I Teppisti dei Sogni
Live in Nocera Terinese

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Sul piazzale antistante la Parrocchia di Nocera Terinese l’atmosfera diventa bollente, quando l’annunciatrice scosciata sale sul palco ad annunciare i Teppisti dei Sogni.

Il pubblico si è già scaldato con l’esibizione delle scuole di danza del lametino, oltre che con i trenta gradi serali. Ora però le nonne taglie forti e le mamme con passeggino vengono educatamente allontanate per fare spazio alla moltitudine di fans di una delle storiche formazioni del pop melodico mediterraneo.

Se sono qui è colpa, pardon, merito di Giuseppe, il mio vicino di casa in terra calabra.

L’ho trovato due sere fa, tutto mortificato, seduto su una panchina del nostro residence.

-Oh, Giusè, che c’hai?- gli ho chiesto.

Giusè mi ha spiegato quanto fosse triste, perché l’indomani c’era l’esibizione dei Teppisti dei Sogni, alla festa della birra qui vicino, a Nocera Terinese. E lui non ci poteva andare, che doveva accompagnare in qualche posto la mamma Rosina con le zampe gonfie e quindi poco deambulante. E sarebbe stata la seconda volta che li mancava, in quanto se li era già persi la settimana scorsa, quando si erano esibiti a Soveria Mannelli, per la Sagra della melanzana cunzata.
-Vabbuò, Giusè- gli ho detto -magari faccio un salto a ‘sta festa della birra, così ti dico come sono andati.-

-Bravo!- mi ha risposto commosso -Musica come quella dei Teppisti dei Sogni non se ne fa più in Italia.-
-Ma che musica fanno?- gli ho chiesto candidamente.
Giuseppe su questo punto si è un po’ incasinato, e alla fine per spiegare i loro riferimenti con le braccia ha tracciato un semicerchio, come un arco che parte da Mino Reitano attraversa gente come i Santo California e termina con i Pooh.
E conclude: -Insomma, sono dei melodici, via.

A Giuseppe non glielo dico, che più che i Teppisti dei sogni sarei interessato alla birra, ma alla fine quel che conta è che questa sera ci sono anch’io, tra il pubblico in trepidante attesa per l’inizio del concerto.

Ma ecco che zompano sul palco quattro tizi combinati a metà strada tra nonni dei Blues Brothers ed insegnanti di ginnastica in pensione.

Dopo i saluti di rito del frontman, lo spettacolo prende subito il via. Partono con tastiere languide, una chitarra evocativa ad introdurre le prime strofe di una canzone triste in cui un uomo solo nella sua cameretta si dilania x l'amore fuggito via. C'è un attimo di panico nel pubblico, quando cantano di una mano che scivola giù sul lenzuolo, una piccola pausa, ma la mano si indirizza sul cuscino che odora ancora del profumo dell'amata in fuga.
Ecco, nei testi delle canzoni successive, questo tema dell'abbandono da parte della donna emerge come topos ricorrente. Insieme al leitmotiv dell'emigrante.
Anche se non mancano divagazioni su temi più filosofici ed ardite fantasie, come nella canzone Se io avessi le ali, titolo prontamente corretto da una ragazza accanto a me: -Se io avessi le ali? Ma non si dice se io avrei le ali?-
Lo show prosegue con un alternarsi di melodie struggenti sorrette da tastiere sognanti e pezzi più briosetti, dove si lanciano anche in similriff di chitarra e gorgheggii del vocalist, fino ad arrivare alla loro super hit storica: Piccolo fiore dove vai. Anche qui, il piccolo fiore in questione pare andarsene via per il mondo senza considerare l’amore offerto dal cantante.
E con questa ne ho abbastanza. Essendo pur sempre ad una festa della birra mi rifugio in una media bionda, arrovellandomi su un ultimo dubbio: ma per quale minchia di motivo questi si sono chiamati così? Avranno voluto intendere che sono teppisti sognatori? O forse che sono teppisti duri e puri, tali da scatafasciare qualunque sogno? Boh, quando torno a casa controllerò su internet, intanto che restauro i timpani con qualche ascolto del debasio.
Con Giuseppe presto regolo i conti.

Questa DeRecensione di Live in Nocera Terinese è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/i-teppisti-dei-sogni/live-in-nocera-terinese/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sedici)

lector
Opera: | Recensione: |
Concerto epocale!
Ci avrei venuto pure io se avrei stato là!
BËL (01)
BRÜ (00)

Tucidide
Opera: | Recensione: |
Sembra che uscirebbe anche un lp live, Best of Tour 2019, casomai...
BËL (00)
BRÜ (00)

iside
iside Divèrs
Opera: | Recensione: |
Ma almeno la birra era buona e economica?
BËL (01)
BRÜ (00)

Tucidide: Sì, ottima, accompagnata da spezzatino calabro doc. Con sottofondo Teppista.
sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
La foto alla rovescia è molto satanika!
Lo seppia.
BËL (01)
BRÜ (00)

Tucidide: Il satanismo involontario è sempre quello più efficace
Vituperio
Opera: | Recensione: |
Sei un genio recensione secolare.
BËL (01)
BRÜ (00)

Tucidide: Orpo, devo dirlo in famiglia, ma nessuno è profeta in patria, ahimé. Grazie neh
luludia
Opera: | Recensione: |

BËL (01)
BRÜ (00)

luludia: nonostante la favolosa ragione sociale sono di una terribilità davvero terribile...
Tucidide: Teribbili, da queste parti;))
imasoulman
Opera: | Recensione: |
pensavo che il tour più fortissimamente bombastico, in terre di Magna Grecia, fosse quello del Capitano del Papeete
E invece, toh! Bandiera Teppistica (e Onirica) la trionferà!
BËL (01)
BRÜ (00)

Tucidide
Opera: | Recensione: |
A Roccella Jonica Demenzialotti ha "cantato " con Toto Cutugno, quindi potrebbe tranquillamente far intervenire i Teppisti
BËL (00)
BRÜ (00)

Falloppio
Opera: | Recensione: |
Mi hai fatto scassare !!! Bella lettura. Che ti ha detto poi Giuseppe?
BËL (01)
BRÜ (00)

Tucidide: Grazie! Di Giuseppe si sono perse le tracce alla festa de pizze cu niebbita...
macaco
Opera: | Recensione: |
Mi son divertito proprio con sta storiella di provincia.
BËL (01)
BRÜ (00)

Tucidide: Grazie! Pensare che pochi giorni fa da queste parti si sono esibiti i mitici Diaframma: quelli erano da sentire!!
FOGOS
Opera: | Recensione: |
Teppisti dei Sogni - Wikipedia ...chi ha meno di 34 anni non può aver vissuto personalmente lo strazio radiofonicoprivato/live prodotto da questa leggendaria band pop/kitsch!!!
BËL (02)
BRÜ (00)

imasoulman: la pagina parla di un milione di copie (un milione...1 MILIONE...) di copie vendute di ‘Piccolo Fiore...’
Trovo meraviglioso tutto questo
Tucidide: A saperlo, mi fermavo per farmi fare l'autografo ...
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Caspasian
Opera: | Recensione: |
Un' annunciatrice scosciata, una ragazza congiuntivamente elusiva, onanismi fraintesi, abbandoni floreali... È tutto così eccitante, compresa la media bionda... "I teppisti dei sogni" per me è come dire "I rompicoglioni"...
BËL (01)
BRÜ (00)

Tucidide: Ahaahah. E stasera ci sarebbe Peppe Nucera....
Caspasian: Non ci facciamo mancare niente, eh? 😱
IlConte
Opera: | Recensione: |
Ahahahahahahah zioooooooo bestiaaaaaaaaa
Che robasa!!!! Io mi sarei ubriacato e avrei rotto il cazzo a tutti. Sei stato un grande, Giuseppe ti deve molto... ma molto ma molto!!!

BËL (01)
BRÜ (00)

Tucidide: Hai ragione ma reggo bene la birra, non avevo abbastanza soldi..;)) E a Giuse' diciamo: cunzala cumu 'vo, sempri cucuzza resta
ALFAMA
Opera: | Recensione: |
secondo me sono cocainomani e poche volte sbaglio
BËL (01)
BRÜ (00)

Tucidide: Secondo me la coca è la cosa più leggera che assumono
odradek
Opera: | Recensione: |
Se non la capisci la musica bella e vuoi bere la birra vai in birreria, che i Teppisti non ci hanno dibbisogno di gente snobba. Vedi che loro sono famosi che sono usciti nel '73 e ancora stanno sulla cresta, e già negli anni 70 erano i più amati alla casa circondariale di Trani e in tutti gli istituti che ho stato. Stai attento a come scrivi, che offendi. Ave mesi che non vengo qua a Debaser e proprio adesso la dovevi scrivere 'sta cosa? E tutti i commenti degli altri per prendere in giro i Teppisti sono una vergogna. Si vede che l'Italia non se li merita gli artisti quelli veri. Meglio che scrivete dei Pinfloi, invece che delle cose che non sapete.
BËL (03)
BRÜ (00)

Tucidide: Ci ai ragione. Per rimediare gli faccio a recensione della compilescion best of Casa circondariale di Trani anni '70, con pezzi dei Santo California, Homo insapiens oltre ai nostri Teppisti
odradek: No, non fare niente. Una parola è poca, due sono troppe.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: