Piebald
If It Weren`t For Venetian Blinds It Would Be...

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


"If It Weren`t For Venetian Blinds It Would Be Curtains For Us All". Secondo disco di questa band di Boston, che gira il circuito harcore dei centri sociali a metà strada fra punk, harcore, alternative ed elementi metal (dal vivo sonano la cover di "You Shoot me all Night Long" - AC/DC). Il disco si apre con un capolavoro, "Grace Kelly With Wings" canzone di fragile e delicata bellezza che ad un certo punto esplode annunciata dal verso “and you got those sexy legs!”. Il resto del disco è però ancora immaturo, si fatica a non distrarsi, l’ eclettismo delle influenze a volte si perde in un generico college pop. "If Marcus Garvy dies, then Marcus Garvy lives", dedicata a Marcus Garvey, fondatore all’ inizio del secolo (XX, il tempo passa) dell`UNIA la ‘Universal Negro Improvement Association’ e della ‘Black Star Line’ che trasportava persone e merci fra Jamaica e USA, prima esempio di imprenditoria nera. Un precursore di Malcolm X. Canzone però insignificante. ‘You won’t be seeing me again’ inizia acustica con la voce di T Kapp Shettel sempre in equilibrio fra la stonatura e la inadeguatezza, prima di aprirsi in una tempesta. "Mess with the Bulls" giocata sugli staccati e i cambi di tempo tipici hardcore, sempre con la voce stranamente gutturale. "Dirty Harry and the Thundebolts" è american college pop , à la Weezer. Il resto si perde fra testi ironici/non-sense/d’ amore e titoli lunghissimia cominciare dal ”se non ci fossero le tapparelle sarebbero tende per noi tutti”. Grandissimo potenziale ma disco ancora così così. Se prendono la strada annunciata da ‘Grace Kelly with Wings’ (di nuovo: un capolavoro!) la canzone più tipicamente indie, faranno grandissime cose.

Questa DeRecensione di If It Weren`t For Venetian Blinds It Would Be... è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/piebald/if-it-werent-for-venetian-blinds-it-would-be-curtains-for-us-all/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sette)

iside
Opera: | Recensione: |
ciao caspita una senza commento e quando mi ricapita
BËL (00)
BRÜ (00)

seagullinthesky
Opera: | Recensione: |
Una rece sul Debasio sui Piebald scoperta a caso del 2001(!) è da lacrime e scoprire che non è stata cagata manco di striscio è da... ancora lacrime. Questo è ancora acerbo, i capolavori arriveranno dopo ma questo è un gruppo F O N D A M E N T A L E per un certo tipo di indie/rock alternativo di fine anni 90 e inizio 2000 ed in particolare per tutta la scena musicale di quella gran figata di città che è Boston. A dir poco seminali, come sempre la Hydra Head ci ha visto lungo (questo non so, ma ha pubblicato il loro esordio e qualche ep).
BËL (00)
BRÜ (00)

jdv666
Opera: | Recensione: |
in effetti cacchio, una rece commentata la prima volta a quasi sei anni dalla pubblicazione... potrebbe essere un nuovo record!
BËL (00)
BRÜ (00)

seagullinthesky
Opera: | Recensione: |
Comunque cazzo il Deb è veramente antico, io ho potuto usare internet solo dal 2008!!! : )
BËL (00)
BRÜ (00)

jdv666
Opera: | Recensione: |
jdv666
Opera: | Recensione: |
debaser é sempre stato e sempre sará
BËL (01)
BRÜ (00)

boredom
Opera: | Recensione: |
questa rece è più antica, ma non so se si tratta della prima in assoluto Stories From The City, Stories From The Sea - PJ Harvey - Recensione di LOR15 forse bisognerebbe chiedere a gente come Cptgaio o Caz per saperne di più
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: