Everclear
Sparkle And Fade

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Quando Kurt morì, sul vassoio rimanevano ancora parecchie briciole e qualche fettina della torta del grunge. Gli adolescenti, infondo, non erano ancora ventenni; i ventenni non ne avevano ancora trenta, la generazione non era stata ancora rimpiazzata e la domanda di grunge superava decisamente l'offerta. Ma a chi dare lo scettro del re? Chi per la successione? Chi, se i Pearl Jam si rifiutarono di seguire la loro strada degli esordi? Nel '96 Billy Corgan pubblicò il suo manifesto generazionale, autoproclamandosi l'erede... Tutto coincideva alla perfezione, infondo: basti pensare alla sua relazione con Courtney Love, precedente nel tempo a quella che legò in matrimonio l'american sweetheart a Cobain. "Nonostante la mia rabbia sono ancora un topo in gabbia": questa frase andrebbe bene anche in italiano, e forse in tutto il mondo ed in tutte le sue lingue... Una frase universale, per tutti i giovani di un'intera generazione... Qualche annetto dopo, è a Corgan che si affidò Courtney per affrontare il primo disco della vedovanza. Tutto fa pensare che fu proprio Billy il re pro-tempore del grunge, il re della fine dell'impero.

Prima della fumata bianca in suo favore, gli altri papabili erano Dave Grohl che esordiva, Layne Staley ed il suo ultimo cd d'inediti, i Soundgrarden di "Black Hole Sun"... E per quanto riguardava le new entries? Piuttosto che citare Gavin Rossdale dall'Inghilterra, Dolores O'Riordan dall'Irlanda, o peggio ancora Daniel Johns dall'Australia, un nome, ed americano, anzi dell'occidente americano, lo faccio io, pur sapendo che per questo mi sarà tirata parecchia merda addosso: Art Alexakis. Forse, per MTV e le majors, non c'era nulla di più promettente e, chissà, affidabile di Art: Staley aveva i suoi problemi, Cornell fece un altro disco con la band, carino, poi si mise in testa che doveva divenire il nuovo Jeff Buckley... Dispiace ammetterlo, ma se questi dovevano essere gli eredi di Cobain...

Alexakis sì che andava bene: era ben più brutto di Cobain, è vero, ma sempre meglio di Corgan dalla futura zucca pelata, fin lì il fratello gemello di Geena Davis; eppoi visse un'infanzia e un'adolescenza che, al confronto, quelle di Billy il triste furono tutte balocchi e spensieratezza. A tal proposito, ciò che non mi quadra è come mai si sia presa in grande (enorme?) considerazione il piacere di Corgan per la stesura di liriche autobiografiche: coloro che si trovano a valorizzare quei versi sono più o meno gli stessi che condannano Alexakis, indicandolo quale speculatore comandato dalle majors, finto alternativo, compiaciuto del proprio malessere esistenziale e dei vari misfatti compiuti fino ad allora. Gli si contesta una falsità di fondo, che a mio parere deriva soltanto dalla consapevolezza che, per una volta nella storia dell'umanità, si stesse vivendo in un periodo in cui era finalmente possibile trarre profitto dall'essere un loser. L'ho scritto anch'io in una mia rece (autocitazionismo?): mai come in quegli anni più sfigato, perdente e fuori dal mondo eri e meglio t'andava a finire.

Dunque perché non prenderlo in considerazione, lui che in alcuni pezzi di questo "Sparkle And Fade" dedica la canzone al diretto interessato come se ce l'avesse davanti, o come se stesse suonando live? A maggior ragione se descrive la donna come una mantide religiosa, se in "Heroin Girl" fa un pezzo che è un misto tra le Hole e "Come And Play" degli Offspring... Lui che ha la spudoratezza di presentandare del grunge non da pogare ma da ballare con la hit "Santa Monica"?

Certo, c'è parecchia roba standard, come il punkazzo di "You Make Me Feel A Whore", le cui incazzature chitarristiche in vista del ritornello suonano quantomeno sospette, o come "Heartspark Dollarsign", punk divertente con sonorità garage ma struttura beach. Gli standards spaccasassi di "Chemical Smile" e di "Twistinside", il punk come mille di "Nehalem", il punkwave intelligente di "Queen Of The Air" e di "My Sexual Life"... Epperò ci sono delle grandi canzoni, come "Summerland", "Electra Made Me Blind" e "Pale Green Stars"... Nulla di tutto ciò che Art propone, comunque, s'avvicina ai ritornelli catchy nirvaniani, il ché non fa di lui un doppione; figurarsi cos'abbia a che vedere con Cornell, Staley e Doctor Zero!

"Sparkle And Fade", dell'anno 28 d.K. è un disco suonato benone e prodotto volutamente a minchia di poverello, lontano dall'essere un capolavoro quanto però dall'essere la merda di cui si va dicendo in giro. Disse bene chi asserì che Alexakis ereditò sì da certa musica come fecero i grandi del grunge, ma che contrariamente a costoro non riuscì ad elaborare la sua cifra personale. Pur mantenendo, dico io, una consistenza sonora granitica, persino negli episodi più pop del futuro. Ma non è sulla musica, che forse è bene centrarsi.

Il perno della diatriba è il seguente: è stato il signor Alexakis artista degno di seria considerazione, nel suo scrivere e cantare disagi e rovine sue e di chi gli stava attorno? E' una colpa  attingere al proprio bagaglio di sventure nella piena consapevolezza che le stesse cose che lo stavano portando alla rovina l'avrebbero, grazie all'intervento d'una major discografica, portato alla fama, al successo ed alla ricchezza? Si, ok, anche alla critica feroce ed al disprezzo di certi puristi, nondimeno a stroncature senza possibilità d'appello, ma sempre e comunque all'aver vissuto il proprio momento di gloria (se quello di Cobain durò 4 anni, ad Art poteva bastare anche la metà), all'aver fatto il proprio gruzzoletto, ed oggi al poter continuare a sopravvivere dignitosamente grazie alla propria passione (gli Everclear, sebbene i cambi di line-up stravolsero il trio, sopravvivono a tutt'oggi attorno al leader: la fine di tante bands, e guarda caso la fine anche degli Smashing Pumpkins).

I testi di Alexakis sono il centro della querelle: se li si considera fasulli tout court allora a morte Alexakis. Ma se li si considera autentici malgrado l'autocompiacimento, allora perché non rivalutare i primi tre dischi degli Everclear?

A voi la scelta; io la mia l'ho già fatta anni fa.

Questa DeRecensione di Sparkle And Fade è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/everclear/sparkle-and-fade/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (QuarantOtto)

Starblazer
Opera: | Recensione: |
Boh, piuttosto che questi qui io rivaluterei molto più volentieri i Blind Melon. Poi se somigliano agli Smashing Pumpkins mi stanno sulle balle a prescindere
BËL (00)
BRÜ (00)

supersoul
Opera: | Recensione: |
scusa mien ma qua c'è pure un buon pezzo da rsdio FM che non hai nominato , Santa Monica che è un poppetto robusto come ne abbiamo sentiti a vagonate nel corso della nostra (nel mio caso lunga) vita. Quello che c'era da dire su questo sfigato lo hai già esaurientemenete ed encomiabilmento detto nella recensione precedente. Repetita juvant?
BËL (00)
BRÜ (00)

supersoul
Opera: | Recensione: |
radio...esaurientemente...encomiabi lmente.
BËL (00)
BRÜ (00)

oceansize
Opera: | Recensione: |
"Quello che c'era da dire su questo sfigato lo hai già esaurientemenete ed encomiabilmento detto nella recensione precedente. Repetita juvant?"....supersoul, devi sapere che per il nostro amico mien chi scrive piu' recensioni è il migliore, anche se scrive sempre le stesse cose. Questa è proprio brutta- poi spiegami che cosa c'entra dolores o'riordan coi papabili per la successione a Cobain con Silverchair e Bush? Per un filo di feedback nelle chitarre di Zombie? Che cazzate ahahahah
BËL (00)
BRÜ (00)

