ma anche del puro southern rock dei Seventies, tra due delle bands più notorie nella scena metal statunitense dei primi anni '90: Corrosion of Comformity e Pantera. E sono proprio i due leader di queste bands, Anselmo e Pepper Keenan, a dirigere le operazioni di questo che doveva essere solo un side-project, ma che negli anni si sta rivelando per entrambi il figlio prediletto, quello da cui poter ancora ricavare stimoli e forze per andare avanti nonostante le delusioni dell'ultimo lustro.

Costruito su una solida base sabbathiana, Nola è un album che non deluderà i fan del rock pestato duro, composto di riff intrecciati ad altri riff, dal sapore inequivocabilmente sudista (non a caso... Eyes of the South) e quindi con riferimenti a Lynyrd Skynyrd e, di contrasto, addirittura ai Led Zeppelin del 3° e 4° disco. Non manca una buona dose di orginalità però, perché una voce come quella di Anselmo sopra riff alla Jimmy Page/Tommi Yommi non si era mai ascoltata altrove, e il risultato è un disco apprezzatissimo più dai fan delle vecchie glorie dei leggendari 70's, che non dai fedelissimi dei CoC e dei Pantera.

Lifer, Temptation's Wings, Losing All... Pepper non si muove dalla stessa matrice, ma è in grado di incendiare la voce di Anselmo come non accade più né nei Pantera (ormai sciolti), né nei Superjoint Ritual. Ma è probabilmente Stone the Crow, oltre all'atmosfera paludosa di Jail, la traccia destinata a essere ricordata come uno dei vertici massimi della carriera dei componenti di questa band. Una melodia irresistibile ci accompagna, per tutta la durata del brano, da un angolo all'altro dell'amata/odiata New Orleans, lasciandoci quasi l'amaro in bocca al suo terminare. Splendida.

Rimediate questo disco, o anche il suo seguito datato 2002, se il dottore vi prescrive una cura a base di riff di chitarra.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (VentiQuattro)

kosmogabri
kosmogabri
Opera:
Recensione:
Bravo! Concisa, essenziale, efficace.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
è piu o meno due anni che sono curioso di ascoltarli, bella rece bela 3pounds


kosmogabri
kosmogabri
Opera:
Recensione:
Mai sopportato Anselmo & co... ma la rece è bella!


puntiniCAZpuntini
Opera:
Recensione:
concordo su tutto, Ottima recensione. Ma x Tommi Yommi ti riferisci al chitarrista dei sabbath TONY IOMMY??


cliffburton86
cliffburton86
Opera:
Recensione:
non ho ancora trovato il loro disco e tu hai aumentato la mia curiosità


Mr_Iko
Mr_Iko
Opera:
Recensione:
tommi yommi??? refuso???


Teskyo
Teskyo
Opera:
Recensione:
E' proprio un bel cd... con sfumature dei vecchi black sabbath, crowbar e C.O.C!!! un miscuglio interessante, per me sono proprio un gruppo interessante... poi con phil alla voce è tutto più speciale...


Cornell82
Cornell82
Opera:
Recensione:
un disco con le palle!


Cornell82
Cornell82
Opera:
Recensione:
Moonchild
Moonchild
Opera:
Recensione:
che bello ritirar fuori i ciddì belli belli.


Moonchild
Moonchild
Opera:
Recensione:
Temptationnnnssss Wingsssssssssss!!!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Jail, mamma mia che capolavoro.. sentitela!! Perchè solo 4 a sto disco ?


So che?
So che?
Opera:
Recensione:
Grande album, il migliore della produzione down, ed approvo la rece con il massimo dei voti!!!


carlito
carlito
Opera:
Recensione:
bellahhhhhhhh


thrash is not trash
Opera:
Recensione:
Rece buona, forse troppo poco articolata.
Un album della madonna, davvero...qui Phil Anselmo riesce ad esprimere al meglio il suo splendido timbro vocale.
Per me è e resta uno dei migliori in ambito heavy di sempre.


filini
filini
Opera:
Recensione:
Un classico da 5 stellette piene piene -


babbANO
babbANO
Opera:
Recensione:
hard rock???? credevo thrash!


burnyourworld
burnyourworld
Opera:
Recensione:
C'è molto di più da parlare di questo favoloso gruppo, che come molti nn sanno esiste dal 1992 (almeno le prime esibizioni) se non da prima...quindi non è la band del dopo Pantera.
L'album con la A maiuscola del genere, non ce nè per nessuno.


MEGADAVE
MEGADAVE
Opera:
Recensione:
ma dai come fate a mettergli anche un semplice 4??questo disco è un capolavoro da annoverare tra i libri di storia del metal cazzo


Gueddo666
Gueddo666
Opera:
Recensione:
sto disco è da stampare sulla bibbia!! 5 sparato a raffica


Michoos What
Michoos What
Opera:
Recensione:
E' da tanto/troppo-cazzo-di-tempo che non metto un 5 convinto a uno stracazzo di disco.Ooooh finalmente và.


The Decline
The Decline
Opera:
Recensione:
13 pennellate di grigio, nelle tonalità più disperate, su di una tela nera.


Don_Pollo
Don_Pollo Divèrs
Opera:
Recensione:
Arriva l'estate, e per combattere l'afa non c'è niente di meglio di un capolavoro tamarro come questo!


jdv666
jdv666
Opera:
Recensione:
uhm, credevo che questo disco avesse più commenti... in ogni caso disco ottimo per girare d estate coi volumi a palla e finestrini aperti :)


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Nola è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link