#BrunoGanz The American Friend (1977) Dir. #WimWenders

Wim Wenders (3 di 5)
"L' Amico Americano" - 1977

#35mm
BËL (06)
BRÜ (00)
zappp Sette giorni fa — DeRango: 14,85


Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti all'ascolto

sfascia carrozze
E il bello è che Ruggero ha deciso di venire a Roma per "allenarsi" (l'ha detto Lui, ieri) e godersi il sole al torneo romano anziché fare la setssa cosa a casa al freddo di Basilea.
Anche gli Dei avvolte prendono granchi.
Pare.
BËL (01)
BRÜ (00)

zappp: gli ha tirato un bidone il collega Zeus, mi sa...;-)

che poi di questo passo chi andrà in finale se vogliono finire domenica, mi sa dovrà farsi un paio di match al dì...
sfascia carrozze: Oggi, pioggia permettendo, doppio turno.
Forse era meglio che stava a Basilea.
UH!
zappp: intanto sta per chiudere il 2° set
sfascia carrozze: E' qvesto l'intanto givsto!
zappp: ah!
E Verdasco ha fatto fuori il prodigioso Thiem.
sfascia carrozze: Ho visto.
Grande Fernando!
Abba - Fernando
Che peraltro ebbi modo di vedere dal vivo sia al Master Londinese che al Torneo del Queens anni addietro.
sfascia carrozze: E Raffaele Nadalo sta passeggiando allegramente sulle ceneri di Chardy.
zappp: e ha continuato a passeggiare con il russo.

il Re invece ha incendiato il foro Italico...ca va sans dire
sfascia carrozze: Si, ma che Paüra!
hjhhjij
Premessa: non ho letto il romanzo della Highsmith ma so che la lettura di Wenders, come dubitarne, è stata decisamente personale, con il regista che ha puntato a immergere la fonte letteraria nella sua visione d'autore. Ecco, non ho letto il romanzo ma ho visto due trasposizioni: questo (che mantiene il titolo originale) e "Il gioco di Ripley" della Cavani e pur avendo apprezzato altri film della Cavani in questo caso non c'è proprio partita (non c'è bisogno che dica in favore di chi, nevvero ?). Parentesi-fan di quella fu-bella serie tv che è "Game of Thrones" guardate chi interpreta Sarah Trevanny nel film della Cavani-Chiusa Parentesi. Evidentemente insomma questo grandissimo film è un esempio di come si possa creare qualcosa di grande in un'arte differente a quella della letteratura partendo dalla fonte pur non rimanendone pedissequamente fedeli ma reinterpretandola, valorizzandola nel proprio campo e mantenendo così spirito e dignità dell'originale. Ovviamente il film è bellissimo, un tipico esempio di cinema europeo d'autore degli anni '70 nonostante lo sguardo sia rivolto anche verso l'america e il cinema d'oltreoceano. Wenders pone il semplice susseguirsi della narrazione e degli eventi su un piano più profondo, esistenziale, concentrandosi a fondo sulla psicologia e sull'interiorità dei personaggi, e sulle conseguenze che gli eventi e le azioni hanno su di loro, più che sugli eventi e le azioni in sè. Tipico di molto cinema d'autore dell'epoca. Va bene così. Bruno Ganz e Dennis Hopper perfettamente in parte e grandiosi. Da podio di Wenders per me, per ora, alcuni suoi dovrei rivederli.
BËL (01)
BRÜ (00)

zappp: ottimo come al solito.
Ormai sei una certezza, ma senti un pò, divagando verso un titolo che non entrerà nei suoi top 5, cosa ne pensi del sequel del Cielo sopra Berlino, l'incompreso e talvolta bistrattato (a torto secondo me) Così lontano così vicino?
hjhhjij: A me è piaciuto. Rientra nel campo del concetto secondo il quale non possono esistere solo o capolavori o ciofeche: "Così lontano così vicino" è un dignitoso seguito, un bel film, non eccezionale, non al livello del primo, non un capolavoro, ma lo rivedrei anche volentieri. Ripeto per me è un bel film nel complesso. Ottimi attori anche.
zappp: la penso anch'io così, poi trattandosi dell'erede di un film dallo spirito così rarefatto a tratti riesce a recuperare quell'anima dell'originale nonostante qualche slabbratura qua e là, ma trattasi di impegno coraggioso, in cui era più facile partorire una ciofeca, invece Wenders diciamo, ha "limitato" i danni.
E poi la Kinski...mai più l'ho rivista così splendida, in tutti i sensi.
hjhhjij: Io ho un debole per la Kinski. Come qualcosa di così bello possa uscir fuori da quel MOSTRO (si, anche di bravura e infatti sul talento l'eredità è diretta) per me resta un mistero :D
zappp: Liv Tyler, per dirne un'altra!
Cazzo c'azzecca con quel gallinaccio di suo padre??
hjhhjij: Hai messo i Gazosa. Con te non ci parlo più.
imasoulman
Per me, il suo capolavoro. Un'intensità bergmaniana, ma con una concretezza, un realismo che non richiedono metafore.
BËL (00)
BRÜ (00)

hjhhjij: Grande. Una riga per dire tutto meglio di quanto abbia fatto io XD

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi: