Novembre
Wish I Could Dream It Again

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Quando ascoltai per la prima volta "Wish I Could Dream It Again" rimasi di stucco nell'aver appreso la nazionalità italiana di questa band: siamo nel 1994, i Litfiba danno vita a "Spirito", e un anno dopo i Timoria ci regaleranno l'ottimo "2020 Speedball".

Ebbene anche in Italia, il vento gelido dei paesi scandinavi, influenzò le menti ispirate di due fratelli di origini siciliane, Carmelo e Giuseppe Orlando.  Ed è per questo che sarebbe riduttivo voler classificare il genere di questo disco, un intreccio di atmosfere burzumiane (infatti in una delle immagini del booklet Carmelo indossa la t-shirt di "Hvis Lyset Tar Oss"), addolcite dal gusto mediterraneo di chitarre classiche. Questa è l'atmosfera di "Wish I Could Dream It Again", un viaggio nel mondo malinconico ma allo stesso tempo rabbioso di Carmelo Orlando, voce e chitarra e autore di quasi tutti i testi dell'album.

Ed è proprio la linea vocale adottata da Carmelo che attira l'attenzione dell'ascoltatore: uno scream potente alternato a parti pulite che a volte varcano il limite dell'intonazione. Molti criticarono il cantato pulito di Carmelo, ancora inesperto davanti al microfono, sebbene io ritengo che nel contesto di questo album, quelle stonature facciano parte al meglio dell'architettura dell'intero progetto.

Brani come "Sirens in Filth" e "Swim Seagull In The Sky" rimarrano come alcuni dei migliori della produzione dei Novembre: lo scream è ossessivo, i riffs di puro stampo black reggono bene la sezione ritmica di un giovanissimo Giuseppe Orlando. E  proprio il lavoro di quest'ultimo merita un elogio: ascoltando "Let Me Hate" potrete apprezzare le sue immense qualità, forse penalizzate da una produzione sufficiente, sebbene due anni dopo con "Arte Novecento" il fratellino minore del combo catanese potrà dare sfogo al suo tecnicismo.

Vi parlavo di atmosfere magiche, oniriche, mediterranee, frutto di un felicissimo incastro tra arpeggi classici ispirati da Fabrizio De Andrè (Carmelo è tutt'ora un grande appassionato del nostro compianto poeta) e le suddette sfuriate black. "Behind My Window/My Seas of South" e "Nostalgia/Its Gaze" vi faranno sprofondare in questi mondi.

Notevole è anche la presenza di un paio di assoli (componente laica di questo genere) nel brano "Swim Seagull In The Sky" (come potete notare amo tantissimo questo pezzo).

Un pò per la produzione non eccelsa, un pò per trovate commerciali, nel 2002 i Novembre decidono di reincidere "Wish I Could Dream It Again", cambiandone il titolo in "Dreams D'azur": è una revisitazione più matura, accompagnata da una produzione nettamente migliore, nella quale le parti vocali vengono sostituite (con delle sovraincisioni a volte eccessive) da un Carmelo padrone ormai della sua voce.

A mio avviso tutto ciò non era necessario, "Wish I Could Dream It Again" rimane un disco d'esordio validissimo, considerato il fatto che nel 1994 il panorama italiano era abbastanza lontano da questo genere.

Questa DeRecensione di Wish I Could Dream It Again è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/novembre/wish-i-could-dream-it-again/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Nove)

ale9t0
Opera: | Recensione: |
uno dei miei gruppi preferiti, sottovalutatissimi, spesso indicati come un'incrocio tra opeth e katatonia. In verità hanno una propria personalità ben precisa, tanto è vero che questo album fu prodotto da swano in persona. Il disco non l'ho ascoltato, ma ho Dreams D'azur che reputo un buon album... a parer mio il meglio della produzione arriverà dopo con arte novecento, novembrine waltz e materia
BËL (00)
BRÜ (00)

Rorix
Opera: | Recensione: |
E' da molto che me ne parlano bene, sia per quanto riguarda i lavori di vecchia data come questo, sia per le nuove uscite...però mi scordo sempre di approfondirli, mannaggia!
BËL (00)
BRÜ (00)

Core-a-core
Opera: | Recensione: |
Erano i tempi in cui ero proprio una bestia assetata di sangue.
BËL (00)
BRÜ (00)

casamorta
Opera: | Recensione: |
Carmelo Orlando è una persona di incredibile umiltà, onore a lui davvero. Li ho visti in concerto un paio d'anni fa, in una situazione squallida che eravamo neanche cinquanta persone forse (inclusi gli addetti del locale e i baristi...). E' stato il concerto più bello a cui abbia mai assistito per intensità, loro non si sono tirati indietro e hanno offerto una prestazione sopra le righe, pur con qualche imprecisione (la voce soprattutto) che, spesso, ai critici non piace ma a me sa tanto di sofferenza... R.I.P.
BËL (00)
BRÜ (00)

fosca
Opera: | Recensione: |
Bellissima recensione. Come già detto nell'altra, li ho scoperti da una settimana ma mi fanno impazzire. Mi accatterò pure questo. Grazie!
BËL (00)
BRÜ (00)

SUPERVAI1986
SUPERVAI1986 Divèrs
Opera: | Recensione: |
un odei più grandi gruppi metal italiani...così si suona questo genere...che poi definirli metal è riduttivo.....................
BËL (00)
BRÜ (00)

ChaosA.D.
Opera: | Recensione: |
Vero capolavoro, sognante, energico, violento, riflessivo ed emozionante. Un piccolo tesoro musicale da tenere ben stretto nella propria collezione. Bella recensione. Ciao e buona giornata.
BËL (00)
BRÜ (00)

carlo cimmino
carlo cimmino Divèrs
Opera: | Recensione: |
Pseudometallari.
BËL (00)
BRÜ (00)

LUGREZZO
Opera: | Recensione: |
bella rece e bell'album
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: