Half Japanese
The Band That Would Be King

()

Voto:

"I read the writing on the wall/ In fact I’m the guy that wrote it".

Ho visto la scritta sul muro/ in effetti sono stato proprio io ad averla fatta”.

Jad Fair è un vero genio. Un vero dilettante. Un vero alternativo.

Jad Fair è un leone sotto la pelle di un asino.

Jad Fair è il folle vagabondaggio di uno spirito libero, tanto insano nella sua innocenza quanto nella sua multiforme voluttà.

Jad Fair riporta indietro il valore rituale dell’ascolto. Risacralizza l’opera d’arte che non è più mera merce. Fa musica come arte totale e puramente espressiva. Arte, sì. Quella popolare, non aristocratica. Quella “alternativa”, meravigliosa e atipica, nella sua essenzialità e nel suo dilettantismo.

E con cosa? Col suo post punk alternativo oltre ogni alternativa. L’alternativo non plus ultra. Non più alternativo. L’impareggiabile schiettezza, grezza e, se avesse un colore, scarlatta.

Con Jad avvertiamo l’abisso che si scava sotto i piedi della civiltà. Cosa resta dell’uomo contemporaneo? Lo spontaneismo. Lo spontaneismo espressivo che salverà il mondo.

Una innocenza tanto radicale da risultare sovversiva. La sua debolezza è la sua forza.

Il film omonimo dell’album in oggetto, “The Band That Would Be King”, del regista Jeff Feuerzeig (distribuito solo nelle sale d'essai) nella seconda sequenza, prima dell’attacco vinilico di “Calling All Girls”, ci mostra i fratelli Fair nel 1992 a Uniontown, Maryland, dove si erano trasferiti da una dozzina d’anni coi genitori. Il corpulento David, ritratto della mitezza, enarra i loro esordi casalinghi ad Ann Arbor, Michigan, nel 1975 e l’amore per gli MC5. Jad, molto più basso, occhiali spessi un metro, come il fondo di una bottiglia di vetro, conseguenza evidente della frustrazione sessuale, lo affianca in silenzio. Meravigliosa immagine che fa sintesi del genio e del mentecatto che era in entrambi. E lo dico con enorme affetto. Iconici! Un vero emblema del rock alternativo. Due nerd di stazze opposte, in due cappotti più espressivi delle loro facce.

David è il non musicista. La sua bizzarria è eufemisticamente antiaccademica e concretamente pressapochista. Il suo scopo è proibire ai membri della band di imparare a suonare il proprio strumento, onde evitare limiti e convenzioni, in favore della pura astrazione gestuale. Jad, il poeta vate, è vitalità irrazionale, eccentrica, ma non esuberante. Il suo scopo è liberare i cuori da pensieri molesti. Col tempo sarà lui a portare avanti il “Giapponese a metà”, rivelando e nascondendo sotto una crosta grossolana un grande talento cantautorale.

Dopo l’uscita su 50 Skidillion Watts dei singoli “Calling All Girls (1977) e “Mono/No No (1978), giunsero al debutto per la sconosciuta e anglosassone Armageddon nel 1980. Si tratta molto semplicemente del primo e unico album triplo di esordio della storia del rock. Un must. Una pietra miliare. Anzi, tre. “1/2 Gentlemen Not Beasts” naturalmente è un lavoro geniale e inclassificabile. Ovvero 50 registrazioni casalinghe confusionarie e disorganiche, che inventano il lo-fi, il noise, l’indie, l’alternative, prima forse che quei termini avessero senso. Frammentarietà, atonalità, limpide allucinazioni, fitte e spasimi chitarristici, drumming sordo e tribale, fiati a cascata, assenza di riff e ritornelli, ripetitività ostinata, una parvenza di grandezza posta a encomio del caos.

Lester Bangs sentenziò “Half Japanese: un genere musicale completamente nuovo”. Robert Christagau di Village Voice scrisse che “1/2 Gentlemen Not Beasts in pratica ridefinisce il rock'n'roll”.

Una musica tanto assurda quanto onesta e vera. Tutte le altre canzoni, dopo aver ascoltato “1/2 Gentlemen Not Beasts” vi appariranno illusioni o blandizie. Almeno un po’. Il pressappochismo in sé diviene la forza motrice fondamentale dell'atto compositivo e dell’esecuzione. Segnando i sentieri futuri del rock.

La grandezza idiosincratica di Jad Fair traspare nel suo sound scoordinato, gracile e violento al contempo, nella sua free music d’approccio naif (e attitudine punk, se mi si passa il termine) che combina Jonathan Richman/Modern Lovers col pop classico degli anni '60, i Velvet Underground in un regressus ad uterum col dada-jazz di “Trout Mask Replica”, il rock sperimentale assolutamente libero di Frank Zappa con l’analfabetismo strumentale di "Philosophy Of The World" delle Shaggs, lo spirito goliardico dei Fugs con l'automatismo psichico del free-jazz di Albert Ayler, l’impeto violento di "Raw Power" e degli MC5 con la smania e l’atonalità dei Teenage Jesus and the Jerks. Eppure questi sono termini di paragone, perché conviene farsi carico definitivamente dell’ascolto di questo incommensurabile capolavoro.

Il primitivismo torna nei flussi di coscienza di “Loud” (Armageddon, 1981), altro capolavoro alternative, e in “The Horrible EP”, fosco omaggio al cinema dell'orrore, mentre Jad avvia anche la sua carriera solista.

Sul finire degli ’80, la presenza del fratello David si fa intermittente ed ecco che con “Music to Strip By” (50 Skidillion Watts, 1987), dove Dave è assente per poter seguire la degenza dei genitori, si inaugura la fase più musicale degli Half Japanese. C’è Mark Kramer (proprietario della Shimmy Disc, che sta per produrre “Today” dei Galaxie 500) accanto a Jad. Il sound diventa più professionale, e non è necessariamente un difetto, avvicinandosi al garage-rock di 13th Floor Elevator e Amboy Dukes. La fruibilità di Jad resta impacciata, goffa, ma in qualche modo malleabile seppur stralunata. In effetti i tre LP sfornati all’epoca dagli Half Japanese, “Music to Strip By”, “Charmed Life” e “The Band That Would Be King”, sono stati raccolti insieme da Fire nel 2015 in “Volume 2: 1987-1989” e costituiscono un trittico piuttosto compatto, senza eccessi di rumore o di astrattezza. La maggior parte delle canzoni, anzi, presenta strofe, ritornelli, persino bridge, e in qualche modo la vocazione melodica di Jad è pure maliosa. Tuttavia la cifra stilistica del “Giapponese a metà” resta chiara, una musica estroversa ed evasiva, forte dei un canto irregolare, smarrito e storto. Jad svela poi il suo talento narrativo, incanalando le sue ossessioni e insofferenze in canzoni dal fascino stravolto, ma schiette, comico e astruso, ma struggenti. Il merito va ascritto alla sua sensibilità totalmente ingenua.

Il processo di ascoltabilità, che è anche processo all’ascoltabilità, culmina proprio con “The Band That Would Be King” (50 Skidillion Watts, 1989).

Qui Jad canta l'amore con parole così innocenti e immature da commuovere, con una voce sbriciolata, autoreferenziale, anomala, sprovveduta e sconnessa. Il suo registro spartisce qualcosa con Gordon Gano e Jonathan Richman. Canto, spesso parlato, che freme di candore ed esprime un senso di sconfitta senza battaglie. Eppure tanto arguti risultano i suoi versi, quanto il canto appare versatile e sfuggente. Ironia, freddure, distici taglienti, inversioni di senso, battute assurde, in un andirivieni avvincente. Una loquacità imparentata con gli sproloqui labirintici di Mark E. Smith. I Fall del Maryland? Perché no? Why not? Certamente i Fall del Michigan.

Se “Music to Strip By” affronta tematiche pruriginose, attraverso blues distorti e melodie scheletriche, “Charmed Life” è più spiritoso e battutistico, con David di nuovo nella line up. “The Band That Would Be King” risulta una sintesi dei due progetti, con un'ulteriore spinta al rinnovamento.

L’edizione del 1993 vanta l’aggiunta di ben 11 tracce inedite, con una fantastica e spigolosa versione alterata di “Sugarcane” e una interamente folle e delirante “Jump Up”. L'album ordinario accoglie hit single in potenza, brani di ottima fattura rock’n’roll, pezzi umoristici, senza rinunciare a piccole sperimentazioni.

La band per quest’opera allinea Jad Fair, Don Fleming (BALL /Gumball), Mark Jickling, accreditato come Mr. J. Rice, Kramer (Shockabilly, Bongwater), Scott Jarvis, Rob Kennedy e gli special guest Georges Cartwright (sassofonista di estrazione jazz), Fred Frith (ex Henry Cow) e l’avanguardista John Zorn.

Rispetto all’entusiasmo di “Charmed Life” il suono è tendenzialmente più duro. Le canzoni sono nitide, ma l'esecuzione è più grezza e, a volte, anche rabbiosa. In copertina Jad sfida sul ring Elvis Presley. Al ghigno spocchioso di Elvis replica lo sguardo quasi sicuro di Jad, sotto gli spessi occhiali. Entrambi i pugili sono ritratti in un movimento plastico.

La scrittura di Fair si contraddistingue una volta in più per i suoi sentimenti onesti e schietti. “The Band That Would Be King” corre a metà strada tra tortura e dolcezza, Jad è in equilibrio, precario, ma equilibrio, tra gioia e cuore spezzato. Come si faccia? “Quare id faciam, fortasse requiris. Nescio, sed fieri sentio et excrucior” ( Ti chiederai forse come si faccia! Non so, ma avviene ed è il mio tormento). Catullo sta bene con Fair. Tanto quanto quella dicotomia si fonde col disco, tanto lo rende vivido e attuale. Anche in questi solchi è tracciata la strada dell’indie rock, non solo nell’enfasi del fai-da-te che non evita la melodia, ma anche attraverso una diretta esposizione emotiva e affettiva.

Tutto, va riconosciuto, versa in una assoluta dipendenza dal carattere peculiare di Jad. Lo stuolo di personalità eccentriche che lo accompagna è magnetizzato dalla sua personalità. E Jad, a differenza della solitudine o dell’intimismo espresso da altri anti-eroi alternativi, spesso autodistruttivi, ha la capacità privilegiata di rendere le sue ossessioni personali relativamente esplicite e alla fine universali. Ci pongono davanti a un panorama collettivo e globale. Non per un trionfo va da sè, ma almeno per sentirci tutti nella stessa barca, un po’ meno soli.

Jad Fair, il genio isolato e dilettantistico del Maryland, è il portabandiera del rock alternativo e indipendente. Un paladino con un registro da panico permanente. Jad canta in maniera sfasata, strascicando le sillabe, ingollandole. È come un torrente in piena, ma straordinariamente limpido. Poi ci sa buttare sopra una spolverata di zucchero. Così in questo album splendono pezzi come "Open Your Eyes/Close Your Eyes", tutta urgenza, enfasi ritmica e concitazione, "Daytona Beach", fatta di languori pseudoromantici tra sole negli occhi, sabbia nelle scarpe, donne fredde e pizza calda, il lamento funereo di "Some Things Last A Long Time" coi lunghi singulti dei sassofoni, la bizzarra miniatura di "Ride Ride Ride", per giungere a "Put Some Sugar On It", una delle melodie più belle e tenere di tutta la sua carriera, e anche ad "Ashes On The Ground", con una melodia sognante e pure straniante col ricorso alla doppia voce. Non mancano come sempre titoli curiosi come "Ventriloquism Made Easy", "Deadly Alien Spawn" o "Curse Of The Doll People", cioè “Il ventriloquismo è facile”, “Uova aliene morenti”, “La maledizione delle bambole”. O titoli emblematici come "Every Word Is True" e "I Live For Love".

Inutile, a questo punto, anche solo ipotizzare di segnalare la discografia florida, pingue, ipertrofica successiva, sia “giapponese” che solista di Jad. Tuttavia tra le collaborazioni val la pena ricordare i nomi di Yo la Tengo, Moe Tucker, Daniel Johnston, J. Masics, Teenage Funclub, Thurston Moore e Steve Shelley dei Sonic Youth. Tra le nuove imprese folli, a parte l’improbabile raccolta di ninna nanne “Sing Your Little Babies To Sleep” con 26 tracce intitolate con altrettante lettere dell'alfabeto e tutte dedicate a mostri, in compartecipazione col fratello, va segnalato il ½ Japanese “Heaven Sent” (Emperor Jones, 1997), dove ben 64 di 73 minuti totali sono accreditati alla titletrack, semplicemente la piu` lunga canzone rock di tutti i tempi. L’indomito Jad seguita ancora oggi ad applicarsi al "Mezzo giapponese": nel 2017 pubblica “Hear the Lions Roar” e a gennaio di quest’anno è uscito “Why Not?”. Opere che sfuggono di mano appena si tenti di afferrarle e dipanarle. Dove ancora Jad mostra la sua predilezione per la grazia infantile, che li ha sempre contraddistinti, fino ad esacerbarla.

Ecco perché gli Half Japanese sono gentiluomini, non bestie.

Questa DeRecensione di The Band That Would Be King è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/half-japanese/the-band-that-would-be-king/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Undici)

Pinhead
Opera: | Recensione: |
"... i loro esordi casalinghi ad Ann Arbor, Michigan, nel 1975 e l’amore per gli MC5 ..." qualcosa non mi torna.
BËL (01)
BRÜ (00)

Almotasim : La famglia girava molto. Allmusic dice incerta l'origine tra Michigan e Maryland. Io mi sono basato sul loro film citato. La passione per gli MC5 li ha portati a far musica.
Pinhead: No, ma è solo il fatto che associo Ann Arbor ad Iggy Pop e mi è venuto da pensare che, avendo Iggy in casa, si innamorano degli MC5; un po' come chi nasce e cresce a Roma e tifa Juve; suona strano, ecco; per il resto, era solo una battuta scema, niente di che.
Almotasim : Eh, e' una bella battuta. Comunque loro avevano il poster degli MC5.
Almotasim : Grazie del passaggio.
imasoulman
Opera: | Recensione: |
they're (he's) Big in Half Japanese
BËL (01)
BRÜ (00)

imasoulman: coi nomi che collaborarono con Jad si può in effetti allestire il più bel bestiario indie-rock del pianeta
imasoulman: inciso: quello coi Teenage Fanclub è bellissimo
Almotasim : In effetti tutte quelle fantastiche collaborazioni vorranno dire qualcosa. Almeno che 1/2 Gentlemen ho lasciato il segno in tanti.
Almotasim : *ha lasciato...
Almotasim : Grazie del passaggio, Ima. Adesso hai marchiato il mio immaginario con quel raffinato "bestiario indie rock".
IlConte
Opera: | Recensione: |
Ma un riff, una melodia, un ritornello no?! Ahahahahahahah, 64 minuti??!!! Mi viene l’ansia al sesto e al tredicesimo sono alla neuro!!!
Ho capito poco non essendo del “settore” ed è un po’ troppo dotta per me ma si sa Is e mai problem. O revuar le Noble.
BËL (02)
BRÜ (00)

Johnny b.: Commento superlativo.
Almotasim : Jad e' un mattacchione. Un mattacchione buono. Se un giorno prenderai per mano Trout Mask Replica di Captain Beefheart, dove si parte dal blues (o dal suo cadavere) per arrivare non si sa dove, magari poi passi per 1/2 Gentlemen. Comunque questo The Band That... e' molto piu' normodotato come album. Grazie del passaggio, nobile.
IlConte: Del capitano ho i due dischi da sempre, ne riconosco il “genio” ma li lascio lì al loro posto...
Almotasim : Ah, bene. Oh, nobile. Lei e' un seguace della musica "veloce e bulbosa"!
IlConte: Grazie Johnny, molto sincero più che altro ahahah
IlConte: Ma sa, dotto Almo, la mia pazienza in tutto è nulla, l’ansia da sempre è a mille... cose brevi e cariche ahahah
IlConte: Se ti faccio sentire come mi ha descritto la Contessina in un vocale muori ahahah
IlConte: Una cosa tipo “mio papà odia l’elettronica, le file, il caldo e non sopporta nessuno” ahahah
Almotasim : Bellissima descrizione. Falle i complimenti. E anche al suo vecchio, dai. Mettila sulla tua scheda personale. E in appendice ci puo' stare anche il motto di Bukovski: umanita' mi stai sul cazzo da sempre.
IlConte: Ahahahah, già campeggia davanti alla nobil dimora “la sanità mentale è un’imperfezione”...
Questa me la potrei tatuare.... in fronte ahahahahah
hellraiser
Opera: | Recensione: |
Non ne so nulla ma è sempre un vero piacere leggerti, scrivi molto bene
BËL (01)
BRÜ (00)

Almotasim : Grazie, Hell! Mi fa piacere che ti sia piaciuta. In effetti gli Half Japanese sono molto "strani ma veri". Qualche giorno fa mi sono immerso nelle oltre due ore del loro debutto ed e' stato bello come non mai. Ci ho sentito un sacco di musica alternativa che amo. Complimenti a te per i tuoi ascolti pasquali.
Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Bellissima pagina di cultura musicale. Jad Fair un grande del panorama Indie anche se il suo pressapochismo non fa più presa per quanto mi riguarda. Alla lunga mi ha stancato a differenza delle tue recensioni sempre lette tutto d'un fiate.
BËL (01)
BRÜ (00)

Johnny b.: Niente da fare, riconosco l'importanza la bravura ma ogni volta che ascolto qualcosa di suo non mi viene mai voglia di riascoltatlo. Cosa strana.
Almotasim : Oh, beh, non e' cosi' strano. 1/2 Gentlemen e' un album capitale, ma quante volte puoi ascoltarlo nella vita? Magari e' come un bel quadro che vai a vedere in un museo, in una citta' lontana, una volta. Grazie per le tue parole sempre gentili e per la tue attenzione.
lector
Opera: | Recensione: |
Jad Fair merita una così bella pagina
BËL (01)
BRÜ (00)

Almotasim : Grazie, Lector. Jad e' colui che non e', se non in modo alternativo. La cosa strana e' che la sua sensibilita' esasperata e ingenua gli ha comunque dato una certa notorieta' (underground, ok) e l'ammirazione di tanti colleghi.
Falloppio
Opera: | Recensione: |
Eh già. Sono sempre strato di strofa e ritornello e magari un bel ponte che lancia un solo..... Nada de nada, desculpa hermano.... Bella la tua passione che esce da questo scritto.
BËL (01)
BRÜ (00)

Almotasim : Grazie del passaggio, Falloppio. Niente contro i canoni, figuriamoci. Ma quando qualcuno sa essere cosi' alternativo e/o sovversivo con la musica rock, e senza arroganza, un po' mi incanta.
TheNemesis
Opera: | Recensione: |
Bella rece, scritta molto bene e col cuore e con la cultura. Anche l'uso del termine "spontaneismo" non è usuale e denota profonda conoscenza della socialità.
Sull'opera non mi esprimo. Conosco poco il rock alternativo e non mi esalta. Alternativo poi a cosa? Alla classica struttura strofa-ritornello-frase? Beh... c'è chi è stato precursore in questo, vedi i grandi del prog... ma forse io sono un po' di parte :)
BËL (01)
BRÜ (00)

Almotasim : Grazie del passaggio, Nemesis! La questione dell'alternativa, ti devo dare ragione, e' opinabile. Con Jad ha un po' piu' di credibilita' per distanza dal main stream e libera ricerca. Naturalmente ascolto anche i King Crimson. Ma ritrovo una grandezza trasversale in opere come Trout Mask Replica (apprezzato fondamentalmente con 41 di febbre) e 1/2 Gentleman Not Beasts.
TheNemesis
Opera: | Recensione: |
Dimenticavo il voto....
BËL (00)
BRÜ (00)

De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Sono rimasto impressionato dal numero impressionante (appunto) di band e personaggi che vai a citare nella tua recensione (quindi ti perdono anche l'errore nel digitare il nome del leader dei Dinosaur Jr.). Storia raccontata come al solito in modo esemplare e di cui ero in pratica all'oscuro. Volevo chiederti una cosa visto la tua proverbiale "prolissità" (in senso del tutto positivo): ma quanto ci metti ad impostare e buttar giù una pagina così ricca di ogni tipo di contenuto? Cose che io mi sogno, visto che sono abituato a scrivere le mie pagine in una manciata di minuti. A mio parere, credo di conoscerti ormai, c'è un grosso lavoro che ti impegna per diverse giornate; o magari mi sbaglio. Saluti da una fredda e ventosa Ossola.
BËL (01)
BRÜ (00)

Almotasim : J Mascis. J Mascis, l'amico di J Orso, lo riscrivo 10 volte... Per questa ci e' voluto qualche giorno. Si'. Son partito con piu' l'ascolto folgorante che mai abbia avuto di Gentlemen Not Beasts, che volevo omaggiare, ma aveva gia' una bella recensione. Poi ci ho messo questo Would Be King. In effetti quando abbiamo collaborato per i Primus mi aveva stupito la tua urgenza espressiva "punk". Che e' una bellissima cosa, resta cosi', eh. Ciao, De...Ma!
hjhhjij
Opera: | Recensione: |
Anche loro, prima o poi, dovrei recuperarli lì seppelliti nell'hard disk da qualche parte.
BËL (01)
BRÜ (00)

Almotasim : Grazie, Hj! Per invogliarti guarda questa performance commovente...
Half Japanese - 1,000,000,000 Kisses
hjhhjij: Beatles e Jefferson Airplane soocate proprio. Solo i Re Acuti rimangono una spanna sopra.
Almotasim : Hey, ma la puntata dei re acuti e' una delle mie preferite (insieme a quella dove scopre che Marge e' la sua anima gemella e parla con una volpe/sciacallo... di cui ignoro il titolo).

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: