Sto caricando...

Kenny Rogers
Eyes That See in the Dark

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Questo disco in origine apparteneva alla casa dei miei nonni, e siccome allora ero interessato a qualunque artista avessi anche lontanamente sentito nominare, me lo portai a casa.

Primo ascolto: non mi fa impazzire. Pazienza, con un secondo ascolto riuscirà a piacermi.

Secondo ascolto: buono dai, ma c'è qualcosa che non quadra.

Allora mi documentai. Diamine, questo uomo ha firmato una canzone appartenente alla colonna sonora de "Il Grande Leboski", e il film mi ha fatto impazzire. Diamine, ha partecipato anche al USA For Africa, di certo non prendevano i primi che capitavano.

Insomma, nella carta una buona carriera, ma c'era qualcosa che non andava. Mi documentai di più, e scoprii l'arcano: Kenny Rogers era un cantante COUNTRY!

Mi venne da vomitare, non posso farmi piacere pure il country, sarò lo zimbello della famiglia, io che vanto ottimi gusti musicali! Da intenditore a sempliciotto zoticone! Mio Dio, country! Come sono caduto in basso!

Il brutto è che mi piace tutt'oggi! Non mi ricordo un titolo che sia uno, ma i duetti con quello dei Bee Gees e con Dolly Parton sono ottimi, e me lo riascolto volentieri.

Ora sto cercando di dargli due stelle, ma il mio dito resiste e il disco con parole suadenti (dentro la mia testa) mi convince ad assegnarli tre stelle.

Mio Dio, come sono caduto in basso!

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quattro)

Martello
Martello
Opera:
Recensione:
Mi è successo coi Negramaro ( aiuto ), in adolescenza, e mi dicevo "mio Dio come sono caduto in basso".


Vik: Almeno non sono l’unico!
Onirico
Onirico
Opera:
Recensione:
Conosco poco il genere ma c'è della gran bella musica country, non vedo perché ti dovresti vergognare!


TataOgg
TataOgg
Opera:
Recensione:
Questa storia dei generi "colti" l'ho già sentita......................
Perché non ascoltare tutto senza paranoie?


Martello: Quindi anche Spaiz Gherls?
TataOgg: Proprio tu parli? Non lo sai che le Spaiz Gherls é il gruppo preferito di @[sfascia carrozze] ? Ovviamente dopo Lady Gaga.
TataOgg: Non negare quel piacere proibito che ti ha fatto ascoltare tutte quelle schifezze di musica itagliana. 😜
sfascia carrozze: Si ma prima di tutte qveste ottime artiste, nella posizione più elevata del podio, ci sono sempre loro:
Overloaded: The Singles Collection - Sugababes - recensione
TataOgg: Ih! Addirittura la recenzione. Uh-Ah-Uh!
proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
è pieno di country favoloso zì ma non sta poltiglia yuppie


Vik: Però mi mette allegria
E poi dai i duetti sono fatti bene

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Eyes That See in the Dark è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link