Sto caricando...

Grimes
Art Angels

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Ci sono storie musicali che costituiscono una sorta di terra di mezzo. In quella manichea divisione tra bene e male (mainstream – alternative; cose per fighi tossici – cose per tossici da dance floor). A farne le spese sono artisti come Grimes. A distanza di più di un anno, fa un po' specie non trovare una recensione su Debaser ma anche questo conferma, se mai ce ne fosse bisogno, che quando un artista divide, parlarne o scriverne è sempre un'arma a doppio taglio.

Leggendo parecchie recensioni ho notato che Grimes viene spesso accostata a Enya o a Bjork: due musiciste per le quali non sento di spendere emoji dello smile che fa uscire il cuoricino dalla bocca.

Ora, non so cosa c'entrino queste due donne con la giovane canadese: Enya è una polistrumentista e Bjork è una cazzuta che fa roteare cubi su una Reactable (fortunatamente) passata in cavalleria. Per quanto riguarda Enya, la collego solo a una puntata di South Park quando il nonno di Stan cerca di spiegare al nipote il concetto di vecchiaia, rinchiudendo il bambino in una stanza buia con le musiche-parodie di Enya a tutto volume.

Tornando a Grimes, raccontarla come una che scrive testi, musiche, arrangia i suoi pezzi ed è regista di adorabili videoclip, sarebbe superficiale; sembrerebbe lo spot dello sfornatutto De Longhi che fa un sacco di cose, mica solo toast e pizzette.

Di artisti che scrivono, arrangiano, videoclippano e danno una passata di vetril al banco del mixer prima di tornare a casa, ce ne sono tanti. Il fatto è che questa giovanotta, non ancora trentenne, lo fa bene. E bisogna prenderne atto.

Non è un caso che la storica 4AD la segua e la distribuisca e la 4AD, per quanto mi riguarda, è un vero e proprio sigillo di garanzia in questa industria musicale che parrebbe voler tornare a volare alto.

Art Angels è uno degli album più interessanti degli ultimi anni e tralascio volentieri gli aspetti tecnici, la cura pedissequa di ogni singolo dettaglio, il modo intelligente in cui forma e sostanza si mischiano, quell'essere a un tanto così dal mainstream seppur in modo intelligente e responsabile.

Ho deciso di comprare il vinile che è davvero una delizia, con alcune stampe track by track all'interno – sicuramente – disegnate da lei, un artwork che se non fosse a corredo di un album davvero ben riuscito, potrebbe addirittura risultare presuntuoso. Ciò che noto, facendo ascoltare Art Angels, è che riesce a mettere d'accordo tutti: dai fruitori dell'easy listening alle orecchie più pretenziose. Quando raggiungi questo equilibrio – e non è facile per niente – sei sulla strada giusta.

Significa affondare le mani e l'anima in un best of di tutto ciò che un musicista ha imparato e ascoltato e metterlo a disposizione di tutti, nessuno escluso. Qui si avverte conoscenza, estetica, rispetto per i piccoli e grandi capisaldi della letteratura musicale più sperimentale ma anche i dettami del pop, il tutto ricondotto in un mood accessibile e piacevole. Ma soprattutto intelligente.

Peccato, peccato veramente, che in questa terra di mezzo, non ci sia spazio per dare un calcio in culo al pregiudizio.

Commenti (Venti)

BonHiver
BonHiver
Opera:
Recensione:
Hmm,é da tanto che volevo ascoltarla

BËL 00
BRÜ 00

noveccentrico: mi sa che dopo aver aspettato tanto, l'ascolto per te non è stato dei migliori :D ma ci sta.
fuggitivo
fuggitivo
Opera:
Recensione:
Bah, ho ascoltato due-tre canzoni e non mi è sembrata tutto sto scoop come alla fine l'hanno fatta passare.

BËL 00
BRÜ 00

noveccentrico: Tecnicamente hai colto il focus, nel senso: a me piace molto, a te per niente. E ci sta. Ma io non credo sia stato tutto 'sto scoop.
Loconweed
Loconweed
Opera:
Recensione:
a me è piaciuto un casino, molto più delle sue cose precedenti che venivano esaltate senza che abbia mai capito perché (forse dovrei riascoltarle).

BËL 01
BRÜ 00

Buzzin' Fly
Buzzin' Fly
Opera:
Recensione:
Boh ! essendo un tossico da Dance Floor non mi ha mai detto nulla. Magari ascoltando oggi con pupille non dilatate potrebbe avere un suo perché.

BËL 01
BRÜ 00

CoolOras
CoolOras
Opera:
Recensione:
Un ottimo disco Pop. Tra le cose migliori uscite nel 2015.

BËL 01
BRÜ 00

CosmicJocker
CosmicJocker
Opera:
Recensione:
Mi hai incuriosito..sottoscrivo la tua riflessione sulla "terra di mezzo"..ho sempre apprezzato e apprezzo tutt'ora i primi dischi degli Air per esempio..niente di imprescindibile per carità, eppure mi acchiappano e pure loro li metterei in questa "terra"

BËL 01
BRÜ 00

BonHiver
BonHiver
Opera:
Recensione:
Tutto fumo e niente arrosto,ecco l'effetto dell'hype. Se non sapessi chi è la scambierei per una delle tante pop star da classifica. Sopravvalutata

BËL 00
BRÜ 00

noveccentrico: ak, ok. avevi già detto la tua. io non sono d'accordissimo perché l'hype porta ben altri numeri.
BonHiver: Dipende,se si tratta di Nicolas jaar,janelle monae o la holter mi sta bene tutto quell'hype. Ma lei,beyonce e tutti quelli artisti sopravvalutato da pitchfork e simili li trovo scialbi
noveccentrico
noveccentrico
Opera:
Recensione:
Mi sento di confermare ciò che sostenevo. Piazzi qui la recensione di una band di drone-metal pakistana e fioccano le standing ovation. Se fai simpatia a qualcuno - e non è il mio caso - una rida di gagliardetti e menzioni. Io conosco persone che preferirebbero buttarsi da una finestra piuttosto che ascoltare per intero il disco dei Minami Deutsch che ho precedentemente recensito. Di fondo, c'è un pregiudizio sull'easy listening, dove Grimes pare addirittura una regina del mainstream pompata, quando la somma di tutti i suoi video raggiungono, forse, il 5% delle visualizzazioni di "Andiamo a comandare" di Rovazzi. Mi ricorda un po' quando uscì Back to Black della Winehouse e giù critiche feroci perché (lei sì), vendeva parecchio. Adesso è "un gran disco soul". E babè.

BËL 01
BRÜ 00

aleradio: Sono mesi che tento, invano, di assumerti. Ti immagino leggere, ghignare, e passare oltre. Questo mi fa male.
luludia
luludia
Opera:
Recensione:
Recensione davvero bella, di quelle che invogliano ad ascoltare...

BËL 01
BRÜ 00

Pinhead
Pinhead
Opera:
Recensione:
In negativo: ad un primo ascolto, la sua musica è molto lontana dai miei gusti.
In positivo: i video sono molto carini; fa uscire l'edizione in vinile; la 4D è una garanzia.
Dedicherò un secondo e pure un terzo ascolto.

BËL 01
BRÜ 00

noveccentrico
noveccentrico
Opera:
Recensione:
Modifica alla recensione: «troppi artisti». Vedi la vecchia versione link rotto

BËL 00
BRÜ 00

lector
lector
Opera:
Recensione:
Poche cose sono difficili come fare del buon Pop.

BËL 01
BRÜ 00

noveccentrico: sagge parole.
Taurus
Taurus
Opera:
Recensione:
Ti dirò ci sono un sacco di uscite di cui molte anche recenti che su Debaser non vengono calcolate da nessuno...

BËL 01
BRÜ 00

noveccentrico
noveccentrico
Opera:
Recensione:
il fatto è che mi piacerebbe vedere qualcuno capace di commentare con una severa stroncatura "quattro pezzi su una nota sola" di giacinto scelsi. aveva ragione @[Buzzin' Fly] in un suo commento che io traduco con: "non aspettate sempre il gigi d'alessio, la madonna e l'artista che "puzza" di pop, per fare gli stroncatori.

BËL 00
BRÜ 00

Taurus: Comunque andrebbero recensiti anche i dischi che non piacciono. Di solito però ci viene voglia di parlare di quello che è piaciuto. Altri nomi "pop" a rischio stroncatura ma di qualità secondo te?
noveccentrico: Il più evidente mi sembra Kanye West. Ma anche la stessa Beyoncé citata sopra da @[BonHiver]. Al di là dei gusti soggettivi, è vero che Pitchfork li ha trainati parecchio ma li trovi ben recensiti praticamente ovunque, anche il "moderato" Guardian li piazza nei primi posti.. Entrando nel soggettivo, trovo che Kanye West sia un talento da non sottovalutare, mentre la mia vita va avanti tranquilla senza aver comprato Lemonade (ma anche quello de su sorella Solange, stra-osannato ovunque). Il fatto è che Grimes non è propriamente stra-osannata e pompata come si vuol far credere. Ingannna il "genere" ma i numeri parlano chiaro.
Taurus: Quello di beyoncé non mi pare receensito quello della sorella si. Ad ogni modo a pitchfork ultimamente le chitarre non sembrano interessare.
noveccentrico: Sì, su debaser c'è la recensione su the life of pablo e anche quella del disco di solange e l'altalena di commenti ricorda un po' ciò che è accaduto qui (e sapevo sarebbe accaduto anche qui... era già accaduto quando ho scritto su mainstream di calcutta). LA verità è che tutti questi artisti hanno praticamente vinto perché dividono, come ai tempi quando qualcuno diceva che i Beates non duravano un mese o che Philip Glass era un incantatore di ghirigori a sei note. A me piacerebbe leggere delle belle stroncature, purché non si limitino al solito "merda di qua, merda di là". Ma la critica musicale già non esiste nel mondo dell'editoria, figuriamoci in un sito dove uno, giustamente, esprime la propria soggetività.
Taurus: Personalmente sono dell'idea che ognuno dovrebbe recensire ciò che vuole e non in base al gradimento. Se poi venga su un dibattito ben venga. E sono anche dell'idea che mi bisogna scindere contenuto e contenitore della recensione. Comunque le recensioni "pop" non sono mai mancate su Debaser.
Taurus: Per guardare a casa nostra io per esempio ho scritto di Cosmo ultimamente.
noveccentrico: Ma infatti io faccio un po' di polvere perché negli ultimi mesi ho visto sempre meno dibattiti all'interno delle recensioni. Il dibattito è molto utile, però laddove ho toccato le corde un po' più "pop", ho visto un po' di pregiudizio a priori ma ho visto anche un utente che stava andando di matto nel decidere se il disco di Benjamine Clementine gli piacesse o no. Spesso si fatica un po' ad accettare che un album, per così dire, in vetrina, possa piacere. Mi pare una presa di posizione un po' passata di moda.
proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
Brutto da dire ma per qualche motivo alle artiste arrivo sempre dopo gli artisti, e non credo di essere l'unico: altra terra di mezzo?

BËL 01
BRÜ 00

noveccentrico: Probabilmente sì: un'altra terra di mezzo nella quale, però, ci sono anch'io :D
kloo
kloo
Opera:
Recensione:
Di solito se non se ne parla, vuol dire che c'è mediocrità. Visions per me la rese unica nel suo modo e quindi fruibile in maniera meno critica e di parte. Il nuovo disco ha una produzione che non ha nulla a che fare con lei, il ritardo del disco ne é la conferma. Mentre prima il fulcro era nella voce in art angels é l'artificio musicale. Nei live balla!! E già questo mi può far capire la direzione intrapresa. Artwork orribile secondo il mio personale gusto 4pallini su 10. Tu comunque scrivi bene.

BËL 01
BRÜ 00

noveccentrico: Non so, anche la mediocrità può avere una narrativa ma in questo caso c'è una visibile frattura (mi limito ai commenti che leggo) tra chi lo considera un ottimo album e chi immonda spazzatura pop. P.S. Eccecredo che balla. E' ballerina :D
kloo: Mica é tanto ballerina, a Ravenna era distesa che suonava mille strumenti al massimo si agitava. I ballerini son quelli che dovrebbero puntare più sull'estetica che sulla musica e grimes doveva spingersi verso la musica.
noveccentrico: Capisco cosa intendi. Ha mostrato la sua "mercanzia", compresi anni e anni di danza classica, però ripeto: non è che siccome non fa più la Bjork de noantri significhi che abbia sbancato le charts, offrendosi al dio denaro. I numeri non dicono questo.
kloo: I numeri di vendita no, d'altronde non é in Universal o Warner bros, é ancora in 4AD. però credo che tra views youtube, concerti ed altro, sta cercando di dare un'immagine di se al livello degl'altri cancer pop. Per il fatto di p4k che osanna Black music e schifa le chitarre, lo fa solo per seguire la moda e per poter dire un giorno che l'ha influenzata. Io credo che grimes voglia mantenere una certa libertà potendo sconfinare nel main.pop, ed il fatto che non vende non é un fatto di alternativitá, il suono é (quasi) quello di una grande produzione ma aver venduto meno di Visions ai miei occhi aggrava la situazione: Il pubblico che aveva non l ha seguita quello nuovo non l ha apprezzata. Ora non può tornare indietro purtroppo per lei e quindi andrà avanti, per me sbagliando, ma credo l'abbia deciso lei.

Altro gruppo che per me si é sputtanato alla grande sono gli xx, ma questa é un'altra storia.
noveccentrico: La chiuderei cos: "A me piaceva all'inizio quando cantava Borderline, ma quando è entrata nella fase Papa don't preach non la seguo più". :D
Chainsaw
Chainsaw
Opera:
Recensione:
Quello che ha detto klou. Disco che mi è piaciuto a un primo ascolto e che poi mi ha arcistufato. Copertina che vabbè.

BËL 01
BRÜ 00

MikiNigagi
MikiNigagi
Opera:
Recensione:
Senza nessun pregiudizio, giuro. Scrissi pure qui di quanto mi piace Geidi Primes. Questo però zero, o quasi zero.

BËL 01
BRÜ 00

noveccentrico: Ci sta, ci sta :) Senza nessun pregiudizio ci sta pure che al posto delle stelline spuntano i candelloti di dinamite della acme.
noveccentrico: Ci sta, ci sta :) Senza nessun pregiudizio ci sta pure che al posto delle stelline spuntino i candelotti di dinamite della acme.

(Di Maio time).
kloo: Pecorsi democratici belli, BELLI!
proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
Non male in verità. Discodonna poppone molto migliore per me però:

BËL 01
BRÜ 00

ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Un disco piacevole, ballabile, maturo da un punto di vista compositivo. Un netto passo avanti rispetto al precedente "Visions".

BËL 00
BRÜ 00

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera