Hector Zazou
Sahara Blue

()

Voto:

Rimbaud

Avvento della giovinezza

Immagine perfetta

Sensazione perfetta

(Massimo volume Il primo dio)

Una cosa è certa: quando ci si prende la briga di musicare i versi di un grande poeta si corre un bel rischio. Niente è infatti più facile che rovinare un capolavoro.

Se poi il poeta, oltre che grande, è addirittura leggendario, apriti cielo.

Se poi, oltre che grande e leggendario, è pure di quelli che conta milioni di esegesi e note a margine, la cosa si complica ancor di più.

Insomma, caro il mio signor Zazou, io me li immagino i milioni di rimbaldiani, rimbaldologi, rimbaldisti alla tua porta. E immagino tutti quei "chi cazzo sei, come ti sei permesso?"

E sai perchè me li immagino? Perchè sono un rimbaldiano, rimbaldologo, rimbaldista anch'io...E quindi anch’io mi attacco al batacchio della tua porta,

La prima cosa che devo dirti è questa: non bastava il fanciullo Arturo come carico da undici? C'era bisogno di convocare tutta quella gente, tipo John Cale, tipo David Sylvian, tipo i Dead can dance, tipo Bill Laswell? Non lo sai che il troppo stroppia? Non lo sai che non serve giocare con cinque numeri dieci? E che in sto modo persino il Chievo ti infila in contropiede?

Insomma già ti prendi il più grande poeta di tutti i tempi e poi, non contento, convochi tutta quella bella gente? Non sai che l'Argentina il mondiale non lo vince mai, non sai che con carte del genere, se ti fai fottere l'ultima presa a tressette, fai una figura che ride tutto il bar?

Ma fosse solo questo...

Il peggio è che tutte le caselline sono al posto giusto.

E quindi, per gli anni africani, ecco i suoni etnici... e, per la poesia visionaria, ecco una specie di sfiatata lounge d’avanguardia.

Tutto bene,certo. Solo che, appunto, non c'è una sola nota fuori posto e non una fottuta cosa che non si bei della propria cazzo di eleganza. E questo è un problema.

Perché Rimbaud era sempre fuori posto e dell'eleganza se ne fotteva.

Ed era sprezzante,era maleducato. Al punto che nel suo periodo voyou (leggasi monellesco) l'avrei visto bene in un gruppo punk.

D’altronde non era forse lui a parlare di veneri con orribili piaghe al culo, non paragonava forse i i sogni allo sterco delle piccionaie, non erano forse i suoi gigli dei magnifici clisteri d'estasi e le sue viole scaracchi di nere ninfe? Per non dire dei burocrati,dei preti, dei borghesucci visti come orribili e repellenti escrescenze subumane.

E nel periodo Voyant (leggasi veggente) non sarebbe stato un fantastico front man psichedelico?

Ve lo ricordate, vero, quando vedeva INDISCUTIBILMENTE una moschea al posto di un'officina e un salotto in fondo a un lago? O quando cercava di ritrovare l’innocenza delle cose e del linguaggio?

E nel periodo canzoncina (leggasi proprio canzoncina), quando con ritornelli insulsi e ritmi ingenui annotava l'inesprimibile e fissava vertigini, non era forse in preda a una specie di sghemba e tremolante grazia barrettiana ante litteram?

E comunque caro signor Zazou, stiam parlando del fidanzato cosmico della zia Patti... di un tale che sussurrava all’orecchio di mister tamburino...

E una sua poesia l’ha musicata pure, in uno strano disco cinese, una certa miss Pravo.

Ma ok, ora la smetto con le mie fisime da rimbaldologo, rimbaldiano, rimbaldista...che se anche nel tuo disco ogni tanto ci si rompe le palle, un po’ di numeri favolosi ci sono....

E quando dico favolosi, intendo proprio favolosi...

"Lines", per esempio, una malinconica lounge quasi 4AD che alterna magia e dissonanza.

E "Sahara blu", ballata accompagnata da percussioni ipnotiche con interferenze radio e intermezzi d'acustica insinuante.

Son brani magnifici, segnati dalla voce dolcissima e sospesa di Barbara Cogan, che riesce, non strafando e appoggiandosi lieve, nella non facile impresa di essere all'altezza della potenza inconscia delle immagini.

E quando nel finale di "Lines" l'ultima visione muore in un appena appena di cacofonia...quando in "Sahara blu" tutta la bellezza si riassume nel verso "it is all too beautiful", ti immagini lo stesso Rimbaud che dice: “ci siamo, ci siamo cazzo!!!”

E si, ci siamo, ci siamo davvero, anche se non è punk, anche se non è psichedelia, anche se non è Barrett....

Poi che dire di "Amdyaz"?

Cantata in arabo, gli accordi iniziali che sembrano quelli di "Bela Lugosi" dei Bauhaus (?) e si trasformano ben presto in una ammaliante ballata mediorientale, sorretta da una acustica che si carica, via via, di suoni argentini e strani sonagli

La voce austera di Malka Spiegel e quella saltabeccante e ritmica di Khaled fan pensare a una dea e a uno spiritello che le danza intorno L'incongrua e stridente elettrica che compare nel finale è poi un autentico colpo di genio.

Che, alla faccia delle teste di cazzo, elettrica e medio oriente son proprio una bella coppia.

Poi, sorpresa delle sorprese, c'è il signor John Cale che fa il fine dicitore E, sia in “First evening”, sia iin “Hungers” (tutta minime variazioni la prima ed eccellente delirio la seconda), la voce declamante dell'ex Velvet rende al meglio il tono allucinato del grande poeta francese.

Resta da dire che i Dead can dance in "Youth" e "Black stream" fanno i Dead can dance, il che basta e avanza. E specialmente “Youth”, con quel suo impercettibile passare (in un attimo appena) dall’assoluto al selvaggio, che prima è tutta evocazione e mistero e poi tutta tamburi e canto sguaiato, rimane nella memoria.

Tutto il resto è noia.

Anche se, non fosse altro per il piacere di rintracciare i versi di Rimbaud, qualche volta il disco me l’ascolto dall’inizio alla fine. Ma il meglio è selezionare i sette brani che vi ho malamente descritto e, random, ascoltarli per ore.

Ah, non so dirvi quanti pomeriggi dei novanta ho passato così...

Grazie signor Zazou...

Questa DeRecensione di Sahara Blue è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/hector-zazou/sahara-blue/recensione-luludia

Area sponsor. La vedono solo gli utenti anonimi. Quindi Accedi!


Commenti (Tredici)

algol
Opera: | Recensione: |
personale senza essere totalmente autoreferenziale (questa volta). Bello scritto.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

luludia: Oddio, tutte le cose che ho scritto erano sempre al servizio della musica...opinioni...comunque grazie dell'apprezzamento...
algol: non voglio rinfocolare nessuna polemica, così come so che il tuo intento era quello di veicolare curiosità e apprezzamento verso opere a te particolarmente care. Dico che questo, ai miei occhi, è uno scritto molto efficace in tal senso. Mi piace.
luludia: No, nessuna polemica...ho solo ribadito...e rinnovo il mio ringraziamento...
RinaldiACHTUNG
Opera: | Recensione: |
Tu mi prendi Rimbaud e lo infili in un gruppo punk? ❤
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

luludia: Si, mi pare un bellissimo binomio...
RinaldiACHTUNG: Stupendo. Sono un lettore accanito di Rimbaud e Baudelaire e associarli al punk in un certo senso ci sta a pennello. Immagina il vecchio Charles che se la prende col Belgio a suon di chitarra 😂
luludia: Si, anche se il grande charles era troppo squisito per essere punk...
Pinhead
Opera: | Recensione: |
Scusa, hai scritto gioia?
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

luludia: ???
Pinhead: Avresti dovuto rispondere «No, non ho scritto gioia, ma noia, noia, noia», parafrasando «Tutto il resto è noia» di Franco Califano.
luludia: Ah, ok...non ci crederai ma non avevo in mente il califfo...
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Vivo seduto come un angelo nelle mani di un barbiere impugnando un boccale dalle profonde scanalature, lipogastro ed il collo ad arco, sotto un cielo gonfio di impalpabili veli.
BËL ( 03 )
BRÜ ( 00 )

Almotasim : L'ipogastro
Almotasim : La memoria mi tradisce... manca la pipa tra I denti.
luludia: Si questa e' preghiera della sera, vengon da li i sogni paragonati allo sterco di una colombaia...
luludia: Oh si, rimbe era un accanito fumatore di pipa...
luludia
Opera: | Recensione: |
Che poi non piccionaia, ma colombaia...che poi magari piccioni e colombi son la stessa cosa, boh...
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

luludia: Questa doveva andare sopra...
Cialtronius
Opera: | Recensione: |
ma perchè ogni volta ci devi infilare BARRET? :)

mi sembri quello del grande LEBOWSKY che in ogni cosa ci infilava sempre il VIETNAM!
BËL ( 02 )
BRÜ ( 00 )

luludia: Questa non e' male, davvero...
luludia: Piuttosto, come facciamo senza mark?
Cialtronius: ci si annoia allegramente!
è un posto strano questo... si dà addosso all'untore (al troll nazista razzista omofobo e distruttore di bobbi dilan) e lo si caccia come un appestato, dimostrando, in questo caso PER DAVVERO, la stessa intolleranza che egli manifestava PER FINTA e/o mera provocazione...
IlConte: Cacciato?! Mi era diventato simpatico, con me non se la prendeva mai anzi. A parte il Fascio...
luludia: Certe parti delle sue rece erano davvero notevoli...
algol: lo erano. Non sapevo fosse stato ri-bannato. Immagino che sia alla luce della nuova politica del sito, all'insegna di una "credibilità" che non può più tollerare personalismi, provocazioni e pure puri cazzeggi oltre certi limiti.
hjhhjij: Già. Diciamo che una volta sarebbe durato di più. Ma a parte questo, fa parte del gioco anche il ban del personaggio di turno. Ne arriverò un altro. Non è cosi differente in fondo.
Cialtronius: pazienza...
IlConte
Opera: | Recensione: |
Caro nobile poeta la mia ignoranza non mi permette di conoscere l'autore oggetto della rece, ma citi tanta, tanta bella gente! Grande, un abbraccio di cuore. @[Pinhead] (5) - Rimbaud/James Douglas
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Pinhead: Adesso mi tocca rientrare.
luludia: Grazie conte...
TheJargonKing
Opera: | Recensione: |
grande testa quella di Zazou
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

luludia: Si, concordo...
luludia
Opera: | Recensione: |
Grazie caro conte...
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

luludia: Oh, ma mi sbaglio sempre... Sempre!!! Pure questa andava sopra...
odradek
Opera: | Recensione: |
Chissà che ti risponderebbe, il buon Hector, leggesse le tue parole. Sono quasi 10 anni che se n'è andato, mannaggia. Questo è uno dei suoi dischi che ho riascoltato meno, e testimonia solo una parte della sua multiforme produzione, che ha davvero spaziato in ambiti molto diversi, dagli esordi sino agli ultimi dischi (io ho Quadri{+}Chromies, un cd e dvd, difficile dirne, all'epoca scrissi qualche riga poi cestinai) L'ho incontrato le prime volte sui vinili della Crammed Discs, primi anni '80. Un signore, credo. Almeno questo mi fa pensare la sua musica, e un po' anche la sua faccia. Ok, R.I.P.
BËL ( 01 )
BRÜ ( 01 )

Miss Kinotto
Opera: | Recensione: |
nulla, il vuoto pneumatico, ecco quel che ho trovato nella mia testa relativamente a Rimbaud. Per esempio, ho scoperto solo ora andando su wikip che ha fatto tutto prima dei 20. Va beh ... gli darò un orecchio. Ma le hanno tradotte per musicarle? >Perchè per me tradurre poesie è un brutto mestiere.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

luludia: Immagino abbiano usato traduzioni gia' esistenti...comunque c'e' pure qualche brano in francese...
Nico63
Opera: | Recensione: |
Come si cambia... in gioventù mi ero letto e riletto (almeno in parte anche in lingua), restandone folgorato, Le illuminazioni. Tanti anni dopo mi piglio l'opera omnia e quando attacco a leggerla, un pezzo ogni tanto e volutamente senza ricorrere alle note (salvo rendermi conto che troppo spesso senza le note non si capisce una mazza, non tanto per oscurità di linguaggio quanto per riferimenti al contingente)... che due palle! La sensazione di buttare il tempo. A circa metà (cosa che faccio non frequentemente) mollo lì e rimpiazzo con... le liriche di Jaufré Rudel: che meraviglia, altro pianeta. Tanti saluti Rimbaud, Johnny Rotten non mi è tramontato, tu sì.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

luludia: Per me rimane il piu' grande poeta di sempre...anche se, a dire il vero, ho smesso di leggerlo... forse e' stato un bene...era per me una vera ossessione...e conoscevo molti suoi versi a memoria...
lector
Opera: | Recensione: |
Si parla sempre molto di Rimbaud, ma poi lo si legge poco....
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: