Sto caricando...

Eugenio Finardi
Fado

()

Voto:

Primo dei quattro progetti sperimentali e di nicchia di Eugenio Finardi, O Fado è un lavoro sorprendente, sufficiente e dove il rocker è affiancato da Francesco Di Giacomo del BMS, dal fadista Marco Poeta alla chitarra portoghese e dalla voce di Elisa Ridolfi, che stranamente non appare nei nomi di copertina.
L'album è una riproposizione di classici del genere, alcuni tradotti in italiano, asciutto ed equilibrato, con 18 tracce per 57 minuti, quindi poco più di tre minuti a brano, oltre a seguire una alternanza pressoché regolare degli artisti.
La sequenza Eugenio-Francesco-Elisa-Marco (strumentale) viene rispettata due volte di fila così come la sequenza Eugenio-Francesco-Marco (strumentale). Negli ultimi quattro pezzi la sequenza è Elisa-Francesco-Marco (strumentale)-Eugenio.
Sostanzialmente il Fado è un genere che si muove sull'alternanza Do maggiore Sol 7, con qualche occorrenza del Re minore o della sua relativa Fa maggiore, e del La minore. I brani risultano quindi molto coesi.
Eugenio canta la buona "Le ragazze di Terceira", ovvero "le arance più succose"; "Le cinque pietre", che nel testo sono nella mano; "La mia canzone è saudade", dove si riscontrano echi di "Alberto" del collega e amico Camerini; in "Fado Lisboeta", malinconica e con grande interpretazione; e nella conclusiva "Non è disgrazia essere povero", con lievi interventi di Francesco Di Giacomo. Da segnalare la versione strumentale di "Piazza grande" di Lucio Dalla.
Tuttavia O Fado sorprende ma non convince. Sorprende perché si è riusciti a fare un disco SUL Fado, episodio unico e meritevole di attenzione, ma non convince perché non si è riusciti a fare un disco DI Fado, in quanto la saudade, quel sentimento intradudicile veramente in italiano, risulta intraducibile veramente anche nell'esecuzione musicale, al di fuori di contesti portoghesi. Infatti il canto trasmette allegria, ma snatura la rabbia e la disperazione dei quartieri disgraziati che sono alla base di questa espressione musicale.

Commenti (Cinque)

rafssru
rafssru
Opera:
Recensione:
Volevo mettere Folk, ma per errore è apocalittico. Fado non c'era.

BËL 00
BRÜ 00

ZiOn: Chiediamo al buon @[G] di intervenire. Non è possibile che ci siano robe come "Epic true viking metal" e non "fado" o "disco music". È inconcepibbilo!
G: Eccoci!
quando uno c'ha ragione c'ha ragione! Aggiunti i due generi.
Ecco l'alberatura dei generi aggiornata:
link rotto
ZiOn: Fantastico!! La comunità ringrazia.
RamirezAlHassar
RamirezAlHassar
Opera:
Recensione:
Ci può stare ciò che dici.

“in quanto la saudade, quel sentimento intradudicile veramente in italiano”

Questo non lo so onestamente, mi fa pensare ad Appucundria, ai temi della vecchia canzone popolare napoletana, siciliana e genovese (?) @[Dislocation] possono essere simili al canto portoghese.

L idiosincrasia tra gaiezza musicale e testo cupo non è così anche nel fado portoghese?

Forse ciò che pecca di più in alcune canzoni è l’interpretazione, mirata più a “tecnicismi” vocali visti i soggetti.

Per il resto non me la sento di dare meno di 3 stelle ad un lavoro de genere.

BËL 00
BRÜ 00

ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
La notte serve a scrivere recensioni?

BËL 02
BRÜ 00

rafssru: Ya
withor
withor
Opera:
Recensione:
R.I.P. Francesco Di Giacomo: grandissima voce e grande uomo (in tutti i sensi)

BËL 00
BRÜ 00

Stanlio
Stanlio
Opera:
Recensione:
Di Finardi ascoltavo le musicassette che aveva un mio ex collega camionista e che con la sua 124 bianca mi accompagnava al lavoro e le metteva a ripetizione tra il '78 e l'80 prima che riuscissi a risparmiare per acquistare la mia A112 usata di un rappresentante dell'amaro Averna, marò che ricordi mi hai risvegliato, questo però me lo voglio cercare!

BËL 00
BRÜ 00

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera