Sto caricando...

Nitin Sawhney
Beyond Skin

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Talento mostruoso - suona divinamente chitarra, pianoforte, tablas - Nitin Sawhney è da considerare un intellettuale tout court. Meglio, quasi un uomo di cultura del Rinascimento, intendendo con ciò, quel tipo di artista umanista che mira, come scelta, a distruggere le specializzazioni e a misurarsi con le diverse discipline artistiche. Attore, sceneggiatore, scrittore, giornalista, produttore, remixatore, dj, musicista, compositore di colonne sonore.

Per questo famelico bengalese nulla è stato impossibile negli ultimi anni come dimostra l'eccellente "Philtre". "Beyond Skin" è il suo capolavoro datato 1999. Ciò che colpisce è la duttilità di tradurre in musica sentimenti, pulsioni, emozioni e posizioni politiche con soluzioni musicali anti-convenzionali. In più la prodigiosa capacità di piegare il proprio talento alla forma canzone, dove confluiscono due mondi musicali, quello acustico e quello elettronico, in perenne contrasto tra di loro. Un'elegante esplosione di schegge di jazz, jungle, dub, flamenco, elettronica, musica classica indiana e "London Beats". Sofisticatissimo impasto il suo, tanto da sembrare una summa musicale di 4 Hero, Massive Attack e Talvin Singh. Solo immensamente meglio. Ogni canzone è un caleidoscopio di suoni, emozioni, spiritualità, "real life"; un quotidiano spesso amaro e vissuto con sofferenza e nostalgia insieme.

Sarebbero da citare tutte le canzoni, tanto sono belle ed emozionanti. Ma ne bastano due, capolavori tra i capolavori: "Letting Go" e "Homelands". La prima è una ballata inzuppata di soffici overtones dub, fradicia di sentimenti, cantati in maniera sublime da Tina Grace. Una storia di partenze, addii e cuori infranti. L'incipit è dato da una pioggia scrosciante che ci immerge in uno stato emozionale autunnale. Poi si innesta un London groove lasco lasco, la chitarra acustica e il piano in lontananza delicatissimi ovattano la stanza dove Tina Grace, davanti alla finestra madida di pioggia, canta con il cuore appoggiato sul davanzale. La voce di Tina è così struggente e venata di malinconia da risultare irrestibilmente fatale per tutti noi, quasi fosse la nostra amata ad andarsene. I contrappunti vocali di Jayanta Bose, un cantante classico della tradizione Bengal, rendono suggestiva l'atmosfera con il violino indiano che morde a destra e manca. Nel finale, briciole ritmiche dub affievoliscono l'atmosfera in un clima quanto mai velato e malinconico. Mentre la pioggia continua a battere e le voci della strada ci fanno capire che Tina è uscita. Se n'è andata per sempre. Da brivido. Perfetto. "Letting Go" è un tumulto di emozioni indimenticabili. E sul finale s'incrociano i violini drammatici della sezione d'archi dei 4 Hero (preziosa presenza di tutto l'album) che danno il segnale d'inizio a "Homelands" creando un unicuum emotivo. Sui violini maestosi s'inerpicano i vocalizzi briosi dei nipoti di Nusrat Fateh. Una sorta di scat etnico-jazz dall'incedere impetuoso, valicati da una chitarra flamenco che si libra vibrante nell'aria. Montano poi i breaks e le tablas. Le voci si dissipano in echi e contro-echi. L'effetto è meravigliosamente stordente. Poi una voce femminile imbastisce un coro. Di nuovo ci si consuma in echi e riverberi quanto mai eleganti. La guitara flamenca continua a inventarsi sui violini svolazzanti, mentre Nina Miranda (sì, lei la chanteuse fatale degli Smoke City) arieggia in portoghese "fragile è la terra/così come la mente degli uomini".

Disco che è stato l'apice dell'Asian Underground. Innovativo e coraggioso. Testimonianza universale anzi urlo di una "seconda" generazione. E di quelle a venire.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Cinque)

ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Stupendo, credo non ci siano altre parole per definirlo. Anche l'ultimo "Philtre" mi è piaciuto moltissimo, bravissimo gab :-)


Lello
Lello
Opera:
Recensione:
Un disco meraviglioso e ben recensito, complimenti. Insieme a Displacing The Priest il meglio della produzione di Nitin Sawhney, avrei citato tra i pezzi anche Nostalgia ma probabilmente è solo un legame personale.


Copernico
Copernico
Opera:
Recensione:
Non conosco l'artista in questione, ma dalla tua recensione deduco che dovrò immediatamente riparare. Bravo, sei stato dettagliato e mi hai incuriosito.


JohnOfPatmos
JohnOfPatmos
Opera:
Recensione:
'Azz bellissima segnalazione per un artista che non conosco!! Splendida copertina, eppoi c'è anche Nina Miranda... Questo è uno dei classici dischi che inizia a piacermi ancor prima di ascoltarlo... Complimenti gabbox ;) JoP


gabbox
gabbox
Opera:
Recensione:
Grazie dei complimenti. Nonostante Nitin abbia scritto molte altre cose dopo quest'opera, mi sento di dire che qui ha raggiunto il suo apice e poi è mancato qualcosa. Forse quella tensione di natura sociale e politica che rende convincenti i contenuti, i testi oltre che la buona musica. Tra l'altro questo disco si apre con le parole del primo ministro indiano che annuncia i primi test nucleari nel suo paese e si chiude con una frase agghiacciante di Oppenheimer, quando vide gli effetti della bomba da lui inventata: "Sono diventato io la morte, il distruttore del mondo"


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Beyond Skin è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link