Neko Case
Fox Confessor Brings the Flood

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Neko Case. Fox Confessors Brings The Flood. Anti Records. 2006.

Un album di Alt-Country ed Alternative Pop/Rock. Un piccolo capolavoro.

Nata Neko Richelle Case, nel 1970, da genitori ucraini, ad Alexandria (Virginia), ha vissuto a Tacoma (Washington) e Vancouver, dove si è laureata in “Arte e Design” (nel 1994), per trasferirsi poi a Seattle.

Un background da Cow-Punk, la militanza nel gruppo/super gruppo New Pornographers (Indie Rock ispirato al Power Pop degli anni ottanta), per arrivare all' Alt-Country.

La voce prima di tutto.

Il suo registro vocale non ha confini, è sbalorditivo. Capace di potenza desueta, di evoluzioni funamboliche, di dolcezza idilliaca. Usa la voce come uno strumento. Incanta e fa accapponare la pelle. La sua libertà di spaziare è al di fuori della portata della maggior parte delle interpreti Pop contemporanee. É una chanteuse alla Nico, ma calda e passionale, non algida, ed altrettanto sofisticata. È una musa ammaliatrice alla Grace Slick, non ne condivide la medesima sensualità, ma la stessa bellezza altera. Le sue sfumature e le sue impennate conseguono grandi apici di espressionismo. Una Joni Mitchell con timbri più nitidi, molto più volubile. Più intrigante e pervicace di Jacqui McShee (dei Pentangle). Assidua ed incisiva come Natalie Merchant (10.000 Maniacs). Voce tattile e carezzevole, armoniosa, soave, ma non eterea, poderosa, ma senza asperità o indugi nella ruvidezza. Istintiva, confidenziale, intimista, intransigente. Può bastare così.

Sound: corposo, dinamico, essenziale.

È una arrangiatrice valida, compositrice che si distingue per immediatezza, cauta impulsività, melodie intriganti, mai scontate e convenzionali. Cantautrice e cantastorie di spessore, con testi improntati ad un lepido femminismo. Propugna un Alt-Country, lungo la ventennale carriera solista (dal 1997) sempre più ricco di soluzioni formali, variegato, spostandolo, via via, verso il Folk Rock e l’ Alternative Pop-Rock. Non c'è spazio per barocchismi, ridondanze, né cadute di stile. Non è mai prosaica. La passione per il Country la porta spesso a rileggere i classici (su tutte si ascolti la straordinaria “Wayfaring Stranger” nel live “The Tigers Have Spoken”).

Ospita, qui, musicisti, naturalmente vocati al Country, di tutto riguardo:

Howe Gleb (Giant Sand), Joey Burns e John Convertino (Calexico), Garth Hudson (polistrumentista della Band) e Kelly Hogan (cantante Indie Rock, Country e Jazz-Pop, della sua medesima indole). Questi musici disegnano, qui, paesaggi sonori pastorali e stellari.

I brani.

Ascoltate almeno “Star Witness”:

<PER CHI HA FRETTA, SALTARE DIRETTAMENTE AL GRASSETTO "Il vocabolario...", segue uno "strano interludio" sul pezzo in oggetto>

una “Song to the Siren”, più “Of The Siren”, idealmente “contro” Tim Buckley (ed Elizabeth Fraser). Passo di batteria ficcante. Paesaggio notturno. Chitarre e basso a tratteggiare una atmosfera moderatamente epica, con stilemi e lunghi accordi. L’armonia procede morbida. I contro cori declamano celestiali una fuga al chiaro di luna. Una voce blandisce il fuggiasco, l’amato o il viaggiatore. Le cose vanno come devono andare, senza patemi o acredini; ogni cosa è nel verso giusto, procede sulla strada per “andare verso” oppure “allontanarsi”. La strada è la stessa. Accogliente. Il finale è avvolto da un vento vacillante, lei riprende a cantare con dolcezza inequivocabile; privi di aporie, l’ abbraccio e la perdita stanno insieme. Indistinguibili. Una tastiera (infantile) conclude il pezzo, in forma di ninnananna soffice. Il cerchio si chiude, poetico, esile e lucido.

Il vocabolario sfibrato di una notte estiva, dove una sirena fiera (“in honor and danger”) canta la realtà a cui appartiene, senza riflessi.

Ci sono, ancora, i singulti di violino di “Maybe Sparrow”, un’elegia; il teso Country-Western di “Hold On Hold On” (con Twang alla Morricone, ed il verso più elevato “The Most Tender Place In My Heart Is For Strangers”); “Margaret vs. Pauline”, sottofondo jazzato, poi Country Rock nebbioso; “At Last”, breve e concisa, delinea scenari alla Lynch (tra “Velluto Blu” e “Twin Peaks”); “Dirty Knife” sinistra nenia, poco rassicurante; “Fox Confessors Brings The Flood”, nottiluca e nottivaga. Tutti i brani hanno un grande afflato e qualcosa da raccontare. Dodici canzoni, trentacinque minuti in tutto!

Un album piacevolissimo; non si pavoneggia, né si schermisce. Più arrangiato, pulito e levigato dell’eccellente e selvatico predecessore “Blacklisted” del 2002. La voce della Case, seduttiva, cattura amabilmente, irretisce. In “Fox Confessors Brings The Flood” giace, in dormiveglia, un piccolo capolavoro. Nascosto.

PS. 4,5 stelle.

Vota la recensione:

Questa DeRecensione di Fox Confessor Brings the Flood è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/neko-case/fox-confessor-brings-the-flood/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti anonimi. Quindi Accedi!


Commenti (Undici)

hjhhjij
Opera: | Recensione: |
Forse mi hai dato troppe aspettative (troppi confronti a cui non credo che la Case possa reggere, non secondo le mie orecchie) ma se non altro anche per gli ospiti di valore (Gelb e compagnia assortita che Burns e Convertino sono Giant Sand pure loro) il disco mi ispira fiducia.
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

Almotasim : Certo la Case e' di nicchia, poco blasonata. Detto che la mia opinione non conta nulla, per me e' una delle piu' belle voci degli ultimi 20 anni e di sempre del pianeta Rock. Il paragone con Niko non mi pare irriguardoso, quando ascolto la cover di Afraid, dall'ultimo lp, resto attonito e piacevolmente sorpreso. Gli accostamenti fanno un po' folklore. Se qualcuno ti piace, non lo metti sull'Olimpo? Questa i pezzi, poi, se li scrive. E non mi pare poco. Personalmente meglio i Calexico dei Giant. E la virginiana su entrambi. De gustibus.
hjhhjij: "Questa i pezzi, poi, se li scrive" Vabè come quasi tutte quelle che hai citato nella recensione :-) Comunque che sia brava non lo metto in dubbio, bisogna vedere se mi piacerà quanto piace a te, perché si capisce che sei un FUN.
Almotasim : Beh, certo, parlo da fan (e forse fanatico?).
hjhhjij: Fan in fondo vuol dire quello no ? :-)
Almotasim : Ok. Fan lo vedo vicino al "fun"" che hai scritto. Il fanatismo e' sempre negativo.
luludia
Opera: | Recensione: |
Lo ascoltero'
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

Almotasim : Se ti piace Fujiko, caro Goemon, non dovrebbe certo dispiaceri questa rossa, che le assomiglia molto. E canta meglio.
IlConte
Opera: | Recensione: |
Mi sono perso tra i nomi/generi perché non so un cazzo ahahah. Ottimo direi @[Pinhead] (5)
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

Almotasim : Dai Nobiluomo, non fare il falso modesto, recensisci l'ultimo dei Deep, ascolti l Wanna be adored/Resurrection degli Stone Roses, ordini i dischi post Rock. Mah, son io che perdo i pezzi.
IlConte: Ahahah carissimo, la modestia non ha mai fatto parte di me. Sono stupendo, intelligente e furbo! Ma pure oggettivo. E non so una mazza di musica e di "cultura generale" rispetto a molti di voi. Poi ovvio fuori dal debaser, nel mondo degli inutili, divento un pozzo di cultura pure io ahahah!
Almotasim : Ahahahah, dai, mi fai morir dal ridere con queste uscite! "Il mondo degli inutili"... e' un bel dire. Ma fino a un mese fa c'ero dentro fino al collo. Adesso mi par tutto piu' bello. Anche la' fuori. Certo che sei un personaggione: altro che "Visconte dimezzato" di Calvino, tu sei un "Conte raddoppiato".
IlConte: Ahahah, cosa mi citi Calvino porco zio che l'ultima cosa che ho letto è' Zagor o Classic rock ahahah!!! Guarda che io la penso davvero così... non ho mai avuto "stima" per l'essere umano ma negli ultimi anni la misantropia è' aumentata a dismisura ahah! Qui però c'è bella gente, simpatica o no ti "insegna" sempre qualcosa... e poi se ti rompi non entri ahahah. Unico mio sito "sociale" ovviamente! Ora però (quando hai tempo, dai) vai a leggere la mia "vecchia" sul libro di Page, due risate obbligatorie).
Sei un grande...
Almotasim : Sui social siamo in sintonia. Qui c'e' musica. La musica e' il meglio. Tutto quello che facciamo e' musica. Ok per il consiglio diisinteressato ed impersonale.
IlConte: Se non ci vai ti perdi una chicca ahah! Mica per come scrivo alla cazzo ci mancherebbe ma per la "follia" passionale ahah! Senza voto chi cazzo se ne frega io non voterei mai, ma le vs sono veramente belle.
lector
Opera: | Recensione: |
Lavoro confezionato con gran mestiere manca, però, di quel guizzo che lo potrebbe portare tra i capolavori minori del genere. Un 3,8 più che un 4.
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

Almotasim : Io ero per un 4,5; spalmato sui 35 minuti dell'album s'e' arrotondato. Condivido la tua idea. Un certo non so che in piu' ed era un capolavoro Alternative, almeno. Ho scritto infatti "piccolo capolavoro".
CosmicJocker
Opera: | Recensione: |
Potrebbe ispirarmi..recensione calda e..materica..bravo..
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

Almotasim
Opera: | Recensione: |
Grazie poeta cosmico..
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Bubi
Opera: | Recensione: |
Conosco diversi suoi brani, è brava. Anche te.
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

Almotasim : Grazie Bubi. Lei e' proprio brava. Non ha fatto veri e propri capolavori, ma I suoi album sono sempre di ottimo livello.
Bubi: Nemmeno a me sembrano capolavori, ma le fa bene. Running out of ... e Duchess ad es. le fa decentemente, magari preferisco di poco la versione dei Walker brothers ( non ricordo se la fanno tutti insieme)
Bubi: E riguardo il primo brano citato, Aretha Franklin è da preferire ma la versione di neko è comunque molto dignitosa. E poi ha coraggio a confrontarsi con questi mostri sacri. Significa che crede nei suoi mezzi.
musicanidi
Opera: | Recensione: |
Ottima voce, pura e cristallina (che non mi fa impazzire solo perchè non adoro le voci pure e cristalline)....conosco bene solo Blacklisted (molto bello) del 2002 dove suona gente del calibro di Howe Gelb, Convertino, Joey Burns.....per gli amanti dell'alternative country è da ascoltare senza indugi.
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

Almotasim : Confermo che Blacklisted e' di ottimo livello.
Pinhead
Opera: | Recensione: |
Quanti bei nomi, questa l'ascolto di sicuro.
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

Almotasim : Tra I nomi aggiungi pure Ramones, perche' nel 2006 in contemporanea alla Case e' uscito il Greatest della Rhino. Una coincidenza? Ceerchiamo di non essere ingenui...
Pinhead: So per certo che ha ospitato Howe Gelb solo dopo aver ricevuto il rifiuto da parte di Joey Ramone.
Miss Kinotto
Opera: | Recensione: |
Bah ... quanta roba dovrei ascoltare, ormai la lista è talmente lunga che ha perso ogni utilità.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Almotasim : Salute Kin8! Se non hai tempo ti consiglio l'ascolto di 4 brani della Case: 1) Wayfaring Strangers (da "The Tigers have spoken"); 2) Star witness (da questo "Fox Confessors..."); 3) If You Knew e 4) Favourite (da "The Tigers have spoken").
Miss Kinotto: Non è che mi manchi il tempo per ascoltare musica, oddio un po' mi manca, ma soprattutto è che c'è veramente troppa, troppa roba bella che non conosco
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «Arrotondamento in difetto delle 4,5 stellette. Inserimento opzione di lettura veloce che glissa sulle divagazioni di "Star Witness".». Vedi la vecchia versione link rotto
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

DeBaser non è un giornale in linea ma una "bacheca" dove vengono condivise . DeBaser è orgogliosamente ospitato sui server di memetic. Informativa sulla privacy