Lacrime Di Cera
La Vanità Del Sangue

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Con questo caldo ci vuole proprio qualcosa che ti spinga a chiudere le imposte e ad ascoltare note dal sapore autunnale.

Detto,fatto! Eccomi a recensire "La Vanità del Sangue", unica demo registrata dai nostrani Lacrime Di Cera, formazione darkwave anni '90 che riscosse un certo successo nell'underground di quei bei tempi. Poi, ormai potete immaginarlo anche voi, il nulla.

Beh, ora che le tristi note vengono snocciolate dalle casse dello stereo, mi rendo conto ancora una volta di quanto questa nera creatura avrebbe potuto fare scintille e inserirsi, meritatamente, nel novero delle gothic band italiche.

Ma la storia non si fa con i "se" e i con "ma". La storia, spesso, non ha pietà per i validi talenti e per le per proposte interessanti. Andate a leggervi alcune mie recensioni per capire meglio simili dinamiche.

Non tragga in inganno il nome del gruppo: non è gotico per ragazzine o esistenzialisti da cameretta. No, qui c'è sofferenza e mal di vivere autentico.

Influenze? Joy Division, senz'altro, ma anche primi Cure, Christhian Death, Virign Prunes e qualche richiamo alla wave italiana dei tempi d'oro.

La registrazione amatoriale conferisce un non so che di "genuino" alla proposta e, sicuramente, rende la voce del cantante ancora più distante e sfocata di come suonerebbe su LP.

Vi elenco brani quali l'iniziale "Cenere", la title track, "Senso di Vuoto" e "Orrore e Piacere". Perle lugubri cantate in lingua madre. Ossessive litanie per anime che attendono con ansia l'arrivo della notte e del silenzio.

Ragazzi: se siete in ascolto vi chiedo solo una cosa. Ritornate e donateci altra musica.

Questa DeRecensione di La Vanità Del Sangue è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/lacrime-di-cera/la-vanita-del-sangue/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Due)

JonatanCoe
Opera: | Recensione: |
Tutto l'autunno che vuoi, io sono qui!

JonatanCoe: Mi ricordano molto i Carillon Del Dolore, ma più spartani nella produzione.
Marco Orsi: E' vero!
AronnePiperno
Opera: | Recensione: |
Si trovano i testi da qualche parte? L'atmosfera mi prende molto ma veramente, non riesco a capire una parola

Marco Orsi: Purtroppo no. Ho cercato sul web ma nada...
AronnePiperno: Peccato :/

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: