Sto caricando...

Jamie Hewlett
Hewligan’s Haircut

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


La fauna di De Baser mediamente non è proprio di primo pelo, è molto probabile quindi che ci sia chi si ricorda Kitchen, il programma condotto anni fa da Andrea Pezzi. A me è rimasto il ricordo di un momento in particolare in cui Pezzi spiegava all’ospite di turno un metodo per comprendere il cubismo che gli aveva insegnato qualcuno del settore: passo 1 - prendere un pacchetto di sigarette vuoto ed immaginare che quello sia la realtà come la vedono i nostri occhi e come la dipingerebbe ad esempio un pittore paesaggista; fatto?, bene, procedere con il passo 2 - smontare il pacchetto staccando i lembi incollati e dispiegatelo su di un tavolo in modo che diventi nient’altro che un foglio di cartone sagomato.

Ecco, quella che vedete ora è la realtà come la disegnerebbe un cubista.

Non ho mai capito se il metodo funzioni veramente per il cubismo, mi sono invece fatto l’idea che venga bene per chi voglia dispiegare su tavole di fumetti i posti più reconditi dell’inconscio/mondo dei sogni umano.

Luoghi in cui alla domanda “di che colore era il cavallo bianco di Napoleone?” ha perfettamente senso rispondere “nero a strisce gialle e blue”, luoghi in cui una scrivania ed un corvo hanno effettivamente qualcosa in comune, e in cui la barzelletta di Rosalia che con la sua operosità fa entrare il lenzuolo nel culo a Calogero fa ancora ridere.

Di fumetti incentrati su questo argomento se ne possono trovare di innocui e di decisamente meno innocui. Nella seconda categoria annovererei “Le straordinarie avventure di Pentothal” di Andrea Pazienza, o “Arzach” di Moebius, per esempio. Tra quelli innocui ci metterei questo “Hewligan’s Haircut” di Jamie Hewlett (disegnatore) e Peter Milligan (sceneggiatore), in cui vengono raccontate le avventure dal sapore un po’ gabrieliano/jodorowskiano di Hewligan, un ragazzo ex internato nel manicomio “5 stagioni”, giocando con il tema della pazzia in modo leggero e ricorrendo a dosi massicce di nonsense e surreale di stampo anglosassone.

Le mie pupille ci sono finite sopra a conclusione di una breve ricerca su qualche lavoro da leggere di Hewlett, disegnatore che a me piace un botto, noto in Italia più che altro (credo) per aver creato i componenti dei Gorillaz.

Il nome del protagonista è un gioco di parole creato unendo parti dei nomi dei due autori in modo che suoni più o meno come “hooligan”.

La storia parte dal colloquio che Hewligan ha con il dottor Proctor, un tipo con orecchie che gli ballano sulla testa (o forse è Hewligan a vederlo così) per verificare il suo stato di salute. Cercando di mettere in ordine la zazzera in vista del colloquio, Hewligan crea una strana acconciatura con un buco in mezzo che accidentalmente ha la stessa forma del simbolo sul tasto di spegnimento dei modulatori di frequenza di ogni dimensione creati dal grande creatore. In pratica la presenza del simbolo in una data dimensione è causa dello spegnimento dei modulatori e questo fa si che tutto in quella dimensione non sia più in armonia.

Hewligan viene giudicato sano dal dottor Proctor e può uscire dl manicomio, ma si trova a dover affrontare un mondo stravolto per ciò che la sua acconciatura ha causato, dove lui pare essere l’unico sano di mente. Verrà incaricato di mettere a posto le cose, aiutato da una tale Scarlet O'Gasmeter, deformatore della realtà.

Ho usato i termini gabrieliano/jodorowskiano perché non si capisce fino alla fine (almeno io non l’ho capito) se il viaggio di Hewligan e Scarlet O'Gasmeter sia effettivo nel fumetto, o sia solo un’allucinazione del protagonista, un po’ come il viaggio di Rael nella New York dell’agnello.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Dodici)

luludia
luludia
Opera:
Recensione:
me lo cerco...


Flame: grazie Lù
JOHNDOE
JOHNDOE
Opera:
Recensione:
bella segnalazione


lector
lector
Opera:
Recensione:
Me lo cerco (2)


Eneathedevil
Eneathedevil Divèrs
Opera:
Recensione:
Senti, non so nemmeno di cosa parli: mi è bastato cliccare sul link e di fronte a Paperino antropomorfo zio degenere di tre nipoti tossici in stile pazienziano non posso concepire voto inferiore alle cinque stellette. Questo è quanto.


Flame: Se hai gradito allora ti metto il link ad un altra cosa in tema che avevo fatto qua tempo fa con un'altra utenza:
Flame
Flame
Opera:
Recensione:
Grazie del passaggio regà!


macmaranza
macmaranza
Opera:
Recensione:
Bìì che figata!


Caspasian
Caspasian
Opera:
Recensione:
Dove le vanno a pensare...


Flame: va-asssapere ...
odradek: No, vacca pire, vacca.
Caspasian: "T'amo, pio bove..."
Eneathedevil: "T'amo, Pio nono..."
IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Ho capito solo che, al solito, niente figa,
Ma ti voglio bene.


Flame: Grande Conte
Dislocation: Meglio sarebbe: "Glande, Conte!"
Flame: Conte non ci badare, è di Genova, sono stretti come il culo delle galline e hanno questo umorismo cecoslovacco un po' così
Dislocation: Uh, ora fa il sostenuto perché gli ho dato del mandrogno..... e poi, dai, più che quello cecoslovakko era bello l'umorismo ungherese, ricordi Gustavo?
IlConte: Fino ad ora solo delle Nobili Fanciulle Cinesi mi avevano chiamato “Glande Conte”
Dislocation: E io ne ero al corrente...
algol
algol
Opera:
Recensione:
molto interessante.
Io di Dottor Proctor conosco quello della prumpepulver di Jo Nesbo.


Flame: non conoscevo, non si finisce mai di imparare Doktor Proktors prompepulver
Eneathedevil: Ahahahahahah, ma è bellissimo! Anch'io avevo avuto delle allucinazioni rettali nel leggere "Proctor"...
algol: Il pargolo è cresciuto a peti e e letture di Roald Dahl
Falloppio
Falloppio
Opera:
Recensione:
Grande Flame


Flame: grazie Fall
odradek
odradek
Opera:
Recensione:
Non è tradotto e pubblicato in Italia, o si?


Flame: sinceramente non lo so, io l'ho ordinato su ama in Inglese
odradek: Eh, voi poliglotti...
Ma com'è che un volume così non ha un'edizione italiana?
Vedo che stampano questo mondo e quell'altro, è pieno di cose anche non precisamente eccelse...
Flame: ...🤷‍♂️
MikiNigagi
MikiNigagi
Opera:
Recensione:
Conosco solo Tank Girl, che amo, e i Gorillaz. Rimedierò.


Flame: Approcciare Tank Girl dall'Italia é un po' un casino, dovrei capire orrizzontarmi, perché non ci disegna solo lui, tra l'altro ci desegna un altro di cui non ricordo il nome che mi pice un mucchio.
Flame: ... come orrizzontarmi

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Hewligan’s Haircut è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link