James
Living In Extraordinary Times

()

Voto:

Il quattordicesimo lavoro in studio dei veterani James, (pubblicato due anni orsono), "Girl At The End Of The World", ha rappresentato un'improvvisa resurrezione commerciale per la storica band britannica (arrampicandosi fino alla numero due nella classifica album, tanto da insidiare il primato della regina pop Adele).

Adesso è arrivato il momento delle conferme, che non tardano ad arrivare con questo "Living In Extraordinary Times". Per l'occasione gli otto di Manchester confezionano un gradito ritorno alle sperimentazioni sonore di metà anni novanta (punto di riferimento principale "Wah Wah"), come certificato dalla fragorosa opener "Hank" e dalle filo industrial "Heads" e "Picture Of This Place". Rimane sempre ben presente l'ottimo gusto melodico al quale la band ci ha abituato negli anni, il tutto elevato da arrangiamenti secchi e decisi, tutti giocati su percussioni e ritmi frenetici.

Non mancano episodi dove l'anima british della band viene maggiormente fuori, ad esempio in "Leviathan" (uno dei migliori brani del disco), "Better Than That" e "Coming Home (Part 2)". "Many Faces" (ibridio indie folk) e "How Hard The Day" abbassano deliziosamente i toni, mentre "What's It All About" si abbevera alla fonte dei figliocci The Killers e "Backward Glances" è una buona ballad per piano che si lascia più che ascoltare.

I James, in definitiva, rimangono una delle band più valide ed interessanti nel panorama rock britannico. Dopo tantissimi anni di carriera riescono a reinventarsi intelligentemente, senza rivoluzioni, ma rimanendo saldamente ancorati al proprio glorioso passato, aggiornandosi quando serve alle nuove sonorità senza risultare quasi mai senili.

"Living In Extraordinary Times" è l'ennesima buona aggiunta ad un catalogo davvero invidiabile.

Brano migliore: "Hank"

Questa DeRecensione di Living In Extraordinary Times è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/james/living-in-extraordinary-times/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Cinque)

Flack
Opera: | Recensione: |
Son sempre ottimi...quasi una sicurezza eterna..
BËL (00)
BRÜ (00)

RinaldiACHTUNG
Opera: | Recensione: |
Aspettavo questa rece, graditissimo ritorno. Tra le mie band preferite, dei veri e propri leoni
BËL (00)
BRÜ (00)

ALFAMA
Opera: | Recensione: |
Non mi sono mai piaciuti fin dagli esordi pur riconoscendone una grossa personalità, che a ben vedere forse gli ha un tantino ostacolati fuori dai confini.
BËL (00)
BRÜ (00)

Battlegods
Opera: | Recensione: |
Ancora girano! Fatto sta che non mi fa impazzire neanche troppo la fase "Seven" e "Gold Mother". Potevano dare di più ed essere meno "inscatolati", "radiofonici". Li ascolto fino a "So many ways" e "Sit down". Favolosi i primi 3 EP invece (quelli li amo).
BËL (01)
BRÜ (00)

madcat
Opera: | Recensione: |
Non li conosco, andrò a cercarmi qualcosa dei '90 magari
BËL (01)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: