Enzo Jannacci
I soliti accordi

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Su debaser manca ancora una bella fetta di dischi di Jannacci e io mi posso ritenere un grande estimatore di questo genio. Anche se la maggior parte dei suoi dischi sono usciti prima che nascessi, alcuni prima che nascesse mia madre. E lei l'aveva visto Jannacci alla 44° edizione del festival di Sanremo, con una canzone chiamata "I soliti accordi", cantata insieme a Paolo Rossi. E oggi parleremo proprio del disco che porta lo stesso nome del pezzo. Premessa: non odio questo disco, anzi mi piace molto, però è leggermente inferiore rispetto agli altri che ha fatto

Si comincia con "I soliti accordi", ne abbiamo già parlato prima, un pezzo ironico che parla di politica, ma ci vuole coraggio a portare una canzone che sfotte tutto e tutti a Sanremo (è fantastica). Una rivisitazione di "Il primo furto non si scorda mai" (che non è male) ci conduce a "Io ero quello là", una canzone lunga, malinconica, a traitti comica e che ci narra la storia di un ragazzo che pulisce pavimenti in una discoteca; meraviglia. "Diagonale" è rock n' roll, è divertente ma anche un po' amara: ci illustra tratti della vita quotidiana e della visione del mondo dello Jannacci medico; interessante. Poi arriva come un fulmine una rivisitazione di "Il bonzo": la sua durata aumenta di 2 minuti e diventa una denuncia più grande e più diretta di quella del 1975; insomma una denuncia al cubo. Dopo un colosso come "Il bonzo" bisogna un po' calmare le acque; ecco allora un'altra rivisitazione di "Per la moto non si dà", impreziosita con un'inedita parte rap. Comunque serviva alleggerire un po' l'atmosfera, perchè con "E adesso" l'atmosfera si fa pensante: con "E adesso" Jannacci graffia e denuncia, creando il centro tematico del disco. La malinconia di fondo si fa protagonista in "Parlare col liquido", ma non è niente di speciale: è solo un monologo a tratti nostalgico a tratti surreale . "Occhi di soldato" ci riporta coi piedi per terra: all'apparenza sembra una canzone d'amore (e anch'io pensavo così) però in realtà si parla di speranza, riposta in una ragazza di periferia. Denuncia, rock n' roll e le parole di Dario Fo vanno a formare "Tutti gli uomini del re" (chi ci vede un rimando a "Ho visto un re" è sulla strada sbagliata): si parla di crisi, di politica e del crollo del muro di Berlino, tutti fattori che rendono questo pezzo appetibile. Conclusione surreale e malinconica con "L'uomo di gesso": si parla di un'uomo di gesso ovviamente, ma anche della perdita di valori, quei valori che Jannacci ha considerato importanti.

In sostanza è un disco bellissimo ma un po' meno fresco e più difficile rispetto agli altri, consiglio un'ascolto attento.

Questa DeRecensione di I soliti accordi è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/enzo-jannacci/i-soliti-accordi/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Dieci)

Stanlio
Opera: | Recensione: |
Consiglio accettato (mica con l'accetta eeh...)

Martello: Ti do qualche consiglio:
su YouTube troverai tutti i pezzi dell'album tranne E adesso, Tutti gli uomini del re, il bonzo e per la moto non si dà. Puoi ascoltarli in due modi: o vai su musicbazar ma puoi scaricarne due al massimo o vai a questo link: Enzo Jannacci e scarichi tutto l'album. Spero di esserti stato d'aiuto
Stanlio: ok Marty, tenchiù e a buon rendere...
dosankos
dosankos Divèrs
Opera: | Recensione: |
Sono tre secoli che non scrivo su Debaser. Passo solo per i voti. Indimenticabile performance sanremese con Paolino Rossi, e aggiungo che la title track più che parlare di politica, è una sarcastica accusa contro tangentopoli esplosa un paio d'anni prima. L'ho riascoltato giusto un paio di settimane fa. Brani sempre di eccellente fattura. Jannacci è sempre una garanzia. 5 a te

Martello: Grazie mille. Come disco merita tantissimo
Falloppio
Opera: | Recensione: |
Bello. Non me lo ricordavo più.
Bravo.

dsalva
Opera: | Recensione: |
Manca a tutti l'Enzo. La sua ironia e il suo modo di fare satira cantando ora come ora sono un vuoto incolmabile.....

CosmicJocker
Opera: | Recensione: |
Sincero sincero? Ti trovo pesantuccio..

Martello: È vabbè, so opinioni
CosmicJocker: Ma certo, son proprio le opinioni che ci distinguono dai sassi e dalle lenticchie..
iside
iside Divèrs
Opera: | Recensione: |
il terzo spiegava...

Martello: Ma cosa spiegava?
iside: Né rava ne fava
aries
Opera: | Recensione: |
Non conosco il disco, ma credo che meriti una rispolverata, perché qui si ritrovano tutte le sfaccettature di Jannacci artista e uomo. La performance di Sanremo vivacizzò un'edizione piuttosto mediocre, anche se la canzone non è (parere mio) tra le sue migliori: una produzione decisamente debole, se paragonata a "Se me lo dicevi prima" e a "La fotografia" (questa sì, davvero dirompente). 4 sulla fiducia.

Martello: Concordo pienamente :+
Davidcrosby69
Opera: | Recensione: |
non conosco il disco è questo è sicuramente un gap che andrò a colmare...
grande rispetto per il dottore jannacci ,ricordo ancora i suoi concerti con mlta nostalgia.

"vincenzina davanti alla fabbrica....."una poesia

IlConte
Opera: | Recensione: |
Si, decisamente pesantina... emozioni nulle e tbt inutilissimo. Alla prossima.

proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
Ma come non voler bene ad un nuovo amico di Enzo? Disco non ancora sentito

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: