Fugazi
Repeater

()

Voto:

Se il nostro fosse un mondo migliore, probabilmente i Fugazi non sarebbero ricordati solamente per la loro immagine politica, per il loro attivismo, per i loro concerti da 6 euro, per i loro cd da 10, per la loro resistenza alla presunzione delle major, per il loro stile di vita al cui cospetto tutti questi tanto sponsorizzati gruppetti pseudo-punk fanno la figura degli scolaretti. Se il nostro non fosse un mondo alla rovescia, i Fugazi sarebbero ricordati per le canzoni, e scusate se è poco.
Canzoni che in tutti i mondi possibili sono degli hit mostruosi tranne che nel nostro, che può pure continuare ad andare alla rovina. Ian MacKaye e Guy Picciotto hanno semplicemente, nel corso degli anni, costruito la più valida miscela di post-hardcore del decennio, artisti di misconosciuta grandezza.

Formatisi agli albori dell’anno 1987, e distintisi all’interno di quella – grezza e feroce – scena punk dell’East-Coast attraverso numerose esperienze maggiori (di rilievo quella di MacKaye nei Minor Threat, trascurabile quella nei Teen Idles) e minori (Embrace, precursori dell’emocore, nel bene e nel male) i Fugazi sorvolano la fine del decennio e l’intero arco dei ’90 attraverso una dozzina di lp di caratura e sostanza, sviluppando negli anni un percorso non lineare alle mode ma a queste contrapposte, cavalcando gli stili attraverso carezze e calci nel culo.
Di questi numerosi lavori, il migliore resta l’insuperato capolavoro a cavallo dei due decenni, “Repeater”.
Ancora attualissimo, in esso si possono scorgere i semi poi germogliati e i rami che furono poi tagliati dal fusto chiamato Fugazi, miscela esplosiva di 30 anni di rock and roll, in cui fondono garage (“Merchandise”) e punk (“Brandan n.1”), emocore (“Shut The Door”) e punk sguaiato (la title track) funk e spruzzi di metal (l’iniziale “Turnover”), aperture melodiche inaspettate (“Reprovisional”)... attitudine lercia, inanzitutto, nel corpo e nello spirito.
Saranno ancora grandi, ma mai così grandi. Un monumento del decennio che abbiamo lasciato alle nostre spalle, un inno alle gioia di urlare nelle orecchie delle teste di cazzo di allora e di oggi.

Ho fatto un sogno ieri notte: io mettevo su sto cd e lo sparavo al massimo. Poi bussano alla porta: i carabinieri chiamati dai vicini mi impongono di abbassare il volume. Inizia una colluttazione. Poi, nel preciso istante in cui parte la raffica di basso di “Greed” vedo uno di loro che non si ferma più e comincia a ballare ed io ballo con lui e tutti balliamo con lui. E tutti siamo felici. E lo sento dire che – cazzo – dovrebbe proprio acquistare la casa che confina con la mia, che si dovrebbe proprio fare una perquisizione ai miei vicini, che non si sa mai ti trovi una buona scusa per il foglio di via.
Poi mi sono svegliato, e “Greed” era finita. Era solo il mio mondo che stava cambiando, almeno nei sogni.

Questa DeRecensione di Repeater è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/fugazi/repeater/recensione-nickghostdrake

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Cinquanta commenti su SessantaNove

turkish
Opera: | Recensione: |
tano sei troppo coglione per ascoltarli
BËL (00)
BRÜ (00)

Anonimo
Opera: | Recensione: |
ahiahiahiahia turkish, pure permaloso!
BËL (00)
BRÜ (00)

Anonimo
Opera: | Recensione: |
bella recensione, disco da paura.sono daccordo con la tesi che ballare con un carabiniere mi farebbe risvegliare sudato........
BËL (00)
BRÜ (00)

NickGhostDrake
Opera: | Recensione: |
dovevi proprio votare, dico io?!? Con tanta fatica stazionavo al secondo posto dei più graditi... non ti sei neanche firmato!!!! :))
BËL (00)
BRÜ (00)

NickGhostDrake
Opera: | Recensione: |
e m'hai pure scritto "bella recensione"!!!! :))) Scherzo... saluti, chiunque tu sia concordo con te: disco da paura!
BËL (00)
BRÜ (00)

easycure
Opera: | Recensione: |
Disco semplicemente imprescindibile! Bisognerebbe dargliene 6 di stelle. Recensione a tratti discutibile.
BËL (00)
BRÜ (00)

NickGhostDrake
Opera: | Recensione: |
Discutibile in che?!?!?
BËL (00)
BRÜ (00)

easycure
Opera: | Recensione: |
Bè, discutibile (chiunque tu sia), sopratutto quando descrive i brani: "Brendan n.1" lo definisce Punk, quando è uno strumentale a metà strada tra Noise e un certo gusto pre-post rock; "Turnover" la definisce spruzzata di metal, ma a me sembra che di metal non abbia niente, e sia semmai più vicina a sonorità New Wave. "Shut the door" non mi sembra proprio Emo-core (per quanto tutta la produzione dei Fugazi possa aver influenzato l'Emo), ovviamente tutto a mia opinione. E comunque gli ho dato tre, mica uno, e fondamentalmente su tante cose sono d'accordo (infatti ho scritto "a tratti" discutibile).
BËL (00)
BRÜ (00)

NickGhostDrake
Opera: | Recensione: |
ah, ok (thanks)
BËL (00)
BRÜ (00)

tano
Opera: | Recensione: |
X il piacevole anonimo che mi apostrofa con parole argute: stavolta il coglionazzo sei tu, il disco mi piace molto molto.
X Antonio: grazie!
BËL (00)
BRÜ (00)

Anonimo
Opera: | Recensione: |
X il solito anonimo: è inutile che rispondi su altre recensioni... ho capito chi sei. Sei grande, è vero, ma sempre un po' più coglione di me. Vai che sei proprio il numero uno, coglionazzo!
BËL (00)
BRÜ (00)

NickGhostDrake
Opera: | Recensione: |
questa querelle non l'ho capita... ma chi è l'anonimo?!?
BËL (00)
BRÜ (00)

kosmogabri
Opera: | Recensione: |
Messa tra le rece preferite... molto precisa l'analisi di Easy, mi trova d'accordo...
BËL (00)
BRÜ (00)

easycure
Opera: | Recensione: |
Grazie Kosmo! ;)
BËL (00)
BRÜ (00)

NickGhostDrake
Opera: | Recensione: |
alla fine ha trovato d'accordo anche me! :)
BËL (00)
BRÜ (00)

easycure
Opera: | Recensione: |
philosopho
Opera: | Recensione: |
STRATOSFERICO!
BËL (00)
BRÜ (00)

boredom
Opera: | Recensione: |
una delle molte lacune che finalmente sono riuscito a colmare. non l'ho ancora assorbito del tutto, anche se turnover, blueprint, brendan #1 mi sono entrate dentro.
BËL (00)
BRÜ (00)

AristarcoScannabue
Opera: | Recensione: |
"Canzoni che in tutti i mondi possibili sono degli hit mostruosi tranne che nel nostro" HAUHAUHAUHAUHAUHAUHAUHAUHAUHAUHAUHA UHAUHAU... risata amarissima... ma è geniale!
BËL (00)
BRÜ (00)

pretazzo
Opera: | Recensione: |
Rece simpatica: rende l'idea del messaggio dei Fugazi, specialmente nel finale onirico. Concordo con Easy riguardo alla parte tecnica: questa parte della rece "......garage ("Merchandise") e punk ("Brandan n.1"), emocore ("Shut The Door") e punk sguaiato (la title track) funk e spruzzi di metal (l'iniziale "Turnover"), aperture melodiche inaspettate ("Reprovisional")… attitudine lercia, inanzitutto, nel corpo e nello spirito...." in effetti mi ha lasciato un tantinello perplesso...Disco imperdibile. Capolavoro del post-hardcore. Asciutto, sintetico, senza una nota di troppo. Austero. Spigoloso. Grigio. Tagliente.
BËL (00)
BRÜ (00)

pretazzo
Opera: | Recensione: |
Sintesi di 10 anni di evoluzione, dallo straight-edge all'emo, passando per noise e jazz-core. I Fugazi sono stati i Pere Ubu dell'hc. Repeater, in certi momenti, pare una parafrasi di Modern Dance (non certo per le sonorita', ma per la struttura dei brani, specialmente per i costrutti ritmici, ma non solo...). Repeater e' anche un esempio di musica sofisticata, tecnica, complessa, pur senza contenere assoli e virtuosismi para-progressive. Stupenda l'opener Turnover, quando cambia marcia, in dirittura del refrain...mmm, brividi...e Sieve-Fisted Find, che cambia scenario ogni due per tre, e senza che neanche tu te ne possa accorgere, ti catapulta nell'abisso...
BËL (00)
BRÜ (00)

pretazzo
Opera: | Recensione: |
Poi ci sono Merchandise e Styrofoam (due "danze moderne"...eh si'...). Repeater, che sembra (sembra!!!) un crossover yo-yo truzzo, e invece spacca il culo (con finezza, pero'...) e trasmette un'energia "positiva", stradaiola; Greed, cerebrale di brutto; Blueprint, la loro "Laughing" (piu' o meno, e senza la jam di fiati); Shut the Door, in cui i Fugazi entrano nel post-rock! Che disco! Che chitarre, che ritmica, che voci! Che gruppo!!!
BËL (00)
BRÜ (00)

pretazzo
Opera: | Recensione: |
(secondo commento a tocchi in due giorni...tra un po' sclero!!!)
BËL (00)
BRÜ (00)

philosopho
Opera: | Recensione: |
hai praticamente fatto un' altra recensione! =D
BËL (00)
BRÜ (00)

proTone
Opera: | Recensione: |
If history is kind to Fugazi, their records won't be overshadowed by their reputation and methods of operation. Instead of being known for their community activism, five-dollar shows, ten-dollar CDs, resistance to mainstream outlets, and the laughably fictitious folklore surrounding their lifestyle, they will instead be identified as setting a high bar for artistic excellence that is frequen... ECCETERA ECCETERA: Fugazi | Biography, Albums, & Streaming Radio | AllMusic ottimo disco, ottima recensione, ma l'autore non è "Antonio Sapio"
BËL (00)
BRÜ (00)

MaledettaPrimavera
Opera: | Recensione: |
eccetera eccetera cosa? io qui' vedo solo un pensiero simile e che nel mondo intero non posso pensare una cosa simile a un altro? Ci vedi qualche altro pensiero uguale nell'eccetera eccetera? Ci sono rimaste 36 frasi 18 pensieri e 9 spunti.
BËL (00)
BRÜ (00)

Tobby
Opera: | Recensione: |
lo sto ascoltando in questi giorni ( piano piano... ) e ora capisco perchè la gente mi voleva sbranare quando dissi che gli hawthorne heights fanno emocore
BËL (00)
BRÜ (00)

kosmogabri
Opera: | Recensione: |
"un inno alle gioia di urlare nelle orecchie delle teste di cazzo di allora e di oggi". Passavo di qua, visto che lo ascoltavo oggi in cuffia quando ero in giro :)
BËL (00)
BRÜ (00)

Sanjuro
Opera: | Recensione: |
Mi sono avvicinato a loro con End Hits e Instument, ma probabilmente l'unica iniziazione possibile alla grandezza dei Fugazi è: 1 2 3 Repeaterrrrrrrrrrrrrr!!! Molto Noise, molto Jazz, molta rabbia filtrata dal rifiuto verso i clichè estetici e interiori del punk tradizionale. Un punk adulto e costruttivo, l'esatto opposto di quello decadente e puramente descrittvo dei Jesus Lizard (Che personalmente amo di piu per la follia di David Yow - Da amare quell'uomo !)
BËL (00)
BRÜ (00)

pretazzo
Opera: | Recensione: |
In che senso "punk puramente descrittivo dei Jesus Lizard"?
BËL (00)
BRÜ (00)

Sanjuro
Opera: | Recensione: |
Nel senso che i Jesus Lizard non facevano musica con uno scopo costruttivo e positivo come i Fugazi. Nei Fugazi c'era la volontà di cambiare la realtà circostante, nei Lizard vi era l'immediata descrizione del rotolarsi nella melma senza capacità o forse interesse ad uscirne. La musica dei Fugazi è combattiva attiva, quella dei lizard è agonizzante tragica claustrofobica: decisamente passiva e isterica. Trovo che siano arrivati con influenze musicali molto simili : Jazz, Hardcore, Noise, a dei risultati stilistici e ideologici completamente opposti. Detto ciò, io stimo enormemente i Fugazi per aver tradito la tradizione punk hardcore anni 80 con la nascita dello straight edge, ma i Jesus Lizard sono arrivati a livelli che reputo superiori. De gustibussss :)
BËL (00)
BRÜ (00)

vss
vss
Opera: | Recensione: |
questa è roba che scottaaaaaaaaaaaaa! :D
bellissima rece!
BËL (00)
BRÜ (00)

vss
vss
Opera: | Recensione: |
il disco!
BËL (00)
BRÜ (00)

reverse
Opera: | Recensione: |
me lo hanno consigliato, dicendomi che vale più di red medicine. Che dite? (tanto ho già deciso :D )
BËL (00)
BRÜ (00)

Himself
Opera: | Recensione: |
Capolavoro assoluto..... i Fugazi sono dei geni, non solo per quello che fanno musicalmente. Ai punti è migliore di Red Medicine. Oddio, mi son scordato il primo ep....... Ma quanti cazzo di dischi di qualità hanno fatto sti Fugazi?
BËL (00)
BRÜ (00)

Neu!
Opera: | Recensione: |
maryg
Opera: | Recensione: |
capolavoro.
BËL (00)
BRÜ (00)

reverse
Opera: | Recensione: |
l'ho pagato di più di 10 euro, ma cazzo se li ho spesi bene.
BËL (00)
BRÜ (00)

Larrok
Opera: | Recensione: |
Questo Repeater lo sto riprendendo insieme a the Argument e sto scoprendo nuove sfumature e chiavi di lettura che prima non avevo colto. Davvero originali, gruppo eccelso!
BËL (00)
BRÜ (00)

SilasLang
Opera: | Recensione: |
Non posso non dar meno di cinque a codesto capolavoro, anche se il mio preferito in assoluto della saga "Fvgaziana" è End Hits..
BËL (00)
BRÜ (00)

maurinok60
maurinok60 Divèrs
Opera: | Recensione: |
Ieri Blues for the Red Sun, oggi Repeater....cos'è, natale?
BËL (01)
BRÜ (00)

emofiliaco
Opera: | Recensione: |
Effettivamente le prime 5 righe della recensione sono una libera traduzione dal link riportato da Protone: poi la recensione si sviluppa nel solito, tra l'altro bello, modo personale del recensore ma forse sarebbe stato piu' elegante riportare la fonte di quelle prime righe. Ps. I Fugazi, inutile dirlo, non mi piacciono per nulla.
BËL (00)
BRÜ (00)

seagullinthesky
Opera: | Recensione: |
Ian MacKaye è stato il mio dio (uno dei tanti) per un bel periodo. Grande album ma ho sempre preferito Red Medicine a questo. Ultimo paragrafo davvero very good.
BËL (00)
BRÜ (00)

Alfredo
Opera: | Recensione: |
Il gruppo FICO per antonomasia!
BËL (00)
BRÜ (00)

piendepei
Opera: | Recensione: |
ma che fine o affine (magari pullula ancora, sotto mentite spoglie) ha fatto poi nick-name-fantasmadrago?
BËL (00)
BRÜ (00)

TSTW
Opera: | Recensione: |
Disco che mi chiedo ancora cosa abbiamo fatto per meritarlo
BËL (01)
BRÜ (00)

undergroundpsc
Opera: | Recensione: |
1-2-3 REPEATER!!
BËL (00)
BRÜ (00)

gigantic
Opera: | Recensione: |
extro91
extro91 Divèrs
Opera: | Recensione: |
imbattibbile
BËL (00)
BRÜ (00)

hjhhjij
Opera: | Recensione: |
Qui la parola "capolavoro" è necessaria.
BËL (00)
BRÜ (00)

Psychopathia: scusa se ti rompo ma... ho solo il cofano 20 years of dischord. sto meditando degli acquisti su amazon. pensi che questo repeater sia una buona scelta? posso comprare tranquillo e conscio d'aver fatto una buona scelta?
hjhhjij: Non rompi tranquillo ;) Guarda con i Fugazi fai sempre una buona scelta, è uno di quei gruppi in cui puoi pescare nel mucchio e nel peggiore dei casi ti vien fuori un buonissimo disco. Quindi si, Repeater è una scelta eccellente. Calcola poi che con loro ognuno ha il suo personale favorito, c'è chi dice questo, chi dice Red Mecicine, chi ne dice un altro, non si butta nulla. Vai sul velluto al 99 % (lascio un 1% di possibilità che ti facciano cagare, non si sa mai :)
Psychopathia: non mi fanno cacare, un pò li conosco, è solo che a parte il box degli artisti dischord, non ho nulla di loro... quindi sì, mi fido. ho voglia d'un disco grezzo e ignorante. mi fido di te. domani o nei prox giorni vado di postepay :). se poi lo reputi il migliore non ho più dubbi
hjhhjij: Allora vai tranquillo. Il migliore non so, forse, con loro è tosta. Fammi sapere poi che ne pensi :)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: