Sto caricando...

Max Pezzali
Time Out

()

Voto:

Scribacchio recensioni e sogno Urano, lassù, eterno, inviolabile, labile. Il mondo è tuo, sbrodolava Aladino, e noi viviamo in un tempo incongruo in cui i sogni non collimano mai con le voglie. Ben lo sa il Max Nazionale, che cerca un'America che forse non esiste più e si prende un break ma ci avvisa, fiero, che tornerà subito. Oibò, lo aspettiamo.

Peccato che, accidenti, il dischetto sia proprio tale. Poche ispirate liriche de noantri e musica sempre troppo modaiola e, al dunque, poco verace. Ha perso lo smalto Max from Pavia, le sue storie ebbre di tornitruante banalità da paese, e il bar, e la moto, e le menate, si scontrano con il vegliardo che era già ai tempi del dischetto di cui sto, con modo gagliardo, parlando. Le sue avventure di provincia sono ormai abusate e non c'è nulla di interessante da salvare.

Prode Pezzali, fiero cantore di un tempo frustato a colpi di metaforica sciabola temporale, ridotto a canticchiare "Sei fantastica", una donna ancora, forte come il rock'n'roll. Fantasia invereconda. Non è mai stato, quella sagoma del Maximo, un cantante fantastico, ma rivorremmo indietro l'uomo Ragno, possibilmente vivo, e non siffatte operette buone solo a riempire il proprio ego e disgustare gli ammiratori. Va detta una cosa, e con forza. Da tale facezie sono passati più di dieci anni e il volpone, ancorché poco arguto e assai vezzoso, Max non ha prodotto nulla di meglio, ormai nè a nord nè a sud nè a ovest nè a est egli può, come un tipico rabdomante, volgersi, da tutti i punti la si guardi non c'è più ispirazione, appunto, time out.

Commenti (Quindici)

ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
SHEI UN MIIIIIITOOOOO!

Io direi di approfondire il "periodo giapponese" e quello "americano" del Pezzali. Regalano sempre grandi soddisfazioni. Recensione ficcante, il disco non lo ascolterò (forse).


CosmicJocker
CosmicJocker
Opera:
Recensione:
Ardimentoso JpLoyRow Lei forse non sa che il Bardo Max è mio concittadino e, non foss'altro che per questo, mi sta proprio sul cazzo..
Ah quante leggende metropolitane potrei dire su di lui, ma sono un uomo prudente oltreché spiantato: rischierei querele..
Lei ha colto il giusto sul prode Max, ma questa Sua pagina mi sa troppo di esercizio di stile di facile presa: riuscito finché si vuole, ma pur sempre esercizio di stile..

Ps
Il vero rappresentante di Pavia è e sempre rimarrà il Sommo Drupi..


macmaranza: Drupi è un Must!
CosmicJocker: Io ci ho giocato a scopa d'assi con Drupi!!
macmaranza: E io ci sono andato a pesca insieme! Ecco! Uffa!
JpLoyRow
JpLoyRow
Opera:
Recensione:
Pavia, franchigena d'aspetto, ha dato i natali, o meglio la provincia ha dato i natali, a Pezzali Max, De Filippi Maria, Scotti Gerry, Drupi, Bardolino Sergio e il nero prefetto Mori. Vi fece il militare Morandi Gianni e cantò una canzone in suo onore. Io ci abito a 50 km, la conosco bene, frequentazioni amorose di un po', ma neanche tanto, tempo fa.


CosmicJocker: Ha dimenticato me e comunque, se ha tempo/voglia prima o poi ci si può vedere nelle vicinanze o anche a metà strada per dissertare insieme sull'inconcludenza della vita umana..
JpLoyRow: Mi trova a Milano, sempre disponibile.
JpLoyRow: Bardolino sarebbe Bardotti, il t9 al solito
CosmicJocker: Beh beh, allora s'ha da fare... E poi sono meno di 50 km..
voiceface
voiceface
Opera:
Recensione:
Scrittura brillante. La recensione, non Pezzali. Ma tornitruante che roba è? Un francesismo?


JpLoyRow: Pardon, una erre di troppo.
Stanlio: ehm, o tale facezia o tali facezie...
Stanlio
Stanlio
Opera:
Recensione:
ehm, se non gli si rompeva la playstation starebbe ancora joystickiando e addio 883...

a Pavia ci abita anche mia nipote, quella a cui una decina d'anni fa regalai l'Ulisse di James Joyce e niente.


CosmicJocker: Apperó, vorse Ella vuole conosermi... So perfino avere un'articolazione mandibolare più che passabile se non bevo troppo..
Stanlio: ehm, cannibale!
lector
lector
Opera:
Recensione:
Però, per uno che combatte contro il vecchiume, non mi sembra che qui si respiri tutta quest'aria di nuovo.


sfascia carrozze: Anzi, direi proprio che si percepisce un discreto olezzo.
Io non sono:
mi sono lavato la settimana scorsa.
Al mare.
JpLoyRow: Tenebroso Lector, il Pezzali, lei concorderà, è più giovane dei vari Zeppelin, Floyd e Who. Non si preoccupi. A breve una recensione sulla giovanissima, e talentuosa, Madame.
Hetzer
Hetzer
Opera:
Recensione:
Parli di questo disco come se fosse la caduta di un grande.. È l'unico vero errore: Max Pezzali è un inquietante ammasso di aminoacidi che ha provocato solo del male fisico alla musica leggera.. Tutto il resto del tuo funereo scritto evoca sostanzialmente uno spiacevole e pungente odore di decomposizione; nessun guizzo, nessun epicedio, nessuna arguzia.. Niente: ovvero, proprio ciò che è la tua essenza.. Anzi no, qualcosina c'è: il polveroso e stantio grigiore del vecchio..


JpLoyRow: I vecchi, lo stantio, i migliori amici del bipede.
TataOgg: "Oibò, ti aspetto (sempre)."
Hetzer: @[JpLoyRow] ti sforzi tanto, e invano, per categorizzare i bipedi perché ne hai una grandissima paura..
JpLoyRow: Ovvio Hetzer, i bipedi sono l'involuzione della specie.
G
G Alto Papàvero
Opera:
Recensione:
"Oibò, lo aspettiamo."


IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Ahahahahahahah, prima di tutto una domanda:
“Ma qualcuno di voi ascolta veramente un disco di Max Pezzali?!”… perché a me sembra veramente INCREDDIBBOLO!!!

Macs mi è sempre rimasto lì in bilico tra la faccia da ebete da prendere a schiaffi e la stessa faccia ingenua da far tenerezza.
Calcolando che moltissimi nella vita mi ricadono nella prima ipotesi lui già sta messo meglio. Probabilmente, come me ma con contenuti opposti, vive in una sua bolla “felice” e non mi sembra faccia del male. Certo quelle sue che si sono sentite nei decenni a me fanno pietà, ma questi son gusti.

Spezzo invece un bastone per l’uomo Ragno che mi rievoca strani ricordi goliardici. Avevo una “amante” diggei donna - una delle prime, secondo me - molto brava, decisamente bella ma piena di lati oscuri… di Lei non sapeva nulla praticamente nessuno (non che io ne facessi un problema a vent’anni poco più). Poi sparì poco dopo io misi fine alla storia - stava diventando pesante la tizia - ed una decina di anni dopo ricordo me la vedo da senzacollo Costanzo discretamente delirante. Però son bei ricordi e quel disco non era male.

Ma quanti album ha fatto Macs?! Mi sembra persino incredibile abbia una discografia al di là di qualche 45 giri… sono fuori totalmente, savansadir


IlConte: Piuttosto il “ballerino” suo compare dove è finito??!!
ZiOn: Il mitico Mauro Repetto ha pubblicato nel 1995 il suo unico capolavoro, "Zucchero filato nero". Dopo pare abbia lavorato a Disneyland, in Francia, travestendosi da personaggio dei cartoni animati e poi ha fatto teatro, sempre da quelle parti. Nel 2013 ha scritto un paio di brani per Max e sono stati avvistati di nuovo insieme.
Farnaby: Repetto era la vera anima degli Ottottotre...genovese e genoano...
ZiOn: @[Farnaby]: sognava gli States, il rock e la figa ed è rimasto "trombato". A suo modo un grande.
Farnaby: D'altronde se vuoi fare il ballerino dovresti quantomeno saper ballare...
ZiOn: E anche se vuoi fare il cantante devi sapere quantomeno cantare. Comunque vabbè, "Zucchero filato nero" è un capolavoro. Su questo non ci piove.
macmaranza
macmaranza
Opera:
Recensione:
Con un déééécaaaa non si può andarvìììaaaa... Ossignûr!


FOGOS
FOGOS
Opera:
Recensione:
L'ennesimo guaio provocato da Cecchetto!!!


TataOgg
TataOgg
Opera:
Recensione:
Oibò! Sembra un tornitruante collage, questa gagliarda recensione.


GRestuccia
GRestuccia
Opera:
Recensione:
Max Pezzali è una figura mitologica. Un attempato signore mediamente ingrassato che scrive ancora testi con terminologia dei ggggiovani degli anni '90.
Anche no.
Ti leggo sempre con piacere però.


Stanlio
Stanlio
Opera:
Recensione:
Non so perchè ma a me piace come (non) canta più di quello che canta e la storia che hanno ucciso l'uomo ragno è figherrima non poco e niente...


ZiorPlus
ZiorPlus
Opera:
Recensione:
Boh, ha sempre quell'espressione scazzata da impiegato di banca in pausa pranzo tra le 13,00 e le 15,,00 che una volta finito il panino od il tramezzino al baretto non sà dove sbattersi fino alla riapertura della filiale.


IlConte: Ahahahahahahah
Alle poste lo vedo meglio …
IlConte: Magari fosse scazzata … è inebetita …

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Time Out è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link