mien_mo_man
Opera: | Recensione: |
appunto: che cazzata fu vedere gli amanti del grunge (quello radiofonico/MTVaro) correre a comprare il disco dei Cranberries solo per il video di Zombie e per un filo di chitarre. Eppure l'audience dei Nirvana, in disperata crisi d'astinenza di grunge catchy, corse a comprarselo. cosiccome corse a comperarsi i bush, ovvero la musica dei Nirvana con Eddie Vedder alla voce. appunto quello che ho detto io, Oceansize. Lo vedi che quando decidi di riflettere sei (parzialmente) capace di capire quello che vogliono dire le persone quando parlano nella tua lingua? Sono fieri di te. Peccato solo che tu le abbia definite cazzate: cioè cazzate sarebbero le mie convinzioni, che guarda caso coincidono con le tue. Cazzate quel che dico io che è uguale a quel che dici tu. Ergo, secondo te tu dici cazzate.
BËL (00)
BRÜ (00)

mien_mo_man
Opera: | Recensione: |
Supersoul: di Santa Monica ho parlato: l'ho descritta quale grunge non da pogare ma da ballare. Ho voluto fare una seconda rece per spiegare che, secondo me, ciò che riguarda lo sfigato in questione non sia solo manierismo e paraculismo da classifica, e che, sebbene non molto, ci siano stati nella sua musica dei valori, a suo modo. Tutto qui. Eppoi dal 94 al 96 non ho trovato molto di meglio in chart di loro. ovvio che avrebbe dovuto esserci ben altro, in chart, ma loro, tra tutto ciò che c'era, mi sembravano tra i meno peggio. tutto qui. grazie per la pazienza

BËL (00)
BRÜ (00)

alessioIRIDE
Opera: | Recensione: |
devo dire che più passa il tempo e più il "grunge" mi fa cacare teste di triceratopo. tolti i nirvana, i tad e i melvins, rimane un pò di fuffa. certo, mudhoney, soudgarden e alice in chains ancora riesco, sempre più raramente, a digerirli. ma il resto è veramente da macero cazzo. la questione sull'eredità di cobain è difficile da spiegare. secondo me va più per osmosi. ad esempio per me puzzle dei biffy clyro è un nuovo nevermind (e simon neil lo sa e questo voleva. non a caso il disco è missato da andy wallaca). se avessi tredicianni ci perderei veramente la testa alla faccia di tutti i gruppi minuscoli che mtv e le riviste pompano. per quanto mi riguarda i primi due dei foo fighters sono buoni dischi, ma non credo sia questo il punto. per quanto mi riguarda c'è talmente tanta bellezza nel mondo che nemmeno se campassi mille anni perderei il tempo dietro alla merda di corgan, della love e dei loro appetiti sessuali. i nirvana sono un punto di svolta. quel rock lì lo facevano loro, l'hanno fatto meglio e avevano realmente qualcosa da dire... provare a prendere la loro "eredità" è solo smerdarsi perchè il paragone è troppo pesante.
BËL (00)
BRÜ (00)

easycure
Opera: | Recensione: |
concordo con Alessio, Tanto per cambiare (ma questa volta non ti darò la soddisfazione di dirmi che sono campanilista :-D) ..comunque non capisco, a prescindere dalla qualità della recensione che comunque è godibile e scritta bene, che senso abbia parlare oggi di gruppi farsa come gli everclear.. che già allora erano una presa per il culo, figuriamoci oggi a freddo e in una realtà in cui il rock è molto meno ingenuo di quanto non lo fosse dieci e più anni fa (e non è un complimento al rock di oggi); sono cagate, questa come i super pompati (ai tempi) stone temple pilots e compagnia bella, ma più che cagate, non hanno senso di esistere e quindi di essere ricordati
BËL (00)
BRÜ (00)

S4doll
Opera: | Recensione: |
gran bella rece... Corgan erede non ce l'ho mai visto, il sound delle zucche è sempre stato più poetico e meno asettico rispetto ai Nirvana... grazie a dio, anche il pubblico che seguiva era diverso. Poi i media possono dire/scrivere quel cazzo che vogliono, dopo la morte di Cobain c'era tanta fretta di trovare un nuovo re per un regno già crollato. Il problema degli Everclear è lo stesso dei Soundgarden per me, non mi hanno detto niente di speciale.
BËL (00)
BRÜ (00)

alessioIRIDE
Opera: | Recensione: |
se c'era una cosa buona nel cosidetto grunge era l'amicizia che i gruppi avevano tra di loro. forse perchè s'erano spaccati le ossa assieme in concerti da trenta persone. quando il punk broke è testimoniato da un bellissimo tour fatto dai dinosaur jr, dai sonic youth e dai nirvana... a qualche data presero parte gli smashing pumpkins, ma non vengono nemmeno mensionati. una cosa è l'underground che si fa i soldi e un'altra solo le mafie da major. 0 al pubblico degli smashing pumkins e degli stone temple pilots
BËL (00)
BRÜ (00)

alessioIRIDE
Opera: | Recensione: |
<<gran bella rece... Corgan erede non ce l'ho mai visto, il sound delle zucche è sempre stato più poetico e meno asettico rispetto ai Nirvana... grazie a dio, anche il pubblico che seguiva era diverso>>... e come dire: -ti piace pavese? -no, mi piace d'annunzio -Ah bene, ma cazzo centra? -Non lo so, ma non avevo nient'altro da dire -Ah OK, ti piace la fica? -No, ascolto Nick Cave -OK
BËL (00)
BRÜ (00)

S4doll
Opera: | Recensione: |
meglio il pubblico dei pumpkins che quello dei nirvana. All'epoca, come oggi.
BËL (00)
BRÜ (00)

alessioIRIDE
Opera: | Recensione: |
e meglio l'eroina o il metadone?
BËL (00)
BRÜ (00)

S4doll
Opera: | Recensione: |
meglio il pubblico dei pumpkins che quello dei nirvana. All'epoca, come oggi.
BËL (00)
BRÜ (00)

alessioIRIDE
Opera: | Recensione: |
e meglio la fica o l'ossobuco?
BËL (00)
BRÜ (00)

alessioIRIDE
Opera: | Recensione: |
e meglio il punk o il prog?
BËL (00)
BRÜ (00)

alessioIRIDE
Opera: | Recensione: |
è meglio sanremo o il festivalbar?
BËL (00)
BRÜ (00)

supersoul
Opera: | Recensione: |
@alessioiride : è pure un pò come dire "il problema degli Everclear è lo stesso dei Soundgarden per me, non mi hanno detto niente di speciale".

BËL (00)
BRÜ (00)

alessioIRIDE
Opera: | Recensione: |
è meglio la diarrea o il singhiozzo?
BËL (00)
BRÜ (00)

alessioIRIDE
Opera: | Recensione: |
è meglio stare ad un rave party o chiuso in lavatrice?
BËL (00)
BRÜ (00)

alessioIRIDE
Opera: | Recensione: |
è meglio sniffarsi la muffa o il cotone annidato tra le dita dei piedi?
BËL (00)
BRÜ (00)

alessioIRIDE
Opera: | Recensione: |
per questi ed altri manicheismi consultate il mago gennaro dauria. certamente avrà una risposta
BËL (00)
BRÜ (00)

pistolpete
Opera: | Recensione: |
"Nulla di tutto ciò che Art propone, comunque, s'avvicina ai ritornelli catchy nirvaniani"... a me sembra che "her brand new skin" sia un anthem così spudoratamente cobainiano ( in peggio ovviamente) da pensare che abbiano utilizzato le sue ceneri per comporla.....
BËL (00)
BRÜ (00)

S4doll
Opera: | Recensione: |
la maledizione di gruppi come i Nirvana sono i fans, gente come te e come milioni di pirla disadattati e ragazzine che si bagnavano sulla "figura sensibile" di Cobain. Se quest'ultimo si è sparato perchè temeva la sua musica stesse diventando commerciale l'ha fatto troppo tardi. Non è chiaro come mai ci sia sempre la licenza di dire che i pumpkins erano venduti pilotati dalle major, come se ai nirvana facessero schifo i soldi. La differenza è che il fan medio delle zucche se ne sbatte di come Corgan spendeva i suoi soldoni e se ne sbatte pure della definizione del cazzo che la gente dava alla musica. Il fan dei Nirvana no, il grunge era solo dei Nirvana. E nessuno osi dire il contrario. E il bello è che ci credete. @supersoul, che cazzo vuoi, va meglio se ti dico che non mi piacciono per niente?
BËL (00)
BRÜ (00)

alessioIRIDE
Opera: | Recensione: |
wow che poetica. ti posso citare nel libro che scriverò? il titolo dovrebbe essere: "aforismi utili per tacere" ...gli smashing pumpkins ALIAS stone temple pilots ALIAS silverchair ALIAS bush PER ME NEMMENO ESISTONO... un pò come la pensano i vate (no water) del rock made in USA. non cadrò in discussioni su cose (no gruppi) che nemmeno esistono. soprattutto non parlo di musica che suona come un big mack. oggi ho tempo da perdere, ma preferisco schiacciarmi i punti neri in modo da allenare mani e vista! Tschuss
BËL (00)
BRÜ (00)

S4doll
Opera: | Recensione: |
mi raccomando mandami una copia, ho una sedia che balla un po'
BËL (00)
BRÜ (00)

donjunio
Opera: | Recensione: |
Non mi è molto chiaro perché parli così tanto di Corgan in questa recensione, probabilmente non ami gli SP. E' risaputo che Coccia Pelata fosse( anche) un poseur, un cinico che non ha mai nascosto di puntare al successo ( frase simbolo: "If I were dead/ Would my records sell?"). Ma è stato indiscutibilmente un musicista simbolo degli anni 90, perché album come "Siamese dream" o "Mellon Collie" non escono fuori dalla penna del primo sfigato ( e quest'ultimo è del 95, quindi qualcosa di meglio degli everclear andava in classifica nel periodo 94-96, a differenza di quanto dici tu).Inoltre, credo che la mistura sonora di quei dischi goda ancora di ottima salute e considerazione critica. Di quelli degli Everclear si ricorda solo chi ha la passione di scandagliare ogni buco degli anni 90 come fai ottimamente tu, con la precisione e la perizia dell'archeologo musicale.
BËL (00)
BRÜ (00)

supersoul
Opera: | Recensione: |
@S4doll ---> con la bocca piena del termine cazzo ti potrai rivolgere a tua sorella non a me stronzetto
BËL (00)
BRÜ (00)

S4doll
Opera: | Recensione: |
ma chi cazzo sei? ma sparati pirla
BËL (00)
BRÜ (00)

supersoul
Opera: | Recensione: |
ne hai troppi in bocca vedi di non affogarti
BËL (00)
BRÜ (00)

oceansize
Opera: | Recensione: |
hai capito benissimo cosa volessi dire: anche il più sprovveduto degli adolescenti sapeva distinguere tra chi suonava grunge riciclato ( bush, silverchair, everclear) e chi si dava un po' di cipria grunge in qualche singolo, tipo i cranberries o i live: persino i litfiba hanno fatto un disco con il produttore di Ten, persino i Quintorigo andarono a sanremo con un pezzo che sembrava un plagio dei Pearl Jam ma forse saresti stato capace di citare anche loro nel tuo delirio onnicomprensivo.
BËL (00)
BRÜ (00)

Nevskji
Opera: | Recensione: |
Mmm.
Posso umilmente inserirmi?
Grazie.
Dunque, posto che a mio parere non esiste una "eredità" dei Nirvana, perchè è come parlaredi un'eredità di Napoleone, vorrei per una volta provare a difendere i sempre troppo bistrattati Silverchair. Non sono senz'altro un gruppo che ha cambiato la storia della musica, ma si dimentica troppo spesso di considerare che all'epoca del loro esordio discografico ('95) avevano appena 15 anni ciascuno, e a 15 anni l'unica cosa che vuoi fare, musicalmente parlando, è alzare a mille la distorsione della tua chitarra. La questione è piuttosto legata a quello che hanno fatto in seguito, cioè molto di più rispetto ai vari Corgan e clamorosamente sopravvalutati compari. Poi si sa, ognuno ha i suoi gusti...
BËL (00)
BRÜ (00)

emanuele
Opera: | Recensione: |
donjunio
Opera: | Recensione: |
Uhm stavolta non sono d'accordo con l'amico Nevskji. -"La questione è piuttosto legata a quello che hanno fatto in seguito, cioè molto di più rispetto ai vari Corgan e clamorosamente sopravvalutati compari"-...alludi all'album "Freak", con l'iniziale "slave" che plagiava "i don't know anything" dei Mad Season, o all'album successivo, con un pezzo identico a "Tonight tonight" proprio degli Smashing Pumpkins? Su dai, tutti questi gruppi, come dice giustamente easycure, vanno dimenticati in fretta.
BËL (00)
BRÜ (00)

greenmachine
Opera: | Recensione: |
Dico la mia, freak è stato fatto in fretta,visto il successo di frogstomp(e si,successo),poi vedi neon ballroom,che è molto sperimentale e di sicuro non ha un cazzo di grunge,ultimamente sono diventati anche pop...ormai non ci sono gruppi che possano rappresentare il cosidetto grunge generation, e solo perche fai un disco come freak,che è proprio un copia e incolla di tutto il grunge di quel decennio(andava anche di moda)perche metterli in mezzo?? sia chiaro non sono un fan,pero' sparare certe cazzate solo per sentito dire......
BËL (00)
BRÜ (00)

mien_mo_man
Opera: | Recensione: |
Donjunio, Mellon Collie è stato pubblicato in data 24 ottobre 1995: praticamente, nel '96. per questo non lo definisco progetto del 95. per quanto riguarda Corgan, io non l'ho mai capito...
Mi sono piaciuti molto alcuni pezzi del primo disco, poi tutto siamese dream (grande disco) e poi mi sono sforzato di capire in che direzione fosse il passo di corgan in mellon collie... verso l'eredità del trono di cobain (Bullet with...)? verso i pink floyd? verso l'alt rock? verso l'art-rock? verso i sabbath? verso i joy division? verso i queen? verso il brit pop per dandies? verso il folk? verso l'electric light orchestra? Apprezzai Corgan fino a Mellon Collie, ma non lo compresi. E secondo me il passo che fece lo fece nella direzione della megalomania, e ciò non vuol dire per forza verso la buona musica. oggi prendi le riviste che vendono dischi e ti ritrovi con mellon collie che costa meno di siamese dream, e questo qualcosa vuol dire.
BËL (00)
BRÜ (00)

mien_mo_man
Opera: | Recensione: |
i miei preferiti del grunge comunque sono gli Screaming Trees. Vi sembra un nome all'altezza?
BËL (00)
BRÜ (00)

easycure
Opera: | Recensione: |
mica male per niente gli screaming trees :-) ..per quanto riguarda questione Corgan, al di là di riflessioni un pò sterili su chi fosse major e chi no, a me gli smashing son sempre sembrati uno dei più rappresentativi gruppi degli anni '90: è in riferimento a questo, per rispondere al tuo commento sopra che va letto mellon collie; che è si opera megalomane, ma anche perfetto disco rock di un epoca in cui tutto comincia a filtrarsi con tutto.. vuole essere un disco a 360°, che abbraccia notevole parte dello scibile rock più o meno alternativo degli anni '90, e secondo me ad essere l'opera mastodontica che voleva essere c'è pure quasi riuscito; perchè sicuramente è un disco molto ma molto discontinuo, ma riuscire con tale varietà comunque a rimanere autore molto riconoscibile, e a mantenere bene o male un'unità concettuale di base abbastanza forte, è intento in cui davvero in pochi sarebbero riusciti.
BËL (00)
BRÜ (00)

alessioIRIDE
Opera: | Recensione: |
tutto ok, ma non se ne esce vivi. come suicidio consiglio d'ascoltare i due dischi di mellon collie in cuffia leggendo i testi... tutti di fila però e ascoltando senza distrarsi. non se ne esce vivi.
BËL (00)
BRÜ (00)

S4doll
Opera: | Recensione: |
fatto, qualche milione di volte anni or sono... ok, skippando quelle 3-4 tracce meno valide sulle 28 presenti
BËL (00)
BRÜ (00)

alessioIRIDE
Opera: | Recensione: |
e si, schippare 4 o 5 tracce. o s'ascolta tutto o non vale. altri tempi quelli di double nickels... 43 perle che quando finiscono ne vorresti altre 20.
BËL (00)
BRÜ (00)

easycure
Opera: | Recensione: |
eheheh :-D ma quelle durano in media un minuto e mezzo..comunque io intero mellon collie non l'ho mai sentito, sempre a tappe; mica per altro, ma anche avere un'ora e mezzo di tempo continuativo da dedicare a un disco non è facile
BËL (00)
BRÜ (00)

easycure
Opera: | Recensione: |
oh Alessio, l'hai sentito il nuovo di Stephen Malkmus? ..me lo sto masterizzando ora, voglio proprio sentire
BËL (00)
BRÜ (00)

alessioIRIDE
Opera: | Recensione: |
no easy... sto morendo sotto un ammasso di dischi da sentire. Mo ce lo metto malkmus tanto è magrolino e non mi schiaccia troppo
BËL (00)
BRÜ (00)

donjunio
Opera: | Recensione: |
@Mien. Anche io preferisco "Gish" e "Siamese dream". "Mellon Collie" è troppo discontinuo e ha davvero troppi pezzi in scaletta, ma sposo in pieno la prospettiva di easycure. Nonostante questa grandeur cercata col lanternino, è un lavoro simbolo di ambiguità e splendori degli anni 90. Il resto poi è stato decisamente scadente, ma ciò che volevo ribadire è che Corgan, nonostante le sue pose, le t-shirt con scritto "Zero" e frasi tipo "God is empty just like me", sta certamente su un piano superiore rispetto a uno come Alexakis. Adoro anche io gli Screaming Trees, infatti ho recensito "Buzz factory": se ti piace quel tipo di grunge, ti consiglio i Truly, sicuramente li apprezzerai
BËL (00)
BRÜ (00)

Nevskji
Opera: | Recensione: |
Amico Donjunio, espongo con molta tranquillità il mio punto di vista, dal momento che con te si può ragionare: i Silverchair, a partire da Neon Ballroom, hanno a mio parere fatto capire quali potessero essere le loro potenzialità dopo due lavori oggettivamente figli del tempo (ciò non toglie che a me piacciono ancora, a volte è ancora divertente ascoltare un po' di schitarrate): il pezzo che dici copiato dagli Smashing è per caso Emotion Sickness? Ma no, dai...sinceramente non mi sembra! La cosa che mi è piaciuta del gruppo australiano è stata la capacità di Daniel Johns di cambiare disco dopo disco, scrivendo sempre buone canzoni, apportando nuovi elementi alla sua musica, abbandonando uno stile musicale che in realtà non gli apparteneva (se non, come detto più sopra, a 15 anni): in una sola parola, è maturato, probabilmente. Avrebbe potuto scrivere altre dieci Tomorrow, ma non l'ha fatto. Ecco, maturare: una cosa che Billy Corgan non ha compreso, e questo già dai tempi di "Adore", quando le sue manie da megalomane emersero in tutta la loro drammaticità facendo il vuoto intorno a sè e facendo scappare a gambe levate James Iha, il più talentuoso del gruppo (poi vorrei sempre capire perchè ad un certo punto abbia creduto di essere Nosferatu, ma è un altro discorso). I Silverchair, invece, hanno intrapreso una strada sicuramente più tendente al pop (merito anche delle frequentazioni di Johns), ma probabilmente più sincera rispetto alle oscene produzioni di Corgan post '95. Prova, se non l'hai già fatto, ad ascoltare l'ultimo degli australiani: dopo lo smarrimento iniziale potresti esserne colpito e avere molta difficoltà a riconoscere nelle nuove tracce i quindicenni di Tomorrow...detto ciò, i gusti sono gusti: basta pensare che io a 6 anni ascoltavo i vinili degli Iron Maiden di mio cugino, quelli di Hendrix, Beatles e Rolling Stones di mio padre, e Parsifal dei Pooh di mia madre. Di lì a poco, sarebbero arrivati i Soundgarden di Louder than love. Ma anche questa è un'altra storia.
BËL (00)
BRÜ (00)

donjunio
Opera: | Recensione: |
Beh direi che sul Corgan post95 siamo d'accordo: si salva ben poco. Però mi sembra ingeneroso che la sua antipatia e i disastri tipo "Adore" oscurino gli ottimi, primi tre album.
BËL (00)
BRÜ (00)

Nevskji
Opera: | Recensione: |
No no, per carità: io i primi tre dischi li ho (anche Adore, se è per questo), e pur non essendo il mio massimo, li ho ascoltati e li ascolto ancora volentieri (Mellon collie però tutto insieme proprio non si può!). E' chiaro, l'antipatia non c'entra. Piuttosto: in tema Screaming trees...avete sentito l'ultimo di Lanegan con Greg Dulli (la collaborazione porta il titolo di Gutter twins, il titolo del disco è Saturnalia)? Io ne ho sentiti 4 pezzi...quelli sul loro myspace, e sono veramente, ma veramente notevoli: il biglietto per il 23 aprile a Roma l'ho già preso, facciamo che ci vediamo lì tutti quanti!
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: