La logica su cui si basano le regole del bowling

Non era mia intenzione distruggere l’equilibrio del giorno, in un luogo – oltretutto – dove non ero mai stato felice. E quelli battuti alla porta della sventura, sono stati ben più di quattro colpi secchi.

E’ che stamani mi sono svegliato dopo un sonno agitato ed ero trasformato.

Un enorme insetto splendente senza mele nel fianco, un immondo angelo della vendetta.

E poi è arrivata la nausea.

Perché, vedi, se nulla ha senso allora tutto è gratuito. Quando ti capita di rendertene conto, ti si rivolta lo stomaco e tutto si mette a fluttuare.

Così ho cercato un posto che mi sembrasse adatto.

Una scuola, un supermercato, una sala da concerto, una piazza affollata.

Uno vale l’altro, poiché lo Spirito è a sé stesso dimora e può farsi del Cielo un Inferno e dell’Inferno un Cielo.

Così questo è il luogo, questa l’ora e questo il giorno!

Accarezzo la mia Uzi calibro 9 parabellum, fredda e fedele amica, ora sei libera di cantare il tuo canto d'odio. Il tuo canto di liberazione.

I primi se ne sono andati senza nemmeno accorgersene.

Poi l’incredulità, lo smarrimento, il caos, il terrore.

Chiamate il vostro Dio? Io potrei credere solo a un dio che sapesse danzare.

Volevate essere salvati? Io crederei all’esistenza del Salvatore se voi aveste una faccia da salvati.

E poi una di quelle facce mi insinua due occhi bistrati sulla punta delle mani. L’abitino della festa, le unghie dipinte coi colori della bandiera, i leziosi fermagli luccicanti fra i capelli.

Oggi ti aspettavi, forse, di rubare un bacio? O di riderne con le amiche?

E mi biascica insinuante, con rabbia lamentosa, la sua domanda: “perché?”

Interessante….

Cosa dovrei risponderle? Che bisogna avere il caos dentro di sé per partorire una stella danzante?

Ma davvero crede che ci sia un perché, un senso, una motivazione?

Questo non è mica un film dell’orrore, un banale b movie per adolescenti dove il Male appare sempre per un motivo ed agisce sempre secondo una sua logica, anche se assurda.

Questa è la realtà e il Male trova la sua ragion d’essere solo in sé stesso.

Il Male non è banale: è ottuso. E’ libero dalla prigione della logica.

Pape Satan, pape Satan aleppe.

L’Agnello ha infranto il Settimo Sigillo, le porte si sono aperte, presto si udranno le trombe dei Sette Messaggeri.

“Et vidi aliud signum in caelo magnum et mirabile angelos septem habentes plagas septem novissimas quoniam in illis consummata est ira Dei.”

Le porte, ormai, sono spalancate: psicopatici, terroristi, depressi, invasati religiosi, rivoluzionari, vittime, carnefici. Stanno arrivando, sono già qui, altri ne arriveranno.

Noi siamo la malattia, noi siamo la cura.

Saranno, poi, psicologi e sociologi, giornalisti, preti, politici ed esperti vari a doversi guadagnare il loro guiderdone. A doversi inventare un significato. Politico, religioso, psichiatrico, sociologico. A doversi sforzare di vederci un senso quale che sia, pur di non dover sopportare il peso della Verità.

In quanto a me, io indosso una corona.

“una corona degna è d'alti pensieri, ancor che splenda

su questo abisso di dolori. Oh, meglio

Re nell'inferno che vassallo in cielo!”

Ma come glielo spiego? Così le rispondo in fretta: “perché no?”

Ogni esistente nasce senza ragione, si protrae per debolezza e muore per combinazione.

Così la libero dal peso di un futuro fatto di rimpianti e di un matrimonio da poco. E poi faccio lo stesso dono ad un futuro avvocato. E poi pensionati, casalinghe, studenti, fiscalisti, disoccupati, stagnini, gelatai….

Intanto canticchio “Cease to Exist”.

Madri, e padri, figli, fratelli, amici, amanti. Di qualcuno.

Giudice, finalmente, arbitro in terra del bene e del male.

Ed Eric disse a Dylan: “cerchiamo di divertirci mentre lo facciamo”.

Laggiù a Columbine.

Poi, liberatorie, ho sentito le sirene.

Temevo che non mi bastassero le pallottole.

Stanno arrivando. Arrivano per me.

Peccato che non siano ancora le tre. Le tre è sempre troppo tardi o troppo presto per quello che si vuol fare. È la più stramba ora del pomeriggio.

Devo trovare il tempo di scrivere – da qualche parte – “Healter Skelter” (si, io lo so che è scritto male, non sono mica “Tex” Watson!).

Arrivano.

Finalmente.

Ora, perché tutto sia consumato, perché io mi senta meno solo, non mi resta che augurarmi che ci siano molti spettatori alla mia esecuzione.

E che mi accolgano con delle grida di odio.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Campionamenti: “Lo straniero”; “La metamorfosi”; “Il processo”; “La nausea”; “Così parlò Zarathustra”; “Umano, troppo umano”; “La Divina Commedia”; “Apocalisse di S. Giovanni”; “The Paradise Lost”; “Cease To Exist” (Lie: The Love and Terror Cult); “Bowling a Columbine”; “Un Giudice” (Non al denaro, non all’amore né al cielo).

Solo un piccolo raccontino natalizio in questi giorni già pregni della futura atmosfera di festa.

Dedicato a Charles Manson e Leslie Van Houten (che non è la mamma di Milhouse).

Che brucino all’Inferno.

lector , Il 23 novembre 2017 — DeRango: 15,34

BËL (06)
BRÜ (00)

I commenti che questo editoriale ha voluto ricevere

Stanlio

BËL (01)
BRÜ (00)

sotomayor
sotomayor Divèrs
Ho pensato al film 'Il tocco del male' di Gregory Hoblit con Denzel Washington, Donald Sutherland, Gandolfini, John Goodman... Il tema ricorrente:

BËL (01)
BRÜ (00)

lector: Gran film
zaireeka
Ad una prima lettura non ho capito proprio di cosa parlassi, non riuscivo proprio ad inquadrare il soggetto del monologo nonostante la dedica finale. Il titolo dell’editoriale certamente non mi ha aiutato. Poi ho capito ed ora apprezzo molto molto l’esperimento. Coraggiosa maniera di attualizzare e dare concretezza a pagine di grande letteratura. Forse ognuno di noi e’ fatto e può essere raccontato da frasi tratte da libri di piccola e grande letteratura, alcuni forse ancora da scrivere
BËL (01)
BRÜ (00)

lector: Grazie Zaireeka, grazie - soprattutto - per aver avuto la voglia di fare lo sforzo di cercare di capire. In effetti si tratta di un esperimento un po' sopra le righe. Mi ero baloccato, tempo addietro, con qualche amico, con l'idea di una narrativa "plagiarista", che riproponesse ciò che in musica stavano facendo gente come i Negativland o John Oswald (o anche dj Shadow).
L'editoriale nasce, però, dal fatto che mi sembrava che la morte di Manson fosse passata fin troppo sotto silenzio (una forma di autocensura?) nonostante il peso del personaggio nell'immaginario collettivo, al netto dell'ovvio giudizio negativo sul personaggio.
Il fatto che fosse morto proprio mentre le nostre città cominciano ad illuminarsi di luccichii natalizi, non ha potuto non intrigarmi.
Scusami per il pistolotto e, ancora, grazie per la tua benevola attenzione.
lector: Il titolo, come avrai capito, è un riferimento a "bowling a Columbine", il film di Michael Moore.
zaireeka: Figurati, che grazie e grazie! Per così poco, semplicemente le cose particolari (fatte bene) mi intrigano assai
zaireeka
Io comunque forse a questo punto avrei messo anche qualche presa da questa

BËL (01)
BRÜ (00)

lector: Musica e testi perfettamente adeguati, in effetti.
MikiNigagi
Adesso affermo con tantissima presunzione che in fondo non credo che siamo così diversi. Cioè almeno abbiamo gli stessi gusti.
BËL (01)
BRÜ (00)

lector: E con la medesima presunzione io considero questo un gran complimento.
HOPELESS
Life - Death & the lumberjacks are coming. (Dylan/Tarantula)

BËL (01)
BRÜ (00)

lector: Il magico Bobbone....
imasoulman
a questo punto, per sparigliare il mazzo di tesi/antitesi, avrei citato anche: 'Questo non è il Vietnam, è il bowling, ci sono delle regole!'. Scusa l'intromissione, e grazie
BËL (02)
BRÜ (00)

imasoulman: sarebbe 'The Big Lebowski', ma che te lo dico affa'...
lector: Splendida citazione!
imasoulman: che, spero, pertinente...quel film é un mini trattato di filosofia in ogni singolo passaggio della sceneggiatura
sotomayor: Obladì obladà...
imasoulman: '...Vuoi chiudere quella boccaccia? Non Lennon, Lenin! Vladimir Ilic Ulianov! '
lector
Modifica all'editoriale: «Aggiunto il nome dell'arma.». Vedi la vecchia versione La logica su cui si basano le regole del bowling
BËL (00)
BRÜ (00)

HOPELESS: Ci fu allora un forte terremoto
il sole diventò oscuro come panno da lutto
e la luna diventò color sangue
le stelle del cielo caddero sulla terra
come i fichi acerbi cadono dall'albero quando è colpito da un vento impetuoso
la volta celeste si squarciò e si arrotolò come un foglio di pergamena
tutte le montagne e le isole furono strappate via dal loro posto.
I re di tutta la terra, i governanti, i comandanti di eserciti,
le persone più ricche e potenti
andarono a rifugiarsi nelle caverne e tra le rocce dei monti
insieme a tutti gli altri, schiavi e liberi
e dicevano ai monti e alle rocce: <<Cadedeci addosso e nascondeteci, che non ci veda Dio che siede sul trono e non ci colpisca il Castigo dell'Agnello, perchè questo è ormai il Grande Giorno della Resa dei Conti... Chi mai potrà sopravvivere>>?

(Apocalisse di Giovanni : Il Sesto Sigillo)
[non ho resistito alla tentazione, pardon]
lector: Molto appropriato, grazie. Anche io vado pazzo per l'Apocalisse.
Hula capitano.

Dì la tua! (Se proprio devi)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi: