Laura Gane Grace
Tranny:confessioni di una punk anarchica venduta

()

Voto:

Versioni: v1 > v2 > v3

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Laura Jane Grace é la cantante e chitarrista degli Against Me!, una punk band con base in Florida, fondata dalla stessa cantautrice all'età di 17 anni.
Anche se nel 1997, all'epoca dei fatti, Laura rispondeva ancora al nome di Thomas Gabel.
Confusi?
Tutto nella norma, nulla che non possa spiegarsi con una definizione propria in ambito psichiatrico/psicologico:disforia di genere.
In altre parole, la condizione di malessere attraverso la quale un individuo disconosce il proprio sesso ed il genere assegnatogli alla nascita.
Questo aspetto, assieme a molti altri della vita di Laura, viene sviscerato nell'autobiografia finalmente disponibile anche nelle librerie di casa nostra attraverso Tsunami Edizioni e che porta il nome di "Tranny:confessioni di una punk anarchica venduta".

Chi é fan degli Against Me! conoscerà senz'altro la storia della front-woman:le prime avvisaglie di disforia in tenera età, il rapporto complicato col padre e quello altrettanto difficile, nonché precoce, con alcol e droghe.
Quel che fino al 2016 (anno si pubblicazione negli U.S.A) non era possibile conoscere, sono le confessioni affidate da Tom Gabel prima e dalla Grace poi ad anni e pagine dei rispettivi diari ed i cui frequenti stralci si alternano al racconto delle vicissitudini personali degli stessi e della band.
Un' autobiografia che ne vale due, tante quante le vite legate a doppio filo sin dall'infanzia;i continui spostamenti in giro per il mondo da una base militare all'altra per via del lavoro del padre, la separazione dei genitori, un primo scorcio di adolescenza vissuta ai margini della società conservatrice della Florida e la scoperta del punk, la vita nelle comuni, la prima band ed i concerti negli scantinati, i guai con la giustizia e le dipendenze fino al primo assaggio di notorietà con gli Against Me!.

Un vero e proprio racconto sulla questione anarco-punk di fine anni '90 e del conseguente ostracismo da parte della scena DIY nei confronti degli artisti alle prime lusinghe ricevute dal mainstream, atteggiamento tutto fuorché risparmiato a Tom e soci.
La memoria arriva a scavare fino al cuore dell'industria discografica e dell'universo delle major con tutto il corollario di agenti, di avvocati e della massacrante routine del triangolo vita in tour-interviste-fotoshoots, naturalmente condito da un generoso mix di droghe ed alcol.

Insomma nulla di nuovo rispetto alla storicamente ben nota battaglia intestina fra l'artista, la sua espressività, la sua poetica, i suoi principi, la sua integrità da una parte ed i compromessi, i morsi sulla lingua ed i ragionamenti imprenditoriali che una carriera di un certo livello impongono in una qualche misura dall'altra.

Parallelamente, la questione della disforia vive e viene rappresentata attraverso un percorso che segue in maniera fisiologica le stesse identiche tappe di eccitazione, presa di coscienza e diniego e che forse, proprio per questo, conduce il lettore ad empatizzare con un personaggio che altrimenti avrebbe ben poco da offrire di diverso dai soliti cliché della rockstar dall'animo fragile inghiottita dai meccanismi dello showbiz.

Non mancano memorie ed aneddotica riguardo alcuni nomi di spessore della scena alternativa statunitense, da Matt Skiba a Fat Mike, passando per Marilyn Manson.
Lo stile della narrazione é lo stesso che ha reso noti Tom Gabel e gli Against Me!, ora capace di strappare un sorriso di fronte a tanta sfacciataggine, ora capace di intenerire, quasi aver voglia di abbracciare Laura per il suo coraggio e l'ostinazione nel perseguire la chimera dell'accettazione di sé.

La parte più succosa per i fans, naturalmente, sarà da ricercarsi negli estratti dei diari di Tom, nei quali non sarà difficile riconoscere stralci dei testi dei brani degli Against Me!

In sostanza, la lettura propone una toccante testimonianza di come non si possa vincere sé stessi e le proprie paure, di come non si possa risplendere di luce propria senza prima toccare il fondo, conoscere gli angoli bui del proprio animo e della propria coscienza.
Ed allo stesso tempo, un prezioso punto di vista riguardo un tema sempre più stigmatizzato da una società progressista fino al punto in cui risulta comodo esserlo.

Questa DeRecensione di Tranny:confessioni di una punk anarchica venduta è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/laura-gane-grace/trannyconfessioni-di-una-punk-anarchica-venduta/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sette)

lector
Opera: | Recensione: |
Interessante
BËL (01)
BRÜ (00)

lector: Però, non ho ben capito la frase finale.
Kiodo: Intendevo dire che tutti quanti abbiamo accettato una rincorsa al progresso quando in realtà la maggioranza di noi non ha la cultura adeguata a rispettare le diversità, che é uno dei presupposti per progredire realmente.Opinione di parte
lector: :-)
Kiodo
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «Aggiunta la copertina (il formato della precedente non caricava l'anteprima)». Vedi la vecchia versione Tranny:confessioni di una punk anarchica venduta - Laura Gane Grace - Recensione di Kiodo Versione 1
BËL (01)
BRÜ (00)

luludia
Opera: | Recensione: |
proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
la disforia di genere è ancora considerata una malattia mentale?
BËL (01)
BRÜ (00)

Kiodo: Non credo di poterti rispondere.Per quanto riguarda la definizione che ne ho dato in fase di recensione, ho prima fatto una ricerca per evitare gaffe, vista la delicatezza del tema.Il risultato é quello che hai letto tu ed io prima di te.
proggen_ait94: Delicatissimo, infatti
Kiodo: Non so che dirti, se vuoi mettermi in bocca cose che non ho detto, accomodati.Io non credo di aver espresso giudizi faziosi a riguardo, al limite potrei scusarmi nel caso avessi urtato la sensibilità di qualcuno.Se poi tu volessi fornirmi la tua definizione di "disforia di genere", sarei disposto a modificare la recensione.Saluti.
proggen_ait94: non c'era alcuna polemica nel mio commento, Kiodo
Kiodo: Ho completamente travisato, non devo più stare sul debasio in quei 20 minuti di pausa pranzo
proggen_ait94: easy man
HogGod: In base a cosa affermi che non è una malattia mentale? Sinceramente una persona che non si trova bene nella propria pelle al punto da doversi sottoporre a pesanti ed invasivi interventi chirurgici per stare meglio con sé stessa mi sembra corrisponda appieno alla definizione di persona "malata". Poi è chiaro che il rispetto per la persona umana e la libertà di scelta sul proprio corpo sono valori inderogabili
Kiodo: Banalmente:non la vedo come una malattia perché non é un qualcosa che si cura con un'aspirina e via.Si tratta di una condizione.Come lo sono l'omosessualità o altro.Poi non so, il fatto stesso che si tratti di situazioni socialmente non condivise o approvate da buona parte di noi ancora oggi, porta chi ne é colpito ad avere ripercussioni che tutto fanno, fuorché del bene e quindi l'intervento anche a livello psicologico si rende necessario molto spesso anche solo per affrontare la quotidianità.Sarebbe affascinante svegliarci domani partendo da un punto 0 e vedere cosa succederebbe.Magari, cominceremmo a considerare malattie delle situazioni che in questo momento ci sembrano consuetudini.
proggen_ait94: Secondo questa definizione, però, nemmeno una cosa come la depressione è una malattia perché farmacologicamente parlando ci sono solo palliativi. Però è chiaramente una malattia mentale
Kiodo: Nel caso della depressione, può essere dovuta ad uno squilibrio ormonale e quindi si, magari la si può considerare una patologia ma non so se sia corretto o meno parlare di malattia mentale.Ci stiamo avventurando in discorsi che sinceramente non conosco, mi sto limitando a dire la mia dato che io per primo non mi sarei mai interessato ad una storia che si caratterizza per la disforia del personaggio, se non fosse che ha a che fare con una delle mie band preferite.
proggen_ait94: si, infatti, ci vorrebbe uno psichiatra o comunque un medico. Poi vallo a dire a un transgender che è un malato mentale. Questione spinosa.
llawyer: Eh questione molto difficile. Con il DSM-IV (Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali) la DIG era catalogata come malattia mentale. Con il DSM-V la DIG è una categoria a se stante. E sicuramente è una condizione di sofferenza forte e di difficoltà nell'ambito sociale e lavorativo, talvolta anche familiare.
Stanlio
Opera: | Recensione: |
Quoto: "una toccante testimonianza di come non si possa vincere sé stessi e le proprie paure, di come non si possa risplendere di luce propria senza prima toccare il fondo, conoscere gli angoli bui del proprio animo e della propria coscienza"
BËL (02)
BRÜ (00)

Kiodo
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «Non aspiro alla grandezza, ma all'efficienza». Vedi la vecchia versione Tranny:confessioni di una punk anarchica venduta - Laura Gane Grace - Recensione di Kiodo Versione 2
BËL (01)
BRÜ (00)

AssafetidaLover
AssafetidaLover Divèrs
Opera: | Recensione: |
Dovrò pefforza trovare tempo per leggerlo
BËL (00)
BRÜ (00)

Kiodo: Fallo!E poi dimmi cosa ne pensi!Per come é scritto, non serve nemmeno troppo tempo.Scorre che é una bellezza e puoi interrompere e riprendere a piacimento.La pecca di leggerlo a tempo perso é che si rischia di spezzare alcuni momenti scandalosamente emotivi.
AssafetidaLover: Ben volentieri

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: