Sto caricando...

Gianni Amelio
Hammamet

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Esile, ritroso, quasi che non voglia parlare troppo dell'argomento di cui tutti si aspettano che parli. Va bene non insistere sui fatti storici, dati per assodati, ma se questo significa insistere sterilmente per due ore intorno a un personaggio semplicemente antipatico, inchiodandolo nel suo esilio finale, con dialoghi stitici, brutti, personaggi di contorno di dubbio interesse, lungaggini narrative inutili... Be' allora forse era meglio ribadire il già noto, fare una cronistoria.

È una bocciatura secca e senza appello, perché in questo film non funziona praticamente nulla. Non dà nulla a livello di contenuti (i due o tre spunti su quei fatti là sono superficiali, basici) e si incaponisce sulla visione di quel pachiderma decaduto, insiste sui sospiri e sui gesti di un Pierfrancesco Favino che imita benissimo Bettino. Ma, appunto, imita. Non dà nuova vita al personaggio storico nella sua veste cinematografica, non osa arricchirlo, espanderlo pur rischiando di tradire un po' l'originale. Il rigore nell'imitazione limita e infine impoverisce la maschera, che continua a ripetere i suoi tic per tutto il tempo.

Ma dove vuole andare a parare? Ci si chiede per almeno un'ora. Sembra di vedere uno studentello che la prende larghissima perché non vuole affrontare il cuore della domanda. Perché la domanda c'è, è cogente, ma le risposte sono le solite, evasive. Non ha nulla di nuovo o diverso da dare, Amelio, e quindi guarda altrove. Guarda all'uomo, ma è una visione povera, e monta allora la rabbia per quello che sarebbe potuto essere questo film, un film su Bettino Craxi che avesse il coraggio di parlare davvero di Bettino Craxi.

Quando un politico (senza nome) arriva ad Hammamet, verso la fine, si spera in qualcosa di succoso. Vengono in mente gli spettacolari colloqui di Loro (Sorrentino) tra Berlusconi e Doris, tra Berlusconi e Mike Bongiorno. Delle iperboli meravigliose, che non temevano di superare il dato reale, perché lì i personaggi del film non si preoccupavano di esondare i personaggi storici. Il Silvio del film non era solo il Silvio reale, gli assomigliava molto, ma era qualcosa di più. Qui invece domina la paura, un'asciuttezza senza sottotesto alcuno. E si finisce per dire poco niente, resta solo qualche simpatico motto, qualche punzecchiatura tra Bettino e varie figure di cui spesso ignoriamo persino il nome.

E pure il suo nome, Bettino Craxi, non compare mai. Segno di una ritrosia davvero eccessiva se si vuole fare un film su una simile figura. Qui davvero di cinema ce n'è ben poco. È una sfilata in maschera di Favino che imita senza ridare vita a un uomo che nel bene e nel male si meritava un film di tutt'altra statura.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Diciotto)

joe strummer
joe strummer
Opera:
Recensione:
Modifica alla recensione: «mod1». Vedi la vecchia versione Hammamet - Gianni Amelio - Recensione di joe strummer Versione 1


little horn 2.0
Opera:
Recensione:
Vado a vederlo domani sera. Tu sei la fottuta Bibbia di questa roba


ilfreddo
ilfreddo Divèrs
Opera:
Recensione:
Un film che vorrebbe ma non è. Mi sembra che si poggi sullo splendido trucco fatto a Favino e sulla somiglianza con Craxi. Ma sinceramente mi aspettavo ben altro...


Raskolnikov1789
Opera:
Recensione:
Vedrò il film, per capire parzialmente l'Italia di oggi mi pare che sia fondamentale comprendere, lontani dagli integralismi, la stagione di Mani pulite. Intanto, non troppo seriamente,


ilfreddo: Leggiti la Storia d'Italia di Montanelli. Consigliata
Raskolnikov1789: Grazie mille, segnato. Per restare sul tema 'racconto del potere in Italia', sto ultimando L'affaire Moro di Sciascia, da tempo non leggevo un libro così potente e coraggioso; tempo permettendo, proverò a seguire il tuo consiglio su Montanelli
Chainsaw
Chainsaw
Opera:
Recensione:
Brutto non è, ma appunto scivola via senza lasciare molto, e questo è un grande peccato. Nota di demerito per chi ha deciso che i giovani attori italiani dovessero interpretare il ruolo di "giovani attori italiani".


joe strummer: È come se girasse intorno alla questione, temporeggiando
zappp
zappp
Opera:
Recensione:
Mi trovo abbastanza d'accordo con Joe, é un lungo e pigro dolersi addosso, molliccio e lamentoso, un film che vuol toccare i tasti dell'introspezione con velato allusivo modo di fare per quasi paura di "disturbare", giocando però in modo cerchiobotrista Amelio non acconta nessuno, in primis, perché in questo film non ha l'acuta sensibilità per scavare dentro fino all'osso allo smantellamento dei demoni , e poi tacendo sul misfatto perché se non vuoi dire chi te lo fa fare di parlare di Hamnemet e i suoi illustri abitanti? Un'occasione sprecata sia sul lato privato che da quello politico. Per il resto e tecnicamente un lavoro di mestiere compreso qualche inserto surreale. Favino più bravo a recitare Craxi con la voce che con la faccia, che chi trova un'espressione propria sotto tutto quel ciarpame di trucco?!


proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
se è così penso sia adatto a Craxi, in realtà.


dsalva
dsalva
Opera:
Recensione:
Passo, 1 perche' tu hai messo 2 stelline e in Joe we trust! 2 perche' il personaggio non desta interesse ora, rivisitato, quanto non mi importava quando era il re d'Italia (povera Italia!)


joe strummer: In verità mi confortano i giudizi vicini al mio degli egregi deColleghi qui sopra
lector
lector
Opera:
Recensione:
Temevo che fosse così e tu me lo hai confermato.


Onirico
Onirico
Opera:
Recensione:
Joe, è uscito Piccole cagne. Voti altissimi da tutte le parti, anche i più tirchi sono generosi.
Sarà perchè ci sono scene lesbo tra sorelle?
O scene di fellatio praticate da Emma Watson?
Chissà.
Io domani vado a vederlo al cinema.
Mi aspetto che tu ne caghi fuori una recensione, intempestivamente.


joe strummer: Ahahah dicevo giusto ieri che quel film è da vedere senza indugio!
joe strummer: Io prima di giovedì non potrò godere della visione
Onirico: Dai, vedilo e fai una bella recensione. La voglio mascolina e maschilista, con commenti che sottolineino il peso delle tette di Emma nella riuscitezza del prodotto. Basta con questi luoghi comuni: le donne non sono fatte solo per l'amore, ma anche e soprattutto per cucinare e stirare i calzini. Eddiciamolo!
joe strummer: nel caso specifico di Emma, mi sa che il peso è nullo
Onirico: Trovi? Secondo me una seconda abbondante la detiene. E, cosa ben più importante, la indossa bene. Io intanto mi sto vedendo la versione di Piccole T. degli anni 90. Bellissimo, finora. Wynona era troppo bella, e pensare che, a sto giro, nel ruolo di protagonista ci tocca quell'insipida e insapore della Ronan. Pure brava, per carità, ma in quanto a bellezza proprio non ci siamo.
adrmb: Boh la Gerwig è un'allucinazione collettiva, il suo film è pacchianissimo
hjhhjij: La Ronan la adoro, ha l'aria un po' insipida (a bellezza) ma anche quella bellezza da una con cui me farei una chiacchiera, e poi niente è irlandese io non ragiono con l'Irlanda, esco matto. Mi sposerei Shane McGowan, figurati la Ronan :D Ovviamente la Ryder altra roba, la Ryder è una debaseriana, 'na matta, ascolta la musica fica, mi fa troppa simpatia.
Onirico: Se è di debaser, dimmi subito il nick che usa: vado subito a intasargli la casella coi filtri d'amore.
(Anche io vado matto per l'Irlanda, ho vissuto 7 mesi a Galway... che meraviglia!)
Onirico: Comunque l'ho visto oggi. Bello, ma secondo me quello con Wynona non si batte. La scelta, a livello di sceneggiatura, di non proseguire secondo l'arco temporale in maniera lineare (probabilmente per distinguersi dal vecchio film), ma di procedere avanti e indietro nell'arco della vita delle cagnette in calore, m'ha fatto appassionare di meno. Eppoi (oltre all'assenza di Wynona), manca quella passione patinata anni 90, che a me fa proprio impazzire. Joe, guarda che la Watson le tette ce l'ha, a una certa nel film mi pare che gli stringano il corsetto o qualcosa del genere, e si vede che detiene un buon gonfiore pettale. Come conseguenza al fatto che c'è una scena del genere, il film si trasforma immediatamente in un capolavoro.
Ps: Timothy Chalamet si riconferma un bravo attore, sempre bello vispo, sprizzante di vitalità e simpatico oltremodo. Fa impazzire le giovani, mia nipote, che è venuta a vederlo con me, stava sempre a ripetere "ma quanto è bello!". I gusti delle giovani d'oggi sono cambiati e io non li capisco. Quando verrà l'era in cui il mio tipo di lineamenti saranno considerati da strafigo? Probabilmente nel 2100, quando sarò morto...
joe strummer: Con il corsetto anche una tavola da surf sembra avere le tette
hjhhjij: Se sapesse anche recitare sarebbe perfetta, la Emma.
hjhhjij: "ho vissuto 7 mesi a Galway" ma cheffigata, prima o poi seguirò l'esempio. Ovviamente intendevo debaseriana per gusti musicali.
joe strummer: C'hai ragione cazzo, ha delle discrete protuberanze
Onirico: Io la trovo bravina, sarà che sono da sempre un potteriano sfegatato, ma nel trio era l unica convincente...
hjhhjij: Ma se sei un potteriano come fai a trovare bravina la Watson o in generale quella peste bubbonica della saga cinematografica ? :D Con grandi attori questo si, ma non lei. Ps: nei primi 2 film erano tutti bravini i tre poi tutto nammerda.
Onirico: Vero, i primi due sono i migliori e anche meglio recitati...forse merito di chris columbus. Sono anche gli unici a rendere davvero l'atmosfera di magicume. Però dai. Ron ancora pure pure ma Daniel Radcliff, dal primo all'ultimo film ha un'espressione sola. Non dico che la Watson fosse chissà che grande attrice, ma era quella che rendeva al meglio il personaggio del libro...con più carattere, diciamo. In confronto a Harry e Ron, spiccava. Poi c'hai ragione, il terzo era ancora guardabile, il quarto sì ma con un occhio chiuso, e dal 5 in poi la merda totale...
joe strummer: Ho visto Piccole donne e non mi è piaciuto molto. La vuoi ancora la rece @[Onirico] ?
Onirico: Beh, sì, mi interesserebbe il tuo punto di vista. Alternativamente, se non ti va di farla, puoi dirmi qui perchè non ti è piaciuto. Non che a me abbia fatto impazzire, l'ho trovato carino e nulla più...
joe strummer: Non riuscivo a staccare gli occhi dal petto di Emma quando mette il vestito rosa 😍
Onirico: Se pubblichi una recensione sul film con solo questa frase, il mio 5 è assicurato.
sfascia carrozze
sfascia carrozze Divèrs
Opera:
Recensione:
Dell'esilio (anzi, latitanza) di Cracsi non me ne puo' fregare meno-di-nulla, al contempo continuo a sperare in un bel biopic sull'indimenticabile Carlo Donat-Cattin.
D'altronde è impossibile non amare uno con un cognome così.


ilfreddo: Mr. "L'Aids ce l'ha chi se lo va a cercare?" Sarebbe interessante sfascia
algol: ma anche Cirinopomicino meriterebbe
sfascia carrozze: Caro @[algol] non so sé Lei, lì, l'abbia visto ma il Cirinopomicino intravisto e reinterpretato all'interno de "Il Divo" Sorrentiniano merita veramente il prezzo del biglietto.
Il divo - Andreotti festa a casa di Cirino Pomicino
algol: a quello pensavo esimio Sfascia
Stanlio
Stanlio
Opera:
Recensione:


Diceva Sciascia, "La sicurezza del potere si fonda sull'insicurezza dei cittadini." e siccome i cittadini avevan principiato ad esser meno insicuri ecco che chi deteneva il potere aveva comiciato a cagarsi sotto... e comunque non confondiamo, quello non era un "esilio" ma una latitanza!


joe strummer: certo, "esilio" era un eufemismo :)
algol
algol
Opera:
Recensione:
In Italia siamo così messi bene che è ancora presto per affrontare (seriamente) e narrare un periodo come quello di "mani pulite". E non solo quello.
Ottima recensione per una pellicola che immaginavo proprio così, priva di coraggio e contenuti.
Il nostro cinema è lo specchio del paese, naviga davvero in cattive acque.


bluesboy94
bluesboy94
Opera:
Recensione:
Comunque con gli ultimi due film Favino si è imposto in termini di "trasformismo attoriale" anche al di sopra di Servillo (se guardiamo agli attori italiani contemporanei).


zappp: se parli come pesantezza di trucco si, con questo film Favino non ha clonato Bettino ma ne è stato completamente fagocitato, le sue sembianza....scomparse!
Se parliamo di recitazione, per me giocano 2 campionati diversi.
Stanlio: dai trailer visti qua e la, Favino fa un po' la macchietta di un Craxi inverosimile e un po' lo pappagalleggia, ma se capita lo vedrò, tanto per confermare ... di Servillo posso solo dire che ha uno stile tutto suo e non teme confronti con tanti attori di prima classe, chapeaux!
Andrew65
Andrew65
Opera:
Recensione:
Concordo. Certamente notevole la clonazione del Craxi Faviniano ma il film nel suo complesso mi è parso estremamente deludente. Partito bene con quel congresso del PSI che poteva essere uno spunto per il regista per approfondire storicamente quel periodo anche con altri flashbacks, poi però manca qualsiasi tentativo, anche velleitario di ricostruire con l'occhio del regista. Meglio non dire e non esporsi, questa mancanza di coraggio è imperdonabile. Dopo due ore di proiezione, mi sono alzato dalla poltrona non avendo imparato nulla rispetto a quanto già sapevo. Peccato, un'occasione persa.


joe strummer: infatti, anch'io mi aspettavo dei flashback gustosi, ma niente. Davvero povero
macaco
macaco
Opera:
Recensione:


Stanlio: A 2:44 dice che l'ha visto 2 volte ad Hamammet "dopodichè non l'ho visto più" e te credo... era morto!
macaco: Personaggio eh! Mi ricorda il Conte, poi cita pure i Led zeppelin
macaco: Chi avrá ragione? Per trovare un poco di veritá in ogni cosa é un lavorone della madonna
voiceface
voiceface
Opera:
Recensione:
Recensione interessante e ben scritta.


proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
ragazzi ho trovato la versione veramente bella, veramente vera! Se non vi piace siete dei coglioni
Bettino Craxi in: Colazione a Letto - Fumettidellagleba.org


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Hammamet è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link