Muse
Haarp

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Il crocevia di ogni band degna di questo nome, di qualunque genere, è l'album live. Tutti (o quasi) prima o poi son passati attraverso questa tappa fondamentale per ogni band degna di tal nome. Infatti spesso e volentieri (anche se oggi purtroppo lo si può fare pure nei live) una prestazione live può far esaltare i pregi o i difetti di questa o quella band.

I Muse non hanno fatto eccezione, e dopo il secondo CD della raccolta Hullabaloo (registrato a Parigi nel 2001), pubblicano Haarp, cd live registrato nel rinnovato stadio di Wembley (altra tappa che sembra importante per ogni gruppo UK) il 16 giugno del 2007. Insieme al cd è uscito anche un DVD che contiene sia codesta esibizione, che quella del giorno dopo. L'album è stato molto pubblicizzato, vuoi per il luogo, vuoi per il fatto che ha fatto registrare il tutto esaurito in entrambe le date, ma purtroppo, come accade spesso, tanta pubblicità non corrisponde alla qualità dell'album.

I vari pezzi rendono magnificamente live, e chi segue con costanza Bellamy e soci sa che è una di quelle band che dà tutto live (anche se la voce di Matt sembra leggermente sottotono rispetto al solito). Distorsioni, improvvisasioni durante i pezzi (stupenda quella durante Butterflies & Hurricanes, pezzo che io letteralmente adoro) e effetti elettronici la fanno da padrone, come in ogni live dei Muse. Bellamy e soci ci metto davvero l'anima in questo Live, si spogliano della loro aura di star per far divertire il pubblico, cosa che dovrebbe far qualsiasi band che si ritrova nella fortuna di aver una platea così sterminata. La tracklist in sè è davvero buona, anche se non ci son due grandi classici della band come "Plug Me Baby" e "Feeling Good" (presenti nel DVD), ma ci son quasi tutti i pezzi che ogni fan dei Muse dovrebbe saper a memoria. I pezzi in sè, come detto, vengono quasi esaltati dal Live, rendono bene (toccante la versione unplugged di Unintended). Il pubblico è davvero caldo (fin troppo, come vedremo), e canta ogni singola nota della band. Quindi sulla carta sembrerebbe un buon album live...

Peccato per la qualità del registrato. A volte sembra che più di un album live ufficiale sembra di ascoltare uno dei tanti Bootleg che girano per la rete. Gli urletti isterici a volte coprono il cantanto di Bellamy e anche la stessa band. I pezzi non si sentono a volte affatto bene, e la qualità generale del CD è davvero non buona. Ed è un peccato, una caduta di stile per i produttori, ma anche per i stessi Muse, che di solito curano in ogni dettaglio i loro dischi. A volte sembra che abbiano voluto aver fretta di far uscire questo cd, anche se la richiesta di un Live era sì massiccia, ma non fino a questo punto. Si poteva aspettare un altrò pò, e poi magari curar meglio la qualità del suono, e ripulirlo.

In definitiva quello che sulla carta sembra un buon album, purtroppo si rovina con le stesse mani. Consigliato, ma solo a coloro che son fan. Per chi vuole avvicinarsi a loro posso consigliare Black Horse and Revelation.

Tracklist:

Intro
Knights Of Cydonia
Hysteria
Supermassive Black Hole
Map Of The Problematique
Butterflies
Invincible
Starlight
Time Is Running Out
New Born
Unintended
Microcuts
Stockholm Syndrome
Take A Bow

Questa DeRecensione di Haarp è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/muse/haarp/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (TrentOtto)

alessioIRIDE
Opera: | Recensione: |
e perchè esistono i "fans" dei muse? gruppo di merda: ridicolo come pochi.

lux
lux
Opera: | Recensione: |
sisi proprio indie rock.

paloz
paloz Divèrs
Opera: | Recensione: |
Forse è Plug In Baby! Una band che mi piace abbastanza, cercherò questo live..

Orwell
Opera: | Recensione: |
e dai.. non sono così male come dite voi.. possono non piacere, questo è certo, ma non sono assolutamente "il peggio".. ciau

alessioIRIDE
Opera: | Recensione: |
il meglio del peggio ---->> il pessimo

Hanzo
Opera: | Recensione: |
si esistono ifan dei Muse! io!

madcat
Opera: | Recensione: |
a me i muse piacciono,ma il live di hullabaloo lo ho,dalla recensione non sembra un granchè questo,me lo sconsigli?non sono un ultrafan


Hanzo
Opera: | Recensione: |
Hullabaloo è sicuramente registrato meglio!Peò in H.A.A.R.P. il dvd è davvero fantastico.Vedi tu!la cosa migliore è vederli dal vivo,li non sbagliano mai.

Valeriorivoli
Opera: | Recensione: |
bravi ma freddini sempre. non danno emozioni.epure pieni di stronzerie nei testi da enciclopedia treccani-tipo supermassive - che mi riportano tanto a ai Flock of seagulls-impiegati di banca con chitarra.Vanno molto nei supermercati

tomgil
Opera: | Recensione: |
Guarda, anche se la recensione non è eccelsa mi trovo perfettamente d'accordo con te. Come era già successo col precedente live ufficiale (il dvd del live a Glastonbury per il tour di Absolution), anche in questo caso la qualità non è ottima, contrariamente ad Hullabaloo in cui era stato fatto un gran lavoro per rendere il suono pulito e omogeneo. Il disco l'ho scaricato secoli fa perchè il concerto girava da tempo in rete già da un po' (è del giugno scorso). Beninteso che dal vivo i Muse sono probabilmente il miglior gruppo oggi sulla piazza (li ho visti tre volte e tutte e tre le volte sono stati impeccabili), sono d'accordo anche sul fatto che ultimamente Bellamy stia perdendo un po' le corde. Unintended, facci caso, è abbassata di tonalità; anche Showbiz, non mi ricordo se c'è o no, è di qualità molto inferiore ai precedenti tour. In una parola: stanno lentamente calando. Non sarà certo questo dvd a testimoniarlo, anzi, e forse non sarà nemmeno il prossimo disco, da cui mi aspetto comunque qualcosa di più rispetto a Black Holes. Però prima o poi bisognerà prenderne atto. Scusa la lunghezza.

spaccazucche
Opera: | Recensione: |
lo sto ascoltando ora.condivido il fastidio verso le grida e la mediocre qualità della registrazione,ma mi devo fermare qua con il biasimo.loro sono spettacolari e in piena forma(anche nella varianti dei pezzi,vedi finale di map of problematique e butterflies and hurricane mai così penetranti) e a chi li accusa di "freddezza" li invito a sentirseli in concerto invece di ridurre la validità ed intensità emozionale di un gruppo a quello che può evocare un disco in uno stereo.

Opel
Opera: | Recensione: |
I Muse sono un bel gruppo ma che gli volete dire. C'è tanta robaccia in giro su cui spalare merda, nn capisco perchè accanirsi sui Muse.

Dott. Fottermeier
Opera: | Recensione: |
Mai piaciuti. Salvo solo qualcosa del primo album, dove giocavano a fare i piccoli Radiohead, proprio nel momento in cui Thom Yorke giocava a fare il piccolo chimico.

Michoos What
Opera: | Recensione: |
Mio cugino una mattina mi chiamò tutto eccitato dicendomi:"ascolta i Mius,sono i nuovi Radiohead...".Da quel giorno preferisco persino i Pooh a loro.

JohnWinston
Opera: | Recensione: |
Per fortuna che ci sono i Mclusky, altrimenti il nulla regnerebbe sovrano.

purple
Opera: | Recensione: |
neanche a me piacciono.

S4doll
Opera: | Recensione: |
spettacolari in live (visti nel 2002), pure io ho Hullabaloo, magari darò un'occhiata a questo...

Daft85
Opera: | Recensione: |
I muse sono bravi, ma un po' cloni dei radiohead e a mio parere non raggiungono il livello dei loro maestri.

47
47
Opera: | Recensione: |
non ho capito che c'entrano coi radiohead, giusto un pelino la voce.. per il resto sono un onesto gruppo pop rock, non peggiori e non migliori rispetto alla massa di mediocrità che è il moderno mercato discografico mainstream. plug in baby mi piaceva moltissimo

lux
lux
Opera: | Recensione: |
"i muse sono bravi, ma un po' cloni dei radiohead" grande daft, sempre il primo a dire stronzate galattiche. Forse era meglio se dicevi che Bellamy canta come Yorke e basta.

Purpulan
Opera: | Recensione: |
Mai capito 'sto oltranzismo nel paragone Muse/Radiohead... nessuna delle due band m'appare trascendentale, anche se la "supposta" sperimentazione degli Oxfordiani nel periodo "Kid-A"/"Amnesiac" qualcosa di discreto lo partorì, peccato che a fronte di una manciata di buoni spunti pseudoelettronici abbiano imbastardito ambedue gli album in questione con ballatine semiacustiche da piscio rancido d'imbriaco...
Ma di live qui si parla, ed... entrambe i combi mi capitò di vederli un paio di volte... i Radiohead steccavano una canzone si e l'alta quasi, e di tiro non ne avevano proprio... i Muse il mestiere invece se l'erano imparato molto più in fretta e, sebbene non fossero esenti dal dazio "lagna sdolcinata", quando rockeggiavano, una loro qual dignità ce l'avevano ("Stockholm Syndrome" live voglia di pogare me l'ha fatta venire, l'"Idioteque" versione low-fi con Yorke scamannato per intercessione di Nostra Signora delle Disgrazie, m'ha solo congelato il posteriore! ).
Quindi, per me, i presunti epigoni, on stage, superano agilmente i sopravvalutatissimi "maestri".

Purpulan
Opera: | Recensione: |
Anatas
Opera: | Recensione: |
mai digeriti più di tanto

Hell
Opera: | Recensione: |
Boh... Non mi dicono niente di che...

S4doll
Opera: | Recensione: |
il primo album dei Muse (Showbiz) ha qualche punto in comune con i primissimi Radiohead di 15 anni fa(quelli di Pablo Honey e The Bends). Punto. Da oltre un decennio a questa parte i 2 gruppi non hanno assolutamente un cazzo in comune se non il fatto di essere britannici

boyintheocean
Opera: | Recensione: |
Bel gruppo i Muse, anche se non li ho mai adorati. Un gruppo che comunque si sforza di essere originale. Ho tanti ricordi collegati a loro.

GrantNicholas
Opera: | Recensione: |
Per me paragonare i Muse ai Radiohead non sta né in cielo né in terra. A me sono sempre sembrati dei Suede improvvisamente invaghiti dell'hard rock, con una lieve spruzzata di prog.

boyintheocean
Opera: | Recensione: |
Ma che diavolo vorra dire "H.A.A.R.P." ... che titolo orrendo!

Tiz
Tiz
Opera: | Recensione: |
Meglio l'Harp. Che stasera berrò a damigiane, alla salute del Santo Patrizio!

templare
Opera: | Recensione: |
Secondo me, i Muse hanno un buon potenziale. Il leader della band non è malaccio. Forse a volte fa delle cose alla "Queen", inteso come teatralità sul sound s'intende. Quindi gli spunti buoni ci sarebbero, però......meritano una sufficienza stiracchiata. Alcuni miei amici li hanno vistoi dal vivo e ne sono rimasti impressionati (in positivo).

S4doll
Opera: | Recensione: |
a livello d tecnica ci sanno fare, è un gruppo che magari può passare quasi inosservato sentito alla radio, ma che lascia decisamente il segno in live

lux
lux
Opera: | Recensione: |
Mi paiono i cuginetti dei Dt sotto certi aspetti e per l'attitudine barocca.

CapitanZalo
Opera: | Recensione: |
che noia sto sitozzo sta diventando un raduno di fighetti del suono alternativo pronti a sparare merda su qualunque cosa abbia successo crogiolandosi nella spocchia e nello snobismo.
I Muse non saranno il miglior gruppo del mondo ma sono almeno dignitosi e c'è veramente molto di peggio.

maci
Opera: | Recensione: |
certo che c'è di peggio...I Los Campesinos,i Franz Ferdinand, Arctic Monkeys...c'è di molto peggio

DeAtomika
Opera: | Recensione: |
Negli ultimi paragrafi l'italiano è andato a puttane...e anche l'inglese: come si chiama il disco dei Muse?? Black Horse????

bigmouth
Opera: | Recensione: |
Ma io mi chiedo: ma chi è che lascia i commenti!!!
Paragonare anche solo minimamente i Muse a Thom Yorke & C. ha senso se chi lo dice ascolta un po Mina, un po Celentano, gli Europe e i Charli and the Cats..... che c'entrano? Una mazza appunto... ma almeno puoi paragonare i Muse ai Radiohead!!!!

Detto questo a me piacciono... piacevano i Muse e mi piacciono... adoro i Radiohead.
Ma a parte la voce di Thom che a volte puù sembrare isterica tanto quanto quella perennemente isterica di Matthew .... NON C'ENTRANO UN ..ZZO

Scusate lo sfogo, e concordo con la recensione.. l'acustica poteva essere migliore. Aggiungerei che anche la scelta dei pezzi poteva essere migliore.
Detto questo, non so cosa si fanno prima dei concerti perchè quando li avevo visti a Bologna erano in 3 ma dal casino che fanno (in senso buono) sembravano 8.



antho
Opera: | Recensione: |
i radiohead ai Muse gli fanno le scarpe.
Bellamy e Co sono tutto quello che si puo chiedere dalla musica. Completi come pochi, ma anche moderni sono la vera evoluzione rock.

antho
Opera: | Recensione: |
mi associo inolotre a bigmouth. Questi piccoli inglesi quando attaccano sprigionano una potenza unica.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: