Sto caricando...

Ivano Fossati
Musica Moderna

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.

Come un grande cuoco.

Cosa può fare un grande cuoco che ha inventato alcuni piatti stupendi, sublimi, sempre piacevolissimi e non avesse più idee, malgrado una tecnica sublime ed invariate capacità?

Cosa può fare, questo grande cuoco, se non cercare di fare al meglio il suo grande piatto? Di fare, come nessun altro saprebbe, il proprio capolavoro?

Fossati è ormai un grandissimo cuoco. La sua è stata una carriera stupenda, varia, eterogenea, sperimentale, profonda, a volte apparentemente easy, altre volte ermetica ed ancora comprensibilissima. Ha giocato con le parole e con gli accordi come il migliore dei cuoci di accordi e parole.

Ha spinto oltre il proprio limite la capacità di inventare e re-inventare, di inventarsi e re-inventarsi. E, più o meno dopo il sublime "La Disciplina Della Terra" e "Not One Word" ha capito che no, idee nuove proprio non ne venivano più. E non era colpa sua. La ricerca, il "non bastarsi mai" ha caratterizzato tutta la sua carriera. Era naturale, umano, persino bello che si arrivasse a un affettuoso "punto di non ritorno" dal quale l'Artista non poteva fare altro che voltarsi indietro, ritrovandosi, riconoscendosi.

E così ha fatto: le ultime opere riecheggiano di passato senza scimmiottarlo né ripeterlo. Sanno di vecchio e di nuovo. Sono filologiche (auto-filologiche, e a volte autocitazionistiche) ed intimamente stupende. E questo "Musica Moderna" è la punta di diamante. L'uovo perfettamente nella cavagna.

Qui la scrittura dei testi raggiunge livelli letterari davvero alti, come non si leggevano, e sentivano, da "La Disciplina", se non da "Macramè", e le musiche ritrovano le freschezze chitarristiche, rock, pop, reggae degli anni d'oro. Però, come dicevo, senza nessuno scimmiottamento e senza alcuna scelta di comodo.

Dal punto di vista tecnico musicale colpiscono, in questo disco, alcune caratteristiche che si ripetono, praticamente, in ogni brano. Sicuramente la strutturazione melodica che viene ripetuta, in maniera perfettamente armonica e non "secchiona", su più tonalità, con un andirivieni di alti e bassi sempre interessantissimo. Anche qui: ricette passate ma forse mai cucinate così bene.

Poi, i perfetti suoni di batterie e percussioni. E delle chitarre. Ah...i suoni delle chitarre... Stupendi, da piacere a Marc Ribot e a Tarantino. Perfetti nei contrappunti così come nei "tappetoni" d'accompagnamento. Strano il rapporto di Fossati con le chitarre. L'amore, un amore totale e folgorante, finisce dopo il "Vol. 2" del live per lasciare spazio totale ed irrefrenato alle invenzioni armoniche, malinconiche e strutturatissime, del piano.

Poi, più o meno ai tempi del singolo "Time And Silence", ecco riaffacciarsi una bella chitarra, in un lungo assolo e in accompagnamento. Poi tornerà Ivano ad alzarsi in piedi, nei concerti, chitarra sulla spalla.

Bello. Bellissimo. Guardarsi indietro, amarsi quel che è giusto e svilupparsi così, è solo bello. E questo disco, qui ed ora, non può che essere considerato un capolavoro.

Il solito piatto, cucinato mai, ma proprio mai, così bene.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.

Ultimi Trenta commenti su SessantaNove

iside
iside Divèrs
Opera:
Recensione:
quoto il battiato sopravalutato. anche più che sopravalutato. riguardo a sto CD (l'ho ascoltato di fretta) credo che nulla toglie e nulla aggiunge alla discografia italiana. PS vedendo Fausto alle prese con un vecchio equalizzatore anni '60 per il suo prossimo lavoro fa una certa impressione, lui che era sempre kilometri avanti a tutti :-(((


mocampo
mocampo
Opera:
Recensione:
Oltre che alla recensione si può dare un voto ad un post? si? allora cinque a Shine per ogni singola parola scritta che faccio mie in blocco. Comunque hai ragione, questo musica moderna ha bisogno di molti ascolti per cominciare ad acchiapparlo, dieci giorni fa appena acquistato, ascoltandolo sulla strada del ritorno la delusione era fortissima. cresce ad ogni ascolto. Uniche note negative, i brani "politici", "la guerra dell'acqua" e "il paese dei testimoni"; li trovo poco incisivi confrontati ad un "contemporaneo" sempre dell'ultimo Fossati. Ancora complimenti per la recensione.


dimitri
dimitri
Opera:
Recensione:
Complimenti a primiballi e shine! Il disco del "nostro" è buono, ma non quanto le mie aspettative. Avevo letto tempo fa di una rivoluzione della sua "banda " degli ultimi due album, ma ora scopriamo che non è andata così. Peccato! il materiale musicale è buono (deludono in parte i testi)e la produzione di cantarelli non mi ha mai convinto del tutto. Per essere più di un buon disco ci manca almeno un brano "epico" come lo furono "c'è tempo" ed "il battito" nei precedenti. Due le occasione perse: "cantare a memoria" e "musica moderna" dove la musica arranca un pò e scivola nel già sentito( accenni di chitarre radiohead e pink floyid).
In sintesi la rivoluzione attesa si limita a vestiti nuovi al solito Fossati diciamo "leggero"(?) senza il brano emotivamente speciale che ti aspetti dal lui.



primiballi
primiballi
Opera:
Recensione:
grazie ancora a tutti. Sempre più convinto della mia posizione e di quella di shine. Fossati ha fatto una scelta sublime, esprimendosi al meglio e usando perfettamente le solite (ottime) armi. Sicuramente, a mio avviso...almeno..., ha staccato di un bel po' i due concorrenti attuali (parlando di "grande canzone"), ovvero il vechcio e stanco Conte, e il "gambero" Capossela, che, come Waits dopo "bone machine", ha cominciato la sua marcia indietro..... Baci


hymnen
hymnen
Opera:
Recensione:
@primiballi questo lavoro seconto il tuo punto di vista sarebbe superiore ad un Elegia di Conte in sostanza? ma oggi e' il primo di aprile?


primiballi
primiballi
Opera:
Recensione:
no: basta leggere la mia rece di elegia. Io confrontavo, mi cito, i "concorrenti attuali", ovvero il modesto, pur ben fatto, "psiche" e il piacevole e retroguardistico "Da Solo" di Capossela...tutto lì...e oggi è il 22 ottobre


hymnen
hymnen
Opera:
Recensione:
anche con Psiche... e' sempre il primo di aprile


GustavoTanz
GustavoTanz
Opera:
Recensione:
"e' sempre il primo di aprile" Volevi far ridere, vero?


hymnen
hymnen
Opera:
Recensione:
no fa ridere la cover


primiballi
primiballi
Opera:
Recensione:
caro imene, è il 23 ottobre (e il disco di fossati è splendido anche oggi)


hymnen
hymnen
Opera:
Recensione:
nn imene Hymnen del karlainz ( si buonanotte .. )


primiballi
primiballi
Opera:
Recensione:
peccato, davvero un peccato...confidavo in un po' di sana goliardia...vizio che pare vietato ai minori, ultimamente...e comunque, integrissimo imene della felicità, oggi è il 23 ottobre e il disco di fossati è bellissimo, ma bellissimo davvero...(e non crederti tanto colto, pivello, che il karlHEINZ lo si conosce anca da queste parti, in queste lande desolate della Bassa...e si continua a preferirgli un giovin imene). Buonanotte a te


luigi42
luigi42
Opera:
Recensione:
sperando di non essere linciato... ho sentito il nuovo di Conte, quello di vinicio no perche' probabilmente non riesce piu' ad attrarmi come in passato. ma l'impressione che ne ho ricavato ascoltando "psiche" e' la stessa che hai avuto tu. questo "musica moderna" anche a me piace sempre di piu' ed e' un disco che sta dividendo. ma il problema si presenterebbe, credo, qualora piacesse a tutti.


derfel
derfel
Opera:
Recensione:
ho ascoltato da 2 gg musica moderna.e il primo impatto nn è stato dei più belli.anzi nn sn riuscito ad ascoltarle tutte le canzoni.conoscevo fin troppo bene l'amore trasparente ke credo sia sublime ma le nuove nn m hanno colpito.certo ha scritto d meglio e anke in modo meno semplice e diretto.poi dp qlke ascolto in makkina dicamo ke nn è poi così male.credo ke per k è fan di fossati è cm essere spaizzato da qst disco a volte.certo io credevo ke fosse palloso e sopravvalutato finkè nn ho assistito ad un suo concerto dal vivo (a monza estate 98)e credetemi il mio parere su di lui mutò.è erfetto.il miglior concerto a cui abbia mai assistito.ne liga ne vasco ne battiato ne gli altri sn al suo livello dal vivo.sui testi potete dire lqlo ke volete ma sn testi immensi, se nn qst quelli precedenti.e mi riferisco ad hymnen ke parla a volte a sproposito a qnt ho letto.se dice lui cm altri ke fossati è sopravvalutato allora ke deve dire d d'alessio?ke nn c'entra nulal cn la musica?ke è l'orrore musciale e il cantante più sopravvalutato del mondo?io credo e nel mio piccolo da scrittore ke fossati sia tra gli artisti migliori in circolazione.e ke forse il meglio lo esprime nei testi.e prima di parlare così d lui senza soffermarsi sulle sue canzoni,nell'intreccio musica parole.nello snocciolare le frasi.ragazzi si fossati ha ragginto il massimo cn la disciplina della terra,ma vi ricordo ke spiazzò molti fan all'epoca.e nn sotovaluto l'arcangelo oppure lampo viaggiatore.è buona musica.ottimi testi.pietre miliari nella musica.c'è tempo regala brividi.il battito è immenso cm testo e musica.il gioco della bottega di filosofia esprime semplicemente il concetto senza farlo sembrare pesante.prima di dire ke è sopravvalutato ascoltatelo.leggete i testi.sempre se ne siete capaci.ammenokè nn ascoltate d'alessio oppure altri cantantucoli.in italia c sn poki veri cantanti.ke sn geniali anke nella stesura testi.nel toccare le corde dei sentimenti in modo corretto e tra questi fossati.infondo in italia si sottovalutano tutti gli atristi geniali cm fossati,bersani,panella(nei testi x battisti ke sn sublimi e complicati,scritti nel modo in cui nessuno s sognerebbe mai,colmi di passione e giri d parole.oppure nei testi scritti x altri,cm il gioco di "aspetta e Spa" leggetela ascoltatela.è geniale e complicata quasi un irridersi di ki l'ascolta.e ascoltate e leggete la discografia d battisti cn panella).....oppure tutti i cantanti ke nn s persono nelle rime semplici e nelle cose comemricali.tutti sn capaci d scrivere testi cn rime continue e semplici^_^alle elementari s scrive la rima cuore amore dolore.l'artista deve scrivere in modo nn comune e sorprendere ki legge o ascolta altrimenti tutti saremmo e sareste artisti.deto ciò diamo tempo e ascoltiamo meglio l'album.cn attenzione nn superficialità.infondo ki ascolta fossati nn è superficiale


derfel
derfel
Opera:
Recensione:
intato m faccio una risata x gli errori e le dimenticanze ma visto l'orario e ke sn sdraiato sul letto a scrivere può capitare.correggo sl 1a cosa ke ho dimenticato,cioè dp panella e la parentesi il concetto era: "oppure ascoltate tutti i cantanti ke si perdono...." ho dimeticato la parola ascoltate.cmq gli altri errori nn li correggo sn troppi e nn me ne frega molto anke xk il senso s capisce.buona notte


hymnen
hymnen
Opera:
Recensione:
derfel @ se parlare a sproposito e' esprimere un opinione ok. ripeto per conto mio fossati rimane sopravvalutato. che poi primiballi aggiunga che questo disco in particolare abbia staccato il Psiche di conte nn solo nn mi trova d'accordo ma anche sorridere.


primiballi
primiballi
Opera:
Recensione:
fari ridere lo stokausato che speravo la parte più simpatica e provvisoria della figa e invece è parte tutt'altro che simpatica e provvisoria di DeB è sempre un piacere (lo scopo, preparti, è quello di farti sganasciare), saluto con infinita simpatia e apprezzamento tutti gli altri, gente che ragiona sui dischi senza fette di salame sugli occhi. A chi giudica questo disco da un ascolto, anche sommario, ripeto: ragas, masticare e masticare ancora, se ne apprezzerà il profondissimo gusto. Baci a tutti


hymnen
hymnen
Opera:
Recensione:
p.s ci sara' il traduttore in italiano x i prossimi commenti di primiballi?


primiballi
primiballi
Opera:
Recensione:
vero...m'è scapata la punteggiatura...vedo ke a te invecie non ti scapa nulla, furbetino furbetone... Dai: volevo farti ridere un po'...sai...noi 'gnorantoni siam bravi a far ridere gli giovini 'ntelletuali itagliani..no?


primiballi
primiballi
Opera:
Recensione:
a proposito...vedo che stukausen cuordileone ha un record numerico di commenti e un altro di recensioni e approfondimenti (ovvero "0")....orpo che asso.... ma non era meglio rimanere anonimi per dire certe cose, non producendo assolutamente nulla...? e alla velocità con la quale rispondi...ma non hai proprio niente di meglio da fare nella vita...? Comunque servi anche a tu a farci credere nella democrazia. Grazie di esistere. Baci


hymnen
hymnen
Opera:
Recensione:
@primiballli beh giovannissimi nn propio, forse nn avro' l' eta' da nonnino. cmq ciao bela gioia


odradek
odradek
Opera:
Recensione:
Alla fine, come sempre, l'ho ascoltato (per la verità lo sto ascoltando anche ora). Boh, l'unica considerazione "consolante" è che il disco non è orribile quanto la copertina (un vero enigma individuare la aberrante sequenza di ragioni contorte -'chè altro non posson essere- che possano aver portato ad una scelta simile)- Alla domanda che apre la tua pagina (attraversata da un entusiasmo francamente incomprensibile dopo aver udito il disco)la prima, immediata risposta credo possa essere: evitare di cucinarne altri, se il risultato è tanto banale ed insipido, quando non addirittura di cattivo "gusto". Resto abbastanzxa basito leggendo che "la scrittura dei testi raggiunge livelli letterari davvero alti" (anzi, una scrittura più "bolsa", specie in certi episodi, da parte sua non la ricordo)e che "le musiche ritrovano le freschezze chitarristiche, rock, pop, reggae degli anni d'oro". Mi pare l'eatto contrario di quel che sento: una musica riciclata, mai "fresca", solo un po' "ammodernata" ma nata già vecchia, come la maggior parte delle linee melodiche della voce, e questo è un ulteriore peccato. Detto questo resta un disco che, muovendosi in un panorama decisamente desolante, può raggiungere la sufficienza ew contiene alcuni momentiche si elevano dalla media complessiva. E non credo che il mio giudizio dipenda da una sottovalutazione delle qualità di Fossati o della sua produzione(anche perchè la conosco tutta e molta ne apprezzo. Ciao, Primiballi.


primiballi
primiballi
Opera:
Recensione:
quello che intendevo, e che intendo, è che è lo stesso piatto, ma proprio lo stesso (nulla assolutamente di nuovo) ma cucinato molto bene, mentre i due diretti concorrenti (Conte e Capossela) hanno cucinato lo stesso piatto non al meglio delle loro possibilità (e certamente meno bene, per entrambi, che nelle penultime due prove)... Ma hai ragione tu: comunque la si pensi, consoliamoci: il panorama, ora, è e sarà dominato da Titty Iron, Giusiferreri, gigidaless, e decadenze neomelodiche varie (dimenticavo bocelli&pausini...imperdonabile). L'importante è sapere che il nostro paese, culturalmente nano, militarmente verme, e politicamente nulla, ha ancora qualche cantautore e qualche scrittore che, per male che vada, tira dignitosamente a campà... Baci


mocampo
mocampo
Opera:
Recensione:
IO confermo il mio quattro abbondante e poi "Illusione" è una perla.


Grasshopper
Grasshopper
Opera:
Recensione:
Come da suggerimento, ho sottoposto questo disco a ripetute masticazioni e digestioni, e in effetti l'iniziale impressione spiazzante (la stessa che avevo provato con "Lampo viaggiatore" e in misura maggiore con "L'arcangelo") è svanita per lasciare il posto ad una piacevole sensazione che coincide con il tuo giudizio, ovvero: ottimo disco di mestiere, da cuoco navigato capace di riproporre sapientemente la solita ricetta. Il che per me però non equivale a dire che si tratta di un capolavoro, ma solo dell'ennesima conferma della raffinatezza di questo musicista. Da cui le 4 stelle: in ogni caso dettagli, quisquilie.


primiballi
primiballi
Opera:
Recensione:
grass...: opinione moooolto vicina. Io non dico che è un capolavoro assoluto, ma un capolavoro hic et nunc. E' un capolavoro per essere un disco di Fossati del 2008 (quello che non è l'ultimo capossela, nè in assoluto nè in relativo...e il buon Vinicio ha cominciato quasi 20 anni dopo Ivano....). Baci


cacchione
cacchione
Opera:
Recensione:
ottima recensione e disco stupendo,i piatti cucinati da fossati,caro primiballi,sono molto raffinati


primiballi
primiballi
Opera:
Recensione:
donnie darko
donnie darko Divèrs
Opera:
Recensione:
primi grandissimo disco "il paese dei testimoni" è bellissima e amara,ivano attualmente è l'autore italiano che preferisco.e bella rece.


primiballi
primiballi
Opera:
Recensione:
grazie: sono convintissimo anch'io dell'attuale superiorità di IF nel panorama nazionale (anche un po' per demeriti -naturali o conquistati- altrui...)


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Musica Moderna è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link