Sto caricando...

Pan•American
Quiet City

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Quando la città sente le palpebre pesanti, quando beve l'ultimo bicchiere d'acqua dalle grondaie, quando si toglie dai lobi le luci dei negozi e sbadiglia dai tetti delle case. Quando si adagia mezzo svestita nel suo letto di pietra.

Ci vuole talento per sussurrare ninnananne. Ci vuole un alito tiepido e la percezione delle pause, servono occhi che si adattino all'oscurità, serve un cervello predisposto al dormiveglia, un'articolazione mandibolare adatta e un cuore inquieto; sì, soprattutto un cuore inquieto.

Gli arpeggi biascicati da sonnambulo, l'intreccio indolente della fabula, il post-modernismo esangue e scarno dei Labradford: Mark Nelson è il menestrello massimo di letargìa indotta.

E il ritmo? Esplorato con i primi dischi dei PanAmerican; side-project in abito da sera, elettronica da night club foderata di downtempo e dub occasionale.

Poi d'un tratto "Quiet City". I campionatori scendono dalla pista da ballo e si distendono per le vie del centro storico tra loops al neon, vapori soffusi e qualche bollicina glitch. Pezzi che osservano i campanili come madri premurose, che sfiorano le piazze come giovani innamorati, che bisbigliano dai portoni come romanze insinuanti. Pezzi come occhi che vegliano, mani che accarezzano, parole che sedano.

Ci vuole talento per sussurrare ninnananne. Ci vuole un alito tiepido e la percezione delle pause, servono occhi che si adattino all'oscurità, serve un cervello predisposto al dormiveglia, un'articolazione mandibolare adatta e una voce che sia come un rantolo; sì, soprattutto una voce che sia come un rantolo.

Una voce come quella di Mark Nelson; frammentaria, salmastra, a piè di pagina. Usata solo come incisivo cameo.

La città è quieta. Vegliata dalle ciglia di raffinatezze digitali che fendono una pioggerellina di tabla, accarezzata dalle mani di un chitarrismo discreto che giocherella con una tromba dai capelli al vento e una fisarmonica dagli occhi umidi, sedata dalle parole di un basso ipnotico che bofonchia in dissonanza a fugaci percussioni in grassetto.

La città dorme ormai. Avvolta da un morbido velo ambient trapuntato di fantasie psichedeliche.

Ci vuole talento per sussurrare ninnananne. Ci vuole soprattutto un cuore inquieto e una voce che sia come un rantolo, un cuore e una voce di chi non riposa mai e che per questo comprende il valore di un sonno profondo.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (VentiDue)

sfascia carrozze
sfascia carrozze Divèrs
Opera:
Recensione:
GlieLo dico:
della PanAm (io) non è che mi fido tanto.
Per le mie sicure trasvolate transoceaniche prendo solo Condor Airlines.

UH!


CosmicJocker: Lei è un imp(r)udente! Ma, se mai ho avuto un solo dubbio, il Suo ascolto bric-à-brac di ieri me l'ha definitivamente tolto...
sfascia carrozze: Notevole, vero?
Son qvei dischi che non ci si stanca mai di sentire, tanto sono inascoltabili.
CosmicJocker: Sì, in effetti tendo anch'io a cimentarmi con cotali gingilli..
sfascia carrozze: Ero (seppur moderatamente) certo ché avrebbe apprezzato.
sfascia carrozze: Qvando (e se) ci riconsegnaranno il nostro spazio-e-tempo libero di girare a vuoto in macchina (o a piedi) in lungo e in largo sarà il primo disco da mettere come free-soundtrack della ritrovata libertà.
CosmicJocker: Lo faccia Messere. Stia attento però ai rettilinei: il Suo DeDisco di ieri non sembrava proprio contemplarli..
sfascia carrozze: Eppvre è così lineare nel suo clangorico contorsionismo.
GlieLo dico perché lo stò ascoltando propradesso.
Propr.
JOHNDOE: La Qantas

La Qantas mai cascata
fedezan76
fedezan76
Opera:
Recensione:
Sulle "parole che sedano" la battuta devo farla. Ci metterei un po' di prezzemolo. Tralasciando la mia incontinenza, devo dirti che questa recensione è splendida.


CosmicJocker: Ahahah.. In effetti la battuta l'ho servita su un piatto d'argento..
Grazie mille fede..
snes
snes
Opera:
Recensione:
Incuriosito, cercherò.


CosmicJocker: Provalo. È un bel lavoro..
ALFAMA
ALFAMA
Opera:
Recensione:
TUTTO MOLTO BELLO , AMCHE IL DISCO


CosmicJocker: Bel disco sì.. Riprende le atmosfere dei Labradford bagnandole con l'arsenale sintetico dei Pan American..
1neuro
1neuro
Opera:
Recensione:
Acquatico e inquieto, pulsante di vita il Sig.Nelson.
Buona rece e buon disko, scartavetra gentilmente i pochi neuroni rimasti attivi.


sfascia carrozze: Pochi o uno, si decida, poffarbacco!
CosmicJocker: Il buon Nelson sa sempre come portare in porto la nave..
Grazie...
Almotasim
Almotasim
Opera:
Recensione:
Già l'incipit è d'applausi. Ci vuole talento per sussurrare album!


CosmicJocker: È che sono certi album a sussurrare all'orecchio..
Alle volte si è più traduttori che recensori..
Grazie Almo..
Almotasim : Non nasconderti dietro un dito mignolo...
lector
lector
Opera:
Recensione:
Bambino mio, ora ti voglio cantare
una ninna nanna che ti farà sognare.

Ninna nanna della lucciola
dolce e chiara stella minuscola
gemma d’estate
e amica delle fate!
Dormi serena nel prato lucente
fino a che il sole risorga ad oriente.

E ora,
dormi bambino
nel tuo letto di stelle…
pensa alle lucciole del sonno sorelle!


CosmicJocker: Direi che funziona..
Se poi ci mettiamo l'abbiocco post-pranzo..
luludia
luludia
Opera:
Recensione:
senz'altro da provare...tu sei tu...


CosmicJocker: Ottimo disco Lulù.. Anche se, a spanne, direi che a te piacerebbero di più i primi lavori..
Caspasian
Caspasian
Opera:
Recensione:
Si vocifera che siano pronti tre dì di blackout totale, colgo che lei è in possesso di informazioni di prima mano se ci suggerisce questo ascolto per mitigare il golpe psichico pronto dentro l'uovo di Pasqua.


snes: Si vocifera dove, sui canali di Kent Brockman? "Parole dure amici telespettatori, parole dure".
sfascia carrozze: Io ho fatto scorta di steariche.
Dal 1973 quando si girava a targhe alterne perchè stava finendo il #petroglio
Caspasian: Voci da bar...
sfascia carrozze: Ah!
Ecco perchè le ho percepite: da giovanotto prima di iniziare a sfaldare lamiere ho fatto (pure) il barista.
Penzi un po'.
Caspasian: Sana professione che fa accedere più velocemente alla verità.
sfascia carrozze: Si, ma solo dopo il Coiffeur.
Da non (s)confondersi con lo Chauffeur.
CosmicJocker: Diciamo che, in effetti, è un disco da cuffie e luci soffuse..
Grazie Casp..
Caspasian: Of course (sul coiffeur).
macaco
macaco
Opera:
Recensione:
Col ritornello...


CosmicJocker: Ahahah! .. La prossima volta ci metto un solo hendrixiano..
TataOgg
TataOgg
Opera:
Recensione:
La battuta sulla verdura te l'hanno già fatta. 😒
Bella, bella rece!


sfascia carrozze: Ma guardi che le verdure, anche se abbondanti e ripetute, fanno bene al pancino.
Eh!
TataOgg: Infatti il Cosmico, essendo una personcina tutta dedita alla salute, ha nominato il sedano per ben due volte! 🥬 Ho trovato una bietola.
sfascia carrozze: Ah!
Ecco chi è che si sta fregando le mie bietole nell'orto che c'ho proprio dietro lo sfascio!
Maramalda!
TataOgg: 🥦🍅 e altro... Per favore usi un po' meno concimi chimici la prossima volta.. L'olio motore lo usi per altro! 🍄
sfascia carrozze: Si sente molto che sverso i liquami rancidi e nauseabondi proprio lì affianco?
TataOgg: no, va bè... non tantissimo...
immagine:01-Artisti-del-fotomontaggio-c
CosmicJocker: Comunque voi scherzate.. Ma il sedano intinto nel pinzimonio è una delle cose per cui vale la pena fare l'aperitivo..
Thanks Tata..!
ALFAMA
ALFAMA
Opera:
Recensione:
grande recensione, sul disco inutile dire quello che è stato già detto


CosmicJocker: Il buon Nelson ha fatto dei dischi stupendi.. Comunque lo standard è sempre medio-alto/alto..
1neuro
1neuro
Opera:
Recensione:
Prossimo imperativo, aprire uno spaccio di verdure cosmiche industraili con l'Ammiraglio Nelson.
Affare non da poco.


CosmicJocker: E ci sta... Arrotonderei le mie spigolose entrate..
sfascia carrozze: E sarebbe così generoso da spigolare le mie piatte entrate?
CosmicJocker: Ma certo che sì.. A patto che Lei si degni di desinare con me..
Lei porta il Casu Marzu con Cannonau ed io il Barbera con risotto con le rane..
Che dice?
CosmicJocker: Se me lo dice con quel tono, vado subito a pescarle (le Rabe), in barba e capelli ai divieti draconiani..
sfascia carrozze: UH!
Dal crocicchio di qvesti irti percorsi si potrebbe coniare una nuova pietanza:
le Rabe ai quattro CasuMarzu.
P.S.
Si, ma cosa sono le Rabe, di grazia?
Delle rane babilonesi, suppongo.
CosmicJocker: Sa, la mia zona è nota per l'umidore perpetuo che si configura come habitat perfetto per le rane..
Ebbene, esse diventano talmente grosse, lanugginose e gracidanti che, a un occhio poco esperto, posso apparire delle pecore..
In effetti le Ra.be. sono rane belanti..
La ricetta di cui lei favoleggia mi pare tremendamente d'uopo..
sfascia carrozze: Mi sta mettendo appetito.
Eppure ho appena finito di sbranare il mio frugale pasto.
Lumache ai 4 CasuMarzu.
Porto anche queste?
CosmicJocker: Eh me lo chiede?!
... Sarebbe un buon antipastino leggero, aggiungendoci anche dei fegatelli in salsa barbecue sarebbe perfetto..
sfascia carrozze: Essia!
Come antipasto avrei pensato a del Pane Frattau.
Delle Seadas.
E qualche Culurzones.
CosmicJocker: Non ho idea alcuna di quello che lei parla (pane frattau escluso), ma la mia (s)fiducia in Lei raggiunge picchi di commozione che l'autorizzano a sentirsi libero di compendiare il tutto secondo il Suo intuito e talento..
sfascia carrozze: Seadas - ingredienti:
Per la sfoglia: 500gr di Farina di Semola di Grano Duro Sardo (rimacinato), 50gr di Strutto oppure Olio Extra Vergine di Oliva, Acqua tiepida quanto basta, circa 240gr
Un pizzico di Sale.
Per il ripieno: 500gr di Formaggio di Pecora Fresco inacidito - 1 scorza di limone o arancia. Se necessario di Farina di Semola di Grano Duro Sardo (rimacinato)
Olio extra vergine per friggere, miele Sardo da aggiungere alla fine.
Per il ripieno è molto importante la scelta e la preparazione del formaggio, la ricetta originale vuole formaggio di pecora fresco di giornata non salato.

Procedimento:
Mettete il sale nell’acqua poi aggiungete pian piano l’acqua alla farina disposta a vulcano, impastate bene il tutto e aggiungete lo strutto impastando finchè l’impasto sarà liscio e compatto, circa 10 minuti.
Lasciare riposare in frigo e nel frattempo in una padella antiaderente a fuoco basso fate sciogliere il formaggio tagliato a pezzettini, mescolando per renderlo uniforme e se è troppo liquido potete aggiungere un po di semola. Appena tolto dal fuoco aggiungete la scorza, poi prendete un cucchiaio alla volta e mettete il formaggio su carta forno creando dei dischi. Fate raffreddare.
Stendete la pasta e create dei dischi un po più grandi di quelli di formaggio.
Mettete il formaggio su un disco poi chiudete con un’altro disco schiacciando bene i bordi e ritagliateli con una rotellina per pasta.
Friggere in abbondante olio e appena tolte dal fuoco aggiungere il miele.
CosmicJocker: 😋
aragnof
aragnof
Opera:
Recensione:
...poi, da Piazzale Baracca, incurante della ZTL che riporta "Varchi attivi" imbocco corso Magenta.
La grande pestilenza inizata con un vento caldo e rassicurante ha terminato il lavoro per cui era stata addestrata e ora si rotola nuda e oscena davanti a Santa Maria Delle Grazie.
La vigna è secca e non ci sono più bandiere appese ai balconi, la dolce insinuante e lascivia nenia mi accompagna fino all'angolo con via Carducci, il bar è un cumulo di macerie e vetri rotti sostituiscono il vecchio pavè. A destra ricordi di fuochi fatui contro discoteche e di autobus in fiamme, a sinistra l'ago non ha più il filo e ora indica solo la stazione deserta ridotta in pezzi.
Cammino fino a Brera, non ho fretta, il tempo si è fermato sotto e sopra, fuori e dentro.
Imbocco via San Carpoforo la dove tutto è iniziato. Alcune mura del vecchio tempio strappato da Ambrogio a Vesta, per i nuovi riti vincenti, sono ancora in piedi. Dentro, come fuochi fatui, i giochi di luci che mutano di continuo tonalita e direzione solennemente comandati dai Revox in un loop eterno ad accompagnare le anime nelle loro nuove dimensioni. Lui, il grande traghettatore, Brian Peter George St. John le Baptiste de la Salle Eno è ancora tra le tende della sacrestia a guardare al di la dello specchio del tempo. Appoggio la testa ad una colonna e dolcemente mi addormento.
Ieri sera ho mangiato pesante e non siamo più nel 1986, almeno credo...

Ovviamente rece 5 e opera 3 stiracchiato


snes: Era ora che qualcuno buttasse giù il Magenta. Gli zombi ci son voluti, gli Zombi.
CosmicJocker: Te l'avevo già detto, tu sei uno di quelli che dovrebbe scrivere recensioni (oddìo magari lo fai con un nick diverso)..
Solo un 3 stiracchiato al disco? Cosa non ti ha convinto?..
aragnof: Caro Cosmico è che tutto questo genere dopo un pò mi procura un incipiente sonno e un senso di insoddisfazione rispetto alle premesse del genere stesso, ma è un problema mio ovviamente, gli artisti che tu proponi sono sempre di tutto rispetto dai vari Loscil ai Vidna Obmana, ai Pan America fino a Fennesz ma difficilmente mi fanno scattare il (permettimi) fuoco sacro di un No Pussyfooting o Evening Star, o di Harold Budd. Tanto vale allora tornare a Steve Reich o a Steve Roach.
Domanda... ma non è che questo genere nella sua trasformazione è verso l'anticamera della necrosi ? Non ho risposte e quindi mi tengo il mio bel dubbio e torno ad aprire le orecchie. Buona giornata...
CosmicJocker: Ok, mi parli da non-appassionato (o comunque non-così-tanto-appassionato) del genere.. Allora il tuo discorso ci sta..
Però credo allora si possa estendere a tutti i generi: anche a me, che sono un non-appassionato di progressive, verrebbe da dire che dopo i Van Der Graaf Generator e i King Crimson che altro ci sarebbe da dire?..
Ciao ara, alla prossima...buona Milano (?)..
aragnof: Hai ragione, è un discorso più generale, forse dovuto all'età o alla stanchezza di genere. Pensa che ieri sera mi sono riascoltato i Wall Of Voodoo per cambiare il corso dell'umore. Ciao Cosmico, Milano è infetta ma te la saluto lo stesso. Non scrivo rece con pseudonimi, primo me li dimenticherei dopo 2 minuti, secondo troppa fatica. Hihihi
snes
snes
Opera:
Recensione:
Non mi ha convinto molto.
Anche se ad esser sinceri è stato l'ennesimo ascolto a cui youtube mi ha associato nei consigliati "cascade" di Basinski. E come accade nove volte su dieci, dopo venti minuti di ascolto ho fatto partire Basinski.
Non sono però in grado di giudicare se a farmi cambiare siano stati demeriti dei Pan-america, o meriti di Basinski. L'apprezzamento di 'sta roba del resto mi sembra dipenda parecchio dal contesto umorale in cui si trova l'ascoltatore di volta in volta.
che tutto sommato mi fa dire non essere un lavoro per cui mi strapperei i capelli. Talvihorros, per dire uno che mi fa strappare pure i peli pubici, non lo ascolto per accompagnare il mio umore, i dischi di Talvihorros l'umore me lo cambiano.

Comunque nello scrivere 'sta cazzata ho fatto ripartire il disco da dove lo avevo lasciato, e devo dire che "skylight" cambia le carte in tavola niente male, ed è veramente bella.


CosmicJocker: Un lavoro per cui strapparsi i capelli no, direi di no.. Ma, per me, rimane un ottimo lavoro..
Niente di particolarmente originale per carità, ma mi viene in mente quando tu ribadisci la predominanza dell'immagine nei film: ecco, io penso che per i dischi questa predominanza ce l'abbia il sound.
Che poi, va beh, non penso abbia molto senso accostarlo a Basinski: se pensiamo all'ambient come un grande contenitore dove ci possono stare le cose più diverse, Basinski sarebbe hard Ambient e i Pan American soft Ambient (tanto per intenderci)..
Questo disco risente molto dell'atmosfera dei Labradford aggiornata ai gingilli digitali, mentre i primi dischi dei Pan American, sopratutto "360 business/360 bypass", erano più influenzati dal ritmo..
"Quiet city" lo trovo molto equilibrato e vario nel suo genere..
CosmicJocker: Ok, neanche tu lo accostavi a Basinski.. La mia era una critica agli "ascolti consigliati" di YouTube..
De...Marga...
Opera:
Recensione:
Dico una cosa: solo e soltanto su Debaser si possono leggere pagine così...Bellissima...Proverò ad ascoltare.


De...Marga...: Ho ascoltato, anzi sto ancora ascoltando, Before che apre il disco ed ho riletto la recensione: non posso che confermare quanto ho scritto appena sopra. Stai a vedere che adesso prendo una sbandata anche per questi suoni a me del tutto, o quasi, alieni!!
CosmicJocker: Davvero, se ti converto (almeno un pochino) all'ambient dovrebbero portarmi nelle missioni in terre pagane..
Comunque il DeB è unico sotto questo aspetto: generi, passioni e stili di scrittura per tutti i gusti..
gaston
gaston
Opera:
Recensione:
Un po' soporifera. L'opera.
Magistrale. La recensione.


CosmicJocker: Ci si deve fare un pochino l'orecchio, ma nel suo genere è un gioiellino...
Grazie gas, e dell'apprezzamento e del passaggio..
IltuoDeNome
IltuoDeNome
Opera:
Recensione:
Stavo scorrendo la casapagina del debaser e questa rece mi ha attirato l'occhio: in ascolto ora, molto interessante.


IltuoDeNome: Sono quasi alla fine dell'ascolto: in questo momento sta passando Het Volk con la sua bella tromba ovattata. Non c'è dubbio: per gli amanti delle atmosfere dilatate questa è manna. Lavoro senza dubbio di valore anche se dopo i nove minuti di Wing (forse l'episodio che mi ha coinvolto di meno) stavo per cedere... Nota conclusiva:le chitarre così rallentate di Lights of little town mi hanno definitivamente fatto venire in mente i Red House Painters.
CosmicJocker: Sisi, per chi ama atmosfere dilatate questo disco è una manna.. "wing" forse è la traccia più "disturbante" per via di quel sibilo perpetuo..
Ma lo ritengo un lavoro molto vario, se conosci i Labradford ci troverai più di una consonanza..
HOPELESS
HOPELESS
Opera:
Recensione:
Ne ho già parlato abbondantemente bene (anche con te) per cui copio incollo vecchi commenti:

1) Il mio preferito resta Quiet City (quello che seguirà è il video ufficiale che accompagnava un'edizione del disco con dvd). Segnalo anche The River Made No Sound, unico disco completamente elettronico del gruppo. Li preferisco anche ai Labradford, ma insomma... di fronte a tanta qualità non bisognerebbe scegliere.

2) Ps: il video è sonorizzato dall'intero album, ad un certo punto c'è l'orso polare che si tuffa in acqua dal cui frame fu ricavata la copertina di Quiet City, appunto. Come direbbero a Fuori Orario: Buona Visione.

3) "Tra l'altro di Quiet City beccai una versione speciale con allegato dvd di un video di immagini sgranate (bellissime, crepuscolari) della periferia americana, avvolta dai vapori del caldo, che accompagnano il disco nella sua interezza e in cui si vede l'orso polare che entra in acqua e da cui hanno ricavato il frame per l'immagine di copertina. Il video stava intero su YT." Ecco, mi ricordavo di avertene già parlato in occasione di una tua recensione sui Labradford. ;-)

Nota: gli americani non hanno centri storici, hanno centri commerciali.
Nota: insomma ascoltati l'album guardandoti il filmato, discreet home video cruising.
Hula & Warehouses.


CosmicJocker: Ricordo benissimo che be avevamo parlato..
Comunque devo beccare questo video di Quiet city perché mi hai troppo incuriosito..
Thanks hope..
HOPELESS: Dimenticavo, ottima idea i refrain e belli gli arrangiamenti low-power dei chorus.
JonatanCoe
JonatanCoe
Opera:
Recensione:
Che suggestione, riusciresti a vendermi ancora le enciclopedie cartacee.


sfascia carrozze:
Immancabile in ogni scaffale librario casalinguo!
CosmicJocker: Sicuro sicuro JC?
.. In effetti ho una enciclopedia assiri-babilonese in cuneiforme che chiede solo di essere comprata..
JonatanCoe: Sono già a posto così. Piuttosto vorresti le mie?
CosmicJocker: Solo se insisti.. Ma sono sicuro che sei talmente raffinato che non lo faresti mai..
JonatanCoe: Non mi separerei mai dai miei libri e dischi, ben detto!
zaireeka
zaireeka
Opera:
Recensione:
Ho letto solo le prime due e le ultime due righe, bellissima recensione.. :-) PS. Mi ricorda la mia su TSB, ma non è per questo che mi piace, mi piace proprio. Bye.


CosmicJocker: Beh grazie Zaire!..
Come direbbe qualcuno, l'inizio e la fine sono le uniche cose che contano..
zaireeka
zaireeka
Opera:
Recensione:
@[CosmicJocker] Tu sei fra l'altro un appassionato di Dylan Thomas (come me) e hai chiaramente letto "Sotto il Bosco di Latte" (Under the Milk Wood), vero? Confessa!


CosmicJocker: No! Sono perfettamente ignorante di Dylan Thomas... Anzi, lavori consigliati?
zaireeka: Sicuramente Sotto il Bosco di Latte e le Poesie. Io ho letto anche Ritratto dell’artista da cucciolo, ed altro. Ma consiglio prima di tutto le prime due
CosmicJocker: Thanks!

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Quiet City è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link