Sto caricando...

Noah Hawley
Fargo - The second season

()

Voto:

Versioni: v1 > v2 > v3

Fargo 2, il massacro di Sioux Falls.

This is a true story

The events depicted took place

in Minnesota in 1979

At the request of the survivors

the names have been changed

Out of respect for the dead

the rest as been told exactly

as it occurred

Il filo conduttore che porta dalla prima alla seconda stagione di Fargo non è solo l'umorismo nero a tinte coeniane. C'è dell'altro.

Premessa:

Il massacro di Sioux Falls riecheggia qua e là nella prima stagione di Fargo: il padre dell'agente Molly Solverson è Lou, proprietario del Lou's Coffee Shop in Bemidji, Minnesota, anch'egli in passato agente della polizia di stato per diciotto anni.

Nel suo coffee shop entra Lorne Malvo, il villain della storia. Sta cercando la sua vittima, ma Lou sa tenergli testa e risponde così:

"Had a case once. Back in 1979. I'd tell you the details, but it'd sound like I made 'em up. Madness, really?"

"Bodies?" Malvo asks.

"Yes, sir. One after another. Probably if you stacked 'em high, you could've climbed to the second floor. I saw something that year I ain't ever seen — before or since. I'd call it animal, except ... animals only kill for food. This was ... Sioux Falls. Ever been?"

Che dire, l'ombra, l'eco della strage di Sioux Falls è presente nella vita di Lou, è presente negli omicidi firmati Lorne Malvo e Lester Nygaard, è presente nelle indagini svolte da Molly Solverson.

Il passato, ovvero la situazione iniziale:

Di chi è questa pila di cadaveri?

Luverne, Minnesota, a.d. 1979.

Rye Gerhart è il più piccolo dei tre figli di Otto Gerhart, capo dell'associazione a delinquere che controlla la malavita del territorio.

Rye è insicuro, debole, inetto, ma, a suo modo, ambizioso.

Per crearsi un proprio mercato deve convincere un giudice a sbloccare dei soldi per un investimento. Il tentativo di corruzione avviene in una Waffle Hut, ma va a sbattere contro una giudice decisamente troppo irreprensibile, severa e arguta per lui. Rye preme il grilletto, spara contro tutti i presenti e inscena una rapina.

La cameriera, l'unica sopravvissuta, prova a fuggire, ma Rye la insegue in una strada deserta e innevata, e uccide anche lei.

Ferito e confuso, Rye viene distratto dall'apparizione di una navicella spaziale, si ferma in mezzo alla strada e viene travolto da una macchina lanciata a buona velocità.

Rye infrange il parabrezza, l'auto si ferma qualche secondo, poi riparte portandosi con sé il suo corpo.

Alla guida dell'auto vi è Peggy Blumquist. Peggy è svampita, ma pratica, non "risolve problemi", ma li aggira e li fa detonare. Peggy rientra a casa, parcheggia la macchina nel garage, accatasta delle riviste in cucina, si guarda allo specchio e si pulisce la camicetta, infine prepara la cena per lei e per Ed, il marito.

Ma durante la cena, si sentono dei rumori provenire dal garage. Peggy butta giù un bicchiere e si offre all'innamorato marito che solitamente evita, tuttavia i rumori si fanno sempre più forti. Ed e Molly vanno in garage, vedono il cristallo (Peggy dice di aver investito un cervo), e i rumori continuano nell'ombra, finché Ed non vede un uomo, Rye, rannicchiato al buio.

Mentre cerca di scorgere meglio, Rye lo attacca e ne nasce una zuffa che terminerà con l'assassinio di quest'ultimo.

Che fare ora? Peggy ha la soluzione, liberarsi del corpo.

Nel frattempo, a Kansas City, un'organizzazione locale approva un progetto di espansione a nord a discapito degli affari della famiglia Gerhardt. Il progetto è quello di avventarsi su un'organizzazione ferita dalla disabilità dovuta a un ictus che ha colpito il capofamiglia Otto Gerhardt.

La situazione è pronta a esplodere.

Kansas city contro i Gerhardt, Ed e Peggy Blumquist nel mezzo, come direbbe il buon vecchio Clint. Nel frattempo la polizia indaga.

Della famiglia Solverson e della retorica dei personaggi buoni e dei personaggi cattivi è stato detto tanto, forse troppo. Per cui tralascio.

Anche perché ciò che funziona è altro.

In un mondo che sta andando a pezzi, Noah Hawley ficca dei casi psichiatrici la cui vita apparentemente normale si intreccia a quella di poliziotti e gangster senza scrupoli.

Dello iato vasto e profondo che separa Peggy dalla realtà si è già detto. Per amarla di più vi basti sapere che Peggy dialoga con personaggi immaginari, ma con veri coltelli, buca e tormenta corpi di gangster reali. Elettrifica con un taser il malcapitato, poi nell'inseguimento finale si sente un'eroina che verrà salvata da un eroe in un cinematografico lieto fine.

Il marito e macellaio Ed cerca il sogno americano insieme a lei. Ciò basti a descriverlo.

I cattivi, invece, non sono più quelli di una volta.

Ecco, la loro epica è finita. Il più cattivo soccombe alle donne che incontra, mentre il vincitore, alla fine della guerra, guadagna un posto in un ufficio che somiglia a uno sgabuzzino nel settore delle risorse umano.

Solo uno potrebbe distinguersi, Hanzee Dent, il Lorne Malvo della seconda stagione, un nativo americano che sembra avere i superpoteri. In forza ai Gerhardt, offeso e umiliato, prenderà parzialmente la sua rivincita verso la maggioranza suprematista bianca.

Eh sì, la tematica razziale è presente, ma ci si scherza su sin dall'inizio digressivo, nel quale un attore vestito da indiano dialoga con l'(aiuto) regista di un film western.

  • This is the actual field, they told me. Massacre of Sioux Falls, right? I think 300 of your people - braves - died here, what a hundred years ago?

  • I'm from New Jersey.

  • ...

  • ...

  • Sure, but you, you're, you're an indian, right? This is the last battle (...) Look, I'm a Jew, so believe me, I know about tribulation.

Insomma, la cura della colonna sonora è massima.

Le battute surreali dei gangster e dei Blumquist si sprecano e si alternano con le sentenze di stampo nostalgico dei Solverson. Insomma, da un lato i Coen e Tarantino, dall'altro Eastwood, McCarthy e ancora i Coen.

E poi, avreste desiderato di vedere la rapida sequenza di morti, che segnano la vendetta di Micheal Corleone, almeno per una volta col sottofondo di Locomotive Breath?

Allora in Fargo potrete trovare la vostra consolazione.

Buona visione.

Commenti (Sei)

dado
dado
Opera:
Recensione:
Modifica alla recensione: «Ho modificato il voto.». Vedi la vecchia versione Fargo - The second season - Noah Hawley - recensione Versione 1


dado
dado
Opera:
Recensione:
Modifica alla recensione: «Refusi». Vedi la vecchia versione Fargo - The second season - Noah Hawley - recensione Versione 2


musicanidi
musicanidi
Opera:
Recensione:
Vista sia la prima che la seconda stagione...tutto molto bello, tutto molto Fargo.


proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
meglio della prima. La recensione mi sembra troppo trama


dado: Della serie TV ho visto solo le prime due stagioni. Non saprei quale scegliere.

Della seconda serie ho raccontato solo il primo episodio, ma potrei aver usato troppe parole per farlo 🤔
dado
dado
Opera:
Recensione:
Della serie TV ho visto solo le prime due stagioni. Non saprei quale scegliere.

Della seconda serie ho raccontato solo il primo episodio, ma potrei aver usato troppe parole per farlo 🤔


macmaranza
macmaranza
Opera:
Recensione:
Sempre cinque stelle a Fargo. Compresa la quarta, su cui avevo letto parecchie critiche per niente positive. Bella rece!


dado: Sì, anche per la terza, le quattro o le cinque stelle sono obbligatorie!

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Fargo - The second season è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link