Sto caricando...

Limbo
My Whip Your Flesh

()

Voto:

"Moglie e buoi dei paesi tuoi". Uno si va a impelagare col gothic esotheric industrial di altre nazioni quando non si accorge che la marmellata più buona ce l'ha dentro casa.

Iconoclasta, rituale, templare, mitraico, assolve la confusione del crepuscolo e dell'aurora con lampanti offuscamenti e gocce di rugiada fresca che si sostituiscono alle lacrime ingannatrici. La maestosità inquietante del nero incedere fuori le nostre possessioni, colora di dejá vu sofferenti nel dove l'anima subisce lo scacco dal suadente catrame della dannazione. L'ardore di rivincita ancora incatena a sfide materialistiche dove la coppa del trionfo coincide con la sconfitta, con la caduta.

Bruciati e sporchi dalla pece vaghiamo sinceramente timorosi di Dio, coscienti che, sia il rimandare lo scontro, sia lo scontro frontale nutrono il nostro avversario, che si nasconde dentro di noi. Lo sdoppiamento, la schizofrenia è alimentata da percussioni metalliche e ossessive che tracciano una messa dove si balla una danza primordiale di cadute e salvazioni. Le bruciature subìte sono i nostri trofei sulla strada dell'evoluzione.

Anche la redenzione è trattata in maniera cruenta, la luce che arriva non è bonaria ma è una spada che brucia vergogne e rinsavisce gelando nell'infilzarci. Una tensione densa, tangibile, scaturisce dalle trame di una pomposità musicale orrorifica nel rivelarsi scarnificata nell'inganno delle promesse prospettate. La genuflessione è d'obbligo nel constatare che "Limbo" macella un allenamento impeccabile: per diventare più scaltro devi "giocare" con un avversario più scaltro di te.

E la crescita che cos'è in fondo se non essere umiliati profondamente nelle nostre vanità? La sofferenza è ego, far soffrire l'ego è sofferenza cosciente, l'anelito è ringraziare e porgere l'altra guancia allo scannamento assente da considerazioni. Di un'efficacia estrema il coinvolgimento traslante delle arie, c'è il bisogno di farsi una doccia dopo l'ascolto, una sauna con tuffo nell'acqua gelata sarebbe meglio.

La premiata ditta Becuzzi & Mustone, indossando uno scampanellante copricapo di velluto nero, forgia sottili linee di demarcazione tra zone inquietanti per non avere remore e giustificazioni nel basculare "di qua e di là", dal sotto e del sopra, rinverdendo il gioco della realtà di questa nostra infanzia dell'eterno. In anaerobiche performance muscoliamo i cambi psichici per visioni su mondi reali dove l'amore non fa rima con "cuore". Poi si vedrà, abbiamo tempo, quanto...

Ammirevole nel prendersi in giro da solo con rimandi ad un medievale fangoso dove inquisizioni di facciata operano sulla carne con fruste, penetrazioni, eiaculazioni, torturelle e attraverso la "pena è piacere" paventano pentimenti per la salvazione dell'anima, facendoti vedere che il pacco cattolico è solo una bella resurrezione della carne. Che "sòla", gira che rigira sempre al culo si prende...

Aitante si rivela il rifacimento di "Venus in Furs" per una discoteca sadomaso di tutto rispetto calata in un Vahalla di un nibelunghismo che di lungo ha solo la sleppa per un "meopenisintuavulva"! Gli umori dell'essere lussuria sono conditi dagli orgasmi gridati mandragoralmente da Roxana & Luisa. Il revisionismo delle ritmiche di orgie e rituali trovano il loro contributo nella decadenza del favellar latino.

In definitiva il barzottismo che deriva da aspettative di orgasmi definitivi fanno risultare "simpatico" l'ascolto cosicché l'insieme risulta una grande bolla di sapone molto gratificante. Non ci sono colpe in eventuali debacle, anzi le "impotenze" vengono financo celebrate.

L'italica fattura di Gianluca e Vincenzo garantisce qualità storica nella resa di un occultismo che si mistifica nel salmodiarsi. Non scordandosi di portare i cilici, Enjoy!

Commenti (Sette)

Caspasian
Caspasian
Opera:
Recensione:
Qui il disco, un bel "martello di carne":
Prima di continuare su YouTube


Caspasian: @[lector] ⭐ grazie.
Caspasian: @[Battlegods] ⭐ grazie
Battlegods: Grazie a te!!
sfascia carrozze
sfascia carrozze Divèrs
Opera:
Recensione:
Eja, la versione EBM-spettrale di "Venus In Furs" era fika.
#forse


Caspasian: Ballabilissima! 👍
Limbo - Venus in furs.wmv
RinaldiACHTUNG
RinaldiACHTUNG
Opera:
Recensione:
Bei ritmi. Unica pecca il nome del primo brano, perché mi fa ridere.


RinaldiACHTUNG: La cover dei velvet underground è bellissima.
Caspasian: A proposito di ritmo, mi piacciono un casino i Pankow. Grazie.
Pankow ‎– Kunst Und Wahnsinn = 1988
Caspasian: La cover è una "dark dance" da paura. 😝
RinaldiACHTUNG: Questi li avevo sentiti e sicuramente anche @[Battlegods]
luludia: i pankow sono eccezionali!!!!!
luludia: oddio quante z ci vanno in eccezzzzzzionali? boh...
Battlegods: I Pankow sono glorie di Firenze insieme a Diaframma, i Moda di Bandiera, Litfiba e gli spaziali Neon. I Limbo mai sentiti, interessanti sicuramente con questa roba gotica industrial ;)
Caspasian: 👍
simonebalducci: calma con i moda a Firenze si dice che c'entra il culo con le 40 ore ......
luludia
luludia
Opera:
Recensione:
questa è di quelle che a leggerle faccio un po' fatica, poi magari ci riprovo...io di sti tizi conosco questa robina qui...


sfascia carrozze: Facci come mè.
Non leggo una DeRecensione dal recente 1974.
E da allora son pieno di energie come non mai.
luludia: la ringrazio del consiglio, a una certa età risparmiare energie è importante....
sfascia carrozze: Si figuri Caro.
Se non ci si aiuta tra noi mummificati Pterodattili del Qvaternario.
luludia: guardi, io lavoro in una casa di riposo...e so per certo che il sommo G, grazie agli introiti de ILLIBRO, ha in mente di costruirne una tutta per noi entro l'imminente 2026...
ZiorPlus: Se può essere di una qualche utilità le DeRecensioni preferisco iniziare a leggerle dalla fine.
Non che cambi chissà che ma spesso ci si fà subito una idea di dove il recensore voglia andare a parare o anche tanto per cambiare, dall' inizio è noioso e son bravi tutti.
Che dire, ci pensi su e provi o anche no.
luludia: a dire il vero ogni tanto lo faccio...
Caspasian: Mi sono fatto trasportare dalla cadenza rituale del disco, per @[luludia]
Caspasian: "Non l'ho letta e (non) mi piace", ottimo! Per @[sfascia carrozze]
Caspasian: Uroboro escamotage il suo, per @[ZiorPlus]
macmaranza
macmaranza
Opera:
Recensione:
Una volta saliti sul suo sferragliante, rutilante carrozzone bisogna tenersi ben saldi alla prima cosa fissa che si vede. Il cinque è di rigore, quando c'è Caspy.


Caspasian: C'è la Miki, c'è il Giangi e c'è il Caspy. Se tiro il rigore faccio il "cucchiaio". Mi adopererò per riconquistare qualche 1. Grazie.
JonatanCoe
JonatanCoe
Opera:
Recensione:
UH! Sono un grande amico di Diego Loporcaro, fondatore e cantante, insieme a Becuzzi, dei Limbo!


Caspasian: Salutalo, dalle mie parti c'è più che stima per i Limbo. Grazie.
CosmicJocker
CosmicJocker
Opera:
Recensione:
L'ascolto mi ha "imbarzottito" in effetti..


Caspasian: "Eppur si muove". Grazie.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di My Whip Your Flesh è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link