Matmos
The West

()

Voto:

Sopra di voi si distende un cielo grigio plumbeo matassa uniforme anonimamente insipida? Siete svogliati? È una giornata in cui il vostro sguardo va dove vuole lui cercando di correre il più lontano possibile dal metro quadrato in cui siete? A tutto si rimedia... provate per esempio ad ascoltare i Matmos. Ora,non è che risolveranno i vostri problemi, ma qualche sorriso ve lo strapperanno.

Adoro questi due californiani, adoro la loro ironia e la loro curiosità verso tutto ciò che è mondo. Adoro il fatto che prima di approcciare a loro bisogna sedersi e prepararsi ad ogni cosa. Adoro il fatto che pur essendo musica sperimentale ed estremamente stravagante, non bisogna essere colti musicalmente per apprezzarli... basta avere una "certa sensibilità". Adoro la loro fucina di fantasia, la loro obliquissima imprevedibilità e la loro ingenuità matura.

"The West" è targato 1999 e forse è meno cartoonesco di "A chance to cut..." e "The civil war", ma è anche più profondo. Per la prima volta il duo suona con strumenti veri,e sono veramente tanti (fiati e ottoni di tutti i tipi,tutti gli archi immaginabili). La prima volta che l'ho ascoltato mi è sembrato un incidente di suoni fine a se stesso; ma è con il tempo che questo disco si fa monumentale. Sì perchè mai come in questo caso ha senso parlare di familiarità: quando conosci bene tutti i suoni, la loro ambiguità si scioglie e i due californiani sembrano condividere la loro musica con te, cioè sembrano voler confondere colui che fà la musica e colui che la ascolta. È allora che la musica diventa intima,che ti sembra di fare quattro chiacchiere con i Matmos su una duna di sabbia,che ti senti in imbarazzo se c'è qualcun altro che sta ascoltando il disco oltre a te, nella stessa stanza.

P.S. Menzione speciale va fatta per "Last Delicious Cigarette", il primo pezzo: continuo a scoprire cose nuove ogni ulteriore ascolto; sembra che ci sia qualcosa di misterioso in questo pezzo, qualcosa che amichevolmente e scherzosamente i due non vogliono farti scoprire. Me ne sono innamorato

Questa DeRecensione di The West è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/matmos/the-west/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quattordici)

Giubbo
Opera: | Recensione: |
ZiOn
Opera: | Recensione: |
Grande Giubbo, una rece del genere mi fa venire una voglia tremenda di ascoltarli :)
BËL (00)
BRÜ (00)

Giubbo
Opera: | Recensione: |
finalmente un commento! grazie ZiOn,mi hai salvato dalla depressione! ascoltatelo che è fenomenale,però bisogna farci l'orecchio ;)
BËL (00)
BRÜ (00)

Hal
Hal
Opera: | Recensione: |
Ci vuole pazienza giubbo :) Io non sono riuscito ad ascoltare nient'altro oltre The civil war, perchè non ho trovato niente dei matmos. tra l'altro the civil war l'ho beccato in file mp3 ... peccato perchè è un genere che mi interessa parecchio. Magari adesso percorrerò nuove strade e metodi di ricerca ;) Ciao
BËL (00)
BRÜ (00)

Giubbo
Opera: | Recensione: |
scaricali, comprali in rete, in qualche modo falli tuoi! potrebbero non piacere essendo un bel pò stravaganti (consiglio comunque a tutti ma proprio tutti l'ascolto), ma se mi dici che ti piace il genere...vai ad occhi chiusi e cuore aperto
BËL (00)
BRÜ (00)

Hal
Hal
Opera: | Recensione: |
Preferirei prendere i cd originali, le copie e gli mp3 mi servono per farmi un'idea. Ehi lo sai che il tuo entusiasmo è convincente? :))
BËL (00)
BRÜ (00)

Giubbo
Opera: | Recensione: |
sono contento che sia convincente se serve a far ascoltare ciò che considero magistrale e quindi a diffondere. è attraverso questi passaparola che band con grande talento cominciano ad emergere dal mare di infinite produzioni. sono d'accordo con te sui cd originali Hal, però se proprio non riesci a trovarlo... tra l'altro l'artwork di questo disco è qualcosa di veramente geniale. non che quello di "the civil war" sia inferiore... si VEDE che ci tengono ai dettagli,e ciò si SENTE anche mettendo il cd nel lettore
BËL (00)
BRÜ (00)

NickGhostDrake
Opera: | Recensione: |
adoro i matmos.
BËL (00)
BRÜ (00)

ZiOn
Opera: | Recensione: |
Ma stanno sotto Warp Giubbo?
BËL (00)
BRÜ (00)

psychopompe
Opera: | Recensione: |
bella rec giubbo. ma questo è ascoltabile come civil war, o masturbatorio e quasi fastidioso come A chance to Cut? Concordo che i Matmos ci tengono all'artwork, mossa intelligente nell'era del download.
BËL (00)
BRÜ (00)

Giubbo
Opera: | Recensione: |
no ZiOn non stanno sotto warp, mi pare che siano matador. Drake,questo disco è meno elettronico di "a chance..."; è suonato con strumenti veri come "civil war" però tendono a stupire meno e rendere i pezzi più lunghi,che quindi potrebbero risultare noiosi...in realtà sono dei trip. ecco sicuramente "the civil war" è meno accessibile di "the civil war" ma più compatto e serioso di "a chance..."
BËL (00)
BRÜ (00)

Giubbo
Opera: | Recensione: |
intendevo "the west" è meno accessibile di "the civil war" e più compatto e serioso di "a chance...". ed era rivolto a te,psycho. stamattina ho pocciato i biscotti nel whiskey
BËL (00)
BRÜ (00)

psychopompe
Opera: | Recensione: |
io nella sambuca non preoccuparti giubbo.
BËL (00)
BRÜ (00)

Svariopinto
Opera: | Recensione: |
estremamente
geniali
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: