L'evoluzione della musica di Klaus Schulze nel corso del tempo ha rappresentato un percorso di trasformazione e maturità artistica, un fluire naturale delle sue esplorazioni sonore. "The Dome Event" si inserisce in questa narrativa, un'esperienza live che si distacca dalle atmosfere di "Irrlicht" per abbracciare un territorio sonoro più affine a opere come "Beyond Recall" e i due album della Royal Festival Hall.

Registrato in una cornice suggestiva, la Cattedrale di Colonia, questo lavoro di un'ora si erge come un monumento al virtuosismo elettronico e alla resilienza creativa di Schulze. Le sue composizioni intrecciano con maestria campioni cristallini e assoli vivaci su un tessuto elettronico che fluisce tra texture e ritmi, senza mai interrompere l'atmosfera generale, densa di suggestioni oscure.

Gli elementi chiave che permeano l'opera sono riconoscibili: voci campionate, strumenti a fiato e percussioni si fondono in un paesaggio sonoro affascinante e intrigante, che si sviluppa con un ritmo misurato, avvolgendo l'ascoltatore per ben 63 minuti nella prima traccia. Pur mantenendo una qualità del suono impeccabile, Schulze sembra focalizzarsi più sull'atmosfera generale che sul singolo contenuto, sebbene frammenti di melodia enigmaticamente inquietanti, evocati da campioni che ricordano una chitarra acustica, permeino l'opera, in linea con le suggestioni di opere come Gringo Negro di Beyond Recall.

Verso la metà del percorso, intorno ai 45 minuti, si avverte l'inserimento di synth e sequencer dall'identità marcatamente anni '70, creando un legame esplicito con il suo lavoro precedente. Questo segmento costituisce il cuore pulsante dell'album, dando slancio al terzo e conclusivo segmento della title track. I 10 minuti conclusivi di "After Eleven", presumibilmente l'encore, si fanno più ritmati e seguono lo stile tracciato dalla title track stessa.

"The Dome Event" potrebbe non ergersi come un'opera imprescindibile, ma rappresenta comunque un tassello interessante nell'evoluzione della musica elettronica di Schulze. L'incontro tra suoni elettronici antichi e moderni offre uno sfondo ideale per l'immersione nella lettura o nello studio, un'opportunità da cogliere al volo se si trova in una ristampa a prezzo accessibile o in occasione di sconti e promozioni.

Carico i commenti... con calma