Oblivians
Popular Favorites

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Quanto può cadere in basso, la fedeltà?

Chiedere agli Oblivians, tre brutti ceffi, i fratelli di note Eric, Greg e Jack Oblivian, e già per il nome d'arte che adottano c'è da volergli bene dell'anima.

Chiaramente suonano garage-punk ed incidono per la Crypt Records.

L'esordio è del 1995 – «Soul Food» – e di filato, subito a ruota, viene fuori questo «Popular Favorites» ed in copertina c'è un tizio che mostra una t-shirt con l'invito a far fuori un punk nel nome del rock'n'roll.

I ragazzi vengono da Memphis e, perciò, è un dato di fatto che il rock'n'roll scorre abbondante nelle loro vene. Ma loro, il rock'n'roll lo sbrindellano con una grevità fino ad allora inaudita ed il contemporaneo Jon Spencer, a confronto, pare una pudica educanda.

Batteria e due chitarre – chi suona cosa e come, sono dettagli insignificanti – niente basso. E se la fratellanza li appaia ai Ramones, la scelta strumentale li accomuna agli indimenticabili Cramps … solo molto più lerci e fuori di testa: «Do The Milkshake» è Lux Interior che si rotola nella porcilaia avvinghiato a Poison Ivy, ed immaginate quello che volete.

Suoni sporchi, urla belluine, strumenti maltrattati al limite dello sfinimento: va avanti così, dall'inizio alla fine, da «Christina» ad «Emergency», su tutto si ergono «Bad Man» e «She's A Hole».

Un amorevole massacro lungo la nuova frontiera del garage-punk, ancora oggi invalicata.

Un'istituzione, e non serve spendere tante parole quando se ne parla; solo, ascoltare a massimo volume.


Questa DeRecensione di Popular Favorites è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/oblivians/popular-favorites/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Tredici)

Chagall
Opera: | Recensione: |
Rock N' Roll terribilmente zozzo.
BËL (01)
BRÜ (00)

Pinhead: Il più zozzo che abbia mai ascoltato.
De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Non avrei mai pensato di dover commentare una recensione dove viene citata una porcilaia!!!! Che band ragazzi...Aggiungo solo che il disco dura poco più di 30 minuti per 16 canzoni: ti sbattono in faccia la loro crudezza in men che non si dica. Recensione che si adegua alla brevità della proposta. Alegar.
BËL (01)
BRÜ (00)

Pinhead: La porcilaia rende bene l'idea :-)
Chagall
Opera: | Recensione: |
Qualche anno fa andavo pazzo per roba simile ... anche adesso in realtà.
BËL (00)
BRÜ (00)

Pinhead
Opera: | Recensione: |
ALZATE IL VOLUMEEEEE

BËL (01)
BRÜ (00)

Buzzin' Fly
Opera: | Recensione: |
grandi per l' attitudine musicale, ma non sono totalmente il mio genere. Ma ci vogliono questi gruppi senza di loro il mondo sarebbe un posto peggiore. Quindi volume a manetta e dischi che saltano , olè !!!
BËL (02)
BRÜ (00)

Buzzin' Fly: 5 all' opera solo perché gli ha dato 5 De.... Marga.. sulla fiducia .
Buzzin' Fly: il rockers gentiluomo.
Buzzin' Fly: senza nulla togliere al giudizio tutto cuore di Pinhead, sia ben chiaro.
SilasLang
Opera: | Recensione: |
Tra le più grandi band di fottuto e zozzo rn'r che la mia mente malandata ricordi. Il disco è una figata. Forse il loro lavoro che preferisco è la raccolta di ep e 7" 'Sympathy Sessions'...
BËL (01)
BRÜ (00)

Pinhead
Opera: | Recensione: |
Pure «Soul Food» bisognerebbe averlo in discoteca; e nel 2013 sono tornati alla grande con «Desperation», ottimo disco sulle orme degli esordi.
BËL (01)
BRÜ (00)

SilasLang: Non sapevo avessero tirato fuori un nuovo lavoro! Corro ad informarmi :-)
gnagnera
Opera: | Recensione: |
Minchia che grandi gli Oblivians, e anche i lavori successivi di Greg con i Reigning Sound (lontani anni luce dagli Oblivians) e i solisti di Jack.
BËL (00)
BRÜ (00)

boredom
Opera: | Recensione: |
5 palle a te solo per il fatto di averli recensiti. Disco ad alto tasso di ignoranza chitarristica (Guitar Shop Asshole forse è il brano più cafone in un lavoro già grezzo di suo ), il resto l'hai scritto bene tu. Forse soltanto Missile me dei Guitar Wolf ( un altro gruppo di assoluti svitati) scava più in basso in quanto a fedeltà...

BËL (01)
BRÜ (00)

Pinhead: Davvero, pure dal Giappone è venuta fuori roba che definire zozza è un eufemismo: ricordo pure i Teengenerate.
gnagnera: e dal Giappone mettiamoci pure i Registrators
omahaceleb
Opera: | Recensione: |
A dire la verità ci provai con loro anni fa ma non scoppiò l'ammore. Eppure dovrei amarli, sono propriamente la mia tazza di fango. Non riesco a votare la rece, però sappi che per me sei sempre da uno :) Ciao pin! (magari ci riprovo...)
BËL (00)
BRÜ (00)

Pinhead: Mi sono appiopato 1 da solo, così ti evito la fatica :-)
hjhhjij
Opera: | Recensione: |
"Sympathy Sessions" gentilmente consigliatami da Silaslang è uno dei dischi più divertenti, grezzi e belli che io abbia ascoltato ultimamente in ambito roccherolla. Meritano tanta fiducia.
BËL (00)
BRÜ (00)

zooka
Opera: | Recensione: |
il marciume sonoro dei pussy galore per me rimane inarrivabile. probabilmente ti riferisci alla jsbx nella rece, dove comunque la filosofia di spencer era differente dagli esordi e quindi secondo me non esattamente equiparabile agli oblivians. però questo disco spacca, poco da dire.
BËL (00)
BRÜ (00)

Almotasim
Opera: | Recensione: |
Bella recensione! Di questo disco adoro "Christina".
BËL (01)
BRÜ (00)

Pinhead: Un benvenuto ancora più caloroso, a questo punto.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: