Jet.Sons
3.1.5

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Avete presente i primissimi Mudhoney? Avete presente i Supersuckers di "The Smoke Of Hell" ? Avete presente il garage revival degli anni '90? Ok, la smetto.

Mi trovo tra le mani uno strano dischetto, opera prima di una formazione ancora una volta italiana e una copertina...ma l'avete vista? Sembra una produzione punk 'n' roll giapponese!

Appurato che non esistono legami di parentela tra i nostrani Jet.Sons e gente come come Teengenerate o Guitar Wolf, mi appresto ad ascoltare la proposta di questi perfetti sconosciuti.

Oddio, a voler essere onesti un paio di informazioni sul loro conto , provenienza geografica a parte, ci sono. Si tratta di una band garage, già scritto, ai tempi sotto contratto con la Toast Records. Era il 1998.

Se i Jet.Sons sono attivi o dissolti non mi è dato saperlo. In questo senso, mi appello a voi e alle vostre infinite conoscenze nell'underground italico.

Il disco si apre con le note della devastante "Weekend". I fantasmi di Mark Arm, dei Sonics e quello del giovanissimo Kurt Cobain (periodo "Bleach") si materializzano. Pezzo diretto, viscerale e certamente trascinante.

Si prosegue con "Monsters", che è un altro scossone elettrico di intensità non indifferente.

"Toy" è contraddistinta da un approccio "scazzato" e leggermente nirvaniano.

Con "Last Another Time" ci si muove su simili coordinate. In "Mother's Nature Son" le note sono poche e ben calibrate. Brano claustrofobico e certamente diverso da tutti gli altri.

Dopo altre due tracce, sempre rozze e cazzute, giungiamo alla fine di questo breve viaggio nelle viscere del rock 'n' roll. "Wonder Potion" non aggiunge nulla di nuovo, ma ribadisce chiaramente quella che è la linea del gruppo. Almeno da un punto di vista musicale.

Un disco non indispensabile ma certamente piacevole per chi ama il lato più ruvido e grezzo del rock 'n' roll. Una promessa dell'underground italiano purtroppo finita nel dimenticatoio. E ancora una volta l'incazzatura cresce.

Questa DeRecensione di 3.1.5 è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/jetsons/315/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Due)

algol
Opera: | Recensione: |
Copertina che sembra essere uscita direttamente da qui

BËL (01)
BRÜ (00)

Marco Orsi: Ahaahaha! Davvero!
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Bravo Orsi. La pagina fila bene. Copertina emozionante. Bello il dinosauro gommoso.
BËL (01)
BRÜ (00)

Marco Orsi: Grazie anche a te!

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: