Sto caricando...

Peter Strickland
In fabric

()

Voto:

Un film psichedelico a dir poco. Un horror. Potrebbe definirsi lynchiano. Non ci sono case infestate, non ci sono mostri o uomini mascherati serial killer con seghe elettriche che smembrano corpi in un tripudio di sangue, nemmeno telefonate o cassette maledette... C'è "solamente" un vestito rosso taglia 36.

Un film del 2018, con ambientazione straniante, un mix vintage tra anni '70/'80'/'90, un centro commerciale con commesse vestite con abiti neri e capigliature di altri tempi, una in particolare si esprime con supercazzole emozionali tali da convincere che quello è proprio il vestito che fa al caso della protagonista... (e a me questo è bastato per farmi perdere la puntata di "Una pezza di Lundini".) Ma andiamo con ordine. Il film è diviso in due storie, la prima più dettagliata, la seconda sembra più veloce e già sai cosa accadrà, ma inspiegabilmente si è come ipnotizzati e si continua a guardare. Forse è colpa anche delle inquadrature e della colonna sonora dei Cavern of Anti-Matter (dall'alto della mia ignoranza: chi sono costoro? Meritano approfondimento?).

La trama in breve

Metti una donna, impiegata allo sportello di una banca, divorziata, con un figlio adolescente, che sta con una donna più grande che oltre a fargli da modella per le sue opere d'arte, praticamente vive con loro (Gwendoline Christie o, per coloro che hanno visto Game of Thrones, Brienne). Dato che l'ex marito si è rifatto una vita, accantona l'idea di tornare con lui e risponde agli annunci per cuori solitari del quotidiano, di quelli all'antica, mica email badoo o tinder, mandando lettere scritte a mano in cui ci si descrive e ci si da appuntamento, con allegati veri, foto stampate vere, fototessere tangibili. Un uomo le risponde, dandole appuntamento al ristorante greco. Vuoi che la protagonista non vada al centro commerciale a dare un'occhiata visto che è periodo di saldi? Insomma com'è evidente la donna acquista il vestito rosso taglia 36 che è l'unico che hanno in negozio e che magicamente le calza a pennello. Dopo che lo ha indossato nota un'eruzione sul petto... Che sarà mai? Inutile dire che questo per la donna è "l'inizio della fine": si susseguono una serie di incidenti, tra cui una lavatrice impazzita...

Metti un uomo, un tecnico di lavatrici (sarà un caso?), che va al ristorante greco (altro caso?) e ordina un kebab (ma non dovrebbe chiamarsi gyros? Vabbuò fondamentalmente le sembianze sono simili) e viene poi condotto da altri uomini verso... il suo addio al celibato! E vuoi che gli amici non abbiano predisposto per lui oltre a una sbornia colossale un abito rosso femminile? (Ma i night? Le spogliarelliste?) Vuoi che questo abito non gli provochi uno sfogo sul petto? E non vuoi che anche la fidanzata provi lo stesso vestito rosso taglia 36 meravigliandosi di come sia potuto stare anche a lui e ottenendo anche lei uno sfogo sul petto?

Troppe le domande nella mia mente, la più ricorrente è "che catzo sto guardando? Perché mi sto facendo questo?"

Grazie rai4, grazie a te dovrò recuperare Lundini su raiplay.

Commenti (Sedici)

algol
algol
Opera:
Recensione:
E brava Slippina.
proverò anche sta pezza di Lundini, oltre che alla caverna di anti materia.
Mi hai proprio invogliato.


SleepTwitch: Mi fa piacere! Ovviamente sono cose diverse, ma anche Lundini a suo modo ha una comicità a tratti grottesca... ma da una che in gioventù leggeva il "Terzesimo libro di Sani Gesualdi" di Nino Frassica che si può pretendere? Il film invece è stata una casuale coincidenza data dal fatto che avevo visto un altro film e poi è iniziato "In fabric". Non vedevo due film interi di seguito da secoli, esperienze mistiche... della caverna pubblicherò un DeAscolto esemplificativo della colonna sonora.
algol: brava, così che le mie rugose orecchie possano saggiare senza sforzohhh
SleepTwitch: Meno rugose delle mie, e dei miei occhi che passano le serate a seguire programmi Rai e si fanno distrarre da film su rai4 ;)
sfascia carrozze: Non sapevo che facessero film su Rai4.
Anzi, a dirla tutta, non sapevo neppure esistesse Rai4.
Nel mio televisore a valvole ante-litteram si prende a malapena il Programma Nazionale.
3 gennaio 1954 nasce la televisione italiana
UH!
tia: ahahaha lo lessi anche io il terzesimo libro si Sani Gesuladi. Una vera pacchia!
algol: La sphascia TV manda in onda vetusti reality, ieri dimetrodonte e triceratopo hanno litigato e lo pterodattilo ha mandato tutti al televoto.
SleepTwitch: @[sfascia carrozze] "Però, rai4... Il grande rai4, il grande e irreprensibile rai4..." Semicit.
@[algol] lo sciò realtà di cui non sapevamo di avere bisogno!
sfascia carrozze
sfascia carrozze Divèrs
Opera:
Recensione:
Linciano?
Eccomi!


SleepTwitch: E poi fammi sapere! Ci sono scene in cui ti chiedi veramente "Perché?"
sfascia carrozze: Son qveste le scene del pecchè givste!
SleepTwitch: #senzababbìo (tradotto #nonsischerza )
Onirica
Onirica
Opera:
Recensione:
Film bellissimo, con una fotografia magistrale e un'atmosfera allucinata da febbre a 42. Visto parecchi anni fa dopo una forsennata ricerca dei sottotitoli, durata quasi un anno.
Tu però potevi fare di più che descrivere la trama.


SleepTwitch: Hai pienamente ragione, ho scritto alle tre di notte ed è più che altro la mia reazione ad una prima visione di un film di cui non so assolutamente nulla. Avrei potuto "copiaincollare" discorsi di altre recensioni ma ho pensato non fosse il caso. Non ho voluto svelare molto, ci sarebbe da dire sui sotterranei del centro commerciale, dell'inquietante direttore o dei capi dell'impiegata di banca e i dialoghi insensati supercazzolosi... Ma ho preferito esprimere le mie domande, perché se avessi conosciuto prima la trama o cosa avrei dovuto aspettarmi probabilmente mi avrebbe rovinato la sorpresa e l'effetto shock. Ripeto: hai ragione non è una recensione del film, ma un commento a caldo.
SleepTwitch: Due anni circa sarebbero parecchi? Capisco che per un'appassionat potrebbe essere parecchio anche un giorno...
Onirica: Credo siano tre, di anni, oramai.
Sì, per me è parecchio, più che altro perché ho una memoria di merda e dopo poco mi dimentico almeno il 70% del film. Dovrei rivederlo, in effetti. Me lo ricordo come un omaggio -sul piano visivo- smodato al cinema anni 70: la figura della capo-commessa del negozio di vestiti, e anche altri elementi che però adesso non ricordo, mi hanno ricordato molto il cinema italiano di quell'epoca, in particolare Argento.
Volevo scriverne io, qui sul deb, anni fa, dopo la visione, ma la mia scarsa competenza cinematografica mi ha frenato. Comunque hai fatto già un gran lavoro a parlarne, di questo film: merita visibilità. Tralaltro ti consiglio di raccattare, dello stesso regista, Barberian sound studio: un altro bell'horror, molto particolare. E dove emerge ancora di più la sua passione per il cinema di genere made in Italy degli anni 70.
Onirica: Comunque questo film piacerebbe di sicuro @[snes]
snes: ho visto ora il trailer. Mi sembra il soggetto di un ipotetico episodio de " La paura fa novanta" dei simpson, interessante.
SleepTwitch: E io dopo quasi 5 mesi devo riflettere se siamo nel 2022 o '21... Insomma, ci siamo capiti... Ho scritto io che non ho proprio competenza... Potresti recensire gli altri film! E io potrei guardarli!
Onirica: Nah, non scrivo da una vita e se mai ricominciassi non lo farei dal cinema. Oltretutto sono uno che non capisce un cazzo delle trame, vivo i film emotivamente senza capirci un cazzo, né delle storie che raccontano, né dei sottotesti, vado solo per immagini... e non si può scrivere di cinema solo per sensazioni. Già in musica è un azzardo.
Comunque qui sul deb ci sono varie lacune che andrebbero colmate nel campo del cinema horror: primi tra tutti: Hereditary, Hagazussa, A girl walks alone at night.
tia
tia Presidénte onoràrio
Opera:
Recensione:
ehi che bello!; le atmosfere che descrivi mi intrigano. Voglio il vestito rosso. La taglia 36 mi andrà bene?


SleepTwitch: Quanto si vede che non l'hai visto... Ah se si vede!
Annette
Annette
Opera:
Recensione:
Mi hai incuriosita, ma non potrei mai guardarlo: solo l'idea di un vestito taglia 36 mi terrorizza!


SleepTwitch: Concordo e non è neanche la cosa peggiore.
Annette: Ah! Cosa mai ci può essere di peggiore? Sei costretta ad indossarlo durante la visione?
SleepTwitch: Per la serie "wow entro in una 36, favoloso, lo compro!" Invece sta bene a tutti, la taglia è un po' come se fosse unica... E poi le sorti di chi lo indossa diciamo che non sono belle...
Narcosmicoma
Narcosmicoma
Opera:
Recensione:
Ma secondo me pure Lundini tira le supercazzole emozionali e sarebbe capace anche di venderti pareo e zavatte da spiaggia.
Ciao Sleep, da quanto 👋


SleepTwitch: Io da Lundini acquisterei qualsiasi cosa, proprio per questo mi stupisco di come io possa aver disertato l'appuntamento settimanale!
Talmente tanto tempo che non mi ricordo il tuo nickname... Chiedo venia, l'età avanza...
Narcosmicoma: Limercury. (ma Lundini in che fascia dello spazio-tempo lo danno? Giorno-ora-canale? E` da un po' che vorrei recuperarlo, apparte cio' che raccatto sul tubo)
SleepTwitch: Aaahh... Beh sì, quest'altro nome mi è più familiare! Lundini lo danno ieri sera in seconda serata su rai2 o meglio mercoledì, seconda serata, rai2 ma anche su raiplay quando hai voglia e tempo tu! Ciao, vado a DeAmarti!
hjhhjij
hjhhjij
Opera:
Recensione:
Sembra fichissimo, film per una serata di delirio.


Onirica: Buttati, che ti piace.
hjhhjij: Stasera "The Northman", poi si vedrà. Ma è morbido, comunque ?
Onirica: Sì sì, non è violento per niente da quello che ricordo: tutto cerebrale.
SleepTwitch: Niente di splatter, solo un po'di sangue qua e là, suvvia. Confermo che è cerebrale e disturbante
andisceppard
andisceppard
Opera:
Recensione:
Gran bella recensione, Sleepy! Davvero incuriosente e ben scritta!


SleepTwitch: Grazie andi! Detto da te potrei crederci! Un bacio!
iside
iside Divèrs
Opera:
Recensione:
36 itsliana, americana o europea?


ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
36 americana, con primi accenni di panza.


ZiOn: Da uomo, ovviamente.
Annette: Mi sa che quella del film è una 36 europea (in pratica una 40 italiana): non solo non ci si può permettere accenni di pancia ma forse bisogna rinunciare anche a qualche organo interno 😊
ZiOn: Rinunciare anche alla respirazione.
ZiOn: Ah, dimenticavo: il film pare stuzzicante come un paio di pantaloni relaxed tapered fit in twill di cotone.
ZiOn: Provo a guardarlo da due giorni, ma mi si blocca Raiplay. Dannato servizio pubblico.
ZiOn: Sono desolato, ma l'unico aggettivo per definire il film è "imbarazzante".
SleepTwitch: Azz, e io che lo stavo tardivamente pubblicizzando... Deduco che non ti è piaciuto? Non ti ha nemmeno turbato un pochino?
ZiOn: @[SleepTwitch]: mi dispiace, solitamente non sono cattivo, ma penso sia uno dei film più brutti che abbia visto negli ultimi anni. Il doppiaggio è pessimo e alcuni dialoghi, oltre a essere forzati e poco credibili, sono stati tradotti male. Alcune scene sono ridicole: la peggiore è quella dell'eiaculazione, lì ho riso alla grande. Imbarazzanti i tentativi di critica sociale. È veramente trashissimo, non ho messo una stella per pietà 😄
ZiOn: Concludo dicendo che l'unica cosa che può avermi turbato è la digestione. Uno dei film più brutti che abbia mai visto, credo insieme a "L'albero della vita" di Aronofsky. Ti perdono perché mi sei simpatica,
SleepTwitch: Almeno una risata te la sei fatta... E scommetto che su una cosa ho avuto ragione: ti sei chiesto almeno venti volte "che catzo sto guardando? Perché mi sto facendo questo?" Specie in quella scena grottesca. Mi segno questo film così continuo a farmi del male! Ah, grazie, "e allora lo vedi che la cosa è reciproca?"
ZiOn: Mi pare di capire che il regista volesse omaggiare il cinema di genere degli anni Settanta/Ottanta. Non so cosa diavolo volesse fare, ma è riuscito quasi a eguagliare capolavori come "La croce dalle sette pietre", soprattutto per certe maldestre scene psichedeliche.
lector
lector
Opera:
Recensione:
Ciao biondina!
Spero che tu, il film, non l'abbia visto da sola.
Ti facevo più tipo da filmoni passionali, ma io mi sbaglio spesso. Buona recensione: incuriosisce.
E, comunque, 36 è da sempre la mia taglia...


iside: Conformata o drop?
lector: Skinny, chiaramente!
ZiOn: Io oscillo tra una 32 e una 34. Sono un figurino.
llawyer
llawyer
Opera:
Recensione:
Brava! Ma sai che non so neppure "Una pezza di Lundini"?


llawyer: Taglia 36 EU corrisponde alla nostra 42...
SleepTwitch: Dovresti recuperare, esempio ho trovato questa raccolta tagliata e cucita... Una Pezza di Lundini - Politici italiani (raccolta)
llawyer: Qua è pieno de nasi!
SleepTwitch: Qualcuno doveva pur dirlo, verkonia!1!1!111!!!118
gaston
gaston
Opera:
Recensione:
A metà della prima riga era già tutto chiaro.
Lo provo.


gaston
gaston
Opera:
Recensione:
Mamma mia.
Anche un po' di Carpenter...


llawyer
llawyer
Opera:
Recensione:
La recensione del momento!


tia: La recensione del memento!
sfascia carrozze: C'e ancora vita sul DeBasio!
#forse
SleepTwitch: Giubilo!
sfascia carrozze: Che poi me lo sono pure scaricato (portualmente).
Prometto che entro (e non oltre) il 2026 lo scruterò sicuramente.
Bombe attomicche permettendo.
SleepTwitch: @[Onirica] comunque è anche su raiplay, non so se sia in HD, ma è in catalogo... Cazzarola rai assumetemi, sembro la pr di una discoteca qualsiasi!
Onirica: Coi sottotitoli o doppiato?
Raiplay è un sito online in cui si possono guardare film in streaming gratuitamente o è una piattaforma a pagamento tipo Netflix/sky ecc?
Il vaticano nel 2063 ti nominerà Santa Rai, ma per ora devi aspettare, temo.
D'altronde nessuno/a diventa santo/a in un giorno!
SleepTwitch: Ah boh, ho solo visto che c'era, ma credo doppiato, come quello che è andato in onda. Gratuito, al massimo ti devi registrare. In vita mi pare comunque difficile una santificazione diretta! XD
tia: Allora vorrà dire che in futuro ti santificheRAI!
Onirica: darò un'occhiata a 'sto rayplay, sembra una buona dritta.
sfascia carrozze: Io l'ho beccato su CB01.
Si vede (e sente) perfettamente.
Anche se ancora non l'ho visto (ne sentito).
Onirica
Onirica
Opera:
Recensione:
Approfitto per segnalare che In fabric è ora disponibile in streaming, qualità hd e doppiato in italiano sul sito cb01.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera