Napalm Death
Mass Appeal Madness

()

Voto:

Tanta la voglia di Napalm Death in questa giornata post elezioni.

Anzi avrei voglia soltanto del Napalm per fare piazza pulita...ma lasciamo la pol(l)itica e torniamo ai maestri del Grindcore.

Quattro brani per nove minuti; Ep che segna il ritorno dei nostri a suoni ancor più devastanti e primordiali, dopo la "sbandata" Death Metal del pur validissimo precedente album sulla lunga distanza Harmony Corruption.

Suoni con una produzione al solito dannatamente chiusa, che ti strangola. Ti mettono all'angolo e ti annientano.

Dedicano il tutto all'amico Roger Patterson, bassista degli Atheist da poco (siamo nel 1991) scomparso.

La pesantissima e spettrale title track ha l'onore di aprire le ostilità; accelerazioni ed improvvisi rallentamenti caratterizzano il brano, con un finale dove i riff "flamencati" di Jesse dominano sul resto della truppa. Una truppa d'assalto, pronta alla guerra, alla distruzione; spietati Napalm Death.

"Pride Assassin" è il momento dove più si avvicinano ai canoni Death Metal del già citato precedente lavoro. Le invettive cavernose di Mark si fanno sentire, mentre urla rabbiose e psicotiche del chitarrista ritmico (!!!) Mitch creano ulteriore danno uditivo.

"Unchallenged Hate" e "Social Sterility" vengono riregistrate per l'occasione, essendo vecchie canzoni del monolite sonoro recante il nome di From Enslavement To Obliteration. Solo e soltanto Grindcore disarticolato, convulso; in grado di spingere la tensione ben oltre il livello di guardia.

Sono le ultime sessioni con Mick Harris alla batteria; abbandonerà subito dopo per formare quella dannosa creatura Industrial Post-Grind che sono stati gli Scorn.

Dominanti Napalm Death, padroni assoluti; da oltre trent'anni.

Diabolos Rising 666.

Questa DeRecensione di Mass Appeal Madness è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/napalm-death/mass-appeal-madness/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Undici)

sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Eggià!
L'ultimo discobolo con Mick in sella al sellino.
Il vinile marchiato Maldorecchie mi ricordo che mì diceva che era robba davvero spakkamontagn(i)e, come (quasi) solo loro in quegl'anni con tale intensità e virulenza non gratuita.



BËL (02)
BRÜ (00)

GenitalGrinder: Invidio il tuo possedimento vinilico del supporto!
IlConte
Opera: | Recensione: |
Grindcore, death, brutal, trash... non ci capisco una mazza vecchio mio ...
Industral post grind ahahahahahah
BËL (02)
BRÜ (00)

GenitalGrinder: Avercene di personaggi come te Conte!!!!!!!!
Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Grindcore o Death Metal sempre validissimi. Una band istituzione del metallo pesante.
BËL (02)
BRÜ (00)

GenitalGrinder: Band che merita la mia totale devozione.
Johnny b.: Meno male che GG c'è. Bellissimo EP me lo sono rigoduto alla grande.
Falloppio
Opera: | Recensione: |
Ma quando il cantante fa questi rumori gutturali può essere anche stonato ? E in questo caso, chi se ne accorge? Boh. Non trovo soluzione
BËL (01)
BRÜ (00)

GenitalGrinder: Nemmeno io.
lector
Opera: | Recensione: |
Che delicatezza!
BËL (01)
BRÜ (00)

GenitalGrinder: Condivido e confermo.
ziltoid
Opera: | Recensione: |
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Ma nella mente c'e' tanta, tanta voglia di Napalm Death... l'incipit mi ricorda palesemente la musica leggera. Il resto pero' e' devastante...
BËL (01)
BRÜ (00)

GenitalGrinder: Diciamo che l'accostamento ai Pooh ci può anche stare Almo...I ABSTAIN...
Elfo Cattivone
Opera: | Recensione: |
Contro il logorio della vita moderna: Napalm Death!
Se l'ep è nel periodo di Utopia Banished sarà sicuramente una mazzata delle migliori!
BËL (01)
BRÜ (00)

GenitalGrinder: Subito dopo questo Ep nel 1992 pubblicano Utopia Bansihed che personalmente ritengo ancora il miglior disco dei Napalm Death. Quindi siamo vicini come sonorità.
fungo
Opera: | Recensione: |
Ai Napalm Death il massimo dei voti sempre e comunque
BËL (00)
BRÜ (00)

Pinhead
Opera: | Recensione: |
Non sia mai che non timbro certe recensioni. Ciao GG, salutami tuo cuggino con dueggi DeMa!
BËL (01)
BRÜ (00)

GenitalGrinder: Ma dove eri finito zozzone? Sai che abbiamo bisogno della tua competenza non solo musicale!!!
hypnosphere boy
Opera: | Recensione: |
Ciao, eccellente recensione perfettamente in linea con il genere... anche se non ascolto questa forma di ultra-innovativo rock da mane a sera (mi muovo entro altre coordinate) ho ascoltato e riascoltato (molti anni dopo la sua uscita) "Scum" (piaciuto moltissimo) ed è sicuramente dirompente, devastante e soprattutto destabilizzante... con i ND mi son (purtroppo per ora) fermato alla pietra miliare (secondo-Ondarock...claro)... sicuramente anche quest'album (non sapevo della questione di Harris alle pelli per l'ultima volta, ma parliamo di uno dei più grandi batteristi di sempre)... riallacciandomi appunto al commento del Maestro Sfasciacarrozze: bellissimi ricordi quelli nei late 80's -early 90's con la Earache che dava alle stampe un masterpiece dopo l'altro, (persino io, che me ne intendo pochissimo di Death/Grind acquistai a 18 anni il mio primo doppio vinile "alternative" e la scelta cadde su "Vae Solis" di Scorn) appunto, della Earache preferisco il versante più post-grind, e opere di progetti/monikers/bands come Pitch Shifter, Godflesh, i citati Scorn (se non ho mal compreso il nucleo fondante dei Napalm Death... ed è un caso di puro genio musicale che gli inventori del Grind coincidano de facto con gli inventori del post-Grind), gli Sleep, gli Entombed (come non amare gioielli inestimabili come "Left Hand Path" e il rivoluzionario "Wolverine Blues"?) ecc ecc... (ecc = sono 'gnurant ;) ) Ciao e grazie della stra-devastante rece! Davide

BËL (02)
BRÜ (00)

GenitalGrinder: Grazie a te per il bel commento ed anche per le tante band (che conosco a memoria) che citi. Annate prodigiose quelle!!
hypnosphere boy: Ahimè l'Earache ha prodotto anche una roba dei Linea77 (mai sentito nulla ma so che il professionista elettronico degli Ottodix nonché batterista dei Captain Mantell ovviamente bands Italy made in - era invecchiato nero x questo... ed è uno che spazia dai Nazarene oltre a una valanga di altro materiale grind/death ai Beatles ai Depeche fino ad arrivare a citare Parsifal - NON legger la mia orrida rece xké è uno skf - d'altra parte lo stesso album dei Pooh viene recensito da metallized.it) però dai... dopo il "Canto del Cigno" dei Carcass passati maldestramente alla Atlantic - e tutt'altro che disco da buttare - diamo alla Earache il merito di aver dato alle stampe nel 2012 il vero prosieguo dell'immenso masterpiece "Heartwork" vale a dire come 10000 volte meglio di me saprai "Surgical Steel"... ce l'ho e trovo sia un lavoro eccelso. Ciao! Davide
hypnosphere boy: Scusa EC.non "professionista" ma "percussionista" correttore automatico dell' ostia.....
hypnosphere boy: Daje!!! "invecchiato nero" HAHAHA ovviamente la parola era "ink.... kkiato"

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: