John Carpenter
1997: Fuga Da New York

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Il miglior western di John Carpenter, infarcito di citazioni, atmosfere surreali meravigliose, una storia validissima, personaggi memorabili, sequenze antologiche, effetti speciali all'avanguardia.

Il film di Carpenter ci propone un futuro oscuro, lontano da concezioni ottimistiche facilone, un avvenire sporco, unto e freddo, dove le istituzioni si occupano sempre meno dei popoli (questo fattore riflette la tipica sfiducia del regista nei confronti di queste). L'indice di criminalità nel 1988 sale a tal punto negli USA che questi sono costretti a ridurre l'isola di Manhattan in un carcere di massima sicurezza per ergastolani (il film è del 1981). I collegamenti verso l'esterno sono stati fatti saltare, a parte qualche ponte. L'introduzione parla chiaro: una volta entrati non si esce più. Ma una storia vera, si sa, comincia sempre quando un equilibrio precedentemente creato viene meno. In questo caso l'elemento distorsore è un manipolo di disperati che fa precipitare l'Air force one (l'aereo del presidente degli Stati Uniti per intenderci) nell'area metropolitana di Manhatan, nell'anno 1997, molto dopo il 1988, quindi la realtà carceraria di New York è gia ben consolidata. Al suo interno vi è un mondo sconosciuto alla parte buona e civile del mondo.

Manhattan è una tenebrosa giungla entro la quale vige la legge del più forte e i deboli farebbero meglio ad allearsi con i potenti di questo nuovo mondo. Ecco che però il presidente riesce a salvarsi all'impatto del suo aereo contro un grattacielo (profezia 11 settembre?) ma finisce nelle mani di un altro presidente, il capo di uno stato nello stato, il Duca di New York (Isaac Hayes), "il numero uno" come gli piace farsi chiamare. La situazione desta preoccupazione. Il presidente stava andando a un convegno che avrebbe deciso le sorti del mondo, un mondo sull'orlo di una terza guerra mondiale. E come molte volte accade, il destino riserva l'arduo a delle persone ardue. Ecco quindi che entra in scena il protagonista della vicenda, una leggenda, un eroe di guerra che ha però commesso l'errore di sfidare il sistema che un tempo lo ha premiato, rapinando una banca: lui è Jena Plinsken (Snake in lingua originale, per ovvie ragioni legate alla sua personalità). E' l'antenato degli antieroi, dei personaggi difficili che faticano a inserirsi (Rambo) e che sono incompresi. Non parla molto il ragazzo, ha una benda all'occhio sinistro e una certa affinità all'humor nero e alle tecniche di lotta, oltre ad avere la sua dote muscolare, cosa che rese famoso il suo alter-ego Kurt Russel (all'inizio doveva esere Tommy Lee Jones, che poi ha tradito). Colmo dei colmi questo personaggio scomodo compare al centro accoglienza del penitenziario proprio mentre il presidente degli Stati Uniti (di cui Jena non gli frega niente) finisce nelle mani del Duca. Il comandante della prigione, Hawk, ritiene uno spreco non usare quella massa di muscoli e cervello gia collaudati in precedenza per risolvere il problema col presidente. Così a Jena viene data la possibilità dell'amnistia in cambio di un... piccolo favore. Siccome in entrambi i casi nel penitenziario deve entrare, la possibilità di riscatto consiste nel planarsi sul tetto del World Trade Center con un aliante, trovare il presidente e portarlo in salvo prima della fine della conferenza alla quale il presidente doveva andare. Ad Hawk interessa particolarmente un nastro magnetico contenuto nella valigeta del presidente, che deve arrivare a destinazione a qualunque costo. Come ogni Homo-Sapiens sapiens dotato di un Q.I superiore a 1 Jena accetta la proposta. I superiori però conoscono fin troppo bene le qualità "furbe" di Jena, perciò, prima di spedirlo all'inferno, gli danno in omaggio un oggetto che avrà lo scopo di ricordargli indelebilmente il tempo che passa. Per evitare che Plinsken una volta sull'aliante fugga in Canada, gli iniettano nelle arterie delle micro bombe che esploderanno entro 24 ore se non neutralizzate prima, cioè al suo ritorno, col presidente e il nastro. 24 ore è il limite di tempo entro il quale il vertice decisivo avrà termine. "E se dovessi tardare?", "Non più vertice di Hartford e non più Jena Plinsken".

Il protagonista, in una corsa senza fine in una New York aliena e disumana, lotterà per la causa del bene (cioè del mondo esterno) per rubare all'inferno (il mondo di Manhattan) la salvezza del mondo intero, sia buono che cattivo. Incontrerà predatori notturni, vecchi amici traditori, animali bipedi, il Duca stesso, un tassista frizzante e la vita stessa, di nuovo, che valorizzerà sempre di più all'avvicinarsi della scadenza del timer, una vita sempre tirata per i fili (non c'è un personaggio che non lo abbia creduto morto). Una miscela esplosiva e divertente, condita con le ottime musiche futuristiche e sintetiche tipiche degli anni 80, composte da Carpenter stesso, scenografie terribilmente reali e quasi sempre notturne, personaggi memorabili (il punk Romero su tutti) e un ritmo mai vacillante. Un'opera che si conclude anche con un accenno di comicità, sempre però aprezzabile grazie alla figura di presidente da operetta presentato. Un flop in America (per lo scarso patriottismo), un successone in Europa, un film che nessun cinefilo dovrebbe perdere.

Questa DeRecensione di 1997: Fuga Da New York è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/john-carpenter/1997-fuga-da-new-york/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Cinquanta commenti su OttantaQuattro

iside
Opera: | Recensione: |
mi ricordo solo la colonna sonora...........

P.Scaruffi
Opera: | Recensione: |
Escape from New York (1981) e` un fantapolitico altrettanto apocalittico quanto Precint 13.

In un futuro non precisato, il presidente degli USA sta volando verso l'Unione Sovietica, dove si deve svolgere un summit, ma l'aereo viene dirottato dai terroristi e precipita su Manhattan, che e` stata trasformata in un gigantesco carcere isolato dal resto del mondo. Bisogna liberare il presidente in 24 ore e la sceltqa cade su Snake, un detenuto che fu eroe, che e` l'unico a poterci riuscire. Gli promettono la liberta` se riesce, la morte se entro 23 ore non ce la fa. Snake si infila nell'inferno di Manhattan, un dedalo di macerie popolato da orde di teppisti feroci. Snake, trasformatosi in James Bond dei bassifondi, si fa largo fra i caseggiati diroccati e nelle strade allagate da detriti. Un taxista, Cabbie, l'ultimo degli indipendenti, lo aiuta a mettersi in contatto con una coppia di criminali: il maschio e` in realta` un suo ex complice, che lo tradi`, e la femmina e` la sua ex ragazza. Snake chiede di incontrare il capo supremo della delinquenza. I due lo accompagnano a un treno, dove il presidente e` tenuto prigioniero. Snake riesce a liberarlo, ma i teppisti gli saltano addosso a decine. Si ritrova di fronte al capo, un nero che si fa chiamare Duke e sta facendo il tiro a segno sul terrorizzato presidente. Mentre Snake viene costretto a battersi contro un feroce gladiatore, in un'arena gremita di squilibrati (una scena che ricorda Mad Max), l'amico e la ragazza liberano il presidente e si avviano verso l'auto di Cabbie. Snake scopre che il nastro che il presidente custodisce gelosamente contiene il segreto di una nuova arma e lo sostituisce con una musicassetta. Inseguiti da Duke fra le immondizie, i rottami, le carcasse, del ponte di Brooklyn, sono quasi in salvo, ma Cabbie salta in aria e il gangster viene ucciso. La ragazza si ferma a vendicarlo: non ci riesce, e muore a sua volta. Duke viene infine crivellato con un mitra dal presidente. Snake e il presidente riescono a scavalcare il muro di cinta, appena due secondi prima che la bomba trapiantata nel cranio di Snake esploda.
Violento e barbaro, ambientato fra le macerie come Precint 13, e nell'assenza di valori morali. Anche questa volta la tragedia e` dominata dallo spirito di vendetta. Gli esseri degradati di Carpenter non conoscono altro stimolo che quello di vendicare la morte di un membro del loro gruppo.

Bollicina
Opera: | Recensione: |
Chiamami Jena......bellissimo film, bravo! complimenti anche x la recensione :) Carpenter è uno dei miei registi preferiti

ZiOn
Opera: | Recensione: |
'A Scarù, ma quann è che te ne vai mpò a fanculo?

Sanjuro
Opera: | Recensione: |
Scaruffi sicuramente è quel coglione di Pretazzo, ahahha mi ci gioco le palle ahahhaah, vero merdazzo ?

Anonimo
Opera: | Recensione: |
Sanjuro ma prima tu e pretazzo nn eravate amici? che è successo? ti ha rubato la ragazza?

Savickas
Opera: | Recensione: |
Un gran bel film, sicuramente da 5 stelle.

a
a
Opera: | Recensione: |
happypippo
Opera: | Recensione: |
il vero scaruffi è stato messo al corrente di questo fake disperato

Anonimo
Opera: | Recensione: |
Il vero disperato è il vero scaruffi.

Sanjuro
Opera: | Recensione: |
SVELATA L' IDENTITA DEL PAGLIACCIO POLETTI: DIGITANDO SU MYSPACE MARCO POLETTI MESI FA, MI FA NOTARE UN CARO AMICO, ECCO COSA APPARIVA, LUI: Featured Content on Myspace

Alfredo
Opera: | Recensione: |
Sono andato a vedere la pagina di My Space che dice Sanjuro...:))) quindi quello sarebbe Poletti? :)

JimMorrison
Opera: | Recensione: |
Secondo me un accenno allo scambio/distruzione del nastro nel finale potevi pure mettercelo, giusto per dare il giusto peso a Iena, no? Tutto sommato, però, una buona recensione per un film d'eccezione.

iside
Opera: | Recensione: |
ma però jimmy sono passati circa 4 mesi da questa rece e tu la vedi solo adesso?

oduarpa
Opera: | Recensione: |
Ciao, ho appena caricato (sulla mia pagina musicale di myspace,indicata sotto la firma) un nuovo brano,"The World Is On Fire",pesantemente ispirato alla new wave anni 80(con riferimenti a Duran Duran,Alphaville,Classix Nouveaux,The Associates,B-Movie,Wim Mertens e The Killers),mentre ancora "imperversano" gli altri due pezzi precedentemente caricati: uno s'intitola "Formerly Known As The King" e potrebbe definirsi un mix tra il post-punk psichedelico e il power-metal sinfonico, vagamente influenzato dai Muse e dai Sonata Arctica, ma con un testo trash ispirato alle notizie di cronaca nera...e l'altro,"Nothing To Believe In",è una specie di ballata prog-jazz con elementi orientaleggianti,classicheggianti e new wave e ispirata a David Bowie,Arcadia,Furniture,Eyeless in Gaza,Japan,David Sylvian,Mick Karn,Dolphin Brothers,Nine Horses,Masami Tsuchiya,Yukihiro Takahashi,Melon,The Cure,Metro,John Foxx,etc.
Spero vi piacciano!
un saluto
Welcome to the new Myspace!

Ale87
Opera: | Recensione: |
Il film mi è piaciuto, però lo zerbino del duca (quello vestito da Peter Pan) è veramente demenziale

Anti-Bisius fanclub
Opera: | Recensione: |
Film ispiratore tra l'altro di quel giocone che è Metal Gear Solid. Kurt anti-eroe tutta la vita!!!! Cult!

Darkeve
Opera: | Recensione: |
teenagelobotomy
teenagelobotomy Divèrs
Opera: | Recensione: |
nes
nes
Opera: | Recensione: |
teen sei senza speranze... :) Tre e non quattro perchè è invecchiato da cani. quando uscì era tutt'altra cosa, rispetto a quello che è oggi.

nes
nes
Opera: | Recensione: |
No, il tre andava al film...

teenagelobotomy
teenagelobotomy Divèrs
Opera: | Recensione: |
"è invecchiato da cani. quando uscì era tutt'altra cosa, rispetto a quello che è oggi" già lo sai vero che è la stessa cosa che penso io di Halloween? :)

nes
nes
Opera: | Recensione: |
""è invecchiato da cani. quando uscì era tutt'altra cosa, rispetto a quello che è oggi" teen non lopenso solo io è un dato di fatto. "lo sai vero che è la stessa cosa che penso io di Halloween? :)"
Boh, ogni volta che parli di halloween ne dici una differente. secondo me è meglio se quel film lo lasci perdere. e comunque halloween non è che è invecchiato, è che ha fondato un genere. questo è solo invecchiato. Van Cleef secondo me ancora si chiede che ci stava a fare la in mezzo.

teenagelobotomy
teenagelobotomy Divèrs
Opera: | Recensione: |
veramente sei tu a tirarlo fuori ogni volta eh sto cazzo di halloween :) non è vero che la dico sempre diversa... ho già detto anche l'ultima volta che per me è un film invecchiato. ha fondato un genere ma oggi nel 2011 non può fare lo stesso effetto. poi oh, la vediamo in modo diverso bisognerà farsene una ragione. per me "fuga" non è affatto così invecchiato. il personaggio di Russel (jena/snake) fa ancora un certo effetto tuttora. l'ambientazione è straordinaria visivamente. è un film storico della fantascenza di quegli anni. anche se sicuramente non sarai d'accordo :)

piendepei
Opera: | Recensione: |
che il buon vecchio (ma soprattutto_bon..) Lee timbrasse lee (pronounced "li'") il cartellino posso anco_essere d'accordo ma che il film sia invecchiato non la penso punto cosi' anzi'che proprio 'sti giorni avevo voglia di (ri)scaricarmelo e -ustma'mmo m'avete terminantemente persuaso a farlo, addosso al mulo --> VAIII!! --->

nes
nes
Opera: | Recensione: |
piendepei buttati, scaricatelo riguardatelo, e poi ripassa a dirmi che non è invecchiato... fuga da los angeles è stato accolto da tutti ( pubblico e critica ) come una merda. e non è altro che il remake di fuga da new york... storia del menghi, fotografia mediocre scenografie che oggi non sono datate, di più sembra quasi di vedere un'opera teatrale... Nono piendepei: 'sto film è invecchiato da cani, tu comunque riguardatelo che così te ne convinci.

nes
nes
Opera: | Recensione: |
"veramente sei tu a tirarlo fuori ogni volta eh sto cazzo di halloween " sul serio? per curiosità, prima del tuo post 56 vedi per caso un mio post dove c'è la parola halloween? io sinceramente no.
"è un film storico della fantascenza di quegli anni. anche se sicuramente non sarai d'accordo :)" sono d'accordissimo. Ciò non toglie che sia invecchiato di merda.

teenagelobotomy
teenagelobotomy Divèrs
Opera: | Recensione: |
il 56 era di risposta al tuo 54 che implicitamente faceva riferimento sempre al mio famoso post su halloween. mettiamola così: halloween e fuga sono entrambi storici per il genere, per te è invecchiato fuga e per me halloween... che tanto sempre lì si resta. le opinioni restano le stesse per entrambi. continuo a pensare che tutt'oggi i personaggi e l'ambientazione di fuga siano un gran bel vedere.

piendepei
Opera: | Recensione: |
ecchecazzo!! grazie mille della tua raccomandazione ma: Nes&co.adesso siete in dovere di suggerirmi anche un metodo tecnico per vaffanculizzarmi da solo, ero convinto nella mia (rin_)coglionaggine che stessimo parlando della prima fUga (forse nella mia spasmodica propensione erotomane ho confuso la U per I, non so se capite...) ossia quella da new york non dal bubbone metropolitano "degli angeli", mi sa tanto che ho esagerato un po'troppo con l'"heredity" (almeno cosi' pone l'etichetta del whiskey cream che ho comprato..) , beh @NES il sequel -da LA.penso anche io non sia il massimo surtout_considerando che ricalca anche troppo pedissequ(-ina-)amente il primo episodio..., btw.approfitto per correggere il voto reale (selon_moi...) sorry again!!

popcornshooter
Opera: | Recensione: |
piantatela di spippettarvi mentalmente halloween è un capolavoro. Punto halloween è l'inizio, e allo stesso tempo la morte di un genere. Halloween fa paura; dall'inizio alla fine, non ti lascia un momento di tregua. Halloween non è invecchiato, sei tu che non hai più 15 anni. Fuga da new york è invecchiato, ed è invecchiato male. ma in fuga da los angeles ci sono le audiocassette, ci sono i "fucili bum-bum", c'è uno con la benda sull'occhio e una bomba al collo. è invecchiato, di merda, ma resta uno dei pop corn movie più popcornosi di sempre. se non la pensate così è solo perchè vi serve una guida filmica. posso invitarvi al cineforum mio e dei miei amici. domani siamo tutti a casa di andrea a vederci questo: ( io l'ho già visto, ma andrea no. quasi quasi adesso lo chiamo e gli racconto come va a finire)


piendepei
Opera: | Recensione: |
ah ultimissima_se posso, della saga halloween considero dei MUST assoluti almeno tutti gli episodi in cui figura donald pleasence! (non so se e'esatto scritto cosi'comunque e' lo stesso piu'o meno pelato che recita anche in cul_de-sac)

teenagelobotomy
teenagelobotomy Divèrs
Opera: | Recensione: |
"Halloween fa paura; dall'inizio alla fine, non ti lascia un momento di tregua" ma anche no, a me non ha fatto nessun effetto e non ci posso fare niente. "sei tu che non hai più 15 anni" no veramente ne ho 21.

popcornshooter
Opera: | Recensione: |
cinque pop corn cazzo!

piendepei
Opera: | Recensione: |
@POPCORNSHOOTER , visto che te ne sei teste'uscito, approfitto: ma k.russell poco prima di dire la battuta "benvenuti alla razza umana" (non l'ho mai capito!?) cos'e'che fa , attivare un meccanismo di distruzione totale dell'universo che tenda alla palingenesi o ci tiene in qche.modo alla (-almeno-) sua pellaccia?? e'che al finale non sono mai riuscito a dare una interpretazione reale!...

nes
nes
Opera: | Recensione: |
piendepei non mi son spiegato: stiamo parlando di new york. non di la. ciò non toglie che quando usci 17 anni dopo se non erro, fuga da la fu accolto da tutti come un film di merda. ed era tle e quale al predecessore. New York è sicuramente un cult nessuno lo mette in discussione ma è datato, datatissimo.già solo "la cosa" ( dell'anno dopo, dello stesso regista) è un film di fantascienza che questo se lo mangia.

popcornshooter
Opera: | Recensione: |
scusa teenagelobotomy ma ci sei? Hai 21 anni? e grazie al cazzo che non ti spaventa, è un film per 15enni... Ti è più chiara così? piendepei: quella di cui stai parlando tu è la fine di los angeles. se non ricordo male jena tiene un telecomando che spegne tutti gli apparecchi elettronici del pianeta (ma potrei ricordar male). Ripristina un'era pre tecnologica insomma, il caos. l'anarchia... comunque son film che non voglion dire un cazzo piendepei. son film fatti per far dire allo spettatore " wooooooooooo, woaaaaaaaaaa, uhhhhhhhhhhhhh! Tanti pop corn a tutti


Darkeve
Opera: | Recensione: |
SPARAPOPCORN:io voglio iscrivermi al tuo cineforum...dammi istruzioni...

Darkeve
Opera: | Recensione: |
comunque la scena del campo da basket(nel seguito mi pare)rendeva di brutto...

teenagelobotomy
teenagelobotomy Divèrs
Opera: | Recensione: |
infatti è quello che ho detto, è per 15enni quindi non ha senso parlare di capolavoro a prescindere. adesso giuro che sull'argomento halloween non dirò più una sola parola :)

flagelloalieno
Opera: | Recensione: |
è come dice teenagelobotomy,punto e basta.Non lo contraddite sennò piange e abbandona il sito e poi come si fa?Lui è un dotto cinefilo,ex critico musicale in pensione.Comunque era meglio se dicevi che hai 15 anni.....non la scrivere troppo spesso questa cosa dei 21 anni......

popcornshooter
Opera: | Recensione: |
teenage: capisco perchè sul sito si dica che di film capisci proprio pochino. Comunque certe idee a 21 anni son più che comprensibili. Dì la verità i tuoi registi preferiti sono kubrik coppola scorsese e de palma. :)
darkeve: la scena sul campo da basket, se non ricordo male c'è anche in questo ma forse mi ricordo male... di sicuro in questo non c'è la scena in cui cavalca l'onda. cazzo vado a cercacrla su youtube e ve la linko. quella è una delle schene più trash di sempre e me la sono vista al cinema grazie al babbo fantafanatico. eccola volevo scrivere qualche cazzata divertente inerente a quello che accade in quei 40 secondi ma credo che il silenzio e la contemplazione siano il commento migliore che le si possa dare. Dark per iscriverti al mio cineforum servono 3 cose. vivere a milano, essere possibilmente donna e impazzire per i pop corn. se ti manca uno dei requisiti devo proporti alla loggia suprema del popcineforum e vedere cosa dice il consiglio. se invece ti mancano due requisiti ma sei donna verrai automaticamente ammessa. ma tu sei maschio se non ricordo male. :)


popcornshooter
Opera: | Recensione: |
"Lui è un dotto cinefilo" no, non è dotto ( visto cosa dice essere un capolavoro) e non è un cinefilo (per questa frase:"è per 15enni quindi non ha senso parlare di capolavoro a prescindere") poi, per carità, è simpatico, mi ha fatto scoprire che i durdenne han tirato fuori un altro film, e di questo gli sarò grato per un bel pezzo, però diamo alle parole il giusto peso. non è ne dotto ne cinefilo. al limite cinofilo teen ti piacciono i cani? a me no piacciono i gatti, a casa mia quando si raduna il cineforum c'è sempre( ma sempre sempre) andrea che si ritrova "miù" sulle ginocchia, la cosa non è granchè divertente tolto il fatto che dei quattro che siamo qua è l'unico allegrico ai gatti. Insomma da me non si viene a vedere il film, si viene a sentire andrea che starnutisce. L'ltro gionrno lo stesso andrea me lo ha chiesto " vengo a starnutire alle 8 o 8.30?"

flagelloalieno
Opera: | Recensione: |
sul sito si dice che di film capisce proprio pochino,si dice anche che di musica non capisce proprio un cazzo ma si tratta solo di un accanimento da parte di alcuni utenti comunisti, poveracci e faziosi......

popcornshooter
Opera: | Recensione: |
comunque teen se mi stai dietro ti lancio tutte le dritte da seguire per diventare un recensore menoso e preparato.

Darkeve
Opera: | Recensione: |
maschio,varese...ma amo i popcorn...chessifa?(non sono allergico ai gatti ne ho 7...e sopporto di brutto la gente che starnutisce,la mia ex era allergica ad ogni tipo di polline e polvere sottile,ah e russava pure...)

popcornshooter
Opera: | Recensione: |
oscura viglilia, l'enclave si è radunato e -ahi noi- tu non sei ammesso al cineforum. Così è deciso. Le motivazioni sono legate alla tua provenienza forestiera: siamo per la conservazione del sangue puro, e soprattutto siamo convinti che i varesotti trangugino più popcorn di quanti ne tirino ( insomma siamo nu poco razzistelli) ma non disperare: credo di poterti venire in contro aggiornandoti via pvt dei film che vediamo, se sei interessato ovviamente. se invece l'unica cosa che ti interessava era conoscere giulia ( la supergnocca del cineforum) ... posso capirti, ma lei è già innamorata di roby, che però non se la caga perchè per lei i film migliori al mondo sono "Don Juan de marco maestro d'amore" e "il principe delle maree" Insomma, per me roby è scemo ma giulia gli fa troppo il filo per potersi accorgere di qualcun'altro. schrerzi a parte se vuoi consigli su che film vedere sarò felice di darteli contattami pure in pvt (che così mi sembra di avere nuovi amici!).


Stinger
Opera: | Recensione: |
melmoso, malmostoso e merdoso.

dosankos
Opera: | Recensione: |
Non lo vedo da almeno 10 anni, ma lo ricordo molto gnucco e incazzoso come film. Russel truzzone-spaccone al punto giusto. 3,5.... 4 vah!

Alfredo
Opera: | Recensione: |
La cosa dell' "invecchiato male" non l'ho mai capita. Cosa vuol dire? Che senso ha? E' necessariamente un difetto? Sto film spacca i culi abbestia pure adesso. E l'ho rivisto 3 settimane fa. Tiè.

axel
Opera: | Recensione: |
rivisto per l'ennesima volta ieri. sempre fighissimo affanculo

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: