Living Dead Lights
Black Letters

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Suona strano coi tempi che corrono vedere una label italiana capace di accaparrarsi una delle migliori nuove realtà della scena alternative statunitense, i Living Dead Lights. E stupisce ancor più notare con quanta cura maniacale li stiano facendo crescere, mettendogli a disposizione un team di nomi internazionali capaci di portarli ben presto da un EP acerbo a qualcosa di dannatamente perfetto e commerciale al tempo stesso come “Black Letters”. Un disco che si mostra accattivante sin dalle prime battute, con una “I’ll Be Your Frankenstein” che ti si stampa velocemente in testa e una serie di brani/tormentoni come “This Is Our Evolution”, “Johnny” e “Amerikan Eyes” che poco hanno da spartire col passato dei Living Dead Lights.

Ma chi sono questi ceffi americani? Un mix di personalità assai differenti che col tempo hanno saputo trovare il giusto assetto, unendo una passione smisurata per il punk-rock vecchia scuola e il rock di scuola statunitense, quello che pur non disdegnando divagazioni heavy riesce sempre a colpire dritto al cuore di chi ascolta. Quando si ha a che fare con questa tipologia di band la sola cosa che si desidera è affrontarla in sede live, l’habitat naturale di chiunque cerchi attraverso sudore e passione di trasmettere qualcosa di sé stesso all’ascoltatore. E Taka e soci sembrano volerlo fare, spogliando l’anima e lasciando a testi decisamente personali il compito di rendere ancor più intimo l’approccio con i fan.

A dar manforte all’interno del disco troviamo gente del calibro di Fred Archambault, David Spreng e Tom Baker, gente che ha collaborato con artisti di caratura mondiale e che hanno trovato in questo progetto quegli stimoli necessari a partorire qualcosa di interessante. Decisamente in target con la proposta il concept grafico dell’artwork, che ricalca i due volti di questa band, goliardica nel non prendersi mai troppo sul serio e velatamente dark nel modo di porsi. In America si sta facendo un gran parlare di loro e seppur ultra nazionalisti in fatto di musica questa volta bisogna dar loro ragione, i Living Dead Lights sono ciò che non t’aspetti, una band ormai pronta al grande salto di notorietà. Ascoltare per credere.

Questa DeRecensione di Black Letters è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/living-dead-lights/black-letters/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Tre)

Taurus
Opera: | Recensione: |
Finalmente conosco ed ho ascoltato qualcosa che recensisci..l'ep che avevo anche recensito all'epoca mi era piaciuto e l'ho trovato a differenza tua buono..ho sentito per curiosità anche questo e non mi ha convinto in pieno nonostante un pezzo come drowning in my vein..direi da 6/6.5 non credo riascoltandolo meglio cambierei più di tanto idea!
BËL (00)
BRÜ (00)

princexero
Opera: | Recensione: |
Bravo che li hai scovati...li avevo visti a Torino in tour due anni fa (mi sembra)...veramente bravi e simpatici! Il cd in questione non l'ho ancora ascoltato..il singolo, però, non mi ha fatto impazzire! Speriamo nelle restanti canzoni...
BËL (00)
BRÜ (00)

princexero
Opera: | Recensione: |
Ps non mi prende il voto della recensione (maledetto pacchissimo browser dell'ufficio!!!)..sono 4 stelle!
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: