Il narratore onnisciente

Ma il narratore è onnisciente o è solo stronzo? Quello della mia vita intendo.

Trama imbarazzante, sciocco sentimentalismo profuso a piene mani, lugubri coazioni a ripetere a far si che si sbatta sempre contro le sbarre della gabbia...

“E' che non sai vivere” sussurra il logico/razionalista...

E parte la lezioncina conseguente. Ovvero le regoline/regolette per non farsi fregare...

Che poi il più delle volte ti freghi da solo..

Ed ecco allora che quella vocetta stridula/melliflua ti ripete per l'ennesima volta frasi del tipo: “annusa l'aria o la situazione e se non fa per te allontanati in fretta anche se non hai la macchina”.

Certo, come no? Vuoi mettere fare l'autostop nelle stradine secondarie dove non passa mai nessuno? Se è lo splendore della ragione a guidarti, fa mica niente se sei solo

Oppure “non credere a nulla o se lo fai fallo una volta sola”. Ok, signor logico/razionalista, deve essere la millesima volta che me lo spieghi...posso andare avanti io, se vuoi...

Si? Ecco allora, ascolta: ogni buona rivoluzione insegna che sei già fottuto in partenza, anche dovessi vincere. E la buona rivoluzione è quella destinata a perdere. Anzi è quella che ha già perso in partenza

Stessa cosa per l'amore che è tipo una rivoluzione in sedicesimo, anche se più potente perché riguarda solo te...

Tutto giusto, vero?

Continuo? Si?

Non prendere sul serio artisti, scrittori, musicisti, ovvero proprio quelli che non sanno vivere. Approfitta di loro esteticamente (bellezza o quant'altro) o per la quantità di emozione/ energia abbastanza impressionante che riescono a darti. Per il resto mandali a cagare.

Non far si che tutti i parassiti della sconfitta ti succhino il sangue (anche se, idealmente, tu stai con loro). Non circondarti di folli, mitomani, professionisti della sfiga, ti stanno simpatici ma ti trascinano giù, come e quanto i vincitori...

Di nuovo tutto giusto, vero? Stavolta non mi rimandi a settembre?

Ok, grazie signor logico razionalista...

Però magari adesso levati dai coglioni...

Sai, credo che il narratore onnisciente per me abbia scelto altro. E' uno che deve avere davvero una vita di merda. Se no perché vendicarsi in questo modo usando me?

E voi?

Il vostro narratore è altrettanto stronzo?

Al mio riconosco comunque un certo stile...

luludia , Quattordici giorni fa — DeRango: 14.78

BËL (08)
BRÜ (00)

I commenti che questo editoriale ha voluto ricevere

RinaldiACHTUNG
beh si, è una fase in cui si cerca di spingerlo giù dal podio per salire al posto suo, per quanto mi riguarda
BËL (02)
BRÜ (00)

luludia: ottimo proposito...
CosmicJocker
Non so, la dicotomia vincente/perdente l'ho sempre trovata un po' troppo un'americanata..comunque per quanto mi riguarda: ho una malattia teatrale che ormai imperversa da molti anni e mi porta a fare: ideare, produrre e distribuire gli spettacoli della nostra compagnia, tenere laboratori teatrali per bambini delle elementari e per persone con disagi psichici..con tutto questo non riuscirei a vivere (a livello economico) per cui scarico anche farina per pizzerie, panetterie e kebab..quando mi sveglio in energia penso che sia bello vivere così (facendo quasi tutte cose che sento si avvicinano alla mia natura), quando mi sveglio di luna storta penso che a 37 anni io vivo in fondo di espedienti..questo è quanto per quel che mi riguarda (e dovrei anche ringraziare il cielo di avere una ragazza che condivide con me questa follia teatrale, finché dura)..
BËL (02)
BRÜ (00)

luludia: beh, abbiamo in comune il teatro...e anch'io conduco un laboratorio per persone con disagio psichico...per non parlare dei collages con filastocca per disabili più o meno gravi (sono le piccole luci della mia vita, insieme ogni tanto a qualche fanciulla) riguardo ai vincenti, mi sa che non esistono vincenti...quindi non c'è dicotomia...
CosmicJocker: Ricordavo infatti che anche tu fossi un teatrante..mettiamola così: che i periodi storti (e tutto quello che ci fanno provare) possano essere utilizzati in seguito per creare personaggi o situazioni per le cose che facciamo..
luludia: oh, probabilmente è davvero l'unica utilità che hanno...
algol
Dai Lulù. vedrai che il periodaccio passa. Te lo dice un freddo, razionale antisentimentalista. E poi forse il tuo narratore è stronzo al punto giusto con te perché sa che puoi tramutare anche la merda in qualcosa di "magico"
BËL (02)
BRÜ (00)

luludia: oh, grazie man...
algol: :-)
perfect element
La risposta è dentro di te e però è sbagliata.... ( cit. ).
BËL (01)
BRÜ (00)

ygmarchi2
ygmarchi2 Divèrs
Respingo l'idea che la frase 'non credere a nulla o se lo fai fallo una volta sola' possa essere associata ad un razionalista. Mi sembra più associabile ad una irrazionalista cinico.
BËL (00)
BRÜ (00)

ygmarchi2: Ovverò è andata male 17 volte quindi andrà sempre male. Ho incontrato 13 stronzi quindi tutti sono stronzi. Ci sono una quantità di cose spiacevoli nella vita quindi è tutto merda. Si tratta di generalizzazioni logicamente non giustificate, che quindi una persona razionale non dovrebbe fare. Se poi alla parola razionalista vogliamo dare un'accezione negativa, nel senso di uno che abusa di deduzioni logiche anche quando sono infondate, vabbè, non è il senso che do io alla parola.
Stanlio
Era una notte buia
e tempestosa.
(Schulz)

E poi
venne il giorno.
(Stan)
BËL (01)
BRÜ (00)

Cialtronius
Ma questi non sono editoriali, sono pipponi esistenzialisti che non servono a niente.
BËL (00)
BRÜ (00)

ygmarchi2: Non è bello ciò che serve ma è bello ciò chat piace
luludia
Si, concordo
BËL (00)
BRÜ (00)

Dì la tua! (Se proprio devi)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi: