Sto caricando...

Jason Richardson
I

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Enfant Prodige della chitarra "shred oriented" ma tutto sommato poco conosciuto ai più rispetto ai vari John Petrucci, Paul Gilbert, Yngwie Malmsteen, Steve Vai, Joe Satriani e chi più ne ha più ne metta, Jason Richardson, divenuto (relativamente) celebre per essere l'ascia prediletta di band blasonate come All Shall Perish, Born of Osiris e Chelsea Grin, arriva nel 2016 con la sua prima prova solista, questo "I" che non ho mai compreso se si pronunci "one" oppure "ai".

Sorvolando questo dubbio amletico, il disco si presenta con una produzione davvero eccelsa (Taylor Larson) e un team di musicisti veramente rodati, tra cui appunto, Jason Richardson alla chitarra e basso e il fenomenale Luke Holland alla batteria, che in questo disco suona particolarmente bene rispetto a molte altre proposte dello stesso genere, un sound naturale e non ultra triggerato.

Prima di parlare del disco in sè, è importante citare il fatto che vi sono molti ospiti tra cui Spencer Sotelo, Jeff Loomis, e tantissimi altri, che rendono l'ascolto ancora più interessante; il prodotto in sè in ogni caso, rappresenta un ottimo esempio di Progressive Metal strumentale con venature Djent e Neoclassiche/Baroccheggianti, suonato clamorosamente bene e dai vari episodi veramente godibili: "OMNI", l'opener del disco, e la stupenda "Fragments", rappresentano secondo il sottoscritto esempi eccelsi di Metal Moderno, con strutture solide ma imprevedibili, melodie ricercate ma "acchiappine", e una pulizia d'esecuzione a dir poco spaventosa, un qualcosa di più unico che raro anche nel genere.

Molti i generi "citati" nella color palette del disco, che tuttavia pecca forse per un'eccessiva ripetizione degli stessi schemi e degli "stessi" riff: molte canzoni rimangono comunque poco impresse, nonostante la bontà del materiale, e rappresentano più che altro esercizi manieristici di pura tecnica ("Hos Down") o meri sottofondi a melodie vocali abbastanza banali ("Retrograde"); il lavoro tutto sommato scorre bene, nonostante sia adatto più ad un pubblico "di chitarristi" che ad una platea generica, contenendo un linguaggio quasi strettamente "di genere".

Spicca come già detto la batteria: suonata divinamente e dal groove impressionante, non si risparmiano all'ascoltatore i classici tappeti di doppia cassa e "blast beat" velocissimi, così come sezioni poliritmiche intricate e assai gustose, con un basso potente e mai banale di sottofondo.

Il tutto combinato assieme risulta in un disco sicuramente buono, sopratutto per essere un'opera prima, che pecca però forse di originalità e di varietà nell'ascolto, sopratutto nel lungo periodo, e che non mi sento di promuovere più di tanto: tuttavia, le potenzialità latenti, espresse nei pezzi migliori del lotto come appunto "OMNI" e "Fragments", sono veramente impossibili da negare, e cominceranno a sbocciare già dal lavoro successivo, l'eccezionale singolo "Tendinitis", di cui parlerò in un secondo momento.

In conclusione, "I" è un disco abbastanza vario, suonato e prodotto divinamente, ma che pecca nella quasi totale mancanza di originalità e si disperde più di una volta in canzoni senza capo nè coda alternate però a pezzi veramente validi che consegnano questo disco comunque ad un ascolto duraturo e divertente, sopratutto se l'ascoltatore è un aspirante chitarrista.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quattro)

Falloppio
Falloppio
Opera:
Recensione:
Come i Drim Fiata ma senza voce... ahahahah
Dall'ego smisurato presumo che il titolo sia IO


bellepoque: in due parole è esattamente così!
Falloppio: Aggiungiamo che ha fatto anche la versione orchestrale. Sai che sembra più interessante.
bellepoque: me la devo ascoltare. il nuovo singolo "Tendinitis" è ancora più bello invece!
Falloppio: Ahahahah cos'è il titolo di una profezia????
bellepoque: la imparai un paio di anni fa. decisamente tostarella
Falloppio: Pensavo fosse uno scherzo..... invece esiste!!!!
Jason Richardson & Luke Holland - 'Tendinitis' OFFICIAL Video
IlConte: Troppo veloce... ho il mal di testa
Fermateliiiiiiiiii!!!!
ElPibeDeOro
ElPibeDeOro
Opera:
Recensione:
Hai fatto bene a sottolineare che non vi è nulla di nuovo sotto il sole, ma essendo un aspirante chitarrista l'opera mi intriga alquanto.


bellepoque: Tecnicamente ineccepibile
IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Sarei un aspirante suicida senza il dovuto fegato...
Ha qualcosa per me che aiuti la causa??!!


IlConte: Sono rimasto a Page, Blackmore e Tony e di li non mi smuovo....
Madooooooooooo
bellepoque: I Naga!
Onirico
Onirico
Opera:
Recensione:
Ho ascoltato un paio di pezzi. Con tutte il rispetto: fa schifo.


IlConte: Ahahahahahahah
bellepoque: @[Onirico] se vuoi ascoltare merda pura, ascoltati l'ultimo di satriani... a dir poco imbarazzante
Onirico: Mi vuoi male?

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di I è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link