James Righton
The Performer

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


James Righton sceglie di cambiare di nuovo strada per il suo percorso artistico post-Klaxons.

L’ex tastierista della band nu rave britannica (scioltasi ormai sei anni fa) arriva al debutto solista, a tre anni dalla falsa partenza con il progetto Shock Machine, durato lo spazio di un EP ed un album d’esordio.

“The Performer” racconta tutto di sé già dal titolo: la ricerca dell’equilibrio tra vita pubblica e privata (James è sposato con la popolare attrice britannica Keira Knightley), tra il ruolo di cantante ed artista e quello di padre di famiglia, è il punto focale dell’intero lavoro. Per approfondire queste questioni, Righton opta per un registro elegante e fluido, lontanissimo dalle disordinate svisate dei Klaxons e solo in pochissimi episodi vicino a quanto fatto in ambito Shock Machine (la lunga “Devil Is Loose”, che si avvicina a certe cose dei Tame Impala).

I riferimenti adesso si chiamano Roxy Music, R.E.M., Nick Lowe e soprattutto Alex Turner: non a caso Righton ha suonato nell’ultimo, fondamentale album degli Arctic Monkeys (“Tranquility Base Hotel & Casino") e “The Performer” è stato registrato in parte in quello “Studio One” di proprietà di Bryan Ferry.

Questo esordio solista è fondamentalmente un disco soft rock, molto elegante ed ispirato, che si apre a paesaggi assolati nel cristallino jangle pop di “Start” e nei ritmi frenetici di “Edie” (dedicata alla figlia), e punta tutto sull’evocatività di episodi come la titletrack e “Are You With Me?”, sentito omaggio ai Supertramp.

“Heavy Heart” è sussurrata e sonnecchiosa, e non sfugurerebbe affatto nell’ultimo lavoro delle “scimmie artiche” (in tal senso James Ford a tratti calca davvero la mano), e, proprio come in quel piccolo grande gioiello, anche qui servono vari ascolti per cogliere appieno le stratificazione di un disco solo a prima vista monocorde e compatto.

Un bel passo in avanti per Righton, che mette in mostra una qualità di scrittura invidiabile e pone delle ottime basi per il futuro.

Brano migliore: Devil Is Loose

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Cinque)

definitelyalex
definitelyalex
Opera:
Recensione:
Lo odio per essere il marito di Keira ma ha fatto davvero un bel disco!


JonatanCoe
JonatanCoe
Opera:
Recensione:
Bella "Devil Is Loose" ma anche l'omonima non scherza.
Gustoso pop, frizzantemente dreamy. Una ventata di aria fresca ci vuole, specie se salubre.


Farnaby
Farnaby
Opera:
Recensione:
Conoscevo i Klaxons e non mi facevano impazzire...non conosco questo disco ma se le coordinate sono i nomi che hai citato direi che un giro è d'obbligo...tu bravo...


madcat
madcat
Opera:
Recensione:
Che bello l'ultimo degli Arctic Monkeys (Ma ne abbiamo già parlato ampiamente), interessante segnalazione


Caspasian
Caspasian
Opera:
Recensione:
E lo sai che non è male. Ha una tensione drammatica coinvolgente e fresca.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di The Performer è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link