La lista d'ascolto


JonatanCoe

JonatanCoe : TOP(PA) 100 Ovvero, cento episodi

| DeRango™: 0,00


TOP(PA) 100
Ovvero, cento episodi spiati oltre la porta!

Episodio [09]
Pronti, partenza, spiaa!
BËL (00)
BRÜ (00)

fedezan76: U2 Boy ?
JonatanCoe: Nein!
musicanidi

musicanidi : Agoria - Libellules Pure a

| DeRango™: 0,00    Electroma

Agoria - Libellules Pure a Bs hanno costituito il gruppo delle sardine...io naturalmente mi sono già iscritto a quello delle libellule.

BËL (00)
BRÜ (00)

zappp

zappp : Breve incontro di David Lean

| DeRango™: 3,00

Breve incontro di David Lean - Trailer

David Lean (4 di 5)
"Breve Incontro" - 1945

#35mm

BËL (01)
BRÜ (00)

fedezan76

fedezan76 : Dave Matthews Band - The

| DeRango™: 6,00

dsalva

dsalva : The Bee Gees - Saw

| DeRango™: 3,00    JukeBox

hellraiser

hellraiser : Ingiurioso esempio di #iladri. Sti

| DeRango™: 3,00

Ingiurioso esempio di #iladri. Sti amerigani copioni, povero Al Bano... Michael Jackson - Will You Be There (Official Video)

BËL (01)
BRÜ (00)

hellraiser: Ecco il top successo che faceva gola a Michele... Albano si Romina Power-i cigni di balaka (lyrics)
Almotasim : Bravo Hell, questo andava menzionato. Ha fruttato 4 miliardi delle vecchie lire al dottor Alban
hellraiser: Cosa sono 4 migliarducci in confronto al patimento morale che Al ha dovuto patire? Niulla...
Alfredo: Si, però il mariuolo Jackson non riesce a fare urli devastanti come Al Bano
zappp

zappp : ned rothenberg - ghost stories

| DeRango™: 3,00

ned rothenberg - ghost stories (part 1)

Ned Rothenberg - from "Ghost Stories"
2000 (Tzadik)

#jazzlegends

BËL (01)
BRÜ (00)

mrbluesky

mrbluesky : L Is for Lover

| DeRango™: 6,00    JukeBox Grammofono


BËL (02)
BRÜ (00)

dsalva: beh, sai che sto discuccio non e' mica male.....tengo l'lp e ogni tanto fa compagnia!
ALFAMA

ALFAMA : Loscil ( e qualche altro

| DeRango™: 3,00

Loscil ( e qualche altro nome) in musica sta scrivendo pagine di vita.
Loscil ∞ Equivalents [Full Album 2019]

BËL (01)
BRÜ (00)

Onirico

Onirico : Post Animal - Alabaster

| DeRango™: 3,00

RinaldiACHTUNG

RinaldiACHTUNG : Coldplay - Champion Of The

| DeRango™: 3,00

Battlegods

Battlegods : Tim Feehan - Can't Let

| DeRango™: 0,00 Isolabile

Battlegods

Battlegods : Tommy Shaw - Ambition Bombaaa!

| DeRango™: 0,00 Isolabile

Tommy Shaw - Ambition Bombaaa!

BËL (00)
BRÜ (00)

Battlegods: Lui, non contento di aver fatto roba magica con gli Styx, si è lanciato in una carriera solista a dir poco da paura!
ALFAMA: a questo punto mi arrendo. Vista la tua costanza sono io a non riuscire ad entrare in queste pagine musicali. Credo che per me siano un ponte lavatoio di una fortezza. Per fortuna non siamo tutti uguali, non solo musicalmente. Così diversi ma in fondo vicini
Battlegods: Sentirò pure troppa roba, ma tu metti sempre e solo flussi di 100 minuti :D
Stanlio

Stanlio : Robert William Gary, irlandese d.o.c.

| DeRango™: 6,00    Championship

Robert William Gary, irlandese d.o.c.

Nonosante fosse mancino, il padre lo incoraggiò a suonare con la destra (vall'a capì perchè...) e a tale scopo a 14 anni gli regalò la sua prima chitarra acustica.

Suo mentore fu Peter Allen Greenbaum ovvero proprio quel Peter Green dei Fleetwood Mac, il quale quando lasciò il gruppo gli vendette la propria "Les Paul Standard" del '59 per sole 100 sterline.

Si narra che poi Moore nel 2006 rivendette la chitarra per ben 1.300.000 dollari, ed ora appartiene a Kirk Hammertt dei "Metallica".

A Green dedicherà dedicherà il suo album del '95, inititolandolo appunto "Blues for Greeny" e suonandolo con quella stessa Les Paul.

A sedici anni fondò la sua prima band di rock blues sperimentale.

A livello professionale gli "Skid Row" si fecero talmente notare in quel di Dublino che furono invitati ad aprire i concerti dei "Fleetwood Mac" di Peter Green, un grandissimo onore fu per il mio amatissimo (e perduto da ormai da 8 anni) Gary e qui si chiude uno dei tanti cerchi relativi a questo grande chitarrista...

Gary Moore - Story Of The Blues [HD]

BËL (02)
BRÜ (00)

dsalva: Bella Stan, non conoscevo la storia, ed e' proprio bella!!
Stanlio: Grazie amico, manco io la conoscevo fino a dieci minuti fa... XD
JonatanCoe: AHAHAHAH!
JonatanCoe: Quoto dsalva, bella storia veramente. Minchia quanta grana per la Les... La prima volta che ascoltai Mr. Moore stavano passando Parisienne Walkways in radio, non c'è bisogno d'aggiungere altro.
dsalva

dsalva : The Fletcher Memorial Home -

| DeRango™: 15,00    Championship

The Fletcher Memorial Home - Pink Floyd
L'olofonia è una tecnica di registrazione e riproduzione sonora eseguita tramite uno speciale microfono denominato olofono che permette di riprodurre un suono in modo simile a come viene percepito dall'apparato uditivo dell'uomo: il suono non si percepisce più sui padiglioni delle cuffie o nell'arco stereofonico classico, ma addirittura fuori dalla testa, quasi nelle esatte coordinate spaziali di registrazione.(wikipedia)
Boh!, esistono solo 4 dischi registrati con questa tecnica...oltre a The final cut, Roger Waters, The Pros and Cons of Hitch Hiking, Psychic TV, Dreams Less Sweet, Some Bizarre e Gianni Togni (udite udite) Stile Libero. Tutti tra il 1982 e il 1984......mi viene da pensare che non ebbe molto successo, ma vi garantisco, e chi lo possiede ne e' testimone, che suona da Dio!

BËL (05)
BRÜ (00)

Hank Monk: Non ci ho mai fatto caso...prossimo giro ci faccio attenzione a vedere se suona diverso
dsalva: Si dice che l'effetto massimo si raggiunge con l'ascolto in cuffia...il disco dei Floyd è pieno di effetti e in cuffia rendono in maniera strabiliante...prova e sappiamo dire
Stanlio: chissà come mai è stato poi abbandonato sto olofono, mah...
dsalva: Boh
JonatanCoe: Chi l'avrebbe mai detto e soprattutto cosa ha spinto l'etichetta di Togni ad adottare questa tecnica misconosciuta?! Misteri della musica.
dsalva: Glielo chiediamo?
JonatanCoe: Hai modo di farlo?!
Almotasim : Togni? Nel suo album si sentono i leoni ammaestrati che sbadigliano. In olofonia è il massimo. Che poi l'album doveva intitolarsi "A rana". Un po' per lo stile, meno libero di quanto si dica, un po' per l'attitudine al tortellino tipica di Gianni (detto Giovanni dallo zoccolo duro dei fun, tra cui l'asino di Buridano).
JonatanCoe: Credimi, veramente curioso d'ascoltarlo.
madcat: Confermo
JonatanCoe: Ne eri a conoscenza di questa tecnica o la tua conferma è inerente la qualità del suono?
JonatanCoe

JonatanCoe : øjeRum - mine hænder i

| DeRango™: 4,87    Championship

øjeRum - mine hænder i intet
Record La-bel!
(Le etichette discografiche che non hanno l'attenzione che meriterebbero)

[01] Eilean Rec.
Apro questa serie di approfondimenti con la Eilean Rec, un'etichetta che ho particolarmente a cuore (tra l'altro ne parla Rockerilla nell'ultimo numero). È stato il nono lavoro dell'artista danese Paw Grabowski, alias øjeRum (poi diventato mio amico grazie ad una fitta corrispondenza!), dal titolo Væv (la mia seconda recensione per Debaser) a portarmi a conoscenza dell'etichetta indipendente francese. La Eilean Rec. è un' esperienza sonora fantastica e nasce con un ambizioso e originale progetto: solo 100 dischi, ne uno di più ne uno di meno, corrispondenti a cento punti, a formare una ideale mappa che abbraccia i cinque continenti. I suddetti cento punti formano un mosaico policromo poichè contrassegnati dal colore della stagione di pubblicazione. Quatto stagioni per quattro colori: bianco per l'inverno, verde per la primavera, blu per l'estate e giallo-arancio-marrone per l'autunno. Mathias Van Eecloo, l' ingegnoso proprietario dell'etichetta ha conferito una particolare attenzione all'aspetto visivo, rendendo i booklet delle opere dei veri e propri libri fotografici interconnessi con la musica. Elettro-acustica, sperimentazione ambientale e neoclassicismo sono iscritti nel pedigree della Eilean Rec. , che ne ha fatto dei succitati generi il suo marchio di fabbrica, attraverso una attenta, maniacale selezione di artisti e opere. In un periodo in cui la produzione su supporto fisico è ai minimi storici, la Eilean Rec. ha adottato una coraggiosa (mettiamoci pure rischiosa) politica della nostalgia, del sentimento che combatte ogni consolidato, asettico concetto commerciale e ha avuto ragione: ogni opera (tiratura massima 120/200 copie) è andata a ruba. Le ultime pubblicazioni persino sold out in prevendita. La pubblicazione n° 100 vedrà la luce entro la fine dell'anno, dopodichè la Eilean Rec. chiuderà per sempre i battenti, ma Mr. Van Eecloo ha in porto altri progetti e se le premesse sono queste...
Link utili:
eilean records
Music | eilean rec.
...e la mia recensione se non avete niente da fare! øjeRum - Væv - øjeRum - Recensione di JonatanCoe

BËL (02)
BRÜ (00)

ALFAMA: OJERUM, unico difetto fa dischi come le galline fanno uova. Grande qualità, non ricordo i titolo ma sono fra i pochi che in alcuni momenti si avvicinano al misticismo dei Popol Vuh (credo che sia un progetto one man) . La Eilan Records specializzata in ambient/neo classica è un'etichetta da tener d'occhio ogni uscita, assai prolifica ma ogni pubblicazione ( il numero in copertina) se amate il genere è come minimo interessante, perché in questi…
JonatanCoe: Grazie Alfa, anche tu non scerzi nelle esplorazioni musicali. Seguo attentamente i tuoi ascolti.
JonatanCoe: *scherzi
ALFAMA: E io i tuoi. Ma vedo che molti si stanno avvicinando non considerandola solo musica noiosa ma musica da ascoltare capendo che dietro ci sono emozioni studiate anche se sono solo su pochi accordi Anzi a essere sinceri intellettualmente molti sono i nomi che da tempo prima di noi mandano questi paesaggi musicali e lentamente mi sono fatto catturare dalla loro bellezza. Inutile fere nomi , anche perché si potrebbe lasciare fuori qualcuno, e non…
dsalva

dsalva : Franco Battiato - Lode all'Inviolato

| DeRango™: 0,00

Franco Battiato - Lode all'Inviolato
Ne abbiamo attraversate di tempeste
E quante prove antiche e dure
Ed un aiuto chiaro da un'invisibile carezza
Di un custode
Degna è la vita di colui che è sveglio
Ma ancor di più di chi diventa saggio
E alla Sua gioia poi si ricongiunge
Sia Lode, Lode all'Inviolato
E quanti personaggi inutili ho indossato
Io e la mia persona quanti ne ha subiti
Arido è l'inferno
Sterile la sua via
Quanti miracoli, disegni e ispirazioni
E poi la sofferenza che ti rende cieco
Nelle cadute c'è il perché della Sua Assenza
Le nuvole non possono annientare il Sole
E lo sapeva bene Paganini
Che il diavolo è mancino e subdolo
E suona il violino

BËL (00)
BRÜ (00)

Mahabharata

Mahabharata : Who Do You Love? (1973

| DeRango™: 6,00