Fever Ray
Fever Ray

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Stilettate gelide ma avvolgenti...*

Capita soprattutto la mattina ma non tutte: dev'essere una di quelle mattine invernali in cui ci si trova per strada mentre sta albeggiando. La luce ti ricorda che esiste ancora vita, da qualche parte, ma non è ancora abbastanza intensa per scaldarti: sai già che non lo sarà mai per tutto il di ma tanto basta per farti trovare le forze per andare avanti.

...commistioni tra l'Ambient Downtempo ottantino (alla Art of Noise per intendersi) britannico e la novantina Bristol Scene, con l'aggiunta di un sound cristallizzato in suoni gelidi tipico dell'elettronica del grande nord europeo...*

E' quella sensazione in cui la musica si accorda perfettamente al tuo stato d'animo: il cuore sembra assumerne il ritmo e il cervello va in loop. Puoi trovarti nel luogo più rovente del pianeta ma presto la brina ti avvolgerà e, dei miei, vorresti che la sensazione non finisse mai. Le paure se ne vanno e ti ritrovi perfetto.

...immergendosi nel suo panorama dominato dal synth e da chitarre ultra effettate un deciso sterzare appare evidente e fluttuando tra nebbie e cristalli sonori fragilissimi la sensazione di aver trovato una via alternativa al Glamour in cui il genere s'era pericolosamente infilato negli ultimi anni appare evidente*

In un altro luogo e in un altro tempo lessi, su una rivista, di tubi al neon congelati. Credo di sentirmi proprio così: nobile, inerte con quel minimo di calore ritmico necessario a preservare le mie funzioni vitali. Prima o poi l'estate tornerà ma intanto non voglio rinunciare a quest'inverno.

Il resto è un albeggiare di freddi soli boreali dopo scure notti nordiche: averne paura sarebbe un peccato*

Mo.

*Le frasi in corsivo sono prese da qui, dove potrete trovare anche qualche nota biografica sul progetto recensito.

Questa DeRecensione di Fever Ray è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/fever-ray/fever-ray/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sette)

Skeletron
Opera: | Recensione: |
nes
nes
Opera: | Recensione: |
teenagelobotomy
teenagelobotomy Divèrs
Opera: | Recensione: |
Mi fa piacere rileggere qualcosa di tuo dopo un pò. Ben-"tornato" quindi ;-)
BËL (00)
BRÜ (00)

madcat
Opera: | Recensione: |
madcat
Opera: | Recensione: |
il commento 1 ha qualcosa di metafisico :)
BËL (00)
BRÜ (00)

cappio al pollo
cappio al pollo Divèrs
Opera: | Recensione: |
Se non mi avessi preceduto, l'avrei fatta io. Ci pensavo da un po', ma sono vittima di un calo del desiderio DeRecensoreo, ed essendo che, già di mio, com'è noto, non sono una buona penna, se non quando assistito da una buona banana a sfera che mi stimoli nella stesura del testo, sono stato costretto a rimandare. Nulla di trascendentale comunque, ma bel dischetto, volendo anche perfetto, dati aspettative e propositi, ma la "seconda parte" la trovo meno incisiva. "Seven" - complice una linea melodica pressoché perfetta e l'ottima atomsfera visionaria un po' numaniana - la mia preferita. E lei, come ebbi modo di scrivere nella DeFinizione, credo sia preferibile così, da sola, piuttosto che assieme al suo compare.
BËL (01)
BRÜ (01)

voodoomiles
Opera: | Recensione: |
quell'indefinibile musica che fa andar in brodo di giuggiole Pitchfork. ti ricordi del dischello quando il secretaire comicia a ballare un po'.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: