Peste Noire
L'Ordure à l'État Pur

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultima fatica dei malati Peste Noire (presentazione del gruppo superflua, chi non li conoscesse vada a documenatarsi) dopo le "pestilenze" del penultimo album "Ballade Cuntre Lo Anemi Francor" che oramai risale al 2009, ecco arrivare nuove sonorità in un album che ha tutta l'aria di essere molto ambizioso nella sperimentazione dei suoni, nella ricercatezza delle melodie e nella contaminazione fra generi.

Vediamolo nel dettaglio.

Si incomincia con "Casse Peches Fractures, Et Traditions", primo pezzo dell'intera realase, ritmica tipicamente rock, si mantiene nei meandri più tradizionali del black metal, le chitarre sono grezze pungenti al punto giusto, mentre lo screaming rabbioso ci introduce in territori pericolosi, periferici, territori popolati da personaggi grotteschi, ebbri, malati di mente, un circo antropomorfo ai confini del surreale e in questo contesto si inserisce la rabbiosa voce di Famine che svolge egregiamente il duplice ruolo di diabolico menestrello, nello screem a volte trattenuto, e malefico giullare di corte nell'estremizzazione di alcuni grotteschi siparietti...ma ancora storditi dalle galline spennacchiate entra bella cattiva

"Chocon Carotte Et Les" contraddistinta da riff decisamente più decisi, amalgamati con elementi techno-industrial che generano una miscela veramente inusuale ed esplosiva nella sua disomogeneità; pulsanti beat techno ci catapultano da roccaforti medievali a realtà metropolitane sottorranee, il malefico scream ci accompagna sapientemente in atmosfere alquanto segrete sinistre e lussuriose, anche qui ben coaudiuvate da gemiti, schiaffi, frustate, pratiche sessuali fra le più inusuali ed estreme condite da quel qualcosa di sporco e grottesco che, ben amalgamato, ne produce un gran pezzo fra i più malati mai sentiti finora.

In "J'avais Reve Du Nord" la paura e la cattiveria del pezzo sono presenti sin dal principio, qui sono presenti rumori di caricatori di pistole che sparano all'impazzata, la voce di Famine diventa più cupa e più sinistra, ma quando meno te l'aspetti le chitarre elettriche lasciano spazio a malinconici riff d'acustica accompagnati dalla dolcissima voce femminile di Audrey Sylvain. Rabbia e disprezzo lasciano spazio a decadenza e malinconia in una commistione di suoni che produce un pezzo incredibilmente piacevole nonostante il suo evidente ecclettismo.

Attraverso "Sale Famine Von Vaulfoutre" dove basso e chitarra danno vita ad una composizione veramente spettrale e cupa si arriva a malincuore alla traccia finale "Condi Hu" dove la band di Avignone raggiunge il massimo livello di malinconia e disperazione, attraverso un testo veramente decadente, ci narrano di malattie, guerre e sopraffazioni, ci insinuano la senzazione che il peggio debba ancora arrivare, un pessimismo identificato nella sofferenza del genere umano e nella degradazione umana più totale derivante dalle conseguenze di conflitti nucleari e sopraffazioni varie; quello che da questo pezzo ne traspare e che forse l'uomo, in un contesto del genere, non troverà mai un'ancora di salvezza e vivrà per sempre nel dolore. Con questo pessimismo dilagante cala il sipario su questo folle album.

Screaming, inserti elettronici, melodie strambe, atmosfere grottesche tutti elementi e sensazioni ben riconoscibili in questo eclettica realease. I ragazzacci francesi ci hanno catapultano all'interno di una Francia periferica e decadente, a volte una Francia metropolitana e contemporanea vissuta nello squallore e nel degrado delle sue pericolose periferie, altre volte ci hanno narrato di un paese medievale abitato da una miriade personaggi sconquassati, un popolo grottesco al di fuori dalla realtà, ridotto alla fame, ridotto a vivere di imbrogli e di espedienti; in questi contesti alquanto differenti ma allo stesso tempo grotteschi, l'ascoltatore che al primo ascolto si trova decisamente spiazzato col passare dei minuti impara a metabolizzare i cambi temporali e gli input sonori generati da questo apparente disordine che alla fine risulta sapientemente gestito e plasmato a prorio piacimento dalle mani e dalle voci di queste 4 menti malate.

In conclusione "L'Ordure à l'état Pur" risulta essere un album veramente malato, ricco di spunti e al limite dell'immaginazione di una mente disturbata, un album che merita di essere ascoltato e riascoltato numerose volte.
Chapeau.

Questa DeRecensione di L'Ordure à l'État Pur è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/peste-noire/lordure-a-letat-pur/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Otto)

The Decline
The Decline Divèrs
Opera: | Recensione: |
Gruppozzo dissacrante ed assai stimolante. ''Ballade..'' (tuttora ancora presente nell'ipod) mi fece rimanere davvero a bocca aperta ma qui il risultato è inferiore: l'effetto delirio e sperimentazione, che aveva elevato i connotati di quell'album da buoni a geniali, è molto ridotto (a parte il fantastico valzer demente della prima con tanto di trombone, fisarmonica, aperture ska e canti di gallo) e i francesi sono tornati a temi più canonici (sempre nell'ottica PN chiaramente) e per me meno affascinanti. Intendiamoci, il livello è ancora avanti anni luce dalle migliaia di band impersonali che infestano la rete e l'etere però...peccato...speravo potessero spostare ancor di più verso l'ignoto i paletti del loro black non-metal e della follia... [3.5]
BËL (00)
BRÜ (00)

The Decline
The Decline Divèrs
Opera: | Recensione: |
Il mio 3 e mezzo. [p.s.] permettimi una domandina Darklands: cosa vuoi dire con ''...dopo le "pestilenze" del penultimo album "Ballade Cuntre Lo Anemi Francor"...''?
BËL (00)
BRÜ (00)

DARKLANDS: per " pestilenze " intendo le atmosfere che le sonorità del disco rievocano, forse ancora più intense nell'ottimo album del 2006 " La Sanie des siècles - Panégyrique de la dégénérescence "
March Horses
Opera: | Recensione: |
Non mi ispirano per niente
BËL (00)
BRÜ (00)

Hell
Hell Divèrs
Opera: | Recensione: |
Io so solo che il primo pezzo è una figata colossale, geniale e divertente, e anche il secondo non è affatto male, abbastanza fuori di testa per farsi ascoltare fino alla fine. Dalla terza traccia in poi ci ho capito poco o niente... Troppo frammentario, prolisso, in inglese direi "all over the place". Non credo riuscirò mai a reggere i venti minuti di "J'avais revé du nord". "Ballade" era un bel dischetto, ma questo si becca una sufficienza solo grazie ai suoi primi venti minuti.
BËL (00)
BRÜ (00)

gnagnera
Opera: | Recensione: |
mi sono sempre rifiutato di ascoltarli solo perchè francesi che cantano in francese
BËL (00)
BRÜ (00)

jdv666
Opera: | Recensione: |
cmq in francia si è sviluppata proprio una bella scena! ispirato da descrizione, copertina e provenienza sto ascoltando la prima traccia, vediamo un po'...
BËL (01)
BRÜ (00)

jdv666: uff, ovviamente volevo commentare e non autolodarmi il commento -_-' in ogni caso sentiti e non sembrano manco malaccio, anche se al momento non son del tutto in vena per ste sonorità, tempo fa avrei gradito di più
telespallabob
Opera: | Recensione: |
La copertina tradisce le attese. Troppe spezie per un piatto che sa di piccante amarezza
BËL (01)
BRÜ (00)

teppa
Opera: | Recensione: |
mi duole parlare bene dei francesi, ma questo album è una figata, buona recensione.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: