MC Hammer
Please Hammer Don't Hurt 'Em

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Si incazzarono tutti. Lo insultarono, ma mica a viso aperto. Piuttosto, come fanno i rapper: tra le rime dei loro dischi.

LL Cool J, Run DMC, Digital Underground, Ice Cube e compagnia cantante (pardon: rappante). Il primo, anni dopo, chiarì e si scusò. Diamogliene atto.

Questo e tanto altro ancora scatenò Stanley Kirk Burrell, più comodamente MC Hammer, dal 1991 più comodamente ancora Hammer. Che ‘MC’ ormai ce l’avevano tutti, pure il nostro Frankie Hi Nrg.

E già. Questo perché questi gangsta incazzati e incazzosi sradicavano l’umore dei loro lavori nei bassifondi, lo rielaboravano con talento certosino e le sputavano alla nicchia di fans in adorazione.

MC Hammer la pensò più facile. Senza scomodarsi troppo, dopo il successo inaspettato (non eclatante ma pur sempre foriero di quattrini e belle speranze) dell’album di debutto “Let’s Get It Started” (preannunciato dalla prima incarnazione, l’autoprodotto “Feel My Powerndr) si barricò per qualche settimana in un camper con due produttori che nessuno conosceva (Louis Burrell e Scott Folks) e sfruttando una manciata di piste pescò basi a destra e a manca, ci mise sopra due strofe, e frantumò ogni record. Di vendite, di airplay, di pubblico.

Al tempo: non era tutta merda. L’uomo dimostrò di avere orecchio fine e intelligenza. Mandò nelle classifiche di tutto il mondo ‘U Can’t Touch This’, che prendeva pari pari il brano “Super Freak” di un certo Rick James, un altro che bisognerebbe aspettare per qualche dove per dargli giù botte, e ci rappò sopra qualche tavanata. In quel periodo, si sa, un singolo ‘boom’ era sufficiente per trainare l’album di riferimento. “Please Hammer Don’t Hurt ‘Em” non fece eccezione. Anzi: superò i 20.000.000 di pezzi venduti.

A molti fischiarono le orecchie. Certamente a Prince, le cui basi vennero propinate in ben tre brani: “Pray” (When Doves Cry), “Work This” (Let’s Work) e “She’s Soft And Wet” (Soft And Wet) ma anche a Jacko (“Ti sfido, cazzo, prendiamo due stadi e vediamo chi fa più pubblico”). Ma Michael la prese bene: incalzato dai giornalisti, disse, “Ah, ma io sono un suo fan”. Gnaffete.

Hammer diventò bambole, diventò cartone animato (Hammertime), diventò icona.

Chi vi scrive, incuriosito, comprò l'album a scatola chiusa. Nel senso: leggevo per ogni dove di 'sto tizio ma ai tempi mica era come oggi che, perdio, fai click sul tubo e ascolti un brano. Allora quattordicenne, rimasi più che altro divertito. C'era di peggio e, per l'amor di Dio, c'era anche di meglio.

Hammer si arrichì. Diventò esoso, inavvicinabile. Come da copione, negli anni si mangiò quasi tutto. Basti osservare la genesi dei lavori successivi: "Too Legit To Quit" (1991) ne dimezzò fasti e pretese, seppur creando una discreta breccia. "The Funk Headhunter" (1993), che tentò di incattivire sound e contenuti, calò di dieci spanne facendo giusto capolino nelle chart. "Inside Out" (1995) passò inosservato. Così come i lavori successivi.

Certo è che “Please Hammer Don’t Hurt ‘Em” ha un posto nella storia, e tant'è. Il primo disco rap a piazzarsi così in alto e per così tanto tempo, oggi continua a brillare di luce propria per l'animo prettamente napoletano : futtetenne (mi perdonino gli amici partenopei se il lessico dovesse essere errato). Hammer ignorò regole comportamentali tipiche del rapper di strada, si insaponò, si cosparse di profumo e tirò dritto finché il pubblico, attratto da altre falene, non gli voltò le spalle.

Venne anche a San Remo, nel 1992, a fare il pirla da Pippo Baudo.

Durò poco. Oggi il nostro si arrabatta in vari modi. Nei talent show danzerecci (ah già: era, a detta, un ottimo ballerino), autoproducendo (e chi lo scrittura più ?) materiale inedito quando gli capita, andando in tour con Vanilla Ice (di cui, come si suol dire, tratteremo in seguito) o predicando, perché sì: negli anni, smesso il lusso, è diventato anche pastore. Che Dio ti benedica, figliuolo, disse Stanley Kirk Burrell più comodamente Hammer scendendo dalla Limousine e sistemandosi il collanone.

Questa DeRecensione di Please Hammer Don't Hurt 'Em è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/mc-hammer/please-hammer-dont-hurt-em/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Dodici)

puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini Presidénte onoràrio
Opera: | Recensione: |
Guarda che il più Gangsta di tutti era lui, sono note le sue minacce a mano armata e la crew di manigoldi con cui girava. Potrei sbagliarmi sul protagonista, ma mi sembra Redman ha raccontato varie volte di una vicenda in cui si cagò letteralmente addosso circondato dalla crew armata di Hammer e il nano che gli diceva "ya wanna feel me nigga?"
BËL (01)
BRÜ (00)

Abraham: Probabilmente nel 1995 quando venne scritturato dalla Death Row di Tupac, laddove realizzò anche un album mai pubblicato, Too Tight. Aneddoto che non conoscevo, grazie.
puntiniCAZpuntini: Redman on MC Hammer Stepping to Him Over Diss: He Doesn't Mess Around Ricordavo bene, era Redman. Non è questa l'intervista che ho visto (o magari l'ho letta, boh) dato che questa di Vlad è molto recente, ma di sicuro fa ridere perchè Redman fa sempre ridere.
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Bell'amarcord.
BËL (01)
BRÜ (00)

Almotasim : Io lo avevo rimosso...
Mr Funk
Opera: | Recensione: |
Belle rece, album divertente e di poche pretese. Povero Rick James ma che ti ha fatto?
BËL (01)
BRÜ (00)

lector
Opera: | Recensione: |
Lavarsi e profumarsi? Errore gravissimo per un rapper! (Ma pure per un rocker....)
BËL (01)
BRÜ (00)

 Jimmie Dimmick
Opera: | Recensione: |
Bella recensione, c'è dell'amore
BËL (01)
BRÜ (00)

Abraham
Opera: | Recensione: |
Peraltro, ribadisco: un lavoro veramente degno di nota è proprio 'Too Tight', che si trova solo in formato compresso in internet. Mai realizzato proprio a causa della dipartita di Tupac, che ne curò produzione e collaborazioni.
BËL (00)
BRÜ (00)

proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
Sembra uscito da una sitcom, anzi sembra la spalla comica di Smith nel principe di Bel-Air. Non lo ascolterò mai.
BËL (01)
BRÜ (00)

Hank Monk
Opera: | Recensione: |
cola
Opera: | Recensione: |
Ah ah ah ascoltata una sola volta la cassetta e subito regalata ! Vuoi mettere con "3 Feet High & Rising" ? Ma anche Ice Cube e Run DMC resistono ancora all'usura del tempo, dei Digital Underground ricordo "Check the technique" mentre LLCool J te lo ritrovi su C.S.I. vent'anni dopo...come ICE T mentre Ice Cube me lo ricordo con Clooney in King's qualcosa, filmini spassosi.
BËL (01)
BRÜ (00)

pi-airot
Opera: | Recensione: |
Che ossessione ai tempi, questo Hammer. Me lo ricordo un paio di album dopo, quando cantava di volere una ragazza "con le tette e il culo", video trashissimo in piscina, lui in speedo intento ad evidenziare la dotazione di famiglia...
BËL (01)
BRÜ (00)

imasoulman
Opera: | Recensione: |
veramente ottimo ottimo scritto, nonostante anch’io mi chieda il perché di un simile accanimento con Rick James...(del quale come suol dirsi tratteremo in seguito...)
BËL (01)
BRÜ (00)

Abraham: Grazie. Ma no, era allegorico l'accanimento, a me personalmente non ha fatto nulla :)
imasoulman: è un po’ tamarro, il Rick, ma alcune sue intuizioni hanno avuto discepoli piuttosto nobili (uno su tutti, tale fu Nelson, Roger...)
voiceface
Opera: | Recensione: |
Che mi hai fatto ricordare!
Fui uno di quei ragazzotti che comprò l'album a cassetta, a scatola chiusa. Forse l'avrò sentito 5 volte e solo le prime tre canzoni. Poi l'anno successivo comprai Innuendo, sempre a cassetta, e le mie tendenze musicali presero un'altra piega.
BËL (01)
BRÜ (00)

Abraham: Eh, 'Innuendo' sta decisamente in un'altra galassia!

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: