Meat Puppets
Live @ Bloom, Mezzago 05.04.12

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


"Not to much more, too much more".

E' con un infame fischio all'orecchio sinistro che mi accingo a parlarvi di uno dei più bei live a cui abbia mai assistito. Not too much more, decisamente. Non è mai troppa la grande musica. Non è mai troppo alto il rischio di spaccarsi un timpano, quando sul palco c'è gente come Curt Kirkwood e il suo fratellone invasato. Stiamo parlando del resto di una delle cose più belle che siano mai state fatte in decenni di rock, la sintesi perfetta di tutto ciò che di esaltante ed ammaliante c'è in questo favoloso genere musicale: il rumore e il languore, melodie intramontabili affosate sotto i decibel, passione ed empatia, corde che si attorcigliano oltre la soglia del dolore, fuoco sangue lacrime... i Meat Puppets insomma, direttamente dall'Arizona. A questi tre stagionati cow-punkers, alle loro visionarie intuizioni, alle loro ballate devastanti, a quella dolce spigolosa stravagante convivenza di euforia e catalessi, tormento e contemplazione si devono praticamente 3 decenni di indie-rock e affini.

Giunto al Bloom, ritrovo con piacere Spaccamascella, veterano del DeB, e compagna: si chiacchiera di musica, differenze fra Stati Uniti d'America e Canada, pregi e difetti della città di Louisville, periferie cittadine, Uccelli di Hitchcock etc... Ci si carica con un paio di birre, si va a pisciare (mica che la natura chiami proprio durante lo show dei Puppets), si ascolta volentieri il gruppo spalla, Love In Elevator, quanto di più distante si possa immaginare dal sound degli headliners: la band veneta infatti attacca con un riffone scivoloso alla Melvins, per proporre poi una sorta di post-sludge molto emotivo, con tanti bei cambi di tempo, brani strutturati e una cantante brava brava.

Poi entrano Loro, in un discreto boato. C'è poca gente a seguirli, e per questo motivo riusciamo a piazzarci fra le prime file, a 2 passi dalla cassa (purtroppo). Parte "Split Myself In Two" ed è subito il delirio. I fratelli sono in gran forma, Cris in particolare è scatenato, il batterista picchia come una madonna... ma la cosa più piacevole è constatare che Curt non ha perso il suo tipico espressivo fragile falsetto, nè il suo personalissimo eretico cacofonico finger-picking. Come da copione fanno tutto il loro secondo disco (MP II - 1983) dall'inizio alla fine, aumentando le dose di elettricità, picchiando più duro e trasformando in stupefacenti inferni persino ballate crepuscolari come "Plateau", strumentali impressionisti come "Aurora Borealis", scenari da bivacco western come "Climbing", e proponendo pure una "Lost" a doppia velocità. Per almeno tre quarti di concerto, ho avuto un sorriso tanto ebete quanto soddisfatto stampato sul volto.

Finito l'album, di abbandonare il palco non se ne parla proprio. I fans cominciano a chiedere pezzi di altri loro dischi. "Up On The Suuuuuuun" chiedo urlando. Curt mi sente, si gira verso la mia parte e dice "Ok. Up On The Sun". E parte una versione devastante di quella splenida canzone. Al settimo cielo, mi giro verso Spaccamascella che mi dice: "Oh! Visto che ti ha sentito?!". Poi scatta una lunga coda di bis all'insegna del loro inimitabile psycho-country-core, dove c'è spazio per tutto: duetti vocali a ritmo di quadriglia irrefrenabile, omaggi ai classici ("Sloop John B"), lentoni vecchio stile... insomma questi ex-kids della hardcore nation di inizio anni 80 non hanno certo perso lo smalto, ma chiaramente a 50 anni suonati credo sia naturale farsi un po' cogliere dalla nostaglia, ed ecco che il country (genere nostalgico per eccellenza) finisce per prendere il sopravvento in questa seconda parte del concerto. Ma non crediate che i fratelli Kirkwood possano essere bollati come "dinosauri", visto che proprio alla fine piazzano una versione ultra-dissonante di "Two Rivers", in cui allontanano ogni minaccia di patetico revival.

E adesso, dopo questa generosissima dose di bellezza e fantasia mimetizzate da sfoglie di feedback, speriamo mi passi questo rumore bianco all'orecchio (praticamente è MMM di Lou Reed, in loop): nel caso rimanga, pazienza... mi toccherà coprirlo con della musica. Dei Meat Puppets, ovviamente, probabili ospiti fissi del mio lettore CD nei prossimi torridi mesi.

Questa DeRecensione di Live @ Bloom, Mezzago 05.04.12 è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/meat-puppets/live-at-bloom/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (VentiCinque)

sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Grande Pretax e grandissimi Loro. Non aggiungo dell'altro, và. P.S. Anzi si: l'ultimo discherello in ordine di tempo non è per nulla disdicevole, anzichèyes.

extro91
Opera: | Recensione: |
Come farmi pentire amaramente di essere appiedato. Ci sei riuscito. asd

madcat
Opera: | Recensione: |
bellissima, i meat puppets non mi hanno mai preso del tutto

SilasLang
Opera: | Recensione: |
Grande. E loro...immensi!

Darkeve
Opera: | Recensione: |
Mi rode il culetto per non esserci andato...dopo questa rece, ancora di più

solveetcoagula
Opera: | Recensione: |
Ti odio profondamente. 5 per l'invidia

Dopesmoker
Opera: | Recensione: |
Sai, stavo andando a Roma per vederli e fare il bis il giorno dopo con i Fine Before You Came, poi lo svolgersi non lineare degli eventi mi ha affossato. Mi sono rifatto ieri con i Father Murphy, ma rimane un pò di rimpianto.

Nickname
Opera: | Recensione: |
Visti ieri sera a Firenze. Kirkwood è salito sul palco e ha detto di non aver voglia di fare l'album in fila, e i pezzi di MPII li hanno fatti sparsi durante il live. Giganteschi, la versione che hanno fatto di "Lake Of Fire" ha fatto venir giù il locale. A un certo punto mi giro e al posto della mia ragazza mi ritrovo Pelù accanto...

SilasLang: Azz! Un incubo! :)
donjunio
Opera: | Recensione: |
where the bad folks go when they die....

Spaccamascella
Opera: | Recensione: |
Pretà non potevi fare recensione migliore, bravo, anche a me sono fischiati i timpani per un paio di giorni, semplicemente memorabili loro!

telespallabob
Opera: | Recensione: |
La Pasqua quello lassù l'ha festeggiata a furia di trasformazioni, per merito mio che non ci sono andato

therealramona
Opera: | Recensione: |
therealramona
Opera: | Recensione: |
tre stagionati cow-punkers --> c'era anche bostrom? non credo. comunque ecco qua


federock
Opera: | Recensione: |
mai sentiti, ma il tipo assomiglia a Glenn Hughes!

jdv666
Opera: | Recensione: |
yeah! :) un loro concerto me lo vedrei molto volentieri

JohnHolmes
Opera: | Recensione: |
Ottimo resoconto. Loro hanno una discografia abbondante e non li ho mai sentiti, cosa potrei provare?

jdv666: il II!
iside
iside Divèrs
Opera: | Recensione: |
pretax, spacca, don, ramona, tutti in dechat.

hugoniot
Opera: | Recensione: |
DeNootry
Opera: | Recensione: |
C'ero, ed stato strabello!

kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera: | Recensione: |
!!! (che bella la fotina)

korrea
Opera: | Recensione: |
Beati voi cazzo, cazzo beati voi! Voto il concerto sulla fiducia.

popoloitaliano
Opera: | Recensione: |
Grandi, e grande...

tia
tia
Opera: | Recensione: |
!! azz mancato.. Che scemo che sono:..vado..?..non vado..mhh.., ma no dai sarebbe un errore perderli, suonano così vicino..e poi?..e poi mi dimentico!.. soddisfatto del resoconto.

pretazzo
Opera: | Recensione: |
ciao a tutti...grazie dei commenti...davvero un live memorabile, peccato per gli assenti...e ora sotto coi lemonheads, a mezzago il mese prossimo...@ Ramona: va che Dando suona apposta il venerdi, così puoi venire anche tu al concerto ;-P ah di bostrom fotteseghe: mai cagato il drummer...i mups sono sempre stati i kirkwood brothers...

Lewis Tollani
Lewis Tollani Divèrs
Opera: | Recensione: |

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: