Pixvae
Pixvae

()

Voto:

Che cos'è il progressive rock? La gran varietà di artisti e sottogeneri che viene comunemente incasellata in questa categoria rende una sua definizione assolutamente vaga e, di fatto, estremamente elusiva.

Nella sua accezione più restrittiva, il rock progressivo è un vero e proprio genere, che segue i dettami stilistici definiti da coloro che negli anni '70 ne sono stati i capostipite. Una vera e propria ripresa e riproposizione di canoni musicali cristallizzati, spesso inquadrata sotto le probabilmente più felici etichette di “neo-prog” o di “retro-prog”.

Ma esiste anche un'accezione decisamente più ampia ed aperta, che in pratica identifica il progressive rock non più con un genere ma con un'attitudine, un concetto di musica che ha come obiettivo il superamento dei confini tra i generi, la sperimentazione di soluzioni stilistiche sempre nuove e di sonorità inesplorate.

E' proprio in quest'ultima concezione di rock progressivo che va ad inserirsi l'omonima prova di esordio dei Pixvae, una delle band più originali della scena di Lione. La città francese è infatti da qualche anno sede di una realtà musicale estremamente attiva ed avventurosa, che ha prodotto un gran numero di gruppi, spesso accomunati dal condividere uno o più musicisti. Poil, Kouma, Chromb!, Supergombo, Polymorphie, sono solo alcuni tra i più seguiti di questi, tutti votati alla ricerca di ardite contaminazioni che non di rado hanno ottenuto una riuscita ben oltre ogni ottimistica aspettativa. Estremamente esemplificativa in tal senso è l'esperienza degli Ukandanz, probabilmente l'apice creativo di tutta la scena lionese, artefici di una riuscitissima commistione tra jazz/noise rock e musica popolare etiope. Ed è all'esperienza degli Ukandanz che si ispira la musica dei Pixvae, insolito ibrido tra il noise/jazzcore dei Kouma (chitarra, sax baritono, tastiere e batteria) e le più solari sonorità del currulao colombiano, affidate a due voci femminili ed una maschile, immancabilmente accompagnate da un set di percussioni (guasà, cununo, bombo e maracas).

Il risultato è assolutamente sorprendente, nessuna dettagliata descrizione potrebbe rendere sufficientemente bene l'idea dell'equilibrio raggiunto tra la durezza dell'impianto math rock/jazzcore e la leggiadra dolcezza della parte latina del gruppo. L'alchimia che lega sonorità tanto distanti in alcuni momenti ha davvero del miracoloso, probabilmente grazie al perfetto bilanciamento tra le due anime del gruppo, studiato e ponderato con rara accortezza. Il suono che ne scaturisce è un miscuglio riuscitissimo, compatto e ben miscelato ma in cui allo stesso tempo è possibile riconoscere ancora distintamente i vari elementi che lo compongono. Il gioco dei contrasti è gestito magistralmente anche nella strutturazione dei pezzi, in base alla quale è possibile riconoscere ancora una volta una suddivisione perfettamente equa tra due tipologie compositive. Brani come “Este nino quiere/Monte en el reloj”, “Garcita morena”, “La plegaria” e “Lancherito”, partono un po' in sordina, guidati dal cantato, per poi progredire attraverso un lento ma costante crescendo giocato sulla insistita ripetizione dei temi musicali, in cui l'anima dura e quella morbida del gruppo si intersecano, si stratificano e si sovrappongono continuamente, fino a legarsi indissolubilmente e a confondersi l'una nell'altra. L'esperienza è assolutamente spiazzante, forse paragonabile solo ad immaginare i King Crimson che suonano musica latina, per quanto la suggestione potrebbe sembrare improbabile, se non addirittura sacrilega. Ma la carica coinvolgente dei pezzi va assolutamente oltre, e anche l'ascoltatore meno propenso si ritrova a battere il tempo e a dimenarsi quasi senza accorgersene. Discorso leggermente differente per i rimanenti quattro pezzi, “La fuga”, “La luna està floreciendo”, “El curruco” e “El nazareno”, dalla struttura più semplice e lineare, in cui la commistione tra le due anime del gruppo è subito evidente, più immediata, raggiunta soprattutto attraverso lo smussamento della parte dura, a favore di sonorità decisamente più sbilanciate verso composizioni più orecchiabili (e a tratti anche un po' ruffiane). Ma il risultato è ancora una volta sorprendente e ben riuscito, omogeneo ed equilibrato, ancora in grado di stupire ed impressionare per la naturalezza con cui il suono sgorga in tutta la sua freschezza, di fronte alla quale non si può non domandarsi come mai soluzioni del genere non siano mai state proposte precedentemente.

Nel complesso un disco molto interessante e gradevole, che contribuisce ad ampliare ulteriormente gli orizzonti sonori di un certo modo di concepire il rock progressivo, alla ricerca di un suono sempre più variegato e multiforme e sempre meno schiavo di schemi e definizioni.

Questa DeRecensione di Pixvae è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/pixvae/pixvae/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti anonimi. Quindi Accedi!


Commenti (Otto)

luludia
Opera: | Recensione: |
I king crimson che suonano musica latina!!!!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Blasquiz: Io l'ho detto che poteva sembrare sacrilego. Ma quando li ho ascoltati al RIO 2016 ho avuto esattamente questa impressione.
Dagli una chance, ti sorprenderanno!
Pinhead
Opera: | Recensione: |
Molto bella.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Blasquiz: Grazie, spero che presto lascerai un commento anche sull'album, sono veramente curioso di conoscere altri pareri in merito.
Pinhead: Lo metto in lista d'ascolto, anche se adesso sono invischiato in tutt'altra musica :-)
Kotatsu
Opera: | Recensione: |
Bella rece! Il gruppo non lo conosco, ma vedrò di rimediare assolutamente. È proprio come dici tu, il Prog è uscire dagli schemi, libertà, rifiuto dell'omologazione. :D
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

zaireeka: Quindi anche Elvis ai suoi tempi faceva prog?? 🙂
Kotatsu: Ahahah se la mettiamo così anche Sid Vicious
zaireeka
Opera: | Recensione: |
Ho sentito solo poche note per cui il mio giudizio (non troppo positivo..) non e' affidabile: Sembra Manu Chao che tenta di fare prog accompagnato dai Gipsy King
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Blasquiz: Addirittura? Devono averti fatto davvero una pessima impressione, allora. Magari è anche solo per la poca attenzione che gli hai dato, l'impatto iniziale è sicuramente difficile da digerire.
zaireeka: Infatti, provero' a darci un ascolto piu' attento e se cambio idea torno qui 🙂
zaireeka
Opera: | Recensione: |
Comunque per me il prog e' quel tipo di musica simile a quella che si chiama prog negli anni 70, banale ma per me e' cosi'. L'attitudine prog e' un altra cosa. Questi forse hanno un'attitudine prog ma non fanno prog (e non hanno a mio avviso niente a che vedere con i KC)
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

Kotatsu: Certo, io intendevo quello :). È ovvio che ci sono anche molti altri fattori (quello tecnico, ad esempio). Però sì. Hai ragione, il Prog come genere è qualcosa di diverso dall'attitutidine, come l'hai giustamente definita. Il commento era uno dei miei soliti slanci poetici verso l'infinito e oltre. Forse non dovrei ascoltare gli Yes mentre scrivo su DeBaser, e soprattutto dovrei accendere il cervello ;). Però non nego che nel momento in cui un artista sperimenta tentando di spingersi ai suoi limiti e di esaminarli, un piccolo bollino "proggarolo" se lo meriti. :)))
Blasquiz: Beh, la questione sulla definizione del prog era solo uno spunto, di fatto proprio per evidenziare come a volte le definizioni siano davvero difficili da maneggiare e forse proprio per questo è bene utilizzarle solo come riferimento, rimanendo aperti al loro totale stravolgimento.
Quanto alla suggestione sui King Crimson, sono certamente d'accordo che i Pixvae non gli assomigliano, altrimenti sarebbero stati dei semplici emuli. Era solo un modo per rendere l'idea dell'impatto che ha avuto su di me ascoltare la loro musica per la prima volta, un'immagine evocativa di un momento di iniziale straniamento di fronte ad un ibrido che non avevo mai immaginato potesse funzionare.
macaco
Opera: | Recensione: |
Proposta allettante.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Blasquiz: Ti ringrazio, mi auguro che li proverai presto e tornerai qui per farci sapere la tua.
proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
Yum!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

BonHiver
Opera: | Recensione: |
Sono solo alla quarta traccia ma già mi gustano assai. E pensare che detesto lo spagnolo:D
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Blasquiz: Esattamente, anche io non sono mai impazzito per quelle sonorità, ma come dicevo la carica di questi pezzi va oltre ogni preconcetto. Il resto dell'album ha confermato la buona impressione iniziale?
BonHiver: Assolutamente si!
Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera:

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi: