Sto caricando...

Evile
Infected Nations

()

Voto:

Per la mia prima recensione mi trovo a parlare di quello che dovrebbe essere il disco di "conferma" delle buone cose fatteci vedere dagli Evile. Che dire di “Infected Nations”? Trasportato dall’entusiasmo dopo aver ascoltato il disco d’esordio della band, “Enter The Grave”, mi sono sentito di voler ampliare le mie conoscenze, per così dire. Fatto partire l’album, ad attendermi c’era la title-track, anzi “Infected Nation”, senza la “s” finale. A mio parere è un ottimo pezzo, tanto che mi ero preparato a un altro buon disco. Invece subito dopo viene “Now Demolition”, che ho addirittura faticato ad ascoltare fino alla fine a causa dei ritmi troppo lenti, se paragonati agli standard della band britannica. Molto originale il ritornello, nel quale Matt Drake ripete in tono malinconico e monotono due parole: “now” e… ”demolition”. Ma guarda un po’. La terza traccia è “Nosophoros”, altro pezzo molto spinto che mi ha portato a pensare che la seconda traccia fosse un’eccezione rispetto al resto dell’album. Purtroppo, proseguendo con l’ascolto, ho concluso a malincuore che le eccezioni sono proprio i due brani positivi. Infatti, il resto dell’album è nello stile di “Now Demolition”, con ritmi lenti che eseguiti dagli Evile fanno storcere il naso anche al trasher più accanito. Figurarsi all’ascoltatore medio.

Chiude l’album la lunghissima traccia strumentale “Hundred Wrathful Deities” (trad. “Cento divinità furibonde”), di oltre 11 minuti. Tra l’altro, non è che le altre canzoni fossero di molto più corte. Forse le cento divinità si sono infuriate a causa di un tale calo di un gruppo promettente come i britannici. Con uno stile nella sostanza simile ma allo stesso tempo completamente diverso dal disco d’esordio si salvano solamente il buon Ol, fratello di Matt, con i suoi assoli e il batterista Ben Carter, che spinge anche quando c’è ben poco da spingere.

In sintesi: consigliato? Non dite fesserie. Ascoltate “Enter The Grave” piuttosto. Il mio voto finale per questo album pesante da ascoltare (anche se composto da sole 9 tracce) è di 2/5. Semplicemente perché 1/5 è per i dischi di Justin Bieber.

Commenti (Cinque)

extro91
extro91 Divèrs
Opera:
Recensione:
Il revival thrash non mi ha mai preso troppo

BËL 00
BRÜ 00

March Horses
March Horses
Opera:
Recensione:
Uhmm

BËL 00
BRÜ 00

masturbatio
masturbatio
Opera:
Recensione:
ei ei ei che copertinazza cazzuta ho paura

BËL 00
BRÜ 00

Dimitri Molotov
Dimitri Molotov
Opera:
Recensione:
Beh, innanzitutto ringrazio per i voti, spero possano aumentare, comunque per essere la mia, per così dire, "recensione d'esordio" mi pare sia venuta abbastanza bene. Caro extro91, direi almeno che gli Evile si sarebbero anche potuti impegnare di più in questo nuovo album...

BËL 01
BRÜ 00

masturbatio: è normale, in fondo è un sito di stronzi handicappati che insultano gratuitamente senza rispetto alcuno
Stanlio: di più? ancora un poco e s'impegnavano pure gli strumenti... e allora come suonavano? fischiando e battendo la testa contro il muro?
Dimitri Molotov: Forse sarebbe venuto meglio! No vabbè, mi è piaciuta ;)
Stanlio
Stanlio
Opera:
Recensione:
chè sei di Napoli? non ti dispiacere per così poco, nemmeno io son di Napoli

BËL 00
BRÜ 00

Dimitri Molotov: Nada! Mi dispiace
Dimitri Molotov: Ah chiedo scusa, pensavo che ogni tanto parlassi anche seriamente.
Stanlio: uè guagliò non tieni nulla di cui scusarti, no no è proprio acussì, pensi bene tu, ogni tanto mi scappa anche di parlare seriamente, statt'accuort eh mi raccomando...
Dimitri Molotov: Okay okay mi fido!

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera