Maurizio Curadi
Phonorama

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Esistono artisti di nicchia che, non per questo, sono da considerare dei minori ma che anzi sanno tracciare, pur ancorati agli stilemi della tradizione musicale, nuove vie. Maurizio Curadi fa parte di questa categoria.

Ora Curadi se ne esce con il suo primo disco solista intitolato Phonorama per Area Pirata Records. Il disco è stato composto in anni di ricerche solitarie e rivela l’influenza di musicisti appartenenti all’avanguardia e al minimalismo come Keith Rowe (fondatore degli storici AMM), La Monte Young e Steve Reich ma anche del bluesman John Lee Hooker e del chitarrista John Fahey e Leo Brouwer. Curadi esplora nuove tecniche usando chitarre ed echi ed avventurandosi in territori sperimentali in cui convivono avanguardia e tradizione. Siamo di fronte ad un lavoro visionario ricco di suggestioni arcane. Musicalmente è un disco notevole: è come se il blues primitivo di Robert Johnson incontrasse il minimalismo di La Monte Young dando vita a un viaggio subliminale e psichedelico. Il tutto suona come un mantra visionario, cosmico e trascendente. Il disco è diviso in 2 sequenze di circa 20 minuti ciascuna. La prima parte inizia con Red Kite che ci introduce nel “mood” subliminale e suggestivo di Phonorama. La successiva N.O.D. è un brano evanescente per chitarra acustica ed echi mentre in Cicadas possiamo ascoltare i ricami della chitarra acustica accompagnati dalla registrazione del canto delle cicale. Water Well è un omaggio al blues primitivo suonato su un banjo di inizio ‘900. La seconda parte inizia con la breve, “bluesy” ed intensa Windmill Blues. Variazioni I-VI + Twig è invece la traccia più lunga (oltre 16 minuti) e raggiunge picchi musicali notevoli evocando – con le sue atmosfere sospese nel tempo - paesaggi antichi al di là del tempo e dello spazio. C’è poi spazio anche per una sezione bonus, una sorta di sessione “live” elettrica. Dopo la breve “visione” di Meridiana è la volta di Hidalgo – per corde allentate e oggetti - , caratterizzata da ambientazioni epiche. La chiusura è affidata a Piano: il suono del pianoforte in questo pezzo è qualcosa di unico e spaziale come raramente mi è capitato di ascoltare ed è realmente difficile da definire.

Phonorama conferma Maurizio Curadi come un grande artista fuori dagli schemi e, forse, anche dai generi. Non è un disco facile ma nondimeno rivela il talento di un musicista eclettico che ama ricercare ed esplorare nuove dimensioni sonore. Disponibile su Bandcamp: https://areapiratarec.bandcamp.com/album/phonorama.

Questa DeRecensione di Phonorama è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/maurizio-curadi/phonorama/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sette)

nix
nix
Opera: | Recensione: |
beh...che dire, sono un pò frastornato dalle tue citazioni: Quicksilver, Captain Beefheart, John Lee Hooker, John Fahey, La Monte Young, Keith Rowe e l'AMM, Steve Reich. Ci manca solo un clarinetto Yiddish, nella più pura tradizione ebraico-newyorkese e il coro dei Gatti Del Vicolo Miracoli.
Il titolo è stupendo, Phonorama mi ricorda certi dischi di musica elettronica dei primi anni '70.
Insomma, mi hai messo una gran curiosità. Stasera, se lo trovo sul tubo, provo ad ascoltarlo.
BËL (01)
BRÜ (00)

Cervovolante: @[nix] ho messo il link Bandcamp :)
Cervovolante
Opera: | Recensione: |
Cervovolante
Opera: | Recensione: |
CosmicJocker
Opera: | Recensione: |
Beh.. detta come la dici tu, pare molto interessante..
BËL (01)
BRÜ (00)

Cervovolante
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «Il disco puo' essere ordinato sul sito di Area Pirata.». Vedi la vecchia versione Phonorama - Maurizio Curadi - Recensione di Cervovolante Versione 1
BËL (00)
BRÜ (00)

Cervovolante
Opera: | Recensione: |
Pinhead
Opera: | Recensione: |
Ascoltato, troppo lontano dalle mie passioni, ma per quanto fatto con Birdmen of Alkatraz e Steeplejack, Maurizio Curadi ha tutta la mia stima e rispetto.
BËL (01)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: