Sto caricando...

Jimi Hendrix
Blues

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Se di tutta la storia del rock fra cent'anni resterà soltanto un nome, sarà inevitabilmente Jimi Hendrix, diceva Pete Townshend.

Ma nel rock non c'è tempo da perdere e l'iconografia cristallizza per sempre il chitarrista di Seattle durante la sua trasfigurazione lisergica e distorta dell'inno americano(1). Nella bandiera a mezz'asta è il rosso a prendere il sopravvento su bianco e blu; in pochi istanti Woodstock piomba nell'incubo del Vietnam, sullo sfondo colonne di fumo nero sempre più alte, fino a che l'odore acre del napalm non si dissolve in una nebbia purpurea.
Alla storia del rock viene consegnato uno dei momenti catartici più emblematici e profani di sempre; all'immaginario collettivo un semidio da adorare e venerare; ai posteri invece un musicista sempre più solo e visionario, distrutto dagli eccessi, pronto a volare ancora più in alto, fino a bruciarsi le ali, nel disperato tentativo di non replicare sé stesso a chi chiedeva prove della sua divinità(2).   
Con il passare degli anni infatti non poche crepe hanno incrinato la superficie di quel cristallo, lasciando trapelare un Hendrix inedito­, timido e balbuziente, stanco della sua trasgressione sessuale, schiavo di una teatralità che forse ormai non gli appartiene più, non abbastanza forte da sopravvivere alla propria evoluzione musicale mentre il peso del successo lo sta lentamente ma inesorabilmente trascinando verso il fondo. Eppure due anni appena separano Woodstock dall'allucinata e selvaggia esibizione di Monterey. Due anni che per il rock e per lo stesso Hendrix hanno avuto il peso e l'importanza di cento.

A Monterey la sua fama non lo precede ancora. Una monetina ha deciso che sarebbe stato Townshend a salire per primo sul palco quella sera, e un certo Brian Jones, che ha fatto di tutto(3) affinché l'Experience venisse inserita nel cartellone principale del Festival, si trova lì solo ed esclusivamente per annunciarlo. Quando arriva il suo momento, negli occhi della folla sono ancora impressi i cumuli di strumentazione che gli Who hanno lasciato a terra dopo un finale pirotecnico(4), vero e proprio marchio di fabbrica ormai, atteso da pubblico e critica fors'anche più dell'esibizione stessa. Un finale questa volta ancora più violento e rabbioso, perché nella testa di Pete riecheggiano, in un mantra, le parole di sfida rivoltegli nel backstage: "if I'm going to follow you, I'm gonna pull all the stops"(5).
A luci ancora spente, un Jimi Hendrix semisconosciuto apre con una versione furiosa e supersonica di "Killing Floor"(6), blues di Howlin' Wolf, sulla quale aleggia minaccioso lo spettro di Robert Johnson e il suo essere al tempo stesso chitarra ritmica, solista e voce. L'impatto è devastante. L'impressione è che siano non due, ma quattro e forse più le mani ad accanirsi sullo stesso strumento contemporaneamente. E gli Who sono già soltanto un ricordo.

Nel momento cruciale della sua carriera, la scelta di esordire con un blues è tutt'altro che casuale, perché prim'ancora di essere il più grande chitarrista elettrico di tutti i tempi, Jimi Hendrix è innanzitutto un chitarrista blues. Blues è la musica che lo ha spinto ad imbracciare una chitarra, blues è il suo modo istintivo e sanguigno di suonarla. Blues è l'impostazione della mano, con il pollice saldamente ancorato al bordo del manico. Blues sono i vinili che ascolta e colleziona(7); blues sono gli artisti a cui si ispira, così come blues sono oltre un terzo dei nastri che incide. Blues è la sua adolescenza ai margini della società, fra miseria e solitudine, trascorsa suonando solo e soltanto blues. Ma soprattutto "Blues" è l'unico documento non live nella mastodontica e disorganizzatissima discografia postuma di Jimi Hendrix che merita di essere ascoltato. Perché "Blues" propone un viaggio alternativo nell'universo musicale del chitarrista, attraverso un percorso coerente che si insinua fra le crepe del cristallo e le ripercorre a ritroso, alla ricerca delle sue radici più profonde. Un percorso che si guarda bene dal visitare i monumenti più celebri della sua breve quanto intensa parabola, per focalizzare invece la propria attenzione sui vicoli più sporchi e malfamati. Inutile aggiungere che si tratta di un biglietto di sola andata.

Pubblicato nel 1994, "Blues" si apre e si chiude con lo stesso brano, "Hear My Train A-Comin'", prima in un insolito e riverente Hendrix acustico(8), poi in un'acidissima versione elettrica e dilatata, a sottolineare come in fondo il messaggio di Pete sia poi lo stesso di Neil Young; il re se ne è andato, ma non sarà dimenticato, neanche fra cent'anni. In mezzo nove registrazioni, dissotterrate durante i ripetuti saccheggi dei suoi archivi, e messe da parte data l'impossibilità di una collocazione commerciale su di un mercato, quello americano, da sempre insofferente verso uno dei generi più immediati e vitali della musica contemporanea.
Nove registrazioni in cui Hendrix, nel più antico dei rituali voodoo, evoca e si lascia possedere dagli spiriti dei grandi maestri del passato(9), in un disco infestato che suona a metà fra una Delta Voodoo Possession Experience e una Jimi Hendrix Blues Implosion Inevitable. Un'orgia cacofonica in cui la Stratocaster di Jimi diventa a turno la puttana di tutti, con picchi di intensità quali "Catfish Blues", in cui si avvertono le inquietanti presenze di Elmore James, Lightnin' Slim e John Lee Hooker, o "Once I Had A Woman", nella quale in filigrana si intravedono Hubert Sumlin, Lonnie Johnson, Jimmy Reed e soprattutto B.B. King.
"Blues" è un documento finalmente coerente, dall'artwork alla scelta dei brani, nel quale è racchiuso l'Hendrix più allucinato e mefistotelico, libero dalle catene dell'industria discografica e dall'ossessione della guerra del volume, capace di passare con disinvoltura da sfuriate aggressive e laceranti ad atmosfere più rarefatte e sensuali senza mai tradire il proprio retaggio blues. Undici brani in tutto, undici diamanti grezzi che Hendrix non è costretto a rifinire, e che per questo rimangono le testimonianze più attendibili del suo genio puro quanto sregolato. Poco fumo e tanto arrosto, insomma.

Nel corso degli anni, un'aura di divinità ha contribuito a nascondere le crepe sempre più profonde sulla superficie di quel cristallo, anche quando i tempi sarebbero stati maturi per un'analisi lucida ed imparziale del fenomeno Hendrix. Sebbene sia impossibile quantificare l'influenza della sua produzione sulla musica a venire o ridimensionarne la portata rivoluzionaria, si può a ragione considerare la sua come una rivoluzione prettamente formale. Hendrix si muove infatti, seppur in modo del tutto personale, entro confini ben definiti.
Fin dalla dichiarazione di guerra di Link Wray, si sono sviluppate in Stati Uniti e Inghilterra due vie parallele, due modi differenti di alzare il volume: il garage-rock capitanato da Count Five, Electric Prunes e soprattutto Sonics, e il blues-rock di Stones, Who e Yardbirds. Due vie in cui distorsione, fuzz, feedback ed effetto Larsen sono già state ampiamente usate ed abusate, e che cominciano, in alcuni sporadici episodi quali ad esempio i Litter(10), ad essere fuse insieme. Quando Hendrix arriva a Londra, i Cream hanno già istituzionalizzato l'hard-blues (o hard-rock), radicalizzando il linguaggio del blues e addestrando il pubblico a lunghe jam improvvisate e interminabili assoli. Non è d'altronde mistero che la Jimi Hendrix Experience sia stata costruita a tavolino e plasmata ad immagine e somiglianza del trio londinese, con Noel Redding arruolato al basso addirittura soltanto per via del proprio look. Proprio durante il primo incontro con i Cream, Hendrix ha modo di provare un amplificatore Marshall, all'epoca poco più che un negozietto dei sobborghi di Londra che Eric Clapton prima e Pete Townshend poi avevano contribuito a rendere celebre grazie al supporto nell'evoluzione dell'amplificazione, culminata nella realizzazione dei due modelli più famosi, rispettivamente il Bluesbreaker e lo Stack. A questo punto l'Experience comincia a sviluppare il proprio suono, ma ci vorranno un paio di mesi e qualche esibizione di Jeff Beck prima che Hendrix sia in grado di padroneggiare la combinazione Marshall, Stratocaster e fuzz box(11) senza creare quel fastidioso rumore di fondo.

Hendrix è così pronto per ridefinire il ruolo della chitarra elettrica nella musica contemporanea. Artefice di una rivoluzione che non ha precedenti, ma che pur sempre di rivoluzione formale si tratta, Hendrix non cambia le regole della chitarra elettrica, semplicemente le infrange tutte. Non esiste un musicista tanto influente nell'evoluzione del rock quanto legato alla propria tradizione, e questo album ne è la prova schiacciante.
La vera rivoluzione, non più formale ma di contenuti, Jimi Hendrix era in procinto di metterla in atto poco prima della sua morte, quando sembrava seriamente intenzionato a prog-redire il suo blues e, verosimilmente, a cambiare nuovamente ed in maniera irreversibile il corso della storia del rock.
Ma questo purtroppo non lo sapremo mai, neanche fra cent'anni.

_______________________________________________________
Note

1. ^ Jimi Hendrix, "The Star-Spangled Banner". Woodstock, 18 agosto 1969.
2. ^ cit. Paolo Galori.
3. ^ John Philips, cit. Brian Jones: "you've got to have this guy. He's tearing Europe to pieces".
4. ^ The Who, "My Generation". Monterey Pop Festival, 18 giugno 1967.
5. ^ Pete Townshend, cit. Jimi Hendrix. Monterey, 18 giugno 1967.
6. ^ Jimi Hendrix Experience, "Killing Floor". Monterey, 18 giugno 1967.
7. ^ James Rotondi, "Jimi Hendrix' Personal Record Collection". Guitar Player, aprile 1996, pp. 37-42.
8. ^ Jimi Hendrix, "Hear My Train A-Comin'". See My Music Talking, 1969.
9. ^ Copertina interna di "Blues", Jimi Hendrix. MCA, 1994.
10. ^ The Litter, "I'm A Man". Distortions, 1967.
11. ^ Schema strumentazione di Jimi Hendrix.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su Trecento

signorprog
signorprog
Opera:
Recensione:
caro cacchione qnd mi porti i cd ke hai pres da me x masterizzarli?


panthera
panthera
Opera:
Recensione:
minchia 'sto disco fa paura c'ha le presenze inquietanti...apparte il fatto che la recensione è piena d'inesattezze vorrei tanto sapere per quale proprietà transitiva questo sarebbe l'unico disco non live che merita di essere ascoltato ? te l'ho ha detto hendrix in sogno? oppure è sceso sulla terra per autorizzarne l'uscita? "undici diamanti grezzi non rifiniti" grazie al cazzo la maggior parte sono jam session magari suonate per cazzeggio sotto acido..."Con il passare degli anni infatti non poche crepe hanno incrinato la superficie di quel cristallo, lasciando trapelare un Hendrix inedito­, timido e balbuziente," altra cazzata perchè è sempre stato timido e balbuziente infatti chi lo conosceva diceva che la sua espressività senza strumento era al 10%...etc etc..e in finale dov'è la recensine del disco ? che pezzi suona, con quali musicisti? in che anno? con che vestiti?...


Trota-Da-Mare
Trota-Da-Mare
Opera:
Recensione:
Incredibile: è tornato Pantera. Pantera, come sta il fratellino scemo? Ho un'amica ucraina disposta a fare la badante. Che faccio, te la presento?


c'è
c'è
Opera:
Recensione:
pantegana ma potevi dirle 4 mesi fa queste cose che ci divertivamo a sfotterti, ora è troppo tardi anche per mandarti a cagare


panthera
panthera
Opera:
Recensione:
mi fai davvero pena ( e pure nu poc schif') con tutto il cuore...com'è quando non sa che cazzo dire te ne esci col nomignolo preferito di tua madre....ma daltronde da un caso umano non ci si può aspettare di più...ciao ricchione.


c'è
c'è
Opera:
Recensione:
eppoi non lo devi chiedere a me, che cazzo, io questa l'ho copiata da wikipedia, vai a rompere il cazzo a loro. Ma dicci un po', cos'hai fatto in questi mesi? è un po' che non ti si vede


mohammed
mohammed
Opera:
Recensione:
ma questo trota da mare è scemo??


Stanlio: altrochè!
tutti i trota sono scemi!!
vedi il figlio del cantautore Umberto Bossi battezzato "il trota" dal papà!!!
dopo aver passato la giornata a farsi canne e a succhiare la canna di un viados partorì questa pensata che divulgò a mezzo stampa nel 2010, in un'intervista al settimanale Vanity Fair, rispondendo alla domanda “Mai provato droghe?”, Renzo ha risposto:
«Nella vita penso si debba provare tutto tranne due cose: i culattoni e la droga»
(cit. Renzo Bossi da wikipedia)
brusko
brusko
Opera:
Recensione:
vedi Mohammed, beh, tecnicamente, si


panthera
panthera
Opera:
Recensione:
eppoi se proprio si deve ( e si tratta di hendrix e non di un tiziano ferro qualsiasi ) scegliere qual'è il disco non live che merita di essere ascoltato è senza dubbio First Rays Of The New Rising Sun (già The Cry Of Love) ricco di bellissime perle, perchè contiene il materiale al quale stava lavorando.


c'è
c'è
Opera:
Recensione:
non ti è proprio andata giù questa eh? e vabbè dai, fattene una ragione


panthera
panthera
Opera:
Recensione:
no, non è così, assolutamente...il fatto è che la recensione è piena di imprecisioni e di giudizi assoluti che non condivido per nulla...detto questo io amo questo disco, è un disco che "ho vissuto" ma di sicuro nella dicografia hendrixiana non è da 5.


c'è
c'è
Opera:
Recensione:
hai provato con la leocrema?


panthera
panthera
Opera:
Recensione:
allora diciamo oosì : questa è una ( non ) recensione approssimata, piena di contraddizioni, ovvietà e soprattutto compltamente fuori tema..accettabie solo nella forma ma assolutamente insignificante nei contenuti...il fatto che hai preso dei 5 da chi conosce hendrix alla cazzo non significa un cazzo...questa è la mia opinione e tale resterà per sempre..per le tue pseudo recensioni c'è una funzione del sito che si chiama "approfondimenti"....


panthera
panthera
Opera:
Recensione:
ecco ho trovato la de-finizine addatta alla tua rece : è una RECENSIONE RICCHIONA.


c'è
c'è
Opera:
Recensione:
ma nessuno vuole cambiare la tua opinione, volevo soltanto alleviarti il bruciore di culo. Prova la leocrema, dicono funzioni


Culo
Culo
Opera:
Recensione:
Confermo: funziona.


FICA
FICA
Opera:
Recensione:
hey pantera, micino, annusami e il modo tornerà a sorriderti.


panthera
panthera
Opera:
Recensione:
buuuuuuuugatti


under the oak
under the oak
Opera:
Recensione:
album fenomenale,e non spreco ulteriori parole a descriverlo:va ascoltato punto.

volevo solo fare un paio di riflessioni personale:
-tutte le volte che sento jimi è il migliore di sempre mi viene sempre una tristezza infinita? come si può definire IL MIGLIORE in un ambito del genere dove pullulano geni a destra e a manca, so che potrete darmi mille spiegazioni per la vostra supposizione (poichè in queste cose non esiste oggettività: ad esempio uno può definire Gauss come il matematico più importante di tutti i tempi per la spinta propulsiva che diede alla materia a inizio '800 e un altro può dire lo stesso di Cauchy adducendo le medesime motivazioni tra l'altro), perciò fatemi il favore di cercare di contere questa mitizzazione esagerata di jimi che da un certo punto di vista non gli rende giustizia;
-l'influenza di jimi hendrix sulla musica moderna è innegabile, ma anche qui affermare che sia l'artista più influente è un'affermazione troppo pesante, come la mettiamo con T-bone Walker, colui che ha dato una nuova chiave di lettura al blues creando così i presupposti per tutte le future rivoluzioni musicali in ambito blues\rock?

ps:per chi pensa il contrario io adoro jimi hendrix e la sua musica..


sergio60: Il "problema" nasce dal fatto che c'era un modo di suonare la chitarra prima di Hendrix... È poi dopo Hendrix, il che può sembrare semplicistico ma in realtà è molto più complesso, la sua tecnica non era ortodossa eppure era unica ed anche molto raffinata, gli effetti che usava come il feedback o distorsioni a mach 2 altro non erano che coreografie, servivano a mettere in luce ciò sarebbe rimasto in ombra proprio perché il panor
Big Chris
Big Chris
Opera:
Recensione:
Bellissima. Raccolta da avere assolutamente, Red House riarrangiata nella veste "Electric Church" è meravigliosa. Hear my Train a Comin' live tratta da Berkeley è semplicemente perfetta. Per certi versi qui vi è l'Hendrix più autentico, più l'ascolto sto cd e più penso sia una perla assoluta della sua discografia postuma.


fosca
fosca
Opera:
Recensione:
Rock70
Rock70
Opera:
Recensione:
Nico63
Nico63
Opera:
Recensione:
Acquistai per un caso fortuito questo disco appena uscì e lo considero uno dei più importanti acquisti della mia vita. Recensione degna dell'opera recensita.


proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
"Se di tutta la storia del rock fra cent'anni resterà soltanto un nome, sarà inevitabilmente Jimi Hendrix." MA SPERIAMO DI NO.


RIBALDO
RIBALDO
Opera:
Recensione:
che rece bellissima! ma come si vota l'opera? scusate sono un pò mongolo


Fletchge
Fletchge
Opera:
Recensione:
quest'album è una raccolta di brani che non facevano parte di un progetto unico e organico.. a dirla tutta la sua pubblicazione non è stato altro che il frutto dell'ennesima speculazione commerciale su alcuni tra i tanti lasciti di Jimi.. il contenuto rimane comunque all'altezza del suo mito.. p.s.: l'LP esalta peraltro anche la grafica azzeccata della copertina..


Pappaganzo
Pappaganzo
Opera:
Recensione:
bella recensione per un disco in cui si l'Hendrix migliore viene fuori negli assoli splendidi e crudissimi
PS: Jimi Play Monterey è il disco che si dovrebbe salvare del 900.
Chi lo ricorda solo per il fuoco alla chitarra non capisce un cazzo:
basta solo l'intro di Killing Floor per sbaragliare qualunque concorrenza


IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Recensione fiume ... forse troppo fiume come dati, statistiche, il meglio di chi, le varie fasi. Una storia del Rock, del blues, dell’hard rock in una recensione crea più casino che altro. Nel senso che se non ci sei un po’ dentro non capisci nulla.
Però ho capito tutto ciò che hai voluto dire e raccontare. Non sono d’accordo su alcune cose ma sono pensieri diversi in relazione ad alcuni momenti storici. Poi alcune cose visto che ho letto da poco “Una foschia rosso porpora” vera Bibbia Endrixiana non mi sembrano proprio esatte (riguardo i primi passi e l’Experience). Così come che a Monterey avrebbe suonato meglio degli Who; direi di no, solamente Jimi era quello più atteso visto che in America non lo conoscevano in pratica. Personalmente poi non ho mai goduto di questa scena di bruciare la chitarra... Jimi era ben altra cosa.


Nico63
Nico63
Opera:
Recensione:
Ribadisco quanto scrissi più su a suo tempo: disco fondamentale e recensione degna. Avrei solo detto due parole sul magnifico secondo brano: strumentale, cosa non comune nella discografia di Jimi.


IlConte: Non ho detto che non è valida la recensione, anzi. Però c’è troppa carne al fuoco e si rischia di capire poco. Ti consiglio Nico, se non l’hai letto, il libro che dico sopra, incredibile Bibbia sulla vita di Jimi... che ogni altro po’ libro scompare.
Anzi se ricordo bene nella mia “recensione” di un altro libro me lo suggerirono
@[sergio60] e
@[zappp]
Quindi grazie

@[madcat] questo è il LIBRO su Hendrix (eri tu a chiederlo se non ricordo male)...
IlConte: “po’” non c’entra
madcat: grazie @[IlConte] si, ero io!
Stanlio
Stanlio
Opera:
Recensione:
eh, nel 2008 manco sapevo che esistesse il DeB però sto cd già me l'ero accattato la prima volta che lo vidi esposto in negozio... e niente, ah no, bravo!!!


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Blues è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link