Green Day
Father Of All Motherfuckers

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Il credito accumulato dai Green Day dopo quell’incredibile colpo di coda che fu “American Idiot” è stato dilapidato sciaguratamente in pochi anni, con una trilogia di album assolutamente fuori fuoco e molto poco ispirata.

Divisi (come tante altre band) tra una frangia di fans che chiedono a gran voce un secco ritorno alle origini di dischi come “Dookie” e “Insomniac”, e un’altra che ha accettato ed assorbito il nuovo corso del trio statunitense, più impegnato ed ambizioso, quattro anni fa Billie Joe e soci hanno optato per un disco ibrido come “Revolution Radio”, e, bilanciando in maniera forse un po’ furbetta pezzi “tradizionali” a qualche passaggio meno scontato, hanno ritrovato un enorme successo centrando la numero uno sia negli Stati Uniti che in UK.

Adesso è il turno del tredicesimo album in studio “Father Of All Motherfuckers”, registrato nell’estate del 2019 e prodotto dalla band assieme a Butch Walker e Chris Dugan. Si tratta di un disco che qualche tempo fa sarebbe stato definito “urgente”: è il più breve nella discografia del combo statunitense (ventisei minuti scarsi), persino più breve del debut “39/Smooth”, ed è composto da dieci proiettili sonori che raramente superano i tre minuti di durata.

Ed è un gran bene, perché da tempo i Green Day non suonavano così diretti e divertiti: lo si evince già dalla titletrack posta in apertura, che funge anche da lead single. Armstrong si arrampica su inaspettati falsetti princiani, mentre la band snocciola un pezzaccio garage secco e deciso alla maniera dei migliori Black Keys. Non è da meno “Fire, Ready, Aim”, un minuto e cinquanta di puro cazzeggio alla The Hives.

“Oh Yeah!” è un episodio anomalo nel contesto del disco, a partire dall’insolito campionamento di “Do You Wanna Touch Me” di Joan Jett, ma si lascia ascoltare e cresce col passare degli ascolti; i Green Day fanno davvero i Green Day solo in un episodio (“Sugar Youth”, un bel rimando al sound di “American Idiot”), mentre per il resto snocciolano influenze glam, blues e sixties, suonando freschi e diretti come nella deliziosa “Stab You In The Heart” e solo raramente imbolsiti come in “I Was A Teenage Teenager” (ibrido Weezer / My Chemical Romance poco centrato) e “Junkies On A High” (fondamentalmente una sfortunata autocover di “Boulevard Of Broken Dreams”).

Chiude il miglior brano dell’album, ovvero “Graffitia”, sentito omaggio ai padri Clash di “I Fought The Law”.

Brano migliore: Graffitia

Questa DeRecensione di Father Of All Motherfuckers è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/green-day/father-of-all-motherfuckers/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quattro)

proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
copertina da blood on the dance floor, assolutamente impresentabile e segno di impegno artistico ancora inferiore al solito. Peggio di così è impossibile fare, anche perché non è ironica e lo sappiamo.
Per parte mia ho scoperto solo ieri sera cosa vuol dire green day, me so sentito n cojone.


proggen_ait94: cioè avere 40-50 anni e presentare un prodotto in questo modo è veramente raccapricciante. Raccapricciante.
proggen_ait94: non so nemmeno perché mi sono scandalizzato, sempre evitati ammerda sti qua
Chainsaw: Io avevo pensato alla copertina di What the dei Black Flag
Onirico: Che vuol dire Green day? Io ho sempre pensato "Giorno verde"...
kloo: giorno verde inteso come giorno in cui si fuma (marja)
proggen_ait94: @[Chainsaw] orrenda pure quella
Onirico
Opera: | Recensione: |
Ho sentito solo Oh yeah, e non mi piace per gnente.

kloo
Opera: | Recensione: |
"origine... dookie... insomniac..." l'origine per me sono i primi ep 1039 e l'altro che non ricordo, già kerplunk è vagamente fuori fuoco. Nello stesso periodo Jawbreaker e Pegboy avrebbero fatto terra bruciata. naggia!

kloo: ecco poco dopo dici 1039/smooth.checkmate.
kloo: mo lo ascolto pure vediamo.
kloo: 2. Father Of All.. orrida, dovrebbe essere un power pop/rock, sembra uscito da una band inutile anni 2000.
kloo: 2. (prima 1.) Fire.Ready.Aim. si riconferma quella idea, The Hives su tutti,che già suonavano anacronistic, i Green Day che suonano gli Hives che erano già anacronistici che sventagliata di sterco.
kloo: 3. Oh Yeah! non so, sembra abbiamo la stessa fine dei Weezer solo che ci sono arrivati 15 anni dopo, e peggio.
kloo: 4. Meet Me On The Roof. massì quel brutto garage revival, come si chiamavano gli altri mostri? Jet, Fratellis, Caesars e tantissimi altri, che brutto periodo.
kloo: 4. Meet Me On The Roof. massì quel brutto garage revival, come si chiamavano gli altri mostri? Jet, Fratellis, Caesars e tantissimi altri, che brutto periodo.
kloo: mi fermo che ho di meglio da fare.
snes: Beh ma non c'eri, dookie e' il loro nevermind. E' assolutamente li' l'origine del fenomeno, che i primi dischi fossero migliori puo' benissimo essere. Pure bleach e' piu' originale di nevermind, ma se uno mi viene a dire che il suono dei veri nirvana e' in bleach e non in nevermind... Non e' "il disco migliore" ma quello che "da il via al fenomeno" il "disco delle origini" a meno che non si stia facendo un discorso atorico cronologico e basta, in quel caso, ok le origini sono le origini e basta, ma non mi sembra sia il caso di questa rece. Poi magari mi sbaglio.
kloo: non c'ero, (in realtà c'ero e pure mi ricordo in TV basket case, ma tralasciamo ero nell'età dell'incoscienza) quindi si può parlare di origine del fenomeno, ma le origini, come genesi, sono all'inizio, quindi parliamo di 1039/smooth e kerplunk eventualmente, kerplunk ebbe un discreto successo come indipendente. Poi passarono in major ed ecco dookie, ma a me sembra abbastanza riduttiva giudicare le cose in base la fama, nella musica la fama non esiste, per fortuna, se dovessimo giudicare dalle vendite, a sto punto datemi l'oclocrazia e fanculo i porci.
Chainsaw
Opera: | Recensione: |
Abbiamo la rece, abbiamo pure il doppione con la tesi opposta, mi manca solo la voglia di ascoltare questo disco. Magari me lo ascolto andando a correre, tanto non può essere peggio di Uno Dos e Tre... Oppure sì?

GrantNicholas: Meglio di quella trilogia qualsiasi cosa, credo
Chainsaw: No ok l'ho ascoltato ed è persino peggio di unduettrè. Quelli erano vuoto pneumatico d'idee, qua sembra che nemmeno loro sappiano cosa copiare. Su Revolution Radio copiavano sé stessi, e infatti era il loro disco meno peggio da non so quanto tempo.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